Connect with us
Pubblicità

Val di Non – Sole – Paganella

Rotatoria di Dermulo e ladinità nonesa, Predaia fissa gli obiettivi

Pubblicato

-

Il Consiglio comunale di Predaia ha approvato all'unanimità la mozione sulla ladinità nonesa e ha condiviso la linea del Comitato per la viabilità e la vivibilità dell’Alta Val di Non e della Predaia per quanto riguarda la rotatoria di Dermulo
Pubblicità

Pubblicità

Da anni, ormai, si sente parlare a più livelli della famosa rotatoria di Dermulo, nodo viario tra i più importanti delle Valli del Noce e porta d’accesso dell’alta Val di Non.

Un’opera ritenuta essenziale e un primo passo necessario per migliorare la rete viaria dell’alta valle e per garantire lo sviluppo e il futuro dei territori della Predaia e in particolare dell’alta Anaunia, che non può prescindere dalla permanenza delle imprese, né tanto meno dalla vivibilità, dal rispetto della salute e dell’ambiente. E tutto ciò può essere garantito solo potendo contare su una rete di viabilità sicura e adeguata alle moderne esigenze di cittadini, aziende, turisti.

Concetti ribaditi martedì sera dal presidente del “Comitato per la viabilità e la vivibilità dell’Alta Val di Non e della Predaia” Marino Fanti, dal vicepresidente Luigi Sartori, dal segretario Stefano Graiff e dal rappresentante di Coredo Romano Inama, intervenuti all’inizio della seduta del Consiglio comunale di Predaia per presentare i presupposti su cui si basa il Comitato, il lavoro che sta portando avanti e l’importanza della collaborazione e della condivisione per risolvere le criticità che la rete viaria della SS43 Dir nel tratto Dermulo-Fondo oggi presenta.

Pubblicità
Pubblicità

«Abbiamo deciso di intraprendere questa “missione” per rendere migliore la vivibilità della nostra valle – ha spiegato Marino Fanti –. Ciò che chiediamo alla politica è di avere un occhio di riguardo per l’alta Val di Non, iniziando da Dermulo. Abbiamo fatto diversi incontri, a partire da quello con i sindaci della zona e con il Bim. L’idea è di giungere a un progetto di fattibilità condiviso da tutti, non solo dalle realtà economiche, ma anche dalle famiglie».

I membri del Comitato per la viabilità e la vivibilità dell’Alta Val di Non e della Predaia Romano Inama, Stefano Graiff, Marino Fanti (con il microfono in mano) e Luigi Sartori. Dietro, a sinistra, Walter Clauser, presidente dell’associazione “Rezia”, intervenuto sulla tematica della ladinità nonesa

Come precisato da Stefano Graiff, sarà fondamentale la fase di studio, per giungere poi a una linea progettuale condivisa. «Nel Comitato – ha detto – tutte le categorie sono rappresentate. Stiamo ragionando con la Provincia immaginando un protocollo d’intesa tra Provincia stessa, Comuni e Comitato per giungere alla progettazione di un intervento che renda più vivibili e sicuri i nostri centri abitati».

Pubblicità
Pubblicità

Il microfono è passato poi nelle mani di Luigi Sartori: «Dobbiamo lavorare a un progetto ambizioso – ha aggiunto –. La valle è cresciuta molto, con aziende solide e un turismo in espansione. Dobbiamo fare in modo che i nostri figli rimangano sul territorio, la viabilità è un tema centrale per lo sviluppo delle comunità».

La sindaca di Predaia Giuliana Cova ha ricordato come quella della rotatoria di Dermulo sia una tematica nei confronti della quale l’amministrazione, da quando si è insediata, ha posto subito grande attenzione. «Abbiamo avuto diversi incontri con il presidente Maurizio Fugatti e con i dirigenti del Servizio Viabilità per presentare la nostra idea insieme al commissario della Comunità di Valle Silvano Dominici – ha rivelato –. Le criticità sono legate al costo dell’opera e al passaggio dei veicoli durante i lavori. Con il PNRR può essere che arrivino dei fondi, condividiamo la linea del Comitato e speriamo di riuscire a realizzare insieme quest’opera».

Sulla stessa lunghezza d’onda si è detto anche il capogruppo di minoranza Loris Odorizzi, che ha evidenziato come si tratti di un tema fondamentale, che va affrontato in maniera coesa da tutta la valle.

Coinvolge la Val di Non intera anche un’altra questione tornata in auge nell’ultimo periodo con il censimento: quella della ladinità nonesa.

