Connect with us
Pubblicità

Trento

Vie attrezzate di alta montagna, arriva il vademecum SAT per la manutenzione

Pubblicato

-

Pubblicità

Pubblicità

“La nostra volontà è quella di privilegiare un’escursione più attenta e consapevole preservando l’ambiente che in questi anni si è rivelato sempre più fragile, la montagna non può diventare un parco giochi”. Parte da qui la decisione di SAT di presentare alcune linee di principio riguardanti interventi, manutenzione, progettazione delle vie attrezzate di alta montagna.

Negli ultimi anni – dice la presidente SAT, Anna Facchini – il modo di andare per monti rispetto al passato, anche prossimo, è sicuramente fortemente cambiato negli approcci, nei tempi, nelle visioni, nella ricerca di mete, nella scelta dei mezzi e anche semplicemente nel numero dei frequentatori. Essendo SAT il punto di riferimento per chi va in montagna, testimonianza e portavoce dell’alpinismo in ogni sua manifestazione, abbiamo pensato fosse opportuno delineare alcune linee di indirizzo per gli interventi che coinvolgano la “viabilità” delle Terre Alte partendo dai principi fondanti del pensiero e del ruolo di Sat che resta: strumento di unione fra l’esplorazione sportiva dei monti e l’antica cultura delle valli; conoscenza e studio delle montagne, soprattutto trentine; a tutela dell’ambiente naturale; a sostegno alle popolazioni di montagna;”

Ecco quindi un documento, un vademecum anche culturale, che SAT ha redatto raccogliendo il contributo dei suoi membri e interpellando le Commissioni Sentieri, Rifugi, TAM (Commissione Tutela Ambiente Montano) e utilizzando documenti ufficiali, quali lo Statuto Sociale e la relazione finale del 119° Congresso SAT tenutosi a Malè nel 2013.

Pubblicità
Pubblicità

Sulle nuove vie attrezzate – Da tempo SAT, anche in accordo con CAI Alto Adige e Alpenverein Südtirol, ha ritenuto di non adoperarsi per progetti che riguardano nuove vie attrezzate e questa decisione emerge dalla riflessione per la quale le installazioni di vie ferrate hanno un impatto ambientale e paesaggistico che si discosta dal ruolo di SAT la cui funzione è la tutela ambientale. L’infrastrutturazione con cavi, scale, ponti tibetani, crea antropizzazione in quota e favorisce una frequentazione superficiale della montagna, che nel tempo potrà mettere a rischio biodiversità, paesaggio (nuova viabilità, nuovi punti ristoro o potenziamento degli esistenti) e può falsare la valutazione del rischio da parte degli utenti.

Manutenzione delle vie ferrate esistenti – Alla luce delle sempre più frequenti richieste di interventi straordinari per consentire la percorrenza di vie attrezzate in un ambiente delicato e sempre più instabile come quello montano, SAT ritiene opportuno darsi un indirizzo che in prospettiva possa garantire trasparenza e coerenza nelle proprie decisioni.

Si è consapevoli che la manutenzione delle vie ferrate è a volte indispensabile, e che non si può prescindere dall’aspetto turistico che, oggettivamente, è un pilastro su cui poggia la nostra economia. Ciò osservato si ritiene che, dopo una valutazione attenta, caso per caso, si possa decidere di:

Pubblicità
Pubblicità

·  intervenire su una ferrata solo attraverso interventi di ristrutturazione poco invasivi rispetto all’originale percorso

·  in taluni casi SAT può decidere di dismettere la via, se ritiene che l’eventuale intervento effettuato o da effettuare, la renda non conforme ai principi del Sodalizio SAT.

La proposta – La proposta di SAT è quella di creare un gruppo di lavoro che coinvolga anche figure autorevoli come geologi e ingegneri ambientali, per tenere ben presenti le motivazioni che portano a progettare interventi per la riduzione del rischio in rapporto alle aspettative di rischio e alle esigenze di contenimento del loro impatto: intervenire con modalità poco invasive, essenziali e sobrie, bocciando invece interventi che possano avere un impatto sul tracciato che ne snaturano l’essenza “alpinistica”.

