Connect with us
Pubblicità

Trento

Democrazia paritaria, no alla terza preferenza. Il Comitato per la promozione dell’imprenditoria femminile difende l’equa rappresentanza tra i generi

Pubblicato

-

La necessità di evidenziare e valorizzare il contributo delle donne, che al momento sono meno rappresentate nei luoghi decisionali e nel mondo imprenditoriale, non deve essere considerato solo un modo per colmare un gap di genere, ma un’opportunità, un volano per la soluzione di problemi sociali e culturali di tutti.

Il Comitato per la promozione dell’imprenditoria femminile ha condiviso e sottoscritto nel maggio 2015 la “Carta per la democrazia paritaria in Trentino” promossa dalla Commissione provinciale per le pari opportunità tra donna e uomo, che auspica una reale rappresentanza paritetica in politica e negli ambienti in cui si prendono decisioni importanti per il benessere dell’intera comunità.

Inoltre, lo scorso 7 maggio, durante l’audizione in Prima Commissione legislativa permanente del Consiglio della Provincia autonoma di Trento aveva manifestato la propria contrarietà alla possibilità di esprimere tre preferenze in sede elettorale.

Pubblicità
Pubblicità

Il nostro territorio si distingue per una scarsa presenza delle donne nelle Istituzioni e questa sotto-rappresentanza nei luoghi decisionali non può più persistere.

La presenza femminile paritaria, costituisce la condizione necessaria per realizzare una democrazia compiuta e non solo una semplice norma antidiscriminatoria. Significa valorizzare talenti e competenze in una logica di sviluppo e costituisce un fattore strategico di rinnovamento e modernità.

Le donne hanno il diritto di esercitare la rappresentanza in prima persona come sancito sia dalla Costituzione che prevede: “Le leggi regionali rimuovono ogni ostacolo che impedisce la piena parità degli uomini e delle donne nella vita sociale, culturale ed economica e promuovono la parità di accesso tra donne e uomini alle cariche elettive” (art. 117) sia dallo Statuto di autonomia che sancisce: “Al fine di conseguire l’equilibrio della rappresentanza dei sessi, la medesima legge promuove condizioni di parità per l’accesso alle consultazioni elettorali” (art. 47).

Pubblicità
Pubblicità

Ecco perché, le modifiche alla Legge elettorale provinciale, presentate in questi giorni, rischiano di farci tornare indietro rispetto al tentativo di instaurare una “democrazia paritaria”.

Cancellare il criterio di alternanza al momento della votazione, introducendo la possibilità di esprimere una terza preferenza, significa di fatto spalancare le porte a una predominanza di eletti di genere maschile, provocando uno squilibrio che penalizzerebbe l’intera comunità e contro il quale il Comitato si sta impegnando fin dall’inizio della sua istituzione.

Inoltre, sappiamo perfettamente che senza un obbligo di legge, difficilmente le liste elettorali sarebbero composte paritariamente da donne e uomini e crediamo che una tale possibilità possa far regredire considerevolmente il processo che dovrebbe invece portare, il più celermente possibile, a un’equa rappresentanza tra i generi.

Spiace constatare quanto sia ancora necessario non solo lottare per dare voce alle donne nelle sedi decisionali, ma addirittura dover difendere le posizioni finora conquistate a garanzia della rappresentanza paritaria di tutta la società.

Pubblicità
Pubblicità

  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Attivata la seconda sessione di contributi a fondo perduto per Associazioni sportive, come funziona
    Dopo i danni subiti dalle associazioni sportive a causa delle restrizioni dovute all’emergenza covid, il Dipartimento per lo Sport della Presidenza del CdM ha destinato un fondo di 50 milioni per Ssd e Asd. Contributi... The post Attivata la seconda sessione di contributi a fondo perduto per Associazioni sportive, come funziona appeared first on Benessere […]
  • Reddito di libertà, attivata la procedura per l’invio delle domande
    Dopo l’annuncio di qualche mese fa, il reddito di libertà ora è pronto per essere erogato a tutte le donne in difficoltà e vittime di violenza. Reddito di libertà, cos’è La misura che prevede un... The post Reddito di libertà, attivata la procedura per l’invio delle domande appeared first on Benessere Economico.
  • Bonus idrico pronto, ma sito offline: le domande al via dal 2022
    Manca poco all’arrivo del Bonus idrico che permette di ricevere un rimborso di 1000 euro per chi sostituisce rubinetti di bagno e cucina. Ad oggi anche se sembra tutto pronto per l’avvio della nuova agevolazione,... The post Bonus idrico pronto, ma sito offline: le domande al via dal 2022 appeared first on Benessere Economico.
  • Il futuro corre verso un’economia circolare: nuovi modelli di rigenerazione e sviluppo
    Il futuro dell’economia, dovrà evolversi tenendo conto della missione che ormai accomuna tutti gli stati del mondo, la sostenibilità. Di fatto, per avvicinarsi verso un’economia circolare che riduca la produzione dei rifiuti, garantisca uno sviluppo... The post Il futuro corre verso un’economia circolare: nuovi modelli di rigenerazione e sviluppo appeared first on Benessere Economico.
  • Boom di adesioni per il Bonus Terme, cosa possono fare gli esclusi
    Dopo le difficoltà iniziali, il Bonus terme ha riscontrato un a grande affluenza, tanto da esaurire i fondi nel giro di poche ore. Un boom di adesioni che però ha lasciato milioni di italiani esclusi... The post Boom di adesioni per il Bonus Terme, cosa possono fare gli esclusi appeared first on Benessere Economico.
  • Ipotesi Easy tax per autonomi: un ponte tra aliquote troppo diverse tra loro
    All’interno del delicato tema sul fisco, tra le varie proposte spunta anche l’easy tax per autonomi. La proposta si inserisce nel tema dell’ampliamento della Flat Tax agli autonomi con ricavi tra 65 mila e 100... The post Ipotesi Easy tax per autonomi: un ponte tra aliquote troppo diverse tra loro appeared first on Benessere Economico.

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

  • Pubblicità
    Pubblicità

Necrologi

Categorie

di tendenza