Connect with us
Pubblicità

Politica

Caos in Fratelli d’Italia, parte la richiesta di un commissario da Roma. Urbani: “Torniamo uniti”

Pubblicato

-

Pubblicità

Pubblicità

Si è tenuta verso le 11 di oggi la conferenza stampa di Fratelli d’Italia in cui è stato fatto chiarimento riguardo al presunto caos nel partito. Secondo il capogruppo  del comune di Trento Pino Urbani ci sarebbe la necessità di un commissario, di un capo, di qualcuno che tiri le redini del partito in Trentino.

Il consigliere, sarebbe però solo il portavoce del pensiero, a suo dire, di molti militanti e di rappresentanti del partito.

In Fratelli d’Italia non ci sono correnti. Con questa conferenza abbiamo voluto esprimere la nostra volontà di ricercare l’unità del partito trentino, seppur ci siano delle sensibilità diverse. Vogliamo fare da collante fra le diverse sensibilità– spiega Pino Urbani- vogliamo mostrare la nostra disponibilità a Roma. Nel caso in cui venga nominato un commissario esterno vogliamo essere di supporto, di aiuto per aprire un tavolo delle trattative fra tutte le varie sensibilità“.

Pubblicità
Pubblicità

Poi  si parla della lettera che è stata spedita a Roma nella quale, in sostanza, si richiede la nomina di un commissario prima del congresso che si terrà nel 2023. La lettera ha avuto 18 firmatari di cui facevano parte, secondo il capogruppo, consiglieri comunali e circoscrizionali di Trento e Rovereto.

Molti di questi erano presenti anche alla conferenza stampa.  Non c’era invece nessun consigliere provinciale del movimento e per questo si potrebbe pensare ad un’iniziativa isolata portata avanti dai 18 firmatari.

Chiediamo la possibilità di tornare a partito unito grazie all’intervento di un commissario. L’intervento di qualcuno che possa dialogare con tutti. Abbiamo bisogno di un direttore d’orchestra. Stiamo aspettando che Roma decida.

Pubblicità
Pubblicità

Vogliamo l’unità del partito e stiamo aspettando che presto ci si possa sedere al tavolo per un momento di sintesi. Vogliamo che si torni, anzi si rimanga, sul tracciato della Presidente Giorgia Meloni e che non esistano correnti sul territorio.

Questa conferenza è fatta solo per  accelerare i tempi.– poi Urbani continua- I ritardi dal coordinamento centrale ci sono stati per le elezioni amministrative nelle grandi città. Il coordinamento centrale si è infatti concentrato su queste prima di arrivare a noi.

Una volta presentate le liste, dovrebbe arrivare qualche messaggio dalla capitale. Nel frattempo noi, se c’è possibilità di spazio, siamo pronti. Fermo restando che noi resteremo sempre fedeli alla nostra Presidente Meloni e che noi siamo agli “ordini” del partito.

Rispetteremo qualunque decisione venga presa e saremo leali verso chiunque sarà chiamato a fare questo lavoro. Certo è che potremmo dire anche la nostra, ricordando, restando nel solco tracciato dalla Presidente, che noi quando siamo in queste fasi di tipo politico siamo la destra italiana e quando siamo in coalizione siamo il centro destra.

Questo è un concetto importante che dobbiamo ribadire“.

Per vedere l’intervista integrale a Pino Urbani clicca qui.

  • Pubblicità
    Pubblicità
Trento2 settimane fa

Continuano le truffe del reddito di cittadinanza. Ecco quanti lo ricevono in Trentino

Trento1 giorno fa

È finita la storia d’amore tra Ignazio Moser e Cecilia Rodriguez

Valsugana e Primiero4 settimane fa

Nuovo lutto per la famiglia Cantaloni, dopo la figlia Chiara muore anche il papà Giorgio

Offerte lavoro2 settimane fa

Cercasi commessa/o per nuova apertura negozio centro storico di Trento

Trento3 settimane fa

Condominio da incubo, pluripregiudicato tiene in ostaggio i residenti da anni. Il giudice: «Non si può sfrattare perchè è ai domiciliari»

Vista su Rovereto3 settimane fa

Spazi vuoti e serrande abbassate: la desolazione di Rovereto

Rovereto e Vallagarina4 settimane fa

Tragico incidente in Vallagarina, auto contro un Tir: 37 enne muore sul colpo

Trento2 settimane fa

Dalla Security ai set cinematografici: la storia del trentino Stefano Mosca

Trento4 settimane fa

Morto Marco Dorigoni, storico Dj di Studio uno. Aveva 57 anni

Trento4 settimane fa

60 enne denunciato per bracconaggio e per distillazione illegale di grappa

Trento3 settimane fa

Condominio da incubo via Perini: il soggetto entrerà in comunità alla fine del mese

Giudicarie e Rendena6 giorni fa

Non ce l’ha fatta Luigi Poli: il gestore del Palaghiaccio di Pinzolo è morto ieri

Trento3 settimane fa

«Soliti noti», abusivismo a Villazzano: una storia tutta trentina

Val di Non – Sole – Paganella3 settimane fa

Sviluppo turistico di Coredo, un gruppo di esercenti (e non) chiama a raccolta i cittadini: «Ora tocca a noi darci da fare»

Rovereto e Vallagarina5 giorni fa

Trovato morto in casa un 60 enne di Rovereto

  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

  • Pubblicità
    Pubblicità

Categorie

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

di tendenza