Connect with us
Pubblicità

Trento

Oltre 2.000 bandisti ieri in piazza Dante: e arriva anche il videomessaggio di Andrea Bocelli

Pubblicato

-

Un grande evento popolare, tripudio di suoni, colori, amicizia. L’evento clou per i 70 anni della Federazione Corpi Bandistici del Trentino ha trovato il successo di gradimento, di pubblico, di partecipazione che era atteso.

Una grande festa che cade in un giorno particolare, la 1° Giornata nazionale dello Spettacolo, istituita dopo il Covid19.

Il lungo serpentone musicale che ha animato ieri mattina le vie di Trento, secondo un itinerario che partiva dai giardini del Muse fino a piazza Dante, ha contato sul calore del pubblico assiepato lungo le vie e le piazze cittadine, per poi arrivare intorno al monumento di Dante.

Pubblicità
Pubblicità

Dopo alcune esibizioni coreografiche curate dalle bande di Moena, Latzfons, Castello Tesino e Folgaria, illustrate dal mazziere Giuseppe Ferraro, oltre 2300 bandisti hanno intonato insieme gli inni della Federazione, dell’Europa e infine del Trentino. A dirigerli, dall’alto di una posizione sopraelevata, i maestri Claudio Dorigato, Marco Bazzoli e Gianni Caracristi.

E non solo: ad augurare buon compleanno alla federazione è arrivato anche il gradito videomessaggio di Andrea Bocelli.

Ad accogliere i circa 2300 bandisti protagonisti di questa grande giornata di musica e comunità un folto palco autorità, con in testa il sindaco di Trento Franco Ianeselli: “Oggi qui c’è tutto il Trentino – ha detto Ianeselli – dietro queste emozioni vi è la capacità organizzativa della Federazione Bande, dietro la musica ci sono amicizia e tradizione, valori che uniscono tre generazioni di bandisti; grazie per quello che fate ogni giorno, con la musica dal vivo che rende tutto più bello”.

Pubblicità
Pubblicità

A seguire il presidente di Federbande Renzo Braus ha sottolineato il valore della manifestazione clou delle celebrazioni per il settantesimo, rilevando il valore di un “momento di aggregazione e socializzazione dopo un tempo di tremendo silenzio”; quindi il presidente della Provincia, Maurizio Fugatti, salutando i bandisti, i tanti sindaci presenti e il pubblico, ha ribadito come “il Trentino è orgoglioso dei suoi bandisti e di tutto quanto hanno fatto per far crescere il Trentino in questi decenni, mostrando le diversità che lo caratterizzano e il valore e l’unicità del territorio”; Fugatti ha quindi ribadito l’importanza dei tanti giovani attivi nelle bande e presenti per l’occasione.

Ancora l’assessore alla cultura Mirko Bisesti ha rilevato “lo spettacolo di vedere riunite in piazza le comunità e la cultura trentina, una festa per il Trentino, una scommessa da portare avanti in onore di una tradizione plurisecolare”.

Infine, presidente del consiglio provinciale Walter Kaswalder ha parlato di una “festa di ripartenza” dopo un anno e mezzo di forzato silenzio.

DAL PARCO DEL MUSE A PIAZZA DANTE, UNA GRANDE FESTA POPOLARE – Fin dalla prima mattina il parco antistante il Muse ha iniziato ad accogliere le 78 bande che via via si preparavano alla sfilata; la prima a partire è stata quella di Andalo alle 8.45, l’ultima quella di Folgaria.

“La musica oggi scalderà i cuori e anche le mani!” un’esclamazione di tanti, visto la temperatura pungente di prima mattina, stemperata poi dal sole che ha premiato questa giornata. Ma girando tra i gruppi bandistici, quante volte si è sentito dire “Quanto tempo!” nel momento in cui si incontravano colleghi, amici di bande diverse. Una passione che accomuna anziani e giovani: come Stefano, 11 anni, da pochi mesi aggregato alla banda e già protagonista di un evento straordinario.

Nel prato del Muse, nell’attesa di partire per sfilare, si improvvisano mini-concerti che raccolgono gli applausi del pubblico che nel corso della mattina ha accolto l’invito. Non mancano, naturalmente, i ritardatari, presto indirizzati dai volontari addetti all’organizzazione al corretto posizionamento nel lungo schieramento di sfilata.

“Sono contentissimo – ha detto il presidente Renzo Braus in apertura – una bellissima soddisfazione, una grande festa di ripartenza”.

“Dopo tanto tempo riprende la socialità – dichiara Laura Tabarelli, vicesindaca di Cembra-Lisignago – un momento molto importante che ricuce il rapporto tra il Trentino e le sue bande”.

“L’era ora de ‘nviarse via!” interviene Walter Odorizzi, della banda di Albiano. “Ci mancava tanto tutto questo – aggiunge un anziano bandista di Caldonazzo – eravamo fermi da troppo tempo”, mentre Luca, della banda di Zambana, elogia la Federazione per questa “bella iniziativa”.

Per Giuliano Moser, maestro della banda di Mezzocorona, è “sempre emozionante ritrovarsi, ma di più oggi dopo tanto tempo e tante difficoltà”; “Siamo contenti di esserci – dice Andrea Nervo presidente di Pieve Tesino, mentre Danilo Salvaterra, presidente della banda di Pinzolo, ribadisce la soddisfazione nel ripartire così dopo tanto silenzio forzato; “siamo belli carichi” commenta Francesco Facinelli, bandista d’eccezione, dato che è stato sindaco di Ville d’Anaunia fino al 2020.

