Connect with us
Pubblicità

Società

Il nobel a Giorgio Parisi rilancia la vecchia querelle: c’è compatibilità tra scienza e Fede?

Pubblicato

-

Dopo i grandi successi sportivi, l’Italia ha ottenuto anche il Nobel per la Fisica a Giorgio Parisi.(foto)

La scelta dell’Accademia svedese ha sollevato molti entusiasmi e qualche evitabile polemica. Giorgio Parisi risulta infatti tra i firmatari di una lettera di diversi anni orsono in cui si osteggiava la presenza di Benedetto XVI a la Sapienza di Roma, cioè presso l’università della capitale fondata proprio da un papa nel lontano 1303.

Il ricordo di questo fatto ha sollevato le gioie degli atei militanti dell’Uaar, convinti di poter usare questo Nobel per le loro battaglie ideologiche, ma anche il risentimento di tanti cattolici che si sono chiesti: “Perché il cattolico Nicola Cabibbo, nel 2010, no, e Giorgio Parisi sì?”.

Pubblicità
Pubblicità

Cerchiamo di capire come stiano davvero le cose ricordando anzitutto che Nicola Cabibbo è stato proprio il maestro di Parisi e di tanti altri grandi fisici italiani.

Cabibbo, cattolico, presidente della Pontificia Accademia delle Scienze, fu effettivamente privato del Nobel forse proprio per la sua conclamata fede cattolica. Il Corriere della Sera per esempio titolava così, alla sua morte: Morto il fisico Cabibbo. Gli fu negato il Nobel. Era il «padre» delle idee sviluppate dai 2 fisici giapponesi premiati con il Nobel ma il comitato del premio lo escluse.

Effettivamente fu un vero scandalo, che dimostra come persino l’assegnazione del Nobel per la fisica possa essere soggetta a pregiudizi ed ideologia (anche se molto meno spesso di quella del Nobel per la letteratura o per la pace, che troppo sovente è legata non al reale merito, ma all’ideologia in quel momento più apprezzata dagli accademici svedesi).

Pubblicità
Pubblicità

E’ stato del resto lo stesso Parisi, con grande galanteria e onesta schiettezza, a dichiarare, appena ricevuto l’ambito premio: “Il Nobel sarebbe dovuto andare anche a Nicola Cabibbo, mi dispiace che le scelte della Fondazione Nobel non siano andate in questa direzione”.

Detto questo, ha davvero senso utilizzare Parisi per trarre dalle sue convinzioni religiose (non è un credente), conclusioni filosofiche su una presunta incompatibilità tra scienza e fede?

Assolutamente no. Non solo perché, come si è visto, era cattolico il suo maestro Cabibbo, e lo è l’altro Nobel italiano vivente, Carlo Rubbia,  ma soprattutto perché è lo stesso Parisi ad avere ben chiaro che certe posizioni ideologiche sono incompatibili con un corretto ragionamento filosofico.

Bastino alcune frasi tratte da suoi articoli o da sue relazioni: “Non sono religioso, ma non ho mai pensato di fare una battaglia contro la religione, tanto più utilizzando la mia autorità di scienziato per esprimermi su quei temi. Mi sembra una follia, senza voler giudicare le persone che lo fanno:..”; “La scienza ha risposte al mondo nel mondo, ma non spiega il perché del mondo”.

In altre parole Parisi sa benissimo che la scienza non esclude la fede e non ha la pretesa di spiegare il perché del mondo, ma semmai, parzialmente, il come.

E sa anche che proprio la scienza ci pone oggi davanti ad un universo così straordinariamente congegnato che alla fine, osservando i “parametri, i numeri che lo regolano si ha l’impressione che siano “scelti” in maniera tale da permettere l’esistenza della vita: “allora, alla domanda perché avviene così, uno può dare risposte che vanno al di là della scienza: una risposta possibile è perché c’è un progetto…”.

Parisi usa non a caso le due parole, “scelti” e “progetto” perché sa benissimo che entrambe rimandano, filosoficamente parlando, ad un’ Intelligenza e ad una Volontà trascendenti (progetto, per esempio, era il termine utilizzato da Isaac Newton, per parlare dell’opera del Dio Creatore).

Dice dunque Parisi che la scienza, che non spiega il perché del mondo e apre a domande chevanno al di là di essa”; aggiunge che tra le risposte “possibili”, nel senso di logiche, c’è quella del Creatore.

Che poi questa non sia la risposta che, sino ad oggi, si dà Parisi è un altro discorso, che non giustifica i cattolici che criticano l’ assegnazione del Nobel (non si vede perché un’ ingiustizia verso Cabibbo dovrebbe essere ripagata con una, uguale e contraria, verso Parisi) e tantomeno gli atei militanti che cercano di impadronirsi di uno scienziato che può essere definito “agnostico” e che non vede alcuna incompatibilità di principio tra scienza e fede (anzi, con i suoi ragionamenti lascia capire, piuttosto il contrario).

Si potrebbe concludere il ragionamento con una frase dello stesso Cabibbo: “La scienza mira a fornire un’immagine del mondo priva di ombre. È vero, ma nel disperdere una ad una le ombre se ne svelano di nuove, cosicché lo scienziato si trova perennemente — e in questo non è differente dal letterato o dall’artista — a vivere in between, nella zona di confine tra luce ed ombra”.

Questa frase suona incredibilmente simile a quanto scriveva secoli orsono il fisico e mistico Blaise Pascal:Dio ha messo nel mondo abbastanza luce per chi vuole credere, ma ha anche lasciato abbastanza ombre per chi non vuole credere”.

