Connect with us
Pubblicità

Trento

«Nel cuore nessuna croce manca»: da giovedì il ricordo dei caduti trentini nella Grande Guerra

Pubblicato

-

Iniziano giovedì 14 ottobre e terminano domenica 17 ottobre le iniziative in occasione della Giornata per ricordare le vittime e i caduti trentini della Grande Guerra istituita con legge provinciale (la numero 11 del 2017) e promosse dalla Provincia autonoma di Trento, il Museo Storico Italiano della Guerra e la Fondazione Museo storico del Trentino.

Le quattro giornate unite dal titolo “Nel cuore nessuna croce manca” sono dedicate alla memoria delle vittime trentine, militari ma anche civili, che hanno costellato il primo confitto mondiale.

La commemorazione prende avvio tutti gli anni il 14 ottobre, in coincidenza della grande offensiva austroungarica in Galizia nel 1915 che tante vite costò ai soldati trentini.
Per l’assessore alla cultura della Provincia autonoma di Trento Mirko Bisesti le quattro giornate di commemorazione delle vittime trentine della Grande Guerra rappresentano un ulteriore contributo al consolidamento di una memoria comune in Trentino e fuori da esso, memoria comune che permette di cementare i rapporti tra territori che in passato si sono combattuti e di avere una base condivisa fondamentale per sviluppare ulteriormente i legami storici e quelli culturali.

Pubblicità
Pubblicità

Il ricordo unitario dei caduti trentini, militari e civili, della Grande Guerra ha un valore fondamentale sostanziare la coesione sociale della comunità trentina, coesione che trae alimento anche se non soprattutto da un ricordo condiviso degli avvenimenti storici drammatici che l’hanno colpita in passato.

Molto nutrito il programma (clicca qui per scaricarlo) della quattro giorni di commemorazione, con il momento più importante previsto per venerdì 15 ottobre alle ore 16.00 alla Campana dei caduti a Rovereto con la commemorazione ufficiale delle vittime e dei caduti trentini del Primo conflitto mondiale, con interventi del Reggente della Campana, del vicepresidente nazionale della Croce nera austriaca e del Presidente della Provincia autonoma di Trento.

La presenza del rappresentante austriaco evidenzia la volontà di una memoria comune sui fatti della Grande Guerra, all’insegna del superamento delle divisioni del passato nel nome della comune appartenenza europea dei territori che furono segnati dal conflitto.

Pubblicità
Pubblicità

Tra gli altri appuntamenti della quattro giorni di commemorazioni, la deposizione al Cimitero monumentale di Trento alle 10.30 di giovedì 14 di una corona al Sacrario militare austro-ungarica, la presentazione della mostra e del catalogo “Un secolo di storia. Cent’anni di storie” (venerdì 15 ore 18 a Rovereto, Museo Storico Italiano della Guerra), e la visita teatralizzata Voci dal passato che, con l’aiuto del Teatro delle Quisquilie e di testimoni diretti, racconta la nascita del Museo Storico Italiano della Guerra di Rovereto.

Per il pubblico, poi, anche la possibilità di visite gratuite (con prenotazione obbligatoria) al Memoriale dei caduti trentini della Grande Guerra a Rovereto (didattica@museodellaguerra.it, 0464 488041) e a Forte Cadine (edu@museostorico.it, 0461 230482).

La scelta del 14 ottobre – Allo scoppio della prima guerra mondiale il Trentino faceva parte dell’Impero austro-ungarico e confinava con il Regno d’Italia. Nell’estate del 1914 migliaia di trentini furono richiamati alle armi e inviati sul fronte orientale, in Galizia (territorio oggi diviso fra Polonia e Ucraina), per combattere contro l’esercito russo.

Nel corso della Grande Guerra furono 60.000 in totale i trentini arruolati, circa 12.000 non tornarono. Un anno dopo, nel maggio del 1915, la dichiarazione di guerra dell’Italia all’Austria portò il conflitto nelle case dei trentini. Con l’apertura del fronte meridionale le zone di confine vennero evacuate. Furono oltre centomila i profughi sfollati, la maggioranza nell’entroterra dell’Impero austro-ungarico, principalmente nei campi di Braunau e Mitterndorf e nei Paesi della Boemia e della Moravia, altri furono evacuati dall’esercito italiano nel Regno d’Italia.

La data scelta ricorda entrambi questi aspetti: nell’ottobre del 1914 vi furono scontri sanguinosi sul fiume San, in Galizia, nel corso dei quali morirono molti soldati trentini, di contro nel novembre del 1915 entrarono i primi trentini nella “città di legno” di Braunau, il baraccamento destinato ai profughi evacuati allo scoppio della guerra con l’Italia.

