Connect with us
Pubblicità

18 politico

Nuovo Ospedale Trentino: la storia infinita

Pubblicato

-

L’appalto del NOT continua a far molto discutere. E’ notizia di questi giorni l’invio via PEC di un nuovo dossier tecnico da parte dei consulenti dell’impresa Pizzarotti di Parma che contesta, stavolta nel merito, il progetto dell’impresa aggiudicataria Guerrato di Rovigo.

Sappiamo peraltro che è ancora pendente un ricorso in Cassazione dell’impresa Pizzarotti per gli aspetti economici-finanziari del progetto che il TAR e il Consiglio di Stato hanno però già giudicato idonei.

Il Presidente dell’Ordine dei Medici Ioppi ha paventato la necessità di adeguamento del progetto per la realizzazione della Scuola di Medicina. Sono perfettamente d’accordo con lui, ma non è un problema insormontabile perché si tratta di una normale variante che può essere implementata. Accade peraltro molto spesso che i progetti debbano essere adeguati ad esigenze sopravvenute e lo strumento della variante serve proprio a questo specifico fine.

Il Sindaco di Trento Ianeselli chiede alla Provincia l’organizzazione di un dibattito pubblico sul progetto del NOT. Anche questa mi sembrerebbe una buona idea soprattutto per spiegare pubblicamente le modalità del project financing (finanza di progetto) che è una tecnica di finanziamento di opere pubbliche e appartiene alla categoria dei contratti di partenariato pubblico-privato.

La finanza di progetto rappresenta una particolare forma di concessione prevista dal Codice dei contatti pubblici e rientra in una forma di cooperazione pubblico-privato con assunzione dei rischi connessi alla realizzazione e gestione da parte dell’operatore privato che è in grado di generare flussi di cassa sufficienti e remunerare l’investimento effettuato e garantire un utile a lungo termine determinato dalla realizzazione dell’opera e la gestione dei relativi servizi per svariati anni (ad esempio i servizi di ristorazione, pulizie, manutenzione ecc. per 20-25 anni).

Non dimentichiamoci però che è sempre la stazione appaltante, in questo caso la Provincia, ad avere l’ultima parola e può controllare la realizzazione dell’opera fin dalle fasi di cantiere fino al collaudo e alla consegna definitiva.

Purtroppo mi pare di poter affermare che la finanza di progetto, sia essa d’iniziativa pubblica come nel caso della Protonterapia e del NOT o d’iniziativa del privato come l’Ospedale di Cavalese, sta creando sempre un acceso dibattito perché credo manchi ancora la cultura di questa particolare modalità di finanziamento e realizzazione delle opere pubbliche.

Io credo invece che sia un’ottima soluzione per realizzare le opere pubbliche anche se richiede professionalità specialistiche da parte di chi è chiamato a valutare l’intero progetto dal punto di vista tecnico-finanziario. Se guardiamo al NOT e soprattutto allo stato di fatto dell’Ospedale Santa Chiara credo però sia veramente arrivato il momento delle decisioni definitive perché sono vent’anni che si parla della realizzazione di un nuovo Ospedale, ma i lavori non sono mai stato iniziati e questo è veramente inaccettabile. Altri errori procedurali o di valutazione tecnica non possono essere più ammissibili perché i tempi sono andati oltre la normale ragionevolezza.

Auspico pertanto che i tecnici incaricati dalla Provincia e la Giunta Provinciale prendano in mano la situazione e fatte le opportune e doverose verifiche tecniche possano trovare le condizioni per avviare al più presto il cantiere già in quest’ultimo scorcio di legislatura.

Dopo tutti i contenziosi giudiziari amministrativi dovuti anche ai macroscopici errori di costituzione della Commissione giudicatrice e dovuti all’incompatibilità di alcuni componenti nominati dalla Giunta provinciale così come stabilito nella sentenza definitiva del Consiglio di Stato del 2014, credo che i trentini e tutti i professionisti sanitari meritino finalmente di avere un Ospedale all’avanguardia e adeguato alla complessità delle delicatissime competenze esercitate che incidono direttamente sulla salute delle persone.

Pubblicità
Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

Necrologi

  • Pubblicità
    Pubblicità

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

  • Arriva la sedia per sedersi a gambe incrociate ed evitare fastidiosi mal di schiena
    Nonostante la frenesia che caratterizza ogni città, lo stile di vita sedentario di molte persone è piuttosto comune, visto che la maggior parte delle ore si passa fermi e seduti davanti alla scrivania. Questo con il tempo può portare danni più o meno seri al fisico. Infatti, il rischio di incorrere in spiacevoli mal di […]
  • La nuova vita dei treni notturni, viaggiare sostenibile e comodo
    Dopo anni i treni notturni tornano di moda. Ultimamente infatti, in Europa hanno rincominciato ad essere più frequentanti e richiesti i treni notturni che permettono di spostarsi tra le principali città durante la notte, