Connect with us
Pubblicità

Ambiente Abitare

Come sta cambiando in Valsugana lo stato dell’ambiente dopo l’emergenza Covid-19?

Pubblicato

-

Il cittadino o l’azienda che vuole informarsi sullo stato dell’ambiente in Trentino può contare sull’Agenzia Provinciale per la Protezione dell’Ambiente (APPA) che ha elaborato numerose pubblicazioni sia di tipo divulgativo (informazioni e dati), sia di carattere scientifico (studi, ricerche e sperimentazioni in campo ambientale), che possono essere reperite online o richieste compilando un modulo da inviare all’APPA.

Attualmente è disponibile online il 9^ Rapporto sullo stato dell’ambiente 2020 della provincia di Trento e in tema di Rumore segnaliamo tra i nuovi approfondimenti il Monitoraggio acustico durante l’emergenza Covid-19.

L’Organizzazione Mondiale della Sanità ha riconosciuto l’inquinamento acustico come uno dei problemi più rilevanti dal punto di vista ambientale europeo, secondo solamente all’inquinamento atmosferico. E’ un fenomeno spesso sottovalutato, ma è uno dei fattori che determinano la qualità di vita della popolazione.

Pubblicità
Pubblicità

Nel corso del 2021 sono giunte segnalazioni sulla recrudescenza del rumore sulla statale SS47 della Valsugana, oltre ad articoli pubblicati su varie riviste e giornali locali.

Renato Gonzo (residente a Tezze Valsugana) segnala la seguente criticità:
Da quest’estate periodo maggio-giugno 2021 a partire dalle tre e mezzo di notte non è più possibile fare sonni tranquilli; è aumentato il traffico dei mezzi pesanti sulla statale della Valsugana in direzione Trento.

Si potrebbe dire tutto d’un tratto, anche se forse c’è un collegamento con l’apertura della Pedemontana Veneta. Purtroppo il paese di Tezze è stato diviso in due dalla statale SS47 e parte delle abitazioni non sono protette dalle barriere antirumore.

Pubblicità
Pubblicità

Con un’interrogazione il problema è stato posto all’attenzione del Consiglio Comunale di Grigno, che ha confermato la presenza di inquinamento acustico.

Ma quando si potrà intervenire? Dobbiamo forse attendere la realizzazione della superstrada della Valsugana a quattro corsie per porre rimedio ai disturbi del sonno?

Intanto è stata rinviata a data da destinarsi ogni decisione sul fattore rumore a Tezze, il cui effetto negativo sulla salute è noto. Sarebbe auspicabile l’installazione di barriere antirumore in tempi ragionevoli e una nuova mappatura acustica del territorio locale”.

Oltre alla tematica dell’inquinamento acustico Renato Gonzo segnala anche l’aumento dell’inquinamento atmosferico causato dall’intenso traffico di camion, che transitano là dove la valle si restringe, nelle frazioni del comune di Grigno (Tezze, Martincelli, Serafini, Palù, Pianello e Selva con la Riserva Naturale del Fontanazzo).

A questo proposito il geologo Stefano Marighetti – presidente dell’Associazione Selva Green – annuncia un importante contributo al tema dell’ambiente da parte di Selva Green assieme alla Fondazione Edmund Mach: il monitoraggio sui pollini degli apiari del Fontanazzo (vicino ai prati biodiversi recuperati recentemente), allo scopo di analizzare i contaminanti in essi contenuti.

In tal modo si potrà capire l’impatto della vicina SS47 e delle attività industriali sull’ecosistema. Il monitoraggio è iniziato nel 2021 e durerà 4 anni, ancora presto per i primi risultati.

Marighetti però fa un’obiezione: “Data la particolare conformazione della Valsugana, parte dell’aria inquinata viene allontanata grazie ai venti, in loro assenza l’aria sarebbe stagnante come accade nella vicina Pianura Padana.

Ma anche qui c’è da riflettere: viviamo tutti sullo stesso pianeta, e noi siamo privilegiati in quanto ci sembra che in montagna l’aria sia pulita. Ma siamo sicuri che una centrale nucleare che esplode dall’altra parte del mondo non abbia nessuna influenza sull’aria che riteniamo pulita delle nostre montagne?”.

Nel dibattito non poteva certo mancare l’intervento dell’imprenditore Tiziano Nerobutto, autore di due lettere al direttore del giornale L’Adige (Mobilità, più rispetto per la Valsugana e Megalavori sulla SS47, una follia ingiustificata), che hanno messo in risalto con una certa dose di ironia le proposte dei vari portatori di interesse.

Basteranno 10 mesi di proroga per rispondere in fase progettuale alla richiesta di concertazione da parte delle amministrazioni locali del territorio in tema di Riorganizzazione della SS47 della Valsugana?

Riguardo al problema del traffico/rumore nella zona dell’abitato di Tezze, Nerobutto conferma il fenomeno dell’aumento di mezzi pesanti con targhe straniere che transitano sulla statale della Valsugana piuttosto che pagare il pedaggio della Superstrada Pedemontana Veneta, che con i suoi 94 km presenta scarso traffico. Altro motivo è la riapertura di tutte le attività economiche in ripresa.

