Connect with us
Pubblicità

Trento

Alcide De Gasperi: la DC prima dei democristiani

Pubblicato

-

Esce in questi giorni, per Cantagalli, il nuovo libro di Francesco Agnoli, Alcide Degasperi. Vita e pensiero di un antifascista che sconfisse le sinistre (clicca qui per l’acquisto)

Francesco Agnoli residente a Trento è laureato in Lettere classiche, insegna Filosofia e Storia presso i Licei di Trento, Storia della stampa e dell’editoria presso la Trentino Art Academy e collabora con l’UPRA, ateneo pontificio romano, sui temi della scienza.

Collabora con i quotidiani Avvenire, Il Foglio, La Verità (nato il 20 settembre 2016) La Voce del Trentino, Voce24news e con il mensile Il Timone.

Pubblicità
Pubblicità

Autore di numerosi saggi, ha ricevuto nel 2013 il premio “Una penna per la vita“, promosso dalla facoltà di Bioetica dell’Ateneo Pontificio Regina Apostolorum, in collaborazione tra gli altri con la FNSI (Federazione Nazionale Stampa Italiana) e l’Ucsi (Unione Cattolica Stampa Italiana).

Si dedica in particolare alla storia e alla filosofia della scienza, ed ha al suo attivo numerose interviste con scienziati di fama mondiale come Federico Faggin, Enrico Bombieri, Piero Benvenuti, segretario generale dell’Unione Astronomica mondiale, e molti altri.

Nella sua carriera di scrittore ha scritto quasi 40 opere. Siamo andati a sentire le sue considerazioni sull’ultimo suo libro dove approfondisce degli argomenti inediti sulla vita di Alcide De Gssperi. 

Pubblicità
Pubblicità

Perché un altro libro su De Gasperi?

«Per tanti motivi. Anzitutto perché, come ha scritto lo storico Pietro Scoppola, l’età di Degasperi è una delle poche che è stata raccontata più dai vinti che dai vincitori. Come sappiamo le sinistre persero le elezioni del 18 aprile 1948, ma si affrettarono dal primo giorno a parlare di brogli e di violazioni da parte della DC e del Vaticano, per dedicarsi, subito dopo, ad occupare la memoria, impadronendosi della narrazione, sui giornali, nei libri di scuola… Il PCI ha esercitato un vero e proprio dominio culturale su questo paese, e le sinistre, del resto, continuano a farlo.

Il PCI, a tal fine, non ha esitato a pagare amici-storici, per dare una propria versione dei fatti, per raccontare una storia della DC di Degasperi e una storia propria funzionali all’ ideologia comunista. Conosciamo dunque spesso una storia falsa, denigratoria, di Degasperi e una storia falsa, depurata, di Togliatti. Inoltre Degasperi ha dovuto scontare anche le falsificazioni dei neofascisti, che non gli hanno perdonato di essere stato un vero patriota (al contrario di Mussolini) e si sono spesso alleati con le sinistre contro di lui: non solo nel farlo cadere, nel 1953, ma anche nel calunniarlo, per esempio riguardo alla sua gestione della politica estera (il che è grottesco, se si pensa a quanto era stata improvvida la politica estera di Mussolini, che alleandosi con la Germania aveva portato non solo alla distruzione del nostro paese, ma persino al rischio di perdere Trento e Trieste, ottenute con la I guerra mondiale)».

Tanti nemici, insomma…

«Sì. Molti anche travestiti da amici. Nel libro racconto la parte più dolorosa, e forse ancora più misconosciuta: la lotta contro Degasperi da parte della sinistra interna del partito, cioè dell’ala di Dossetti, Fanfani, Lazzati, Moro, Gronchi… Dopo la morte di Degasperi la sinistra Dc si impadronì della sua memoria, perché Degasperi era stato indiscutibilmente un gigante; ma gli avevano sempre fatto la guerra, quando era in vita, e distrussero tutta la sua eredità, una volta preso il controllo del partito. Tra la Dc di Degasperi (1945 -1954) e la Dc post Degasperi c’è fortissima discontinuità. Pietro Craveri parla giustamente di “irresistibile metamorfosi sociologica e politica della democrazia Cristiana” post Degasperi. Qualcuno ha parlato addirittura della Dc di Degasperi come della “DC prima dei democristiani”».

Quali i motivi del contendere tra Degasperi e la sinistra DC?

