Connect with us
Pubblicità

Italia ed estero

I soldi dei migranti spesi per gli amici e la truffa alla Siae: Mimmo Lucano l’eroe della sinistra smascherato

Le motivazioni dei giudici non lasciano scampo e fanno emergere la parola fine al modello riace tanto amato dalla sinistra. Un altro schiaffo per Lerner, Saviano, Letta, Zingaretti, Di Maio e compagnia bella. 

Pubblicato

-

Pubblicità

Pubblicità

Continua la carrellata degli eroi della sinistra italiana e trentina finiti in miseria. Dopo la prima condanna di “quelli di Bibbiano” arrivano le motivazioni della sentenza di condanna a 13 anni e due mesi di carcere per Mimmo Lucano, il Sindaco di Riace,  uno degli eroi dell’accoglienza della sinistra che invece si è rivelato un vero delinquente. Sono questi gli esempi che la sinistra si può permettere.  

Le motivazioni dei giudici non lasciano scampo e fanno emergere la parola fine al modello riace tanto amato dalla sinistra. Un altro schiaffo per Lerner, Saviano, Letta, Zingaretti, Di Maio e compagnia bella. 

“Lucano ha strumentalizzato il sistema dell’accoglienza a beneficio della sua immagine politica”. A scriverlo nero su bianco, senza tanti giri di parole, è Fulvio Accurso, presidente del Tribunale di Locri che, in 904 pagine, spiega le motivazioni della dura condanna a tredici anni e due mesi inflitta a Mimmo Lucano.

Pubblicità
Pubblicità

904 pagine che svelano il vero volto dell’uomo dei migranti. Un volto per nulla buono a dire dei giudici. L’ex sindaco era lo Zar di Riace, faceva il bello e cattivo tempo. In un articolo a firma Michel Dessì IlGiornale.it riassume le motivazioni della sentenza che lascia davvero a bocca aperta per l’avidità del Sindaco di Riace. Altro che eroe, altro che modello di accoglienza.  Chissà se i compagni ora continueranno a gridare «Siamo tutti Mimmo Lucano» 

Era lui a comandare, a decidere chi doveva lavorare e chi no. Il Comune non era affatto il Palazzo dei cittadini, ma cosa sua e dei suoi sodali. Amici, collaboratori che lui sceglieva personalmente: “Trainante e carismatico, Lucano consentiva ai partecipi da lui prescelti di entrare nel cerchio rassicurante della sua protezione associativa, per poter conseguire illeciti profitti, attraverso i sofisticati meccanismi, collaudati negli anni e che ciascuno eseguiva fornendogli in cambio sostegno elettorale”. Un lupo travestito d’agnello. Calcolatore, avido. Furbo e stratega.

I soldi dei migranti spesi per ospitare gli amici – Tra tutte le spese ingiustificate (l’elenco è infinito) c’è una che salta all’occhio dei giudici: l’acquisto di 60 lenzuola.

Pubblicità
Pubblicità

Grazie ai soldi destinati all’accoglienza avrebbe ospitato (illecitamente) degli amici “provenienti dal nord”. È con quei soldi, soldi pubblici destinati ai migranti, che Lucano e i suoi avrebbero comprato lenzuola nuove.

E se ne avanzano? Beh, ci sono sempre i migranti. “Se restano le lenzuola ormai le mettiamo per i rifugiati, ormai che dobbiamo fare?”, dice Lucano ai suoi collaboratori intenti a preparare le abitazioni per gli ospiti. Una frase che ha colpito in particolare i giudici che scrivono: “Il Collegio ha prestato molta attenzione alla frase da ultimo indicata, non già perché attraverso essa si denotasse il disinteresse di Lucano per i migranti, ma perché in modo involontario egli ha tradito il suo preminente pensiero di quel momento, che era quello di fare bella figura con gli ospiti che venivano dal Nord Italia, offrendo loro ospitalità gratuita con i soldi dei migranti, i quali in quel frangente apparivano come l’ultimo dei suoi pensieri, perché solo ove fosse rimasto qualcosa da non destinare ai suoi amici, lo si poteva dare anche ai rifugiati. Si tratta di una frase importante, in tutto il suo desolante fragore, perché, più di altre, sintetizza in modo potente quel demone di avidità politica e di visibilità che aveva stravolto l’ex Sindaco di Riace, proiettandolo in modo quasi ossessivo verso la necessità di ottenere un giudizio compiacente che egli si aspettava dagli altri, quasi dimenticandosi di quel potente vento che, solo pochi anni prima, aveva animato i suoi ideali e lo aveva portato prioritariamente a soccorrere e ad aiutare gli ultimi, per come dallo stesso affermato in aula, in sede di spontanee dichiarazioni”.

