Connect with us
Pubblicità

Trento

Alcide De Gasperi: la DC prima dei democristiani

Pubblicato

-

Esce in questi giorni, per Cantagalli, il nuovo libro di Francesco Agnoli, Alcide Degasperi. Vita e pensiero di un antifascista che sconfisse le sinistre (clicca qui per l’acquisto)

Francesco Agnoli residente a Trento è laureato in Lettere classiche, insegna Filosofia e Storia presso i Licei di Trento, Storia della stampa e dell’editoria presso la Trentino Art Academy e collabora con l’UPRA, ateneo pontificio romano, sui temi della scienza.

Collabora con i quotidiani Avvenire, Il Foglio, La Verità (nato il 20 settembre 2016) La Voce del Trentino, Voce24news e con il mensile Il Timone.

Pubblicità
Pubblicità

Autore di numerosi saggi, ha ricevuto nel 2013 il premio “Una penna per la vita“, promosso dalla facoltà di Bioetica dell’Ateneo Pontificio Regina Apostolorum, in collaborazione tra gli altri con la FNSI (Federazione Nazionale Stampa Italiana) e l’Ucsi (Unione Cattolica Stampa Italiana).

Si dedica in particolare alla storia e alla filosofia della scienza, ed ha al suo attivo numerose interviste con scienziati di fama mondiale come Federico Faggin, Enrico Bombieri, Piero Benvenuti, segretario generale dell’Unione Astronomica mondiale, e molti altri.

Nella sua carriera di scrittore ha scritto quasi 40 opere. Siamo andati a sentire le sue considerazioni sull’ultimo suo libro dove approfondisce degli argomenti inediti sulla vita di Alcide De Gssperi. 

Pubblicità
Pubblicità

Perché un altro libro su De Gasperi?

«Per tanti motivi. Anzitutto perché, come ha scritto lo storico Pietro Scoppola, l’età di Degasperi è una delle poche che è stata raccontata più dai vinti che dai vincitori. Come sappiamo le sinistre persero le elezioni del 18 aprile 1948, ma si affrettarono dal primo giorno a parlare di brogli e di violazioni da parte della DC e del Vaticano, per dedicarsi, subito dopo, ad occupare la memoria, impadronendosi della narrazione, sui giornali, nei libri di scuola… Il PCI ha esercitato un vero e proprio dominio culturale su questo paese, e le sinistre, del resto, continuano a farlo.

Il PCI, a tal fine, non ha esitato a pagare amici-storici, per dare una propria versione dei fatti, per raccontare una storia della DC di Degasperi e una storia propria funzionali all’ ideologia comunista. Conosciamo dunque spesso una storia falsa, denigratoria, di Degasperi e una storia falsa, depurata, di Togliatti. Inoltre Degasperi ha dovuto scontare anche le falsificazioni dei neofascisti, che non gli hanno perdonato di essere stato un vero patriota (al contrario di Mussolini) e si sono spesso alleati con le sinistre contro di lui: non solo nel farlo cadere, nel 1953, ma anche nel calunniarlo, per esempio riguardo alla sua gestione della politica estera (il che è grottesco, se si pensa a quanto era stata improvvida la politica estera di Mussolini, che alleandosi con la Germania aveva portato non solo alla distruzione del nostro paese, ma persino al rischio di perdere Trento e Trieste, ottenute con la I guerra mondiale)».

Tanti nemici, insomma…

«Sì. Molti anche travestiti da amici. Nel libro racconto la parte più dolorosa, e forse ancora più misconosciuta: la lotta contro Degasperi da parte della sinistra interna del partito, cioè dell’ala di Dossetti, Fanfani, Lazzati, Moro, Gronchi… Dopo la morte di Degasperi la sinistra Dc si impadronì della sua memoria, perché Degasperi era stato indiscutibilmente un gigante; ma gli avevano sempre fatto la guerra, quando era in vita, e distrussero tutta la sua eredità, una volta preso il controllo del partito. Tra la Dc di Degasperi (1945 -1954) e la Dc post Degasperi c’è fortissima discontinuità. Pietro Craveri parla giustamente di “irresistibile metamorfosi sociologica e politica della democrazia Cristiana” post Degasperi. Qualcuno ha parlato addirittura della Dc di Degasperi come della “DC prima dei democristiani”».

Quali i motivi del contendere tra Degasperi e la sinistra DC?