«La giovane generazione, quella appunto dei Dossetti, Fanfani e Moro, non aveva nulla in comune né con Sturzo, che li criticò sempre, sino alla morte, né con Degasperi. C’era una differenza enorme nella visione del partito, del rapporto con la Chiesa, del rapporto con la società, dell’economia, della politica estera…

Fanfani, Dossetti (padrino politico di Romano Prodi), e Moro, soprannominati i “professorini”, come noto aprirono a sinistra, all’alleanza con il PSI di Pietro Nenni con cui Degasperi mantenne sempre un rapporto umano amichevole, ma una contrapposizione politica totale e radicale. Se Degasperi sconfisse Pci e Psi e li mantenne per anni fuori dai governi, riscostruendo così il paese, costoro al contrario fecero l’impossibile per un’alleanza che in breve avrebbe trasformato la DC in un partito senza ideali né identità, succube, culturalmente, della sinistra. Il paradosso sta qui: che Dossetti, Fanfani, Moro, prima di fare i “catto-comunisti” erano stati più o meno “catto-fascisti”».

Cioè?

«Fanfani aveva insegnato alla Scuola di mistica fascista; Dossetti aveva preso la tessera del fascio; Moro era iscritto ai GUF (Giovani Universitari Fascisti) e difendeva nei suoi scritti il regime, il concetto di razza e persino la guerra. L’unico popolare di vecchia data che affiancò i giovani “professorini”, facendo la fronda a Degasperi e agli altri fondatori ex popolari, fu Giovanni Gronchi: popolare della prima ora, sottosegretario nel governo Mussolini nel 1922, aderì alla Dc nel dopoguerra, favorendo poi l’apertura a sinistra grazie all’elezione a Presidente della Repubblica.

A questa carica fu eletto anche con i voti dei missini e dei monarchici, dei socialisti e dei comunisti, dopo la morte di Degasperi, nel 1955 (Gronchi fu il primo presidente della Repubblica della DC). Ebbene Degasperi – che aveva sempre avuto in Gronchi uno strenuo oppositore- lo aveva sempre detto: non mi fido di coloro che sono stati educati sotto il fascismo, perché hanno non di rado la stessa mentalità dei socialisti e dei comunisti.

Chiamava i comunisti, infatti, “fascisti rossi” oppure “squadristi rossi” (e conosceva bene la corte fatta da Togliatti ai tanti che avevano aderito al fascismo da sinistra). Degasperi riteneva che il dilemma tra fascismo e comunismo fosse un “falso dilemma”. Storicamente, aveva perfettamente ragione: era stato Mussolini, nel 1919, a ricordare che il fascismo in fondo era uno “scisma” all’interno del partito socialista».

 Cosa ci ha lasciato De Gasperi?

«Anzitutto, grazie alla sua credibilità e intelligenza, ci ha tirato fuori dalla condizione umiliante di paese paria, sconfitto, ex alleato della Germania. In secondo luogo – con il partito da lui fondato e con il sostegno della Chiesa di Pio XII- ha impedito che l’Italia precipitasse di nuovo in una guerra civile, come dopo la prima, tra rossi e neri; ha marginalizzato ogni sciocco revanscismo, e soprattutto ha tenuto a bada i comunisti, molti dei quali pronti allo scontro anche militare, che adoravano Stalin e Tito, e volevano fare dell’Italia un paese satellite, sebbene in modo “originale”, di Mosca; in terzo luogo ha permesso la rinascita economica e civile del paese. Infine, solo per brevità, fu uno dei padri nobili dell’Europa unita, benchè nella sua visione avrebbe dovuto diventare qualcosa di ben diverso da ciò che è oggi. In generale bisognerebbe imparare da Degasperi: la sua serietà, il suo stile, il suo coraggio, il suo idealismo, la sua concretezza, il suo alto senso della politica…possono ancora insegnare molto!»

