Connect with us
Pubblicità

eventi

Il senso di fare «Banda»: nel prossimo week end il convegno nella celebrazione dei 70 anni dalla fondazione della federazione

Pubblicato

-

Il senso di fare Banda ieri, oggi e domani: testimonianze e prospettive: questo il titolo di un importante convegno che, nelle giornate di sabato 2 e domenica 3 ottobre, nella sede dei Minipolifonici a Trento, in via Piave 5, vedrà storici, musicologi, sociologi, didatti, psicologi, giornalisti e critici musicali, registi e coreografi ed esperti nell’organizzazione di eventi, protagonisti di un confronto a più voci per ragionare insieme dello ‘stato dell’arte’ e delineare prospettive di azione in uno scenario culturale e sociale in continua evoluzione.

Per la Federazione delle Bande della Provincia di Trento si tratta di un evento clou in un anno speciale, nel quale si celebrano i 70 anni dalla fondazione e si auspica la rinascita del movimento dopo la pandemia.

Una serie di appuntamenti inaugurati a primavera con la presentazione del volumeA suon di marce” e proseguito il 26 settembre con il concerto della Banda Sinfonica Giovanile. Appuntamenti naturalmente per addetti ai lavori, ma capaci di coinvolgere appassionati e amici della musica bandistica, nel contesto regionale e non solo.

Nel corso del convegno, di particolare interesse sarà la presentazione dei risultati di uno studio dedicato all’ambiente e al contesto sociologico delle bande trentine, realizzato dal Dipartimento di Sociologia dell’Università di Trento. 

Il convegno è strutturato in quattro macroaree – In quella “sociologica” del sabato mattina, dal titolo “Il senso di fare banda oggi: una fotografia a colori“, verrà presentata la ricerca che la Federazione ha commissionato al Dipartimento di Sociologia e Ricerca sociologica dell’Università di Trento: per la prima volta, attraverso la collaborazione con l’Ateneo trentino, è stata fatta una “fotografia” dello stato dell’arte del mondo delle bande trentine. Gli interventi di sociologi, antropologi, musicologi e rappresentanti delle istituzioni provinciali aiuteranno a comprendere ancor meglio i risultati dello studio e a immaginare il domani.

Il sabato pomeriggio, all’interno del contenitore dal titolo “Insegnare la musica“: vari percorsi, vari esperti sia del mondo accademico sia di quello musicale tratterranno i processi motivazionali e la didattica, soprattutto quella inclusiva.

La domenica mattina, nel contenitore “Il percorso storico tra tradizione e contemporaneità“, si traccerà il percorso storico delle bande trentine, anche in rapporto con quello delle bande italiane.

In una tavola rotonda animata da rappresentanti della Federazione, del Conservatorio di Trento e delle istituzioni politiche provinciali, si ripercorreranno le scelte e le dinamiche, in particolar modo, degli ultimi trent’anni. Il momento si concluderà con un intervento dell’on. Vittorio Sgarbi: riflessioni sulla musica di banda e popolare, con rimandi anche alla storia e alla storia dell’arte.

Domenica pomeriggio, il convegno si concluderà con la macroarea “musicale” Fare musica in banda: quale repertorio? Musicisti, direttori di orchestra di fiati, compositori di varie parti d’Italia e del mondo, e anche esperti creatori di eventi, ragioneranno sui repertori, sulla forma concerto e sul bilanciamento tra tradizione e innovazione.

Il programma: Trento, sede dei Minipolifonici, via Piave 5, sabato 2 ottobre, 9.00 – 9.30 accrediti, 9.30 saluti istituzionali.

Contenitore sociologico. Il senso di fare banda oggi: una fotografia a colori – 9.45 “Quaggiù nelle valli” Prof. Christian Arnoldi (Sociologia della comunicazione presso il Dipartimento di Psicologia e Scienze Cognitive di Rovereto), 10.10 “Presentazione dei risultati della ricerca commissionata al Dipartimento di Sociologia e Ricerca sociale dell’Università di Trento” prof. Mario Diani, direttore del Dipartimento di Sociologia, 10.40 prof.ssa Silvia Sacchetti, professoressa associata del Dipartimento di Sociologia, 11.10 pausa caffè, 11.25 dott. Marco Russo, musicologo, Università di Trento, 11.45  dibattito, 12.00 “Quali possibili nuove policy?” Presidente e vicepresidente della V commissione del Consiglio Provinciale; dott. Claudio Martinelli, 13.00 pausa pranzo.

Contenitore didattica. Insegnare la musica: vari percorsi – 14.30 “Come possono gli insegnanti di musica sostenere le motivazioni intrinseche all’apprendimento dei propri studenti?” Dott.ssa Emanuela Chemolli (Ph.D. Trainer cognitivo-comportamentale, Consulente aziendale, Ricercatore Indipendente, Analista PDA)

14.55 “La didattica musicale inclusiva: come promuovere la partecipazione degli studenti con bisogni educativi speciali” dott. Carmelo Farinella (Uni. Milano Bicocca Pianista, collabora con alcuni Conservatori di Musica per l’insegnamento della didattica musicale speciale. È docente a contratto presso il Dipartimento di Scienze Umane per la Formazione dell’Università di Milano-Bicocca nei corsi di TFA sostegno e tutor per Musica e Didattica della Musica).

