Connect with us
Pubblicità

Trento

Luca Valentini si pente e chiede scusa alle donne

Pubblicato

-

Nella tarda notte Luca Valentini, l’esponente di Fratelli d’Italia che aveva scritto un post offensivo contro le donne, fa marcia indietro e chiede scusa a tutti.

Dopo l’inopportuna uscita di Valentini nel tardo pomeriggio di ieri era intervenuta anche l’assessore Stefania Segnana stigmatizzando le sue parole ritenute offensive nei confronti delle donne: «come donna, come madre e come pubblica amministratrice non posso accettare e condanno assolutamente le sue parole»scrive l’assessora sulla sua pagina sociale senza mai citare il protagonista volutamente.

«È inaccettabile leggere certi commenti che mortificano le donne e riducono i rapporti affettivi tra le persone a ben poca cosa – Prosegue Stefania Segnana – chiedo rispetto a chiunque si avvicini ad una tastiera per dire la sua su temi che sono delicati e seri. Perché una volta che le frasi dirompenti, anche quelle più volgari come quelle che ho letto oggi, hanno esaurito l’effetto di colpire o scioccare, restano i drammi veri a cui la società è chiamata a rispondere».

Pubblicità
Pubblicità

L’assessora Segnana poi esprime solidarietà e vicinanza da parte della Provincia autonoma di Trento a tutte le donne e agli uomini che «leggendo quello che ho letto io si sono sentiti offesi. Voglio ribadire inoltre il mio personale impegno e quello dell’esecutivo provinciale perché si diffonda una cultura del rispetto di tutte le persone e in particolare delle donne; un rispetto che sia praticato nei comportamenti e nelle parole»

Forse è stato l’intervento dell’assessore a far cambiare idea a Luca Valentini nella notte. Ieri sera infatti sui social era ancora convinto della bontà delle sue «riflessioni» e dava battaglia contro i suoi detrattori. Poi la marcia indietro dopo l’invito di Alessandro Urzì a lasciare il partito e ai notevoli malumori e malesseri dei suoi colleghi di partito.

Valentini decide di chiedere scusa scrivendo un post (per la verità piuttosto farraginoso dove tenta un’ultima estrema difesa dimostrando di un essere molto esperto nella comunicazione) la dove tutto è cominciato, cioè sul suo profilo di facebook.

Pubblicità
Pubblicità

Il suo è comunque un primo passo, ed è comunque da rispettare, perché al giorno d’oggi saper chiedere scusa fra le migliaia di leoni da tastiera e di professionisti dell’insulto, non è da poco.

Sotto il suo intervento riportato integralmente.

IL POST DI LUCA VALENTINI – «A tutte voi donne chiedo scusa, non tanto perché quello che ho scritto era veramente diretto a voi, ma in quanto ho utilizzato delle offese verbali appositamente per uno scopo, di questo vi chiedo perdono.

Non pensavo assolutamente quello che ho scritto, l’ho scritto perché ho capito che in Italia se vuoi far emergere realmente una questione devi utilizzare ogni mezzo, anche il più bruto, il più vile…e questo è il più spregevole. Nessuno dovrebbe mai pronunciare le parole che ho scritto, è una violenza verbale. Scusate se ho cercato un confronto immettendo violenza, ma come volevasi dimostrare ho ricevuto l’attenzione che cercavo per affermare: la violenza non ha genere!

La violenza non ha genere, non dovrebbe averlo, eppure il 25 novembre le Istituzioni ci ricordano che la violenza ha ancora un genere. La violenza verbale, purtroppo, come per altri tipi di violenza, non sono solo le donne a subirla. Sì, la violenza possono subirla anche gli uomini, e io sono uno di loro, sono uno di voi donne che avete subito violenze.

In Italia sono ancora troppo poche le ricerche sulla violenza sugli uomini. Eppure sono tanti gli episodi di violenza, sia fisica sia psicologica.  Quei pochi dati che vengono fuori da un’indagine dell’Istat pubblicata per la prima volta nel 2018, analizzando la violenza sul lavoro, ha rilevato anche le molestie a sfondo sessuale ai danni degli uomini. Sono 3 milioni 574 mila gli uomini che hanno subito molestie di questo tipo almeno una volta nella vita, 1 milione 274 mila negli ultimi 3 anni (l’indagine si riferisce al periodo 2015-2016). Un dato inferiore a quello relativo alle donne, ma pur sempre esistente.

A differenza della controparte femminile, che subisce molestie sessuali soprattutto sui mezzi di trasporto pubblico, gli uomini risulterebbero molestati più spesso in luoghi come pub o discoteche. Pensate che per noi sia sempre divertente? No, siamo vittime di uno stereotipo imposto dalla società patriarcale, ancora oggi nel 2021.

Perché non si parla di più di Alienazione parentale? E’ una violenza nella violenza. La violenza sugli uomini da parte delle donne le vede denigrare l’uomo, nelle sue capacità familiari, sessuali, dal punto di vista economico e, quando ci sono i figli, quello che avviene spesso è l’alienazione parentale: gli uomini si vedono privati dei loro bambini per mesi o addirittura anni.