Pubblicità
Pubblicità

  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

Necrologi

  • Pubblicità
    Pubblicità

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

  • Al via i ristori per il turismo: pubblicate le procedure sul sito del Ministero
    Il Ministero ha pubblicato le linee guida per accedere ai ristori riservati agli operatori del turismo. L’obiettivo del Ministero è quello di informare i potenziali beneficiari al fine di produrre la documentazione necessaria per fare... The post Al via i ristori per il turismo: pubblicate le procedure sul sito del Ministero appeared first on Benessere […]
  • Fondo impresa donna: tutti i dettagli per accedere ai finanziamenti agevolati ed ai contributi a fondo perduto
    Da pochi giorni è stato firmato il decreto per sbloccare gli aiuti del Fondo impresa donna. Fondo impresa donna, cos’è Il decreto firmato dal Mise, rende completamente operativo il Fondo Impresa Donna che sblocca una... The post Fondo impresa donna: tutti i dettagli per accedere ai finanziamenti agevolati ed ai contributi a fondo perduto appeared […]
  • Le mance dovrebbero essere tassate, la sentenza della Cassazione
    Una recente sentenza della Cassazione cambia in una parte dei redditi dei lavoratori dipendenti, inserendo la possibilità di tassare le mance. Perchè le mance si possono tassare Infatti, secondo la sentenza 26512, il pagamento delle... The post Le mance dovrebbero essere tassate, la sentenza della Cassazione appeared first on Benessere Economico.
  • Dal condono delle cartelle, alla rottamazione quater: alcune novità in arrivo nella prossima riforma fiscale
    Attesa nella prossime settimana, la riforma fiscale in arrivo comprenderà diverse operazioni, come lo stop selettivo a nuove cartelle, la rottamazione quater e le notifiche dilazionate. Notifiche cartelle esattoriali All’interno del decreto sarà probabilmente inserita... The post Dal condono delle cartelle, alla rottamazione quater: alcune novità in arrivo nella prossima riforma fiscale appeared first on […]
  • Bonus antiplastica, fino a 5 mila euro per gli esercenti che vendono prodotti sfusi o alla spina
    Il recente decreto attuativo conosciuto con il nome di bonus antiplastica è stato istituito allo scopo di ridurre la produzione di rifiuti e contenere gli effetti del cambiamento climatico. Bonus antiplastica, cos’è Il bonus nato... The post Bonus antiplastica, fino a 5 mila euro per gli esercenti che vendono prodotti sfusi o alla spina appeared […]
  • Ritornano gli ecobonus, al via gli incentivi per l’acquisto di auto usate: come funziona
    Da qualche giorno sono ripartiti gli ecobonus promossi dal Ministero dello Sviluppo Economico, per l’acquisto di auto a ridotte emissioni. L’ecobonus, sotto forma di contributi viene reinserito non per sostenere il mercato delle auto, ma... The post Ritornano gli ecobonus, al via gli incentivi per l’acquisto di auto usate: come funziona appeared first on Benessere […]
  • Appartamenti moderni fatti in tubi di cemento, Hong Kong trova la soluzione per la crisi immobiliare
    L’improvviso aumento della popolazione, ha portato Hong Kong ad attraversare una crisi immobiliare dettata proprio dalla crescita della domanda di alloggi. Di conseguenza, con i prezzi immobiliari alle stelle e i sempre più scarsi spazi disponibili, l’architetto James Law ha trovato una soluzione davvero innovativa per risolvere il problema della carenza di appartamenti. L’architetto ha […]
  • Verso una caricabatterie universale per tutti i dispositivi mobili, la proposta dell’UE
    Da una proposta presentata dalla Commissione Europea, spunta la possibilità di un carica batterie universale e utilizzabile per qualsiasi dispositivo mobile. Con l’obiettivo di ridurre i rifiuti, la proposta punta quindi ad armonizzare i cavi di ricarica su una serie di dispositivi elettronici venduti nell’Unione Europea. In particolare, è stato proposto di puntare sull’utilizzo del […]
  • In Cile, il meraviglioso hotel interamente ecologico costruito con container ricilati
    Negli ultimi anni, il mondo dei viaggi tende sempre di più verso la sostenibilità e il rispetto per l’ambiente tanto che la ricerca di spostamenti meno inquinanti, i cottage o le casette in legno immerse nella natura, sono diventate una vera e propria tendenza. La ricerca di alloggi in strutture sempre più originali è in […]
  • Arriva la sedia per sedersi a gambe incrociate ed evitare fastidiosi mal di schiena
    Nonostante la frenesia che caratterizza ogni città, lo stile di vita sedentario di molte persone è piuttosto comune, visto che la maggior parte delle ore si passa fermi e seduti davanti alla scrivania. Questo con il tempo può portare danni più o meno seri al fisico. Infatti, il rischio di incorrere in spiacevoli mal di […]

Categorie

di tendenza