  • Pubblicità
    Pubblicità
Val di Non – Sole – Paganella2 minuti fa

Direttamente dall’Orchestre de Paris alla Val di Non: Smarano ospita il concerto di Giorgio Mandolesi

Rovereto e Vallagarina1 ora fa

Cibo cinese e giapponese: è Rovereto la ‘regina’ italiana delle ordinazioni a domicilio

Trento2 ore fa

Con i rincari la benzina diventa ‘oro’: anche in Trentino i prezzi più alti dal 2013

Trento2 ore fa

Allarme produzione di mele italiane, nel 2030 potrebbe calare del 30%

Trento2 ore fa

Fondazione Pezcoller, rinnovato il Consiglio di amministrazione

Alto Garda e Ledro2 ore fa

Arco: A Nick Casciaro trionfatore a X-Factor in Romania le congratulazioni della città

Telescopio Universitario2 ore fa

700 mila morti ogni anno per colpa delle zanzare: l’università di Trento inventa un modello per mappare il rischio

Alto Garda e Ledro3 ore fa

Alto Garda e Ledro, riorganizzazione sanitaria a misura di cittadino

Trento4 ore fa

PNRR, incontro sui bandi di ricerca e innovazione con il ministro Messa

Trento4 ore fa

Finti tamponi: nessuna autorizzazione Asl. L’ambulatorio di Trento era abusivo

Trento5 ore fa

Caro-energia, ieri l’incontro fra Provincia e Cgil, Cisl e Uil

Rovereto e Vallagarina5 ore fa

Giornata della Memoria: ieri la medaglia d’onore a Giovanni Laghi di Ala

Trento6 ore fa

Scontro fratricida fra i leghisti al Centro culturale santa Chiara: e la sinistra trentina ringrazia

Trento6 ore fa

Scuola. Brandi (Pro Vita & Famiglia): «Continua la petizione per chiedere una legge contro il gender. Il consiglio provinciale di Trento ascolti i genitori»

Giudicarie e Rendena6 ore fa

Impatto tra due veicoli, ferite le due conducenti

Trento4 settimane fa

Nel 2021 su «La Voce del Trentino» lette oltre 30 milioni di pagine da 8 milioni di lettori

Trento3 settimane fa

Coronavirus: una vittima e 972 nuovi contagi nelle ultime 24 ore

Trento3 settimane fa

Coronavirus: nuovo record di contagi nelle ultime 24 ore. Sempre stabili i ricoveri

Trento3 settimane fa

Coronavirus: 2.372 contagi e due morti nelle ultime 24 ore in Trentino

Trento3 settimane fa

Coronavirus: due morti e 2.290 contagi nelle ultime 24 ore. Calano sensibilmente i ricoveri

Trento4 settimane fa

Coronavirus: due vittime e 807 nuovi contagi nelle ultime 24 ore in Trentino

Trento4 settimane fa

Coronavirus: 408 nuovi casi e nessun decesso nelle ultime 24 ore in Trentino

Trento4 settimane fa

Coronavirus: record di contagi in Trentino nelle ultime 24 ore. Morta una donna di 55 anni

Trento4 settimane fa

Coronavirus: 1.307 nuovi contagi in Trentino nelle ultime 24 ore. Superato il milione di vaccinazioni

Trento4 settimane fa

Coronavirus: 1 decesso e 938 contagi nelle ultime 24 ore. Calano i ricoveri in terapia intensiva

Trento2 settimane fa

Fugatti: «Per ora la scuola tiene. Ma siamo pronti a valutare nuovi provvedimenti»

Trento2 settimane fa

Coronavirus: 4 vittime e 885 nuovi contagi nelle ultime 24 ore in Trentino

Val di Non – Sole – Paganella2 settimane fa

Altri 336 contagi da Coronavirus nelle Valli del Noce

Rovereto e Vallagarina2 settimane fa

Infermiera no vax di Rovereto muore di Covid a soli 57 anni: aveva deciso di non curarsi

Trento2 settimane fa

Coronavirus: contagi in calo e ricoveri stabili nelle ultime 24 ore in Trentino

  • Pubblicità
    Pubblicità

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

  • Pubblicità
    Pubblicità

Unico&Bello

Hotel di lusso nello spazio, dal 2022 la possibilità di soggiornare a 320 km di altezza

Il turismo spaziale è sempre più vicino a diventare realtà, completando la sua offerta con la realizzazione di un hotel di lusso nello spazio. Dopo aver visto Elon…

La miniera di diamanti aperta al pubblico: l’incredibile esperienza di scavare e tentare la fortuna

Un’esperienza indimenticabile, ricca e fruttuosa: sono le caratteristiche principali della “Creater of Diamonds”, l’unica miniera di diamanti al mondo aperta al pubblico. Si tratta di un grande parco…

Orient Express la Dolce Vita: in Italia un nuovo modo di vivere il Paese

A breve in Italia arriverà un nuovo modo di vivere e conoscere il Paese, in carrozze di lusso ispirate al design degli anni ‘60/’70. L’Italia si presenta al…

Vaia Cube e Vaia Focus: nuova vita agli alberi abbattuti da Vaia

Sono numerose le aziende ed i privati che hanno deciso, negli ultimi anni, di donare nuova vita e dignità ai 42 milioni di alberi abbattuti dalla tempesta Vaia…

Categorie

di tendenza