Connect with us
Pubblicità

Val di Non – Sole – Paganella

Caseificio Coredo: ultime battute del processo a carico di Biasi e Fornasari

Pubblicato

-

Riprende mercoledì prossimo 1 dicembre, il dibattimento in tribunale per il caso del batterio Escherichia coli rintracciato nelle forme di formaggio “Due Laghi” prodotte e commercializzate dal caseificio di Coredo, che vede come imputati l’allora presidente del caseificio sociale di Coredo, Lorenzo Biasi (ora sostituto nella carica da Mirco Endrizzi) e l’attuale casaro responsabile del piano di controllo, Gianluca Fornasari.

Le violazioni commesse secondo l’accusa – sono quelle dell’articolo 5, lettera c della legge 283 del 1962 (Disciplina igienica della produzione e della vendita delle sostanze alimentari e delle bevande).

Biasi, in particolare, perché – secondo la ricostruzione degli inquirenti – nella sua qualità di presidente avrebbe prodotto e immesso nel circuito commerciale prodotti caseari con cariche microbiche superiori ai limiti di legge (Stec e escherichia coli), non prestando la dovuta attenzione alla necessità di richiedere a Trentingrana Concast ispezioni sul campo per la verifica delle condizioni igieniche delle aziende dei conferitori, alla necessità di sottoporre ad analisi il formaggio Due Laghi crudo prodotto con latte crudo per la ricerca di escherichia coli prima della sua immissione in commercio e di verificare il rispetto del periodo di stagionatura minima di 60′ giorni prima della sua immissione in commercio per l’abbattimento della carica batterica.

Pubblicità
Pubblicità

A Fornasari, invece, viene contestato di avere omesso di richiedere le necessarie analisi per la ricerca di escherichia coli e di non avere richiesto a Trentingrana Concast di effettuare delle ispezioni volte ad accertare le condizioni igienico sanitarie delle stalle dei conferitori, non provvedendo al ritiro cautelativo del prodotto successivamente all’evento.

La seconda imputazione riguarda invece la presunta omessa ottemperanza a quanto disposto dall’Unità operativa di igiene e sanità pubblica veterinaria di Cles il 30 giugno 2017, con la quale veniva imposto al presidente di fare un richiamo agli allevatori affinché facessero una pulizia e una disinfestazione in fase di mungitura più corretta, imputazione per la quale Biasi ha “desistito” nel contrastare l’accusa della Procura e ha optato perché il giudizio venga definito con il rito alternativo dell’oblazione.

Parte offesa nel procedimento è il padre del bambino che era stato male nel giugno 2017 e che si trova tutt’oggi in condizioni molto gravi, dopo avere mangiato formaggio “Due Laghi”, prodotto con latte crudo.

Pubblicità
Pubblicità

Formaggio che, secondo la ricostruzione dei carabinieri del Nas, responsabili delle indagini, era stato prodotto ed acquistato presso il caseificio della Val di Non.

Alla prossima udienza saranno chiamati a deporre i testimoni della difesa, tra cui la Dott.ssa Alessandra Bertolini responsabile qualità di Trentingrana Concast – Consorzio dei caseifici Sociali Trentini.

La stessa Bertolini nel settembre 2017 aveva ritenuto necessario raccomandare ai caseifici di Predazzo, Cavalese, Fondo, Lavarone, Presanella, Revò, Rumo, Val di Fassa, Coredo, Tuenno, Cercen, Cavareno, Romeno, Castelfondo, Primiero e Sabbionara, di assicurare una stagionatura minima di 60 giorni per le produzioni a latte crudo, di riportare in etichetta e in scheda tecnica l’indicazione “formaggio prodotto con latte crudo e di evitare contaminazioni dei prodotti a latte pastorizzato con quelli a latte crudo rispettando i corretti comportamenti igienico sanitari durante la produzione”.