15.20 Prof. Emilio Piffaretti (Responsabile DSA e docente di Teoria ritmica e percezione musicale, Conservatorio di Milano), 15.45 “Il racconto di una scuola del territorio” Dott.ssa Livia Bertagnolli e dott. Davide Brazzo (Istituto Musicale Vivaldi – Alto Adige), 16.10 “Una banda all inclusive” M° Mirco Besutti, fondatore e direttore della Banda giovanile John Lennon di Mirandola (MO), 16.30 fine lavori.

Domenica 3 ottobre: 9.30 – 10.00 accrediti.

Contenitore storico. Il percorso storico tra tradizione e contemporaneità – 10.00 introduzione, 10.05 “Il movimento bandistico nella storia delle genti trentine” Prof. Antonio Carlini (storico della musica al Conservatorio di Brescia e direttore artistico della Filarmonica di Trento), 10.30 “Recuperare il patrimonio immateriale delle bande pugliesi per rigenerare la comunità  Emanuele Raganato“, dottore in Sociologia della Musica, professore dell’Università del Salento e del Conservatorio di Lecce, 10.55 pausa caffè. 11.10 “Dibattito” Presidente Renzo Braus, Franco Panizza (ex Assessore cultura PAT); M° Daniele Carnevali, Prof. Massimiliano Rizzoli (direttore, Conservatorio di Trento), 12.20 Intervento del prof. Vittorio Sgarbi, 13.00 pausa pranzo.

Contenitore musicaleFare musica in banda: quale repertorio?” – 14.30 Dibattito con: M° Josè Vilaplana (Spagna), M° Mertens (Olanda), prof Gianfranco Aquilanti (Stanford University), prof. Daniele Carnevali, M° Franco Puliafito (comitato tecnico), Teresa Procaccini (compositrice, Roma), Sandro de Manincor (regista, creatore di eventi), 15.50 Discorso di chiusura presidente Renzo Braus, 16.00 Fine Convegno.

I numeri della Federazione dei Corpi Bandistici del Trentino: 5900 bandisti, 2800 allievi, 86 corpi bandistici, 41 bande giovanili.

Pubblicità
Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Bonus idrico pronto, ma sito offline: le domande al via dal 2022
    Manca poco all’arrivo del Bonus idrico che permette di ricevere un rimborso di 1000 euro per chi sostituisce rubinetti di bagno e cucina. Ad oggi anche se sembra tutto pronto per l’avvio della nuova agevolazione,... The post Bonus idrico pronto, ma sito offline: le domande al via dal 2022 appeared first on Benessere Economico.
  • Il futuro corre verso un’economia circolare: nuovi modelli di rigenerazione e sviluppo
    Il futuro dell’economia, dovrà evolversi tenendo conto della missione che ormai accomuna tutti gli stati del mondo, la sostenibilità. Di fatto, per avvicinarsi verso un’economia circolare che riduca la produzione dei rifiuti, garantisca uno sviluppo... The post Il futuro corre verso un’economia circolare: nuovi modelli di rigenerazione e sviluppo appeared first on Benessere Economico.
  • Boom di adesioni per il Bonus Terme, cosa possono fare gli esclusi
    Dopo le difficoltà iniziali, il Bonus terme ha riscontrato un a grande affluenza, tanto da esaurire i fondi nel giro di poche ore. Un boom di adesioni che però ha lasciato milioni di italiani esclusi... The post Boom di adesioni per il Bonus Terme, cosa possono fare gli esclusi appeared first on Benessere Economico.
  • Ipotesi Easy tax per autonomi: un ponte tra aliquote troppo diverse tra loro
    All’interno del delicato tema sul fisco, tra le varie proposte spunta anche l’easy tax per autonomi. La proposta si inserisce nel tema dell’ampliamento della Flat Tax agli autonomi con ricavi tra 65 mila e 100... The post Ipotesi Easy tax per autonomi: un ponte tra aliquote troppo diverse tra loro appeared first on Benessere Economico.
  • Buono viaggio Taxi e Ncc: fino al 50% di sconto sul totale della corsa
    Per alcune categorie di persone, viaggiare in taxi potrebbe essere più conveniente. All’interno del Decreto Rilancio e successivamente nel Dl infrastrutture è stata inserita una particolare agevolazione che prevede viaggi in auto con conducente e... The post Buono viaggio Taxi e Ncc: fino al 50% di sconto sul totale della corsa appeared first on Benessere […]
  • Bonus Partite Iva, fino al 13 dicembre la presentazione delle domande
    Bonus Partite Iva Il bonus, messo a disposizione del Governo è un sussidio erogato a favore dei soggetti esercenti di titolari di partita Iva, soggetti esercenti di attività di impresa che hanno subito perdite a... The post Bonus Partite Iva, fino al 13 dicembre la presentazione delle domande appeared first on Benessere Economico.

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

  • Pubblicità
    Pubblicità

Necrologi

Categorie

di tendenza