Pur riconoscendo l’invasività di alcuni interventi – commenta Facchini – resta difficile prendere posizione su progetti che hanno come prima finalità la pubblica sicurezza e la conseguente responsabilità in capo al soggetto promotore dell’intervento stesso. Il tema della riduzione del rischio sui tracciati di montagna (sentieri, sentieri attrezzati e vie ferrate), tocca non solo la questione dell’impatto visivo, ma anche gli aspetti etici e legali conseguenti le responsabilità dei manutentori dei tracciati e dei proprietari dei terreni in cui essi si sviluppano; non secondarie sono la consapevolezza dei pericoli e l’accettazione del rischio da parte dei fruitori dei tracciati. Anche la storicità e la cultura rispetto ad una determinata via ferrata giocano un ruolo importante al fine di decidere sull’opportunità o meno di mantenere la struttura, anche a costo di snaturarne il significato. Per questo ogni decisione diventa e resta, comunque, caso a sé. E il coraggio è anche avere la forza di abbandonare una strada a beneficio dell’ambiente, di una montagna che oggi è in serio pericolo e che noi dobbiamo rispettare e preservare”.

 

Pubblicità
Pubblicità

  • Pubblicità
    Pubblicità
Trento1 ora fa

Sabato la presentazione del libro e del Cd dedicato al maestro Armando Franceschini

Val di Non – Sole – Paganella10 ore fa

Il Giro d’Italia passa in Val di Non: le indicazioni per la viabilità

Bolzano13 ore fa

Era scomparsa nel 1990: risolto dopo 32 anni il giallo dell’altoatesina Evi Rauter

Trento13 ore fa

Il sindaco Ianeselli e il commissario del Governo Bernabei hanno firmato questa mattina il “Patto sicurezza Trento”

Trento13 ore fa

7 consiglieri della maggioranza chiedono un Consiglio straordinario per l’esame del ddl di Masè sulla terza preferenza

Trento14 ore fa

Il vicesegretario generale dell’Ocse Yoshiki Takeuchi, in visita in Trentino, è stato ricevuto stamani dal presidente Fugatti

Trento14 ore fa

Sono gravissime le condizioni della bimba investita da un’auto a Mezzolombardo

Trento14 ore fa

Coronavirus: 284 nuovi positivi, 55 il totale dei ricoverati di cui 4 in rianimazione

Val di Non – Sole – Paganella14 ore fa

Furioso incendio a Segno

Valsugana e Primiero14 ore fa

Fiamme avvolgono un macchinario nello stabilimento industriale: molte le squadre di vigili del fuoco per spegnere le fiamme

Trento15 ore fa

Tutti gli inquinanti sotto i limiti previsti: ad Aprile in Trentino è buona la qualità dell’aria

Trento16 ore fa

Ancora attivi i contributi provinciali cumulabili a quelli statali per l’acquisto di auto elettriche

Alto Garda e Ledro16 ore fa

Scoperta a Mori una rarissima orchidea

Val di Non – Sole – Paganella16 ore fa

Francesco Antonio Ciarleglio è il nuovo direttore di chirurgia a Cles

Musica17 ore fa

Rovereto rende omaggio a Jan Novák

Trento2 settimane fa

Mauro Ottobre perde anche in appello con La Voce del Trentino. Dovrà pagare altri 22 mila euro

Trento4 settimane fa

Coronavirus in Trentino: un decesso e salgono contagi e ricoveri nelle ultime 24 ore

Trento4 settimane fa

Coronavirus: 170 nuovi contagi nelle ultime 24 ore in Trentino. Salgono ancora i ricoveri

Trento3 settimane fa

Coronavirus: contagi contenuti e nessun decesso nelle ultime 24 ore

Politica3 settimane fa

Nella prossima seduta consiliare in discussione 6 ddl, compreso quello sulla terza preferenza

Val di Non – Sole – Paganella3 settimane fa

Orso a spasso tra i meleti di Mechel – IL VIDEO

Trento4 settimane fa

Coronavirus: 107 nuovi contagi nelle ultime 24 ore in Trentino. Balzo in avanti dei ricoveri

Val di Non – Sole – Paganella4 settimane fa

Fiamme in centro storico a Denno – IL VIDEO

Italia ed estero4 settimane fa

L’ultima gaffe di Joe Biden: stringe la mano ai fantasmi. Il mondo s’interroga sullo stato di salute del presidente Usa

Trento3 settimane fa

Concerto Vasco Rossi: ecco la viabilità alternativa per minimizzare i disagi

Trento3 settimane fa

Coronavirus: 156 contagi e nuovo balzo in avanti dei ricoveri nelle ultime 24 ore

Telescopio Universitario3 settimane fa

Ricerca, l’Europa premia ancora l’Università di Trento

Trento5 giorni fa

Coronavirus: un decesso e 326 contagi nelle ultime 24 ore in Trentino

Trento7 giorni fa

Coronavirus: contagi e ricoveri in calo nelle ultime 24 ore

Spettacolo4 settimane fa

Lutto nel mondo dello spettacolo, è morta Catherine Spaak

  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

  • Pubblicità
    Pubblicità

Categorie

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

di tendenza