Clicca qui per scaricare l’intero programma

Pubblicità
Pubblicità
Pubblicità
Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità
Trento42 minuti fa

Morte di Sergio Tell: riemerge il problema sicurezza. In via Alto Adige in arrivo due autovelox

Italia ed estero52 minuti fa

Parlamento Europeo, approvata Riforma EMA: più poteri per l’Agenzia del Farmaco

Trento1 ora fa

Omicidio Deborah Saltori: Cattoni ora rischia l’ergastolo. L’atto violento aggravato dalla crudeltà

Piana Rotaliana1 ora fa

Raddoppio della linea del Brennero, l’incontro con gli amministratori della Rotaliana

Italia ed estero2 ore fa

Quirinale, Ipotesi voto dall’automobile per i positivi al covid: il parcheggio sarà attrezzato a seggio

Arte e Cultura2 ore fa

«Celebrare per crescere – Speciale Autonomia Trentino Alto Adige»: oggi la prima puntata su Voce24news

Trento2 ore fa

Prodotti vinicoli: alla scoperta dei vini bianchi più amati del momento

Arte e Cultura2 ore fa

Tornano le domeniche gratuite al museo: domenica al Mart l’arte è gratuita

Io la penso così…3 ore fa

Mancato intervento chirurgico: «Completamente abbandonati negandoci così un diritto essenziale alla salute» 

Trento3 ore fa

Il mese prossimo il progetto definitivo per la messa in sicurezza della curva del palloncino

Arte e Cultura3 ore fa

A Trento e a Rovereto ecco “Patria”, la rilettura di Roberto Zappalà sul concetto di patria e di appartenenza

Bolzano14 ore fa

Bolzano: bomba carta contro la sede della Lega

Italia ed estero15 ore fa

Rifiuta di andare a letto con la suocera su invito della futura sposa: salta il matrimonio

Val di Non – Sole – Paganella15 ore fa

Coronavirus: 198 nuovi casi nelle Valli del Noce

Trento15 ore fa

Coronavirus: 3 decessi e 2.659 contagi nelle ultime 24 ore in Trentino

Trento3 settimane fa

Nel 2021 su «La Voce del Trentino» lette oltre 30 milioni di pagine da 8 milioni di lettori

Trento2 settimane fa

Coronavirus: una vittima e 972 nuovi contagi nelle ultime 24 ore

Trento2 settimane fa

Coronavirus: nuovo record di contagi nelle ultime 24 ore. Sempre stabili i ricoveri

Trento2 settimane fa

Coronavirus: 2.372 contagi e due morti nelle ultime 24 ore in Trentino

Trento2 settimane fa

Coronavirus: due morti e 2.290 contagi nelle ultime 24 ore. Calano sensibilmente i ricoveri

Trento3 settimane fa

Coronavirus: due vittime e 807 nuovi contagi nelle ultime 24 ore in Trentino

Trento3 settimane fa

Coronavirus: 408 nuovi casi e nessun decesso nelle ultime 24 ore in Trentino

Trento3 settimane fa

Coronavirus: record di contagi in Trentino nelle ultime 24 ore. Morta una donna di 55 anni

Trento3 settimane fa

Coronavirus: 1.307 nuovi contagi in Trentino nelle ultime 24 ore. Superato il milione di vaccinazioni

Trento3 settimane fa

Coronavirus: 1 decesso e 938 contagi nelle ultime 24 ore. Calano i ricoveri in terapia intensiva

Trento3 settimane fa

Coronavirus: 894 contagi nelle ultime 24 ore in Trentino. C’è anche una vittima. Stabili i ricoveri

Trento4 settimane fa

Coronavirus: altri 3 morti nelle ultime 24 ore in Trentino

Trento4 settimane fa

Fugatti: «Lupi grave problema di sicurezza, attendiamo l’approvazione del piano di gestione guida costruito per il Trentino»

Trento4 settimane fa

Coronavirus: nessun decesso e 139 contagi nelle ultime 24 ore in Trentino

Trento4 settimane fa

Coronavirus: 3 vittime e 502 contagi nelle ultime 24 ore in Trentino

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

  • Pubblicità
    Pubblicità

Unico&Bello

La miniera di diamanti aperta al pubblico: l’incredibile esperienza di scavare e tentare la fortuna

Un’esperienza indimenticabile, ricca e fruttuosa: sono le caratteristiche principali della “Creater of Diamonds”, l’unica miniera di diamanti al mondo aperta al pubblico. Si tratta di un grande parco…

Orient Express la Dolce Vita: in Italia un nuovo modo di vivere il Paese

A breve in Italia arriverà un nuovo modo di vivere e conoscere il Paese, in carrozze di lusso ispirate al design degli anni ‘60/’70. L’Italia si presenta al…

Vaia Cube e Vaia Focus: nuova vita agli alberi abbattuti da Vaia

Sono numerose le aziende ed i privati che hanno deciso, negli ultimi anni, di donare nuova vita e dignità ai 42 milioni di alberi abbattuti dalla tempesta Vaia…

2050: come ci arriviamo? Mobilità sostenibile, più pulita, più veloce, più sicura e per tutti

Dal 22 dicembre 2021 al MUSE – Museo delle Scienze di Trento, la mostra “2050: COME CI ARRIVIAMO? Mobilità sostenibile, più pulita, più veloce, più sicura e per…

Necrologi

Categorie

di tendenza