Connect with us
Pubblicità

Riflessioni fra Cronaca e Storia

Il Natale dell’imperatore Costantino

Pubblicato

-

Pubblicità

Pubblicità

L’imperatore  Costantino è noto a tutti per aver concesso la libertà di culto ai cristiani, nel 313 d. C.

Ma c’è molto di più, e il Natale è proprio l’occasione per sottolinearlo e per ricordare cosa abbia significato la comparsa di un “Dio bambino” nella storia del mondo, in un’epoca dominata dagli eserciti romani.

Costantino rappresenta il “paganesimo in cammino”, essendo, in origine, un adoratore non di molte divinità, né di dei inferi, e neppure di oscure e misteriche divinità orientali, ma del Sol Invictus, il deus summus, un dio supero, uno, che porta con sé l’idea di luce, di energia, di trascendenza, di spirito.

Pubblicità
Pubblicità

Questo culto del Sol Invictus era divenuto sempre più importante nell’impero, già dal II secolo, e poi soprattutto coi Severi: una preparazione, insomma, all’idea monoteista, che pian piano si sarebbe affermata.

Nella guerra del 312 contro Massenzio, ancora legato al politeismo pagano al punto di sventrare delle donne incinte per interrogare gli dei, Costantino invoca il Dio Sole, ed ha la celebre visione in cui nel sole compare la croce monogrammatica di Cristo e la celebre frase : “In hoc signo vinces“. Costantino non diventa, per questo, immediatamente un “buon cristiano”: sappiamo però che decide di far uso di quel simbolo, pur essendo il suo esercito composto in gran parte di pagani.

E vince contro Massenzio, le cui forze sono, secondo gli storici, dalle due alle quattro volte superiori. Subito dopo la vittoria Costantino, che pure conosce appena il Dio dei cristiani, dimostra chiaramente di ritenerlo il Dio più forte, quello che gli ha permesso di trionfare: per questo- ricorda lo storico Fraschetti- è “il primo Augusto che al momento del suo ingresso a Roma evitò accuratamente di ascendere al Campidoglio: nell’ottica e nella prospettiva dei Romani non solo avrebbe così mancato di rendere grazie a Giove Ottimo Massimo per una sua vittoria, ma non aveva neppure compiuto quelli che nell’età dei Severi lo storico Erodiano chiamava ‘riti prescritti per le entrate imperiali‘: quei riti necessari e doverosi, comprensivi di sacrifici umani, che ogni Augusto si affrettava a compiere al momento del suo ingresso.

Pubblicità
Pubblicità

Dopo il 12 ottobre 312 e poi durante i suoi soggiorni successivi Costantino si tenne anche lontano dagli altri templi cittadini di cui ricorrevano le feste, chiarendo ai Romani il suo definitivo abbandono del loro sistema politeistico” (Augusto Fraschetti, “La Conversione“, Laterza). Dopo la battaglia contro Massenzio compaiono in breve anche le prime monete con la croce.

Costantino e i fanciulli – Ma ciò che più dimostra la conversione di Costantino al cristianesimo non sono questi avvenimenti sbalorditivi, bensì la sua attenzione, incredibile per i tempi, ai fanciulli. Il Dio dei cristiani, infatti, si era fatto bambino, e aveva esaltato l’età dell’infanzia, sino a dire, tra lo scandalo degli apostoli stessi: “se non diventerete come bambini non entrerete mai”.

Eppure il mondo antico non ha alcuna attenzione per i fanciulli: a Sparta possono essere gettati nella voragine del Taigeto; a Tebe abbandonati sul Citerone; a Roma chi muore prima di aver cambiato i denti da latte non ha diritto al funerale, e la famiglia non prende il lutto. Di più: quasi dovunque è previsto l’infanticidio, o per i bambini deformi, o per quelli semplicemente segnati da qualche minimo difetto, che diviene “prodigium malum”, segno di cattiva predestinazione.

Presso i Romani, ma anche presso i Germani, il neonato è sottoposto all’arbitrio del padre. Se lo solleva da terra, lo ammette nella famiglia, altrimenti il bimbo viene esposto, abbandonato: muore di fame, oppure viene fatto schiavo, oppure ancora evirato per farne un cantore. Con Costantino, invece, le cose iniziano a cambiare: nel 315 emana una legge affinché il fisco soccorra i fanciulli abbandonati o di genitori poveri; nel 318 condanna alla pena del parricidio gli infanticidi.