Commenti duri che lasciano poco spazio alla difesa d’ufficio. A Riace era ormai uso comune “predare le risorse pubbliche provenienti dai progetti Sprar, Cas e Msna, sempre più asserviti ai loro appetiti di natura personale, spesso declinati in chiave politica, e soddisfatti strumentalizzando a loro vantaggio il sistema dell’accoglienza dei migranti che, da obiettivo primario e apprezzabile di quelle sovvenzioni, è diventato un comodo paravento dietro cui occultare le vistose sottrazioni di denaro pubblico che essi attuavano, per fini esclusivamente individuali”.

Il business dei migranti – I migranti col passare degli anni a Riace non erano più persone, ma risorse. Sì, per riempire le proprie tasche. Profitto, solo profitto. Secondo i giudici, a quello avrebbero puntato gli amministratori locali dal 2014 al 2017: “Non c’è traccia di fantomatici ‘reati di umanità’ che sono stati in più occasioni evocati da più parti, in quanto le vorticose sottrazioni che sono state compiute non servivano affatto a migliorare il sistema di accoglienza e la qualità dell’integrazione dei migranti, ma solo a trarre profitto, nelle diverse forme e che non hanno alcuna connotazione altruistica, né alcunché di edificante”. 2.414.041,66 milioni di euro sarebbero stati distratti per fini privati come l’acquisto di case e di un frantoio.

Lo scaltro Lucano –Mimmo Lucano voleva dimostrare di essere povero? Era tutta una strategia? Per i giudici sì, lo era. In un’intercettazione ambientale del 2017 l’allora sindaco di Riace svela il proprio essere: “Lucano rappresentava inoltre la sua amarezza per la condizione in cui si trovavano e ad un certo punto, abbassando la voce, gli confidava che era ormai stanco di combattere, che aveva deciso di chiudere tutti i progetti e di girare per il mondo, e che una volta finita la sua attività di Sindaco, ove non fosse stato più possibile essere rieletto con un quarto mandato, avrebbe comunque svolto un lavoro prestigioso per la comunità internazionale.

Ad ogni modo gli sarebbe sempre rimasto il guadagno che aveva conseguito – che quantificava egli stesso in circa 800.000 euro – nei quali inglobava l’acquisto di case ed il frantoio: ‘Secondo me rimangono tra i 700 e 800 mila euro’. Si vantava, tra l’altro, di essere stato scaltro nell’attuare quella sotterranea accumulazione di beni, che aveva avuto l’accortezza di non intestarsi, oltre al fatto che viveva in una casa modesta e che sul suo conto corrente c’erano non più di 800 euro, di tal ché non avrebbe destato alcun sospetto, salvo il rischio di intercettazioni che, però, escludeva. Si sentiva, insomma, di aver attuato una simulazione perfetta, con la quale si era sforzato di apparire all’esterno come un uomo retto ed onesto, laddove, invece, aveva fattivamente lucrato soldi pubblici dallo Stato, strumentalizzando il sistema di accoglienza, tanto da realizzare sostanziosi profitti che, per come si coglie dalle sue stesse parole, pronunciate a voce bassa, non erano per nulla destinati ai migranti, ma solo a garantirgli un futuro tranquillo, dopo 20 anni di sacrifici

La legge è legge e va rispettata anche nel regno di Lucano. Anche da Mimmo Lucano, l’eroe smascherato della sinistra.