Situazioni del genere non devono esistere nel 2021, in Italia. Parliamo di violenza, parliamo anche di quegli uomini che subiscono maldicenze, botte e pedinamenti. Donne capita anche noi, non siete sole e non vorremmo esserlo nemmeno noi, abbiamo bisogno di essere compresi anche noi nelle nostre storie di violenza domestica subita. Il tipo di violenza che esercita la donna può essere devastante per la mente maschile.

Perché il 25 non può divenire la giornata mondiale contro le violenze? La violenza non ha genere io dico “NO” a ogni forma di violenza. Ogni essere umano deve potersi sentire sicuro e non dovrebbe subire violenza da parte del proprio partner. A tutti gli uomini che subiscono violenze dico: «Non siete soli, non vergognatevi se a causa delle violenze siete costretti a dormire in auto e lavarvi in una fontana».

A tutti, donne e uomini, ricordo che sono proprio le suddivisioni e le differenze di genere che creano violenza. Rimaniamo fianco a fianco in questa lotta, per una giornata contro la violenza non di genere!»

Clicca qui per vedere il post originale di scuse di Luca Valentini

  • Pubblicità
    Pubblicità
Val di Non – Sole – Paganella12 ore fa

Oggi nelle Valli del Noce 204 contagi da Coronavirus

Trento13 ore fa

Incidente mortale in val Breguzzo: muore una 61 enne, salvi gli altri due compagni di escursione

Trento13 ore fa

Il video dell’orrore: pregiudicato spara a due poliziotti

Trento14 ore fa

Coronavirus: un decesso e 2.431 contagi nelle ultime 24 ore in Trentino

Val di Non – Sole – Paganella14 ore fa

Un gestore per il Bar El Broilo a Fondo

Trento14 ore fa

Roberto Paccher: «Mozione contro la Valdastico a Tenna? Forse qualcuno mette in secondo piano gli interessi della propria comunità»

Trento14 ore fa

Green pass per i turisti stranieri, la richiesta dell’assessore Failoni al Governo

Trento14 ore fa

Anno giudiziario, Fugatti: «Spesi 5 milioni di euro, nel 2022 avanti con ulteriori assunzioni»

Val di Non – Sole – Paganella15 ore fa

Dal parco giochi di Bastianelli alla sistemazione dei tre cimiteri comunali: lavori in vista a Ton

Val di Non – Sole – Paganella17 ore fa

Oggi a Romeno l’ultimo saluto a Sergio Tell. Il ricordo di Franco Panizza: «Un uomo che ha dedicato la vita alla musica, alla comunità, alla “sua” banda»

Alto Garda e Ledro18 ore fa

Giorno della Memoria: onorificenza al merito a Maria Luisa Crosina

Trento18 ore fa

In due anni in Italia il gas è aumentato del 321%, Confapi: «Ecco le soluzioni di breve e medio termine»

Valsugana e Primiero19 ore fa

Alta Valsugana: anziano truffato per 300 mila euro, indagata una coppia

Io la penso così…22 ore fa

50 anni dal secondo statuto d’Autonomia: il dovere di celebrarlo ogni giorno

Trento23 ore fa

Rinnovata la convenzione per l’attuazione del codice rosso

Trento3 settimane fa

Nel 2021 su «La Voce del Trentino» lette oltre 30 milioni di pagine da 8 milioni di lettori

Trento2 settimane fa

Coronavirus: una vittima e 972 nuovi contagi nelle ultime 24 ore

Trento2 settimane fa

Coronavirus: nuovo record di contagi nelle ultime 24 ore. Sempre stabili i ricoveri

Trento3 settimane fa

Coronavirus: 2.372 contagi e due morti nelle ultime 24 ore in Trentino

Trento3 settimane fa

Coronavirus: due morti e 2.290 contagi nelle ultime 24 ore. Calano sensibilmente i ricoveri

Trento3 settimane fa

Coronavirus: due vittime e 807 nuovi contagi nelle ultime 24 ore in Trentino

Trento3 settimane fa

Coronavirus: 408 nuovi casi e nessun decesso nelle ultime 24 ore in Trentino

Trento3 settimane fa

Coronavirus: record di contagi in Trentino nelle ultime 24 ore. Morta una donna di 55 anni

Trento3 settimane fa

Coronavirus: 1.307 nuovi contagi in Trentino nelle ultime 24 ore. Superato il milione di vaccinazioni

Trento4 settimane fa

Coronavirus: 1 decesso e 938 contagi nelle ultime 24 ore. Calano i ricoveri in terapia intensiva

Trento4 settimane fa

Coronavirus: 894 contagi nelle ultime 24 ore in Trentino. C’è anche una vittima. Stabili i ricoveri

Trento4 settimane fa

Coronavirus: altri 3 morti nelle ultime 24 ore in Trentino

Trento4 settimane fa

Fugatti: «Lupi grave problema di sicurezza, attendiamo l’approvazione del piano di gestione guida costruito per il Trentino»

Trento4 settimane fa

Coronavirus: nessun decesso e 139 contagi nelle ultime 24 ore in Trentino

Trento4 settimane fa

Coronavirus: 3 vittime e 502 contagi nelle ultime 24 ore in Trentino

  • Pubblicità
    Pubblicità

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

  • Pubblicità
    Pubblicità

Unico&Bello

RSS Error: WP HTTP Error: cURL error 60: Peer's Certificate has expired.

Necrologi

Categorie

di tendenza