Negli stessi anni, nonostante varie contraddizioni, limita il ius vendendi dei neonati, favorisce la legittimazione dei figli naturali, obbliga lo Stato ad assumersi la tutela di orfani e vedove; inoltre abolisce la crocifissione, equipara l’uccisione di uno schiavo all’assassinio, vieta le pratiche magiche atte a danneggiare la vita di una persona, vieta il marchio a fuoco sul viso degli schiavi e ostegia i sanguinosi giochi gladiatorii…

Tutto in nome di quel Dio che lo aveva fatto trionfare in battaglia, Dio degli eserciti, ma anche Dio-Bambino.

Pubblicità
Pubblicità
Pubblicità
Pubblicità
Pubblicità
Pubblicità

  • Pubblicità
    Pubblicità
Trento2 ore fa

Grandi derivazioni idroelettriche: non sussistono interessi pubblici contrastanti con l’uso idroelettrico

Alto Garda e Ledro2 ore fa

Tragico schianto con la moto sulla gardesana orientale, muore il 22 enne Matteo Mazzoldi

Alto Garda e Ledro3 ore fa

Ieri due incidenti in zona Pietramurata, 3 centauri finiscono in ospedale

Valsugana e Primiero4 ore fa

Una comunità ostaggio di un 12 enne, l’appello drammatico della mamma: «Nessuno ci aiuta, sono disperata»

Val di Non – Sole – Paganella5 ore fa

Successo per la cena di gala «Insieme per l’autismo». 663 persone presenti, raccolti 65 mila euro

Rovereto e Vallagarina6 ore fa

Vandali in azione a Rovereto, molte macchine devastate per «gioco»

Italia ed estero6 ore fa

Animali regalati come premi alle fiere: il Veneto dice basta

Rovereto e Vallagarina6 ore fa

Scuola media Avio: emozione ed orgoglio per il collegamento con Astrosamantha

Trento7 ore fa

Si scontrano con un Tir sull’A4, grave una 17 enne trentina

Trento7 ore fa

100 alberi per 100 bambini nati nelle famiglie Itea

Trento9 ore fa

Giovani universitari in Comune: 24 tirocini per 18 progetti, domande fino al 13 giugno

Trento10 ore fa

Corsi per Operatore socio-sanitario: approvata la nuova Disciplina

Trento20 ore fa

Coronavirus: 121 nuovi contagi nelle ultime 24 ore in Trentino

Val di Non – Sole – Paganella20 ore fa

Nel libro “Pastorizia nelle Alpi” la memoria di Nilla Carolli, originaria di Vermiglio

Arte e Cultura20 ore fa

Inaugurata la mostra con le foto del gruppo Tetraon: a Palazzo Trentini tutta la bellezza della fauna alpina

Trento3 settimane fa

Mauro Ottobre perde anche in appello con La Voce del Trentino. Dovrà pagare altri 22 mila euro

Trento2 settimane fa

Coronavirus: un decesso e 326 contagi nelle ultime 24 ore in Trentino

Trento3 settimane fa

Coronavirus: contagi e ricoveri in calo nelle ultime 24 ore

Trento3 settimane fa

Coronavirus: 426 contagi nelle ultime 24 ore. In salita i ricoveri

Politica4 settimane fa

Anche una delegazione Trentina alla conferenza di Fratelli d’Italia, Meloni: «E’ arrivato il nostro tempo»

Trento3 settimane fa

Coronavirus: 66 contagi nelle ultime 24 ore in Trentino

Politica3 settimane fa

Consiglio straordinario il 16 maggio per la comunicazione sull’A22

Politica3 settimane fa

Fratelli d’Italia chiede un incontro col governatore, Urzì: «Ecco le nostre priorità per il Trentino»

Telescopio Universitario4 settimane fa

Università di Trento: ecco il piano strategico fino al 2027

Aziende3 settimane fa

Quando Arte e Luce si incontrano nasce ‘illuminando Arte’

Trento4 settimane fa

Vasco Live: venticinquemila posti auto, oltre a quelli riservati a camper e pullman, online la piattaforma per prenotare il parcheggio

Politica3 settimane fa

Laboratorio Paritario Trentino: sabato a Cognola la presentazione

Italia ed estero4 settimane fa

Papa Francesco: per l’Ucraina, contro “l’abbaiare della Nato alla porta della Russia”

Val di Non – Sole – Paganella3 settimane fa

Si ribalta col tagliaerba a Sfruz e rimane schiacciato: 26enne elitrasportato in gravissime condizioni al Santa Chiara

Trento3 settimane fa

Vasco Live 2022: da oggi operativo il numero dedicato 0461 889400, programma straordinario per la gestione della viabilità

  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

  • Pubblicità
    Pubblicità

Categorie

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

di tendenza