Connect with us
Pubblicità

Rovereto e Vallagarina

Le carte d’identità motorie dei calciatori? Si fanno da Euleria in Progetto Manifattura

Pubblicato

-

Pubblicità

Pubblicità

La riabilitazione degli atleti e la prevenzione degli infortuni 4.0 inizia in Progetto Manifattura.

È qui infatti, nel Polo Tecnologico di Trentino Sviluppo a Rovereto, che ha trovato casa Euleria. La startup innovativa, composta da un pool di 16 persone, tra cui 6 ingegneri biomedici, ha infatti messo a punto un’innovativa batteria di test in grado di misurare equilibrio, forza, velocità e agilità degli arti inferiori.

I primi a provarla, in questi giorni, sono 175 atleti dell’A.C. Trento 1921, dai Pulcini alla Primavera. I test verranno poi ripetuti a metà e a fine stagione. L’obiettivo è quello di costruire delle vere e proprie carte d’identità motorie che rendano i ragazzi più consapevoli del proprio corpo e supportino i preparatori atletici nella predisposizione di tabelle di lavoro personalizzate, adatte alle caratteristiche di ogni giovane e pensate per andare a correggere le aree della gamba più deboli, dove ci sono maggiori probabilità che si verifichi un infortunio.

Pubblicità
Pubblicità

Oltre all’impiego di questa tecnologia in ambito sportivo, Euleria in Progetto Manifattura metterà a punto nuove versioni del test per il settore ortopedico e neurologico.

La riabilitazione degli atleti e la prevenzione degli infortuni in campo passa per Progetto Manifattura, l’incubatore per l’industria dello sport, la sostenibilità e le biotecnologie di Trentino Sviluppo a Rovereto.

È qui, infatti – precisamente nei nuovi moduli produttivi “Be Factory” – che si è appena trasferita Euleria. Società benefit fondata nel 2020 a Trento, Euleria è iscritta nel registro delle startup innovative e conta su un team di 16 persone, tra cui softwaristi, commerciali e un nutrito gruppo di ingegneri biomedici.

Pubblicità
Pubblicità

«Il nostro scopo spiega il fondatore David Tacconi è quello di utilizzare la tecnologia per migliorare la vita dei pazienti riabilitativi e di aiutare i professionisti che si occupano del loro recupero. Per farlo usiamo sensori inerziali che misurano i movimenti del corpo e sviluppiamo software che rendano la riabilitazione più divertente e soprattutto misurabile, anche a distanza».

Ma non solo. Perché la tecnologia di Euleria – nata per valutare il rientro allo sport dopo la lesione del crociato anteriore – è stata implementata per monitorare le perfomance degli arti inferiori dell’atleta nel tempo, individuando eventuali punti deboli, asimmetrie e deficit al fine di correggerli e soprattutto per costruire uno specifico piano di esercizio terapia contro il rischio di infortunio.

«La nostra batteria di test spiega l’ingegnere biomedico Marta Galeottivaluta equilibrio, forza, velocità e agilità degli arti inferiori ed è pensata per essere utilizzata in tre momenti della stagione sportiva, preseason, a metà e alla fine. In questo modo, il preparatore atletico ha a disposizione la carta d’identità motoria dell’atleta durante la stagione e la sua profilazione negli anni».

E i primi a entrare in possesso di questo prezioso strumento di allenamento saranno 175 atleti dell’A.C. Trento 1921, che proprio in questi giorni – accompagnati da genitori e tecnici – stanno effettuando i test nei nuovi spazi di Euleria a Rovereto.

Tutte le squadre dell’associazione calcistica, dai pulcini alla primavera, sono state coinvolte in un progetto pilota che prevede il testing dei calciatori a inizio, metà e fine stagione e potrebbe essere presto esteso anche agli atleti della prima squadra.

«Il calcio è uno sport in continua evoluzione – spiega il direttore tecnico del settore giovanile dell’A.C. Trento 1921 Alberto Nabiuzzinegli ultimi vent’anni è cambiato tantissimo. Ora la tecnologia ha un ruolo fondamentale. È uno strumento imprescindibile sia per noi tecnici che per i ragazzi, i quali possono usarla per essere più consapevoli del proprio corpo. Ormai è onnipresente sul loro smartphone, quindi è importante che imparino a farne buon uso, a considerarla un’amica per fare un passo in avanti, un’alleata nel loro viaggio sportivo».

E oltre all’impiego in ambito sportivo, sono tanti gli utilizzi dei test che gli ingegneri biomedici e i softwaristi di Euleria si preparano a sviluppare a Rovereto. Tra questi sicuramente il settore ortopedico e quello neurologico.

Clicca qui per vedere Il video

  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

  • Pubblicità
    Pubblicità

Categorie

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

di tendenza