Connect with us
Pubblicità

Arte e Cultura

L’archeologia del Trentino al Salone dell’Archeologia e del Turismo culturale a Firenze

Pubblicato

-

Pubblicità

Pubblicità

La Soprintendenza per i beni culturali della Provincia autonoma di Trento partecipa a tourismA, il Salone dell’Archeologia e del Turismo culturale che si terrà a Firenze dal 17 al 19 dicembre, con due interventi dedicati alle esperienze e alle ricerche condotte sul territorio trentino dall’Ufficio beni archeologici.

Venerdì 17 dicembre, nell’ambito del workshopItinerari archeologici fra le risorse naturali”, a cura dell’Istituto Italiano di Preistoria e Protostoria, il soprintendente per i beni culturali Franco Marzatico e Luisa Moser, referente dei Servizi Educativi dell’Ufficio beni archeologici, presenterannoLa ricchezza del metallo nella Protostoria del Trentino: i forni in batteria per la produzione del rame nell’area archeologica dell’Acqua Fredda al Passo del Redebus”. È invece affidato a Franco Nicolis, direttore dell’Ufficio beni archeologici della Soprintendenza trentina, l’interventoScavare la memoria. Archeologia della Prima guerra mondiale” in programma sabato 18 dicembre nell’ambito della sessione “Scavare il presente. Come l’archeologia può indagare l’età moderna e contemporanea” a cura di Giuliano Volpe e Giuliano De Felice.

Situata a 1440 m. di altitudine, al Passo del Redebus tra la Val dei Mòcheni e l’Altopiano di Piné, l’area archeologica Acqua Fredda è una delle più importanti fonderie preistoriche della tarda età del Bronzo (XIII-XI sec. a.C.) dell’intero arco alpino. I forni fusori riportati alla luce dagli archeologi testimoniano l’intensa attività di estrazione e lavorazione dei minerali di rame fin dai tempi più remoti. Il sito, immerso nel contesto naturale della catena del Lagorai e circondato da una riserva naturale, si inserisce a pieno titolo tra gli itinerari di valorizzazione del territorio dove aspetti archeologici e naturalistici interagiscono e rendono unica l’esperienza di visita. Nel corso dell’estate, in collaborazione con enti e realtà locali, il sito ospita laboratori, spettacoli teatrali, archeopasseggiate, incontri con archeometallurghi e accompagnatori di territorio per conoscere il nostro passato fra archeologia e natura.

Pubblicità
Pubblicità

L’archeologia della Grande Guerra e il tema del corretto recupero delle testimonianze emerse a causa dell’aumento delle temperature e dello scioglimento dei ghiacciai sono aspetti con cui gli archeologi trentini si confrontano sin dal 2007. Risale infatti all’estate di quell’anno il primo intervento per il recupero di resti della Prima guerra mondiale sul Piz Giumella, in Val di Sole, nel Trentino occidentale. La delicatezza del tema non riguarda soltanto la metodologia e l’approccio con metodo scientifico e archeologico al fine di salvaguardare il contesto e assicurare una precisa e meticolosa documentazione, ma comporta una doverosa riflessione sul trattamento dei corpi dei soldati, comprese le valenze etiche che ne derivano. Dal 2007 gli interventi in alta montagna, su quello che era il fronte più alto della guerra, si sono susseguiti con cadenza regolare.

Tra il 2009 e il 2014, in collaborazione con il MuseoPejo 1014-1918 La Guerra sulla porta“, è stato recuperato dal ghiaccio, musealizzato e aperto al pubblico il sito di Punta Linke, nel gruppo Ortles–Cevedale, a 3629 metri di altitudine. Il sito è uno straordinario luogo della memoria che conserva la stazione della teleferica costruita dagli austro-ungarici per collegare Cogolo di Pejo con Punta Linke e gli apprestamenti del “Coston delle barache brusade” e assicurare così i rifornimenti alle postazioni più alte e più importanti dell’intero fronte.

È invece del 2018, a cento anni dalla conclusione della guerra mondiale, la mostra “storie senza Storia. Tracce di uomini in guerra (1914-1918)” nella quale sono stati esposti al pubblico i materiali messi in luce tra il 2012 e il 2017 negli interventi di recupero di resti di soldati della Grande Guerra sul ghiacciaio del Presena e alle pendici occidentali del Corno di Cavento nel Gruppo dell’Adamello, riaffiorati, a oltre 3000 metri di altitudine. A riportarli alla luce e a restituirli alla memoria collettiva è stato il delicato lavoro di équipe multidisciplinari composte da archeologi, geologi, guide alpine, restauratori. Grazie alle tecniche di conservazione e di restauro messe in atto dalla Soprintendenza, è stato possibile risalire al nome di uno dei due italiani, il soldato Rodolfo Beretta, nato a Besana in Brianza nel 1886 e deceduto per caduta di valanga nel novembre 1916. I resti del caduto Beretta sono stati così restituiti alla famiglia e tumulati nella città natia nello novembre 2018.

