Connect with us
Pubblicità

Arte e Cultura

Un’infanzia dietro il filo spinato, la testimonianza di Bodgan Bartnikowsi

Pubblicato

-

Pubblicità

Pubblicità

10 agosto 1944. In un vagone di un treno merci che da Varsavia va verso Auschwitz, tra i tanti prigionieri polacchi requisiti dai nazisti alle loro case, alle famiglie, alla vita “di prima” verso un destino di morte o di prigionia, c’è anche l’adolescente Bodgan, oggi novantenne, testimone di quei tragici fatti.

In quel treno”, dice con chiarezza in collegamento dal Teatro Sociale nel primo dei cinque appuntamenti di Living Memory dedicati ai sopravvissuti, “eravamo già schiavi“: Bodgan Bartnikowsi, giornalista e scrittore è uno dei pochi ancora in grado di portare in viva voce al mondo la sua testimonianza sull’universo dei campi di concentramento e di sterminio.

Continua a raccontarlo perché crede nel valore della testimonianza individuale e storica e l’ha fatto anche stamattina, in collegamento con una sessantina di scuole trentine, a cui se ne sono aggiunte altre da Puglia e Piemonte per un totale di circa 4.500 studenti.

Pubblicità
Pubblicità

Sul palco del Sociale, assieme al direttore della Fondazione Museo Storico del Trentino Giuseppe Ferrandi era presente il presidente della Provincia autonoma di Trento Maurizio Fugatti, che ha voluto ricordare come sia necessario, soprattutto per i giovani, avere memoria di quei fatti: “Dobbiamo avere la coscienza dell’importanza di queste testimonianze. Con iniziative come questa vogliamo ringraziare e rappresentare coloro che ancora oggi portano il loro ricordo dei campi di concentramento. Ho visitato personalmente Auschwitz nel 2019 assieme a tanti giovani trentini in un percorso della memoria e so quanto sia difficile ricordare, ma è necessario farlo”.

Il presidente ha voluto anche rivolgere una domanda a Bartnikowsi, per comprendere meglio il valore delle sue parole, tenendo conto che anche dopo tanti anni ricordare quei tragici fatti che hanno segnato tutta una vita, possa ancora suscitare tristezza e dolore.

Per me e per tutti i miei coetanei di allora non è possibile dimenticare”, ha risposto Bodgan.Soprattutto il momento dell’imprigionamento, il fatto di essere cacciati via da casa, l’essere privati della cura dei genitori, della vita che avevamo: questo ci ha sicuramente segnato per tutta la vita. I ricordi di quei giorni sono vivi e ritornano, nei sogni, negli incubi, ma anche nella vita quotidiana, basta un’associazione di pensiero, una parola sentita per caso. Come ha detto una mia amica di prigionia, ‘di Auschwitz ci libereremo solo nel momento della morte, lo porteremo con noi tutta la vita’. Questo è vero anche per me: anche io ‘sono rimasto’ ad Auschwitz”.

Pubblicità
Pubblicità

Siamo gli ultimi testimoni della storia – ha continuato Bartnikowsi e dobbiamo ricordare. Avevo 12 anni, vedevo il fumo uscire dalle ciminiere e temevo di finire anche io lì: questo non si dimentica. Tanti mi chiedono come noi sopravvissuti abbiamo potuto mantenere la forza d’animo per non cedere: abbiamo mantenuto sempre la speranza di poter uscire dal campo”. 

Bartnikowsi ha poi ricordato, come ha fatto nei suoi libri, fra i quali quello dal titoloUn’infanzia dietro al filo spinato“, in modo toccante, crudo e allo stesso tempo poetico, che la speranza, la fede, il sogno di rivedere i propri cari o ritornare a casa prevaleva sempre sulla disumanità del campo di sterminio. Nonostante le vessazioni, le botte, il cibo al limite della sopravvivenza, la separazione dalla madre, che rincontrerà qualche mese dopo l’arrivo a Birkenau, in una giornata memorabile per il giovane Bodgan, quando potè riabbracciarla e scoprire che era ancora viva.

Nel corso dell’incontro Giuseppe Ferrandi ha parlato del rapporto tra conoscenza, storia e le forme dell’impegno:Crediamo che leggendo e imparando la storia questa automaticamente si trasformi in un patrimonio di atteggiamenti, comportamenti e funzioni: più storia conosci, più consapevolezza hai del passato, più riesci a vivere il presente in modo appropriato.