Il consorzio Concast Trentingrana ad onor del vero non è mai intervenuto pubblicamente a riguardo all’indagine che coinvolge la latteria nonesa, seppur questa è una sua consorziata e neppure dopo l’incredibile deposizione di un dipendente dell’azienda, il quale aveva raccontato che il tubo dell’autocisterna, durante la raccolta del latte presso i conferitori, toccava sul terreno spesso sporco di terra e letame, lo stesso tubo nel momento dello scarico del latte nelle vasche di affioramento o nella cisterna del caseificio veniva posizionato a diretto contatto con il latte che veniva poi usato per produrre anche il formaggio a latte crudo, come il “Due Laghi“, l’operaio aveva segnalato la criticità ai responsabili della latteria ma era stato liquidato con: “l’abbiamo sempre fatto”.

Pubblicità
Pubblicità
Pubblicità
Pubblicità
Pubblicità
Pubblicità

  • Pubblicità
    Pubblicità
Trento4 settimane fa

Nel 2021 su «La Voce del Trentino» lette oltre 30 milioni di pagine da 8 milioni di lettori

Trento2 settimane fa

Coronavirus: una vittima e 972 nuovi contagi nelle ultime 24 ore

Trento3 settimane fa

Coronavirus: nuovo record di contagi nelle ultime 24 ore. Sempre stabili i ricoveri

Trento3 settimane fa

Coronavirus: 2.372 contagi e due morti nelle ultime 24 ore in Trentino

Trento3 settimane fa

Coronavirus: due morti e 2.290 contagi nelle ultime 24 ore. Calano sensibilmente i ricoveri

Trento3 settimane fa

Coronavirus: due vittime e 807 nuovi contagi nelle ultime 24 ore in Trentino

Trento3 settimane fa

Coronavirus: 408 nuovi casi e nessun decesso nelle ultime 24 ore in Trentino

Trento3 settimane fa

Coronavirus: record di contagi in Trentino nelle ultime 24 ore. Morta una donna di 55 anni

Trento3 settimane fa

Coronavirus: 1.307 nuovi contagi in Trentino nelle ultime 24 ore. Superato il milione di vaccinazioni

Trento4 settimane fa

Coronavirus: 1 decesso e 938 contagi nelle ultime 24 ore. Calano i ricoveri in terapia intensiva

Trento4 settimane fa

Coronavirus: 894 contagi nelle ultime 24 ore in Trentino. C’è anche una vittima. Stabili i ricoveri

Trento4 settimane fa

Coronavirus: altri 3 morti nelle ultime 24 ore in Trentino

Trento4 settimane fa

Fugatti: «Lupi grave problema di sicurezza, attendiamo l’approvazione del piano di gestione guida costruito per il Trentino»

Trento4 settimane fa

Coronavirus: nessun decesso e 139 contagi nelle ultime 24 ore in Trentino

Trento2 settimane fa

Fugatti: «Per ora la scuola tiene. Ma siamo pronti a valutare nuovi provvedimenti»

  • Pubblicità
    Pubblicità

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

  • Pubblicità
    Pubblicità

Unico&Bello

La miniera di diamanti aperta al pubblico: l’incredibile esperienza di scavare e tentare la fortuna

Un’esperienza indimenticabile, ricca e fruttuosa: sono le caratteristiche principali della “Creater of Diamonds”, l’unica miniera di diamanti al mondo aperta al pubblico. Si tratta di un grande parco…

Orient Express la Dolce Vita: in Italia un nuovo modo di vivere il Paese

A breve in Italia arriverà un nuovo modo di vivere e conoscere il Paese, in carrozze di lusso ispirate al design degli anni ‘60/’70. L’Italia si presenta al…

Vaia Cube e Vaia Focus: nuova vita agli alberi abbattuti da Vaia

Sono numerose le aziende ed i privati che hanno deciso, negli ultimi anni, di donare nuova vita e dignità ai 42 milioni di alberi abbattuti dalla tempesta Vaia…

2050: come ci arriviamo? Mobilità sostenibile, più pulita, più veloce, più sicura e per tutti

Dal 22 dicembre 2021 al MUSE – Museo delle Scienze di Trento, la mostra “2050: COME CI ARRIVIAMO? Mobilità sostenibile, più pulita, più veloce, più sicura e per…

Necrologi

Categorie

di tendenza