Pubblicità
Pubblicità
Pubblicità
Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità
Trento1 ora fa

Sabato la presentazione del libro e del Cd dedicato al maestro Armando Franceschini

Val di Non – Sole – Paganella10 ore fa

Il Giro d’Italia passa in Val di Non: le indicazioni per la viabilità

Bolzano13 ore fa

Era scomparsa nel 1990: risolto dopo 32 anni il giallo dell’altoatesina Evi Rauter

Trento13 ore fa

Il sindaco Ianeselli e il commissario del Governo Bernabei hanno firmato questa mattina il “Patto sicurezza Trento”

Trento13 ore fa

7 consiglieri della maggioranza chiedono un Consiglio straordinario per l’esame del ddl di Masè sulla terza preferenza

Trento14 ore fa

Il vicesegretario generale dell’Ocse Yoshiki Takeuchi, in visita in Trentino, è stato ricevuto stamani dal presidente Fugatti

Trento14 ore fa

Sono gravissime le condizioni della bimba investita da un’auto a Mezzolombardo

Trento14 ore fa

Coronavirus: 284 nuovi positivi, 55 il totale dei ricoverati di cui 4 in rianimazione

Val di Non – Sole – Paganella14 ore fa

Furioso incendio a Segno

Valsugana e Primiero14 ore fa

Fiamme avvolgono un macchinario nello stabilimento industriale: molte le squadre di vigili del fuoco per spegnere le fiamme

Trento16 ore fa

Tutti gli inquinanti sotto i limiti previsti: ad Aprile in Trentino è buona la qualità dell’aria

Trento16 ore fa

Ancora attivi i contributi provinciali cumulabili a quelli statali per l’acquisto di auto elettriche

Alto Garda e Ledro16 ore fa

Scoperta a Mori una rarissima orchidea

Val di Non – Sole – Paganella16 ore fa

Francesco Antonio Ciarleglio è il nuovo direttore di chirurgia a Cles

Musica17 ore fa

Rovereto rende omaggio a Jan Novák

Trento2 settimane fa

Mauro Ottobre perde anche in appello con La Voce del Trentino. Dovrà pagare altri 22 mila euro

Trento4 settimane fa

Coronavirus in Trentino: un decesso e salgono contagi e ricoveri nelle ultime 24 ore

Trento4 settimane fa

Coronavirus: 170 nuovi contagi nelle ultime 24 ore in Trentino. Salgono ancora i ricoveri

Trento3 settimane fa

Coronavirus: contagi contenuti e nessun decesso nelle ultime 24 ore

Politica3 settimane fa

Nella prossima seduta consiliare in discussione 6 ddl, compreso quello sulla terza preferenza

Val di Non – Sole – Paganella3 settimane fa

Orso a spasso tra i meleti di Mechel – IL VIDEO

Trento4 settimane fa

Coronavirus: 107 nuovi contagi nelle ultime 24 ore in Trentino. Balzo in avanti dei ricoveri

Val di Non – Sole – Paganella4 settimane fa

Fiamme in centro storico a Denno – IL VIDEO

Italia ed estero4 settimane fa

L’ultima gaffe di Joe Biden: stringe la mano ai fantasmi. Il mondo s’interroga sullo stato di salute del presidente Usa

Trento3 settimane fa

Concerto Vasco Rossi: ecco la viabilità alternativa per minimizzare i disagi

Trento3 settimane fa

Coronavirus: 156 contagi e nuovo balzo in avanti dei ricoveri nelle ultime 24 ore

Telescopio Universitario3 settimane fa

Ricerca, l’Europa premia ancora l’Università di Trento

Trento5 giorni fa

Coronavirus: un decesso e 326 contagi nelle ultime 24 ore in Trentino

Trento7 giorni fa

Coronavirus: contagi e ricoveri in calo nelle ultime 24 ore

Spettacolo4 settimane fa

Lutto nel mondo dello spettacolo, è morta Catherine Spaak

  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

  • Pubblicità
    Pubblicità

Categorie

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

di tendenza