Si è ucciso lo scorso mercoledì nella cittadina di Le Grau-du-Roi, vicino a Montpellier sulla costa francese del Mediterraneo lasciando un messaggio choccante, dove confessa di essere un serial killer.

Francois Verove, un ex-poliziotto in pensione di 59 anni e padre di due figli si è tolto la vita annunciando: “sono io il serial killer noto come Le Grêlé’, l’uomo butterato”.

Con un riscontro sulle diverse prove legate a numerose scene del crimine del passato, il dna prelevato dal cadavere dell’uomo confermerebbe l’ipotesi.

Pubblicità
Pubblicità

Dal 1986 Verove avrebbe ucciso almeno 4 persone e abusato sessualmente di numerose donne. Le indagini duravano da ben 35 anni.

Sarà però necessario aspettare i risultati di altri test della polizia scientifica per avere la certezza totale che abbia effettivamente commesso tutti questi crimini.

Tra le vittime l’11enne parigina Cécile BlochIrmgard Müller, 20enne di origini tedesche, Karine Leroy, 19 anni, e un uomo di 38 anni, Gilles Politi. La scia di sangue e stupri sembra fermarsi al 1994.

Pubblicità
Pubblicità