Nerobutto si dichiara favorevole ad una Valsugana che funziona per gli abitanti e per l’economia del territorio, è contrario all’attuazione delle quattro corsie e al potenziamento della ferrovia per trasporto merci, che comunque è una soluzione parziale.

Perché si parla spesso del progetto di interramento della ferrovia a Trento, mentre la Valsugana che dovrebbe diventare il salotto buono di Trento è relegata ad un “corridoio naturale”?

La realizzazione della Valdastico o meglio una variante in galleria da Bassano  è una soluzione, anche se osteggiata dagli abitanti della Vallarsa e Terragnolo.

Nerobutto sostiene che occorre spartirsi il peso della Mobilità riprogettando i lavori in galleria, che in altri contesti offrono serenità ai territori (vedi Lavis, Sarentino e progetto galleria del Brennero). Come non ricordare i 40 minuti di colonna solo per raggiungere la città di Trento prima dell’apertura galleria di Martignano nel 2007?

Le prospettive per il futuro della Valsugana guardano al turismo e agricoltura; la Valsugana deve essere considerata come le altre valli trentine, i soldi spesi anche per l’ammodernamento delle barriere antirumore che a Tezze sono in assoluto le peggiori anche dal punto di vista estetico.

Nerobutto rileva la mancanza di manutenzione dei pannelli che vibrano, non hanno continuità a due metri dalle case e propone l’interramento della superstrada nel paese di Tezze.

Nella frazione di Martincelli i giunti del ponte sospeso creano un rumore assordante e continuo, propone il monitoraggio del viadotto attingendo alle nuove tecnologie.

In Valsugana terra di emigrazione e di gente laboriosa legata alle tradizioni e all’agricoltura, si devono recuperare i territori abbandonati (dopo l’alluvione del ‘66), la cui coltivazione può offrire un reddito integrativo.

Un tempo i numerosi terrazzamenti “nascosti” erano coltivati a vitigni, si producevano ortaggi, fagioli, crauti, uva da tavola.

Occorre recuperare le vecchie case da convertire in piccoli appartamenti turistici, sviluppando i sentieri che portano in Tesino, Asiago e Ortigara, magari ipotizzando anche una funivia.
Ecologia ed economia non sono in contraddizione fra loro, si completano a vicenda – conclude Tiziano Nerobutto.

Il tema della Mobilità sostenibile di persone e merci è fondamentale, e sappiamo quanto è importante potersi spostare.
Ma è di pari importanza anche il diritto alla salute del cittadino e la tutela del paesaggio nella costruzione delle infrastrutture previste dal PNRR (Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza).

Pubblicità
Pubblicità
Pubblicità
Pubblicità

  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Attivata la seconda sessione di contributi a fondo perduto per Associazioni sportive, come funziona
    Dopo i danni subiti dalle associazioni sportive a causa delle restrizioni dovute all’emergenza covid, il Dipartimento per lo Sport della Presidenza del CdM ha destinato un fondo di 50 milioni per Ssd e Asd. Contributi... The post Attivata la seconda sessione di contributi a fondo perduto per Associazioni sportive, come funziona appeared first on Benessere […]
  • Reddito di libertà, attivata la procedura per l’invio delle domande
    Dopo l’annuncio di qualche mese fa, il reddito di libertà ora è pronto per essere erogato a tutte le donne in difficoltà e vittime di violenza. Reddito di libertà, cos’è La misura che prevede un... The post Reddito di libertà, attivata la procedura per l’invio delle domande appeared first on Benessere Economico.
  • Bonus idrico pronto, ma sito offline: le domande al via dal 2022
    Manca poco all’arrivo del Bonus idrico che permette di ricevere un rimborso di 1000 euro per chi sostituisce rubinetti di bagno e cucina. Ad oggi anche se sembra tutto pronto per l’avvio della nuova agevolazione,... The post Bonus idrico pronto, ma sito offline: le domande al via dal 2022 appeared first on Benessere Economico.
  • Il futuro corre verso un’economia circolare: nuovi modelli di rigenerazione e sviluppo
    Il futuro dell’economia, dovrà evolversi tenendo conto della missione che ormai accomuna tutti gli stati del mondo, la sostenibilità. Di fatto, per avvicinarsi verso un’economia circolare che riduca la produzione dei rifiuti, garantisca uno sviluppo... The post Il futuro corre verso un’economia circolare: nuovi modelli di rigenerazione e sviluppo appeared first on Benessere Economico.
  • Boom di adesioni per il Bonus Terme, cosa possono fare gli esclusi
    Dopo le difficoltà iniziali, il Bonus terme ha riscontrato un a grande affluenza, tanto da esaurire i fondi nel giro di poche ore. Un boom di adesioni che però ha lasciato milioni di italiani esclusi... The post Boom di adesioni per il Bonus Terme, cosa possono fare gli esclusi appeared first on Benessere Economico.
  • Ipotesi Easy tax per autonomi: un ponte tra aliquote troppo diverse tra loro
    All’interno del delicato tema sul fisco, tra le varie proposte spunta anche l’easy tax per autonomi. La proposta si inserisce nel tema dell’ampliamento della Flat Tax agli autonomi con ricavi tra 65 mila e 100... The post Ipotesi Easy tax per autonomi: un ponte tra aliquote troppo diverse tra loro appeared first on Benessere Economico.

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

  • Pubblicità
    Pubblicità

Necrologi

Categorie

di tendenza