Pubblicità
Pubblicità

Giunta alla settima edizione, tourismA è un momento di esposizione, divulgazione e confronto di tutte le iniziative legate alla comunicazione del mondo antico e alla valorizzazione delle sue testimonianze. Particolarmente nutrito il programma con decine di convegni e centinaia di relatori, incontri con i protagonisti della ricerca e della divulgazione, laboratori di archeologia sperimentale, spazi espositivi e proposte per leggere, visitare e viaggiare.

Informazioni: Provincia autonoma di Trento Soprintendenza per i beni culturali Ufficio beni archeologici Via Mantova, 67 – 38122 Trento tel. 0461 492161 e-mail: uff.beniarcheologici@provincia.tn.it
www.cultura.trentino.it/Temi/Archeologia

Pubblicità
Pubblicità

  • Pubblicità
    Pubblicità
Trento8 ore fa

Tragedia sul Lago di Caldonazzo, muore Liviana Ierta Melchiori di Bieno

Rovereto e Vallagarina9 ore fa

Scontro tra moto e auto, due feriti tra cui una ragazzina 12 enne

Trento9 ore fa

Il Questore Francini: «Vasco live, un grande evento sicuro»

Trento9 ore fa

Aggrediscono con pugni e calci e rapinano un ragazzo, arrestati due nigeriani in piazza Dante

Trento10 ore fa

Vasco Live: solo 15 interventi sanitari, tutto è andato per il meglio

Trento10 ore fa

Coronavirus: 158 contagi nelle ultime 24 ore. Morta una donna non ancora 40 enne

Val di Non – Sole – Paganella12 ore fa

L’enorme “grazie” di Flavio e Silvia ai Vigili del Fuoco, alla comunità, a chiunque abbia teso loro la mano

Piana Rotaliana15 ore fa

“Un anno al cantiere comunale” e “Giocanimazione!”: due proposte di servizio civile in Comune a Lavis

Trento19 ore fa

Vasco live: la fotogallery con le foto più belle

Val di Non – Sole – Paganella19 ore fa

All’Auditorium Russel di Cles in scena lo spettacolo “Bunker” per aiutare a comprendere l’autolesionismo e il suicidio

Trento20 ore fa

Ianeselli: “Vasco, una giornata di festa. La città ha risposto”

Trento21 ore fa

Vasco live, il deflusso degli spettatori concluso verso le 2 del mattino, De Col: «È andata meglio del previsto»

Italia ed estero21 ore fa

Vaiolo delle scimmie arrivato anche in Italia, nessun allarmismo solo massima attenzione

economia e finanza22 ore fa

eToro: facciamo il punto sul boom di utenti del noto broker di social trading

Musica22 ore fa

Francesco Bianconi e «La sua stupefacente Band» a Rovereto

Trento2 settimane fa

Mauro Ottobre perde anche in appello con La Voce del Trentino. Dovrà pagare altri 22 mila euro

Politica4 settimane fa

Nella prossima seduta consiliare in discussione 6 ddl, compreso quello sulla terza preferenza

Val di Non – Sole – Paganella4 settimane fa

Orso a spasso tra i meleti di Mechel – IL VIDEO

Trento4 settimane fa

Coronavirus: contagi contenuti e nessun decesso nelle ultime 24 ore

Trento1 settimana fa

Coronavirus: un decesso e 326 contagi nelle ultime 24 ore in Trentino

Trento2 settimane fa

Coronavirus: contagi e ricoveri in calo nelle ultime 24 ore

Trento4 settimane fa

Concerto Vasco Rossi: ecco la viabilità alternativa per minimizzare i disagi

Telescopio Universitario4 settimane fa

Ricerca, l’Europa premia ancora l’Università di Trento

Trento2 settimane fa

Coronavirus: 426 contagi nelle ultime 24 ore. In salita i ricoveri

Trento2 settimane fa

Coronavirus: 66 contagi nelle ultime 24 ore in Trentino

Politica3 settimane fa

Anche una delegazione Trentina alla conferenza di Fratelli d’Italia, Meloni: «E’ arrivato il nostro tempo»

Trento4 settimane fa

Coronavirus: 156 contagi e nuovo balzo in avanti dei ricoveri nelle ultime 24 ore

Trento3 settimane fa

Vasco diffonde la prime foto del grande palco del Concerto di Trento. Saranno 11 i musicisti impegnati nel live

Rovereto e Vallagarina4 settimane fa

In fiamme un camioncino nel parcheggio del Rovercenter – IL VIDEO

Trento3 settimane fa

Concerto di Vasco Rossi: tutto quello che è meglio sapere il 20 maggio

  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

  • Pubblicità
    Pubblicità

Categorie

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

di tendenza