Vi sono bande accompagnate da altrettante “bande” di sindaci: come quella dei “Sette comuni” della bassa Val di Non, con i primi cittadini di Campodenno, Contà, Denno, Sporminore e Ton; o quella di Ossana-Vermiglio, per l’occasione insieme a quella di Mezzana. Infine Nicola Politi, mazziere della banda di Cavalese, ricorda “l’importanza del traguardo raggiunto dalla federazione, insieme alla bellezza di essere qui tutti insieme: era importante esserci”.

E quando la festa si è trasferita in piazza Dante, altre scene di simpatica convivialità animano la giornata, con bandisti di tante provenienze socializzare, mentre amici e parenti portano la merenda da consumare tutti insieme.

I NUMERI DELL’EVENTO – 78 bande in sfilata; 1 banda dall’Austria (Schwaz); 2303 bandisti presenti; 65 i componenti del Corpo Bandistico di Lizzana, il più numeroso

70 gli anni della Federazione Corpi Bandistici del Trentino; 5900 i bandisti attivi in Trentino; 41 le bande giovanili attive in Trentino. Oltre 50 i volontari (Gruppo Volontariato Polizia di Stato Trento e Moena; Alpini di Aldeno, Carabinieri in congedo di Aldeno), oltre alla Polizia Municipale

LA FEDERAZIONE DEI CORPI BANDISTI DEL TRENTINO 1951-2021 – La Federazione dei Corpi Bandistici del Trentino nasce il 24 giugno del 1951 con l’obiettivo di coordinare e supportare i numerosi complessi che all’indomani della guerra andavano formandosi sul territorio provinciale. Fin dal principio si presenta come un organismo deputato all’organizzazione e coordinamento di tutte le iniziative che abbiano come finalità il progressivo miglioramento della qualità tecnico-artistica dei corpi e dei singoli componenti. A muoverla e l’amore per la musica, quale strumento di unione e fratellanza.

A 70 anni dalla fondazione, la Federazione continua a perseguire quei valori, di aggregazione e socializzazione, che l’hanno sempre contraddistinta investendo nella formazione musicale e presentandosi come il punto di riferimento per gli adulti e per i tanti giovani che studiano uno strumento e desiderano entrare in banda.

Oggi la Federazione dei corpi bandistici raccoglie n. 82 corpi bandistici e n. 4 fanfare alpine e 41 bande giovanili, con il meglio delle promesse musicali future. I bandisti impegnati sono complessivamente 5.900, mentre 2.789 sono i ragazzi che studiano strumenti musicali. I concerti realizzati annualmente sono circa 1500. Da ricordare il tradizionale concerto di Natale del 26 dicembre di ogni anno presso l’Auditorium S. Chiara di Trento con le due bande rappresentative della Federazione allo scopo di rappresentare la realtà bandistica in alcune importanti circostanze.

Alla base di tutto una parola, semplice ma importate: “volontariato”, che significa valore aggiunto, passione, tradizione. Una parola che, nelle mani dei corpi bandistici saprà conquistare sempre più giovani e condurre il movimento bandistico tra nuove sfide e traguardi.

Pubblicità
Pubblicità
Pubblicità
Pubblicità

  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Attivata la seconda sessione di contributi a fondo perduto per Associazioni sportive, come funziona
    Dopo i danni subiti dalle associazioni sportive a causa delle restrizioni dovute all’emergenza covid, il Dipartimento per lo Sport della Presidenza del CdM ha destinato un fondo di 50 milioni per Ssd e Asd. Contributi... The post Attivata la seconda sessione di contributi a fondo perduto per Associazioni sportive, come funziona appeared first on Benessere […]
  • Reddito di libertà, attivata la procedura per l’invio delle domande
    Dopo l’annuncio di qualche mese fa, il reddito di libertà ora è pronto per essere erogato a tutte le donne in difficoltà e vittime di violenza. Reddito di libertà, cos’è La misura che prevede un... The post Reddito di libertà, attivata la procedura per l’invio delle domande appeared first on Benessere Economico.
  • Bonus idrico pronto, ma sito offline: le domande al via dal 2022
    Manca poco all’arrivo del Bonus idrico che permette di ricevere un rimborso di 1000 euro per chi sostituisce rubinetti di bagno e cucina. Ad oggi anche se sembra tutto pronto per l’avvio della nuova agevolazione,... The post Bonus idrico pronto, ma sito offline: le domande al via dal 2022 appeared first on Benessere Economico.
  • Il futuro corre verso un’economia circolare: nuovi modelli di rigenerazione e sviluppo
    Il futuro dell’economia, dovrà evolversi tenendo conto della missione che ormai accomuna tutti gli stati del mondo, la sostenibilità. Di fatto, per avvicinarsi verso un’economia circolare che riduca la produzione dei rifiuti, garantisca uno sviluppo... The post Il futuro corre verso un’economia circolare: nuovi modelli di rigenerazione e sviluppo appeared first on Benessere Economico.
  • Boom di adesioni per il Bonus Terme, cosa possono fare gli esclusi
    Dopo le difficoltà iniziali, il Bonus terme ha riscontrato un a grande affluenza, tanto da esaurire i fondi nel giro di poche ore. Un boom di adesioni che però ha lasciato milioni di italiani esclusi... The post Boom di adesioni per il Bonus Terme, cosa possono fare gli esclusi appeared first on Benessere Economico.
  • Ipotesi Easy tax per autonomi: un ponte tra aliquote troppo diverse tra loro
    All’interno del delicato tema sul fisco, tra le varie proposte spunta anche l’easy tax per autonomi. La proposta si inserisce nel tema dell’ampliamento della Flat Tax agli autonomi con ricavi tra 65 mila e 100... The post Ipotesi Easy tax per autonomi: un ponte tra aliquote troppo diverse tra loro appeared first on Benessere Economico.

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

  • Pubblicità
    Pubblicità

Necrologi

Categorie

di tendenza