Connect with us
Pubblicità

Io la penso così…

Il Trattato del Quirinale: tra mistero e concreti rischi di alto tradimento

Pubblicato

-

Pubblicità

Pubblicità

Egregio Direttore,

forse gli  italiani, distratti ad arte dalle polemiche connesse alla pandemia e dalla già vista discussione su come “salvare il Natale, ma sarà l’ultima volta“, non sanno che il 26 novembre a Roma verrà firmato dal Presidente che dovrebbe essere degli Italiani e da quello francese il Trattato bilaterale, denominato di Roma, il cui contenuto è tenuto rigorosamente segreto.

Di solito i trattati vengono utilizzati quali formidabili armi di propaganda interna  per illustrare ai propri cittadini quanto si è stati bravi e capaci nello strappare posizioni favorevoli e vantaggiose ai danni dell’ altro contraente straniero. E’ accaduto ad esempio per i c.d. Patti Lateranensi, nella versione Craxi, per rimanere sul recente prossimo, senza scomodare quella del Duce. Qui invece mistero e nebbia fitta, anzi silenzio imposto. Nessuno ne sa nulla, nemmeno il Parlamento.

Pubblicità
Pubblicità

E’ un fatto che i rapporti tra Italia e Francia negli ultimi decenni hanno avuto più bassi che alti. Senza ricordare la smargiassata del ministro Di Maio messosi al fianco dei Gilet Gialli, che ha provocato, e giustamente, il ritiro temporaneo dell’ ambasciatore francese a Roma, è da citare ad esempio l’ attrito sulla materia dei clandestini alla frontiera di Ventimiglia o sulla riconsegna dei delinquenti rossi riparati in Francia.

Ma anche che nel nord Africa TOTAL fa una guerra spietata alla nostra ENI, ed anzi forse proprio questa è stata la ragione della stura alle ostilità verso il governo libico di allora da parte della Francia e non certo per ragioni umanitarie, ma per togliere di mezzo il dittatore Gheddafi che aveva recuperato un buon rapporto con l’ Italia grazie all’opera diplomatica del bistrattato Berlusconi.

Ancora: il blocco da parte del governo francese della acquisizione da parte della nostra Fincantieri sui Cantieri Francesi dell’ Atlantico, l’ offerta pubblica di acquisto “ostile” da parte di Vivendi verso Mediaset e TIM nell’ inerzia dei governi di sinistra, solo per citare gli esempi più eclatanti dell’ aggressività economica francese.

Pubblicità
Pubblicità

Secondo dati forniti del COPASIR tra il 2000 ed il 2018 ben 364 aziende italiane sono state trasferite ai francesi per un controvalore di ben 73 miliardi di Euro. Tra le vendite più eclatanti si possono menzionare la cessione di BNL al Gruppo BNP Paribas, di Cariparma e Friuladria alla Credite Agricole,  di Bulgari al Gruppo Lvmh. Una totale svendita di sovranità economica nel silenzio complice dei governi di sinistra.

Non sappiamo il contenuto di questo trattato, ma si spera che non sia il seguito di quello di Caen del 21 marzo 2015 firmato per l’ Italia dagli allora ministri PD Pinotti e Gentiloni ( Governo Renzi) con il quale si sono ceduti ampi tratti di mare ligure e toscano, estremamente pescosi e probabilmente anche da sfruttare in ambito petrolifero,  in cambio sostanzialmente di niente.

Questo trattato non è mai stato ufficialmente ratificato dal Parlamento , ma è entrato di fatto in vigore il 25 marzo 2018 grazie alla procedura di unilaterale di ratifica attivata dalla Francia a Bruxelles senza che il Governo Italiano (Governo Gentiloni PD) interloquisse e dunque prestando automaticamente il silenzio assenso.

Una autentica vergogna ed uno sfregio alla nostra sovranità, quella della Costituzione e non quella schifata da sinistra, nel silenzio della stampa schierata e persino delle procure, inclini invece a ricercare olgettine e anfitrioni. Dati i precedenti, si è autorizzati a diffidare di questo Trattato e dei suoi sostenitori a sinistra.

E’ un fatto che ben 13 esponenti PD e di area siano stati insigniti della Legion D’Onore Francese, per evidenti “meriti” d’ interesse francese, mentre quasi nessuno a destra sembra esserne stato degno. Su tutti spiccano Letta Franceschini, D’ Alema, Gentiloni, Pinotti ( che caso!) e lo sconosciuto per i più Sandro Gozi che, da sottosegretario agli affari Europei nel Governo Renzi e Gentiloni e quindi titolato ad accedere a segreti di Stato, è divenuto immediatamente dopo consulente del Governo Francese  ( il Phlippe II ).

Vedremo il contenuto del Trattato del Quirinale, se ce lo faranno sapere. Vedremo come il Parlamento si muoverà, se gli verrà permesso, e vedremo se invece verrà ratificato nella maniera vigliacca sopra descritta.

Ai danni degli Italiani, che, evidentemente, da sudditi si devono trastullare solo con le discussioni oziose sul green pass e sulle cene di Natale ( sutor ne ultra crepidam ).

Avv. M.Stefano Sforzellini – Trento

Potete inviare le email al direttore da inserire nella rubrica «io la penso così» scrivendo a: redazione@lavocedeltrentino.it – La vostra opinione conta, sempre….

Pubblicità
Pubblicità
Pubblicità
Pubblicità
Pubblicità
Pubblicità

  • Pubblicità
    Pubblicità
Trento3 settimane fa

Mauro Ottobre perde anche in appello con La Voce del Trentino. Dovrà pagare altri 22 mila euro

Trento2 settimane fa

Coronavirus: un decesso e 326 contagi nelle ultime 24 ore in Trentino

Trento2 settimane fa

Coronavirus: contagi e ricoveri in calo nelle ultime 24 ore

Trento3 settimane fa

Coronavirus: 426 contagi nelle ultime 24 ore. In salita i ricoveri

Politica4 settimane fa

Anche una delegazione Trentina alla conferenza di Fratelli d’Italia, Meloni: «E’ arrivato il nostro tempo»

Trento3 settimane fa

Coronavirus: 66 contagi nelle ultime 24 ore in Trentino

Trento4 settimane fa

Vasco diffonde la prime foto del grande palco del Concerto di Trento. Saranno 11 i musicisti impegnati nel live

Politica3 settimane fa

Consiglio straordinario il 16 maggio per la comunicazione sull’A22

Politica3 settimane fa

Fratelli d’Italia chiede un incontro col governatore, Urzì: «Ecco le nostre priorità per il Trentino»

Telescopio Universitario4 settimane fa

Università di Trento: ecco il piano strategico fino al 2027

Telescopio Universitario4 settimane fa

Covid-19, ecco gli ostacoli più ricorrenti nella comunicazione

Aziende3 settimane fa

Quando Arte e Luce si incontrano nasce ‘illuminando Arte’

Trento3 settimane fa

Vasco Live: venticinquemila posti auto, oltre a quelli riservati a camper e pullman, online la piattaforma per prenotare il parcheggio

Italia ed estero4 settimane fa

Papa Francesco: per l’Ucraina, contro “l’abbaiare della Nato alla porta della Russia”

Politica3 settimane fa

Laboratorio Paritario Trentino: sabato a Cognola la presentazione

  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

  • Pubblicità
    Pubblicità

Categorie

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

di tendenza