In realtà è necessario cercare nuovi strumenti affinché il rapporto tra storia e memoria si traduca in una crescita di cittadinanza e in un vocabolario capace di rinnovare la partecipazione e l’impegno: abbiamo tutti bisogno, soprattutto in questo nostro tempo, di ricercare le ragioni del bene comune e di come far pesare la volontà collettiva. Queste iniziative ci aiutano a trarre dalla storia forme e motivazioni per l’impegno. È questa l’arma segreta di Living Memory: rigenerare il modo di essere cittadini, avere un rapporto solido e critico con la storia, che cambia a seconda dello sguardo che le dedichiamo”.

Pubblicità
Pubblicità
Pubblicità
Pubblicità

  • Pubblicità
    Pubblicità
Musica20 minuti fa

Rovereto rende omaggio a Jan Novák

Italia ed estero47 minuti fa

Hacker russi KIlnet di nuovo in azione: bloccati diversi siti ufficiali italiani

Val di Non – Sole – Paganella2 ore fa

A Taio è tornata la “Festa degli alberi”

Trento3 ore fa

Dentro il “cuore digitale” di Vasco Live 2022: 500 telecamere per controllare afflusso e deflusso

Musica3 ore fa

Strano: “Occhi” è il nuovo singolo del cantautore calabrese. Già disponibile in tutti gli store digitali

Trento3 ore fa

“Non hai paura dell’Aids?”: clochard 25enne rapina con una siringa in mano un 43enne di Trento

Rovereto e Vallagarina4 ore fa

Femminicidio Nago – Torbole: ergastolo confermato per Manfrini

Arte e Cultura5 ore fa

La comunità di Aldeno ha celebrato i primi vent’anni di attività dell’Università della terza età e del tempo disponibile

Val di Non – Sole – Paganella5 ore fa

Anaunia, chi è costei? Al via “Anaunia Felix”, un progetto per (ri)scoprire la storia antica della Val di Non

Alto Garda e Ledro5 ore fa

Arco: storie di donne in ottantaquattro passi

Alto Garda e Ledro5 ore fa

Il fascino de “La Sarca tutta nuda”: successo per la raccolta dei rifiuti abbandonati lungo l’alveo del fiume

Io la penso così…5 ore fa

17 maggio, Giornata internazionale contro omofobia: la beffarda violazione della libertà educativa dei genitori

Italia ed estero5 ore fa

Tensioni nella maggioranza sull’invio di armi a Kiev, Salvini: “Sono convinto che l’ulteriore invio di armi allontani la pace”

Giudicarie e Rendena6 ore fa

4 anni di reclusione per l’omicidio stradale di Valeria Artini

Musica6 ore fa

Scelti i sei gruppi che saliranno sul palco prima del grande concerto di Vasco Rossi

Trento1 settimana fa

Mauro Ottobre perde anche in appello con La Voce del Trentino. Dovrà pagare altri 22 mila euro

Trento4 settimane fa

Coronavirus in Trentino: un decesso e salgono contagi e ricoveri nelle ultime 24 ore

Trento4 settimane fa

Coronavirus: 170 nuovi contagi nelle ultime 24 ore in Trentino. Salgono ancora i ricoveri

Trento3 settimane fa

Coronavirus: contagi contenuti e nessun decesso nelle ultime 24 ore

Politica3 settimane fa

Nella prossima seduta consiliare in discussione 6 ddl, compreso quello sulla terza preferenza

Val di Non – Sole – Paganella3 settimane fa

Orso a spasso tra i meleti di Mechel – IL VIDEO

Trento4 settimane fa

Coronavirus: 107 nuovi contagi nelle ultime 24 ore in Trentino. Balzo in avanti dei ricoveri

Val di Non – Sole – Paganella4 settimane fa

Fiamme in centro storico a Denno – IL VIDEO

Italia ed estero4 settimane fa

L’ultima gaffe di Joe Biden: stringe la mano ai fantasmi. Il mondo s’interroga sullo stato di salute del presidente Usa

Trento3 settimane fa

Coronavirus: 156 contagi e nuovo balzo in avanti dei ricoveri nelle ultime 24 ore

Trento3 settimane fa

Concerto Vasco Rossi: ecco la viabilità alternativa per minimizzare i disagi

Telescopio Universitario3 settimane fa

Ricerca, l’Europa premia ancora l’Università di Trento

Trento4 giorni fa

Coronavirus: un decesso e 326 contagi nelle ultime 24 ore in Trentino

Trento6 giorni fa

Coronavirus: contagi e ricoveri in calo nelle ultime 24 ore

Spettacolo4 settimane fa

Lutto nel mondo dello spettacolo, è morta Catherine Spaak

  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

  • Pubblicità
    Pubblicità

Categorie

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

di tendenza