All’ordine del giorno, infatti, c’era anche la mozione per chiedere il riconoscimento della Val di Non come minoranza linguistica. «Finora la Provincia non ha voluto riconoscerci come tale, nonostante i risultati dei censimenti – ha dichiarato (naturalmente in noneso) il presidente dell’associazione “Rezia” Walter Clauser, presente al Consiglio –. L’idea è di presentarci con l’appoggio delle amministrazioni comunali per veder riconosciute la nostra lingua, la nostra storia, le nostre tradizioni».

Concetti condivisi dalla sindaca Cova e da tutto il Consiglio comunale, che ha approvato all’unanimità la mozione. I lavori in aula sono quindi proseguiti con la consapevolezza che Predaia, sia per il miglioramento della viabilità che per il riconoscimento della ladinità nonesa, c’è.

Pubblicità
Pubblicità
Pubblicità
Pubblicità

  • Pubblicità
    Pubblicità
Val di Non – Sole – Paganella16 minuti fa

Cles, pronti i nuovi campi da pallavolo e beach volley

Trento25 minuti fa

“Non ci sono le condizioni per effettuare un Tso, la questione è di ordine pubblico” le parole della Pat

Fiemme, Fassa e Cembra33 minuti fa

Marmolada, operativi i 3 radar per il monitoraggio del ghiacciaio. Non si registrano per ora movimenti

Alessandra de Camilli
Fiemme, Fassa e Cembra44 minuti fa

Strage Marmolada: il dolore di chi si è salvato, “Ti amo Tommaso. Sempre e per sempre” scrive Alessandra De Camilli

Rovereto e Vallagarina60 minuti fa

Ala: venerdì inizia Città di Velluto

Alto Garda e Ledro1 ora fa

Arco: tampona autoscala dei Vigili del Fuoco e scappa, si cerca un camper bianco

Italia ed estero1 ora fa

Molestie all’adunata degli Alpini: chiesta l’archiviazione dell’indagine

Giudicarie e Rendena2 ore fa

Porte Rendena: ecco la conta dei danni della Tempesta del 28 giugno

Bolzano2 ore fa

Alto Adige, precipita per 400 metri: alpinista muore sull’Ortles

Michele vaia
Fiemme, Fassa e Cembra3 ore fa

È recentemente mancato il 28 enne Michele Vaia: lascia moglie e figlia piccola

Fiemme, Fassa e Cembra3 ore fa

Sonia Bonizzi: l’ex giocatrice di hockey salvata dalla paura, “una volta ai piedi del ghiacciaio, ho scelto di non andare su”

economia e finanza4 ore fa

Cresce l’inflazione e frenano i consumi: gli italiani preferiscono il risparmio

Arte e Cultura4 ore fa

“Una dama, una farfalla… Storie di sogni e d’amore”: le artiste Fidapa espongono ad ‘Ala città di velluto’

Fiemme, Fassa e Cembra4 ore fa

Strage Marmolada: la rabbia dei parenti delle vittime

Italia ed estero4 ore fa

Diplomazia energetica, Draghi rilancia la cooperazione con Ankara: “Italia e Turchia sono partner, amici e alleati”

Valsugana e Primiero4 settimane fa

Sbanda, va in contromano e rischia di scontrarsi con altre auto prima di entrare in statale – IL VIDEO

eventi4 settimane fa

Dal 17 al 26 giugno tornano a Trento le Feste Vigiliane

Telescopio Universitario4 settimane fa

UniTrento: da vent’anni il mondo fa tappa qui

Trento3 settimane fa

Coronavirus: 267 contagi nelle ultime 24 ore in Trentino

Alto Garda e Ledro4 settimane fa

Stop alla viabilità a Riva del Garda: si girano le scene di un film americano

Politica3 settimane fa

Referendum, vittoria dei sì ma niente quorum. Amministrative: nei grandi comuni avanti il centro destra

Valsugana e Primiero3 settimane fa

Trovato morto in piscina Stefano Lorenzini di Levico Terme

Trento4 settimane fa

Attimi di paura alla stazione delle corriere di Trento!

Italia ed estero4 settimane fa

Crolla un ponte sospeso durante l’naugurazione: 25 feriti – IL VIDEO

Politica3 settimane fa

L’abbraccio mortale col PD affonda definitivamente il M5stelle

Telescopio Universitario3 settimane fa

UniTrento – Ucraina, accolte le prime due studiose

Rovereto e Vallagarina4 settimane fa

Rovereto, continuano gli atti vandalici: prese di mira le auto parcheggiate

Val di Non – Sole – Paganella2 settimane fa

Fausto Iob è stato ucciso, arrestato il presunto colpevole

Politica3 settimane fa

Claudio Cia: «Patt è solo l’ombra del suo passato e pronto a mettersi con tutti per il potere»

Trento2 settimane fa

Chico Forti, lo zio Gianni: «Perchè chi ha promesso non ha mantenuto la parola?»

  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

  • Pubblicità
    Pubblicità

Categorie

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

di tendenza