«La giovane generazione, quella appunto dei Dossetti, Fanfani e Moro, non aveva nulla in comune né con Sturzo, che li criticò sempre, sino alla morte, né con Degasperi. C’era una differenza enorme nella visione del partito, del rapporto con la Chiesa, del rapporto con la società, dell’economia, della politica estera…

Fanfani, Dossetti (padrino politico di Romano Prodi), e Moro, soprannominati i “professorini”, come noto aprirono a sinistra, all’alleanza con il PSI di Pietro Nenni con cui Degasperi mantenne sempre un rapporto umano amichevole, ma una contrapposizione politica totale e radicale. Se Degasperi sconfisse Pci e Psi e li mantenne per anni fuori dai governi, riscostruendo così il paese, costoro al contrario fecero l’impossibile per un’alleanza che in breve avrebbe trasformato la DC in un partito senza ideali né identità, succube, culturalmente, della sinistra. Il paradosso sta qui: che Dossetti, Fanfani, Moro, prima di fare i “catto-comunisti” erano stati più o meno “catto-fascisti”».

Cioè?

«Fanfani aveva insegnato alla Scuola di mistica fascista; Dossetti aveva preso la tessera del fascio; Moro era iscritto ai GUF (Giovani Universitari Fascisti) e difendeva nei suoi scritti il regime, il concetto di razza e persino la guerra. L’unico popolare di vecchia data che affiancò i giovani “professorini”, facendo la fronda a Degasperi e agli altri fondatori ex popolari, fu Giovanni Gronchi: popolare della prima ora, sottosegretario nel governo Mussolini nel 1922, aderì alla Dc nel dopoguerra, favorendo poi l’apertura a sinistra grazie all’elezione a Presidente della Repubblica.

A questa carica fu eletto anche con i voti dei missini e dei monarchici, dei socialisti e dei comunisti, dopo la morte di Degasperi, nel 1955 (Gronchi fu il primo presidente della Repubblica della DC). Ebbene Degasperi – che aveva sempre avuto in Gronchi uno strenuo oppositore- lo aveva sempre detto: non mi fido di coloro che sono stati educati sotto il fascismo, perché hanno non di rado la stessa mentalità dei socialisti e dei comunisti.

Chiamava i comunisti, infatti, “fascisti rossi” oppure “squadristi rossi” (e conosceva bene la corte fatta da Togliatti ai tanti che avevano aderito al fascismo da sinistra). Degasperi riteneva che il dilemma tra fascismo e comunismo fosse un “falso dilemma”. Storicamente, aveva perfettamente ragione: era stato Mussolini, nel 1919, a ricordare che il fascismo in fondo era uno “scisma” all’interno del partito socialista».

 Cosa ci ha lasciato De Gasperi?

«Anzitutto, grazie alla sua credibilità e intelligenza, ci ha tirato fuori dalla condizione umiliante di paese paria, sconfitto, ex alleato della Germania. In secondo luogo – con il partito da lui fondato e con il sostegno della Chiesa di Pio XII- ha impedito che l’Italia precipitasse di nuovo in una guerra civile, come dopo la prima, tra rossi e neri; ha marginalizzato ogni sciocco revanscismo, e soprattutto ha tenuto a bada i comunisti, molti dei quali pronti allo scontro anche militare, che adoravano Stalin e Tito, e volevano fare dell’Italia un paese satellite, sebbene in modo “originale”, di Mosca; in terzo luogo ha permesso la rinascita economica e civile del paese. Infine, solo per brevità, fu uno dei padri nobili dell’Europa unita, benchè nella sua visione avrebbe dovuto diventare qualcosa di ben diverso da ciò che è oggi. In generale bisognerebbe imparare da Degasperi: la sua serietà, il suo stile, il suo coraggio, il suo idealismo, la sua concretezza, il suo alto senso della politica…possono ancora insegnare molto!»

  • Pubblicità
    Pubblicità
Rovereto e Vallagarina49 minuti fa

Cibo cinese e giapponese: è Rovereto la ‘regina’ italiana delle ordinazioni a domicilio

Trento1 ora fa

Con i rincari la benzina diventa ‘oro’: anche in Trentino i prezzi più alti dal 2013

Trento2 ore fa

Allarme produzione di mele italiane, nel 2030 potrebbe calare del 30%

Trento2 ore fa

Fondazione Pezcoller, rinnovato il Consiglio di amministrazione

Alto Garda e Ledro2 ore fa

Arco: A Nick Casciaro trionfatore a X-Factor in Romania le congratulazioni della città

Telescopio Universitario2 ore fa

700 mila morti ogni anno per colpa delle zanzare: l’università di Trento inventa un modello per mappare il rischio

Alto Garda e Ledro2 ore fa

Alto Garda e Ledro, riorganizzazione sanitaria a misura di cittadino

Trento3 ore fa

PNRR, incontro sui bandi di ricerca e innovazione con il ministro Messa

Trento4 ore fa

Finti tamponi: nessuna autorizzazione Asl. L’ambulatorio di Trento era abusivo

Trento4 ore fa

Caro-energia, ieri l’incontro fra Provincia e Cgil, Cisl e Uil

Rovereto e Vallagarina5 ore fa

Giornata della Memoria: ieri la medaglia d’onore a Giovanni Laghi di Ala

Trento5 ore fa

Scontro fratricida fra i leghisti al Centro culturale santa Chiara: e la sinistra trentina ringrazia

Trento6 ore fa

Scuola. Brandi (Pro Vita & Famiglia): «Continua la petizione per chiedere una legge contro il gender. Il consiglio provinciale di Trento ascolti i genitori»

Giudicarie e Rendena6 ore fa

Impatto tra due veicoli, ferite le due conducenti

Trento17 ore fa

Oggi il debutto del Nucleo investigativo contro i furti nei negozi del centro

Trento4 settimane fa

Nel 2021 su «La Voce del Trentino» lette oltre 30 milioni di pagine da 8 milioni di lettori

Trento3 settimane fa

Coronavirus: una vittima e 972 nuovi contagi nelle ultime 24 ore

Trento3 settimane fa

Coronavirus: nuovo record di contagi nelle ultime 24 ore. Sempre stabili i ricoveri

Trento3 settimane fa

Coronavirus: 2.372 contagi e due morti nelle ultime 24 ore in Trentino

Trento3 settimane fa

Coronavirus: due morti e 2.290 contagi nelle ultime 24 ore. Calano sensibilmente i ricoveri

Trento4 settimane fa

Coronavirus: due vittime e 807 nuovi contagi nelle ultime 24 ore in Trentino

Trento4 settimane fa

Coronavirus: 408 nuovi casi e nessun decesso nelle ultime 24 ore in Trentino

Trento4 settimane fa

Coronavirus: record di contagi in Trentino nelle ultime 24 ore. Morta una donna di 55 anni

Trento4 settimane fa

Coronavirus: 1.307 nuovi contagi in Trentino nelle ultime 24 ore. Superato il milione di vaccinazioni

Trento4 settimane fa

Coronavirus: 1 decesso e 938 contagi nelle ultime 24 ore. Calano i ricoveri in terapia intensiva

Trento2 settimane fa

Fugatti: «Per ora la scuola tiene. Ma siamo pronti a valutare nuovi provvedimenti»

Trento2 settimane fa

Coronavirus: 4 vittime e 885 nuovi contagi nelle ultime 24 ore in Trentino

Val di Non – Sole – Paganella2 settimane fa

Altri 336 contagi da Coronavirus nelle Valli del Noce

Rovereto e Vallagarina2 settimane fa

Infermiera no vax di Rovereto muore di Covid a soli 57 anni: aveva deciso di non curarsi

Trento2 settimane fa

Coronavirus: contagi in calo e ricoveri stabili nelle ultime 24 ore in Trentino

  • Pubblicità
    Pubblicità

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

  • Pubblicità
    Pubblicità

Unico&Bello

Hotel di lusso nello spazio, dal 2022 la possibilità di soggiornare a 320 km di altezza

Il turismo spaziale è sempre più vicino a diventare realtà, completando la sua offerta con la realizzazione di un hotel di lusso nello spazio. Dopo aver visto Elon…

La miniera di diamanti aperta al pubblico: l’incredibile esperienza di scavare e tentare la fortuna

Un’esperienza indimenticabile, ricca e fruttuosa: sono le caratteristiche principali della “Creater of Diamonds”, l’unica miniera di diamanti al mondo aperta al pubblico. Si tratta di un grande parco…

Orient Express la Dolce Vita: in Italia un nuovo modo di vivere il Paese

A breve in Italia arriverà un nuovo modo di vivere e conoscere il Paese, in carrozze di lusso ispirate al design degli anni ‘60/’70. L’Italia si presenta al…

Vaia Cube e Vaia Focus: nuova vita agli alberi abbattuti da Vaia

Sono numerose le aziende ed i privati che hanno deciso, negli ultimi anni, di donare nuova vita e dignità ai 42 milioni di alberi abbattuti dalla tempesta Vaia…

Categorie

di tendenza