Connect with us
Pubblicità

Società

7 consigli per scrivere un curriculum perfetto

Pubblicato

-

Gli studi hanno dimostrato che, in media, a chi recluta un curriculum bastano meno di 10 secondi per capire se un candidato è adatto per il ruolo, e quindi decidere se proseguire nella lettura. Le prime impressioni sono quindi fondamentali quando si cerca di fare buona impressione per ottenere un posto, pertanto ecco sette consigli semplici ma efficaci per far risaltare il tuo CV e distinguerlo dalla massa.

Creare una scaletta e cercare un modello – I modelli di CV sono diversi, e una delle cose più importanti per colpire chi leggerà il curriculum, prima ancora che inizi a leggerlo approfonditamente, è avere un ottimo modello su cui contare. In base a questo sarà dunque più facile creare una scaletta per scrivere le proprie esperienze, gli studi e tutto quanto serve per rendere il curriculum unico e professionale.

Sfruttare l’ordine cronologico inverso – Guardare un film che racconta la storia di una persona da quanto è piccola fino a quando diventa adulta è spesso emozionante, ma lo stesso non vale per un CV, soprattutto per il fattore tempo. Quando un reclutatore inizia a leggere, infatti, si aspetta di trovare prima di tutto le informazioni più recenti, ovvero quelle che maggiormente gli servono. Di conseguenza, se vorrà andare più a fondo perché interessato, proseguirà con la lettura delle esperienze meno recenti. Sfrutta dunque un ordine cronologico inverso sia per quanto riguarda le tue esperienze lavorative, sia per studi e attestati ricevuti o conseguiti.

Pubblicità
Pubblicità

Scrivere i contributi apportati alle aziende – Non è il numero di esperienze che attira l’attenzione di un nuovo datore di lavoro, quanto piuttosto leggere che tipo di vantaggi sono stati apportati alle aziende nelle quali hai lavorato in precedenza. Per tale motivo è bene riportare sotto ogni precedente esperienza lavorativa alcuni contributi che la propria figura professionale è riuscita ad apportare, siano anche piccole cose. Ciò ti metterà in luce come persona consapevole e ben connessa alla realtà delle situazioni, tra l’altro.

Non superare le due pagine – Un buon CV è chiaro, conciso, scorrevole e senza informazioni superflue. Non hai bisogno di pagine e pagine per sembrare quanto più professionale. I datori di lavoro ricevono continuamente dozzine di curriculum, quindi è improbabile che leggano più di due pagine: come detto in precedenza, andranno ad approfondire solo se realmente interessati, e di certo non vorranno leggere un libro intero. Leggeranno quanto basta per convincersi a contattarti per un colloquio di persona.

Adattare il CV al ruolo per il quale ci si propone – Per facilitare la sintesi, non inserire in un CV tutte le esperienze lavorative della tua vita. In particolare concentrati su ciò che è inerente con il ruolo per il quale andrai a proporti. In tal modo il curriculum sarà più chiaro e lineare, certamente più affidabile per un ipotetico futuro datore di lavoro. Nel caso in cui ti interessino più posizioni diverse, prepara differenti curriculum. Alcune informazioni possono e devono chiaramente essere comuni, mentre altre saranno più opportune per un CV piuttosto che per un altro.

Pubblicità
Pubblicità

Parola alle competenze – Le esperienze lavorative sono fondamentali in un CV, ma lo sono anche le competenze e le abilità. In questa sezione del tuo CV non dimenticare di menzionare le competenze chiave che possono aiutarti a distinguerti dagli altri candidati. Per fare un esempio, potresti includere capacità di comunicazione, competenze informatiche, abilità di leadership e lavoro di gruppo, risoluzione rapida dei problemi, e così via. Può anche essere un modo per dimostrare come esperienze apparentemente discordanti o incongrue ti abbiano portato a sviluppare tali competenze nel migliore dei modi.

Occhio alla grammatica – Ultimo consiglio, ma non per importanza, presta particolare attenzione alla grammatica. Qualsiasi sia la posizione per la quale ti stai candidando, una grammatica corretta sarà uno strumento in più per mostrarti competente e con una spiccata attenzione ai dettagli, nonché dedizione in ciò che fai. A tutti può capitare di sbagliare a scrivere qualcosa, anche solo per un errore di battitura, ma evitare anche questo tipo di errori dimostra che hai controllato con pazienza il tuo CV, e che quindi potresti essere una persona precisa e competente.

Per concludere – Tenendo in considerazione questi consigli, il tuo curriculum avrà modo di ottenere una buona marcia in più. Considera anche di non cadere in una controproducente ansia da prestazione: il CV è importante, ma ancora di più lo sarà il lavoro che andrai a svolgere giorno dopo giorno nell’azienda che deciderà di assumerti.

Pubblicità
Pubblicità

  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Bonus idrico pronto, ma sito offline: le domande al via dal 2022
    Manca poco all’arrivo del Bonus idrico che permette di ricevere un rimborso di 1000 euro per chi sostituisce rubinetti di bagno e cucina. Ad oggi anche se sembra tutto pronto per l’avvio della nuova agevolazione,... The post Bonus idrico pronto, ma sito offline: le domande al via dal 2022 appeared first on Benessere Economico.
  • Il futuro corre verso un’economia circolare: nuovi modelli di rigenerazione e sviluppo
    Il futuro dell’economia, dovrà evolversi tenendo conto della missione che ormai accomuna tutti gli stati del mondo, la sostenibilità. Di fatto, per avvicinarsi verso un’economia circolare che riduca la produzione dei rifiuti, garantisca uno sviluppo... The post Il futuro corre verso un’economia circolare: nuovi modelli di rigenerazione e sviluppo appeared first on Benessere Economico.
  • Boom di adesioni per il Bonus Terme, cosa possono fare gli esclusi
    Dopo le difficoltà iniziali, il Bonus terme ha riscontrato un a grande affluenza, tanto da esaurire i fondi nel giro di poche ore. Un boom di adesioni che però ha lasciato milioni di italiani esclusi... The post Boom di adesioni per il Bonus Terme, cosa possono fare gli esclusi appeared first on Benessere Economico.
  • Ipotesi Easy tax per autonomi: un ponte tra aliquote troppo diverse tra loro
    All’interno del delicato tema sul fisco, tra le varie proposte spunta anche l’easy tax per autonomi. La proposta si inserisce nel tema dell’ampliamento della Flat Tax agli autonomi con ricavi tra 65 mila e 100... The post Ipotesi Easy tax per autonomi: un ponte tra aliquote troppo diverse tra loro appeared first on Benessere Economico.
  • Buono viaggio Taxi e Ncc: fino al 50% di sconto sul totale della corsa
    Per alcune categorie di persone, viaggiare in taxi potrebbe essere più conveniente. All’interno del Decreto Rilancio e successivamente nel Dl infrastrutture è stata inserita una particolare agevolazione che prevede viaggi in auto con conducente e... The post Buono viaggio Taxi e Ncc: fino al 50% di sconto sul totale della corsa appeared first on Benessere […]
  • Bonus Partite Iva, fino al 13 dicembre la presentazione delle domande
    Bonus Partite Iva Il bonus, messo a disposizione del Governo è un sussidio erogato a favore dei soggetti esercenti di titolari di partita Iva, soggetti esercenti di attività di impresa che hanno subito perdite a... The post Bonus Partite Iva, fino al 13 dicembre la presentazione delle domande appeared first on Benessere Economico.

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

  • Pubblicità
    Pubblicità

Necrologi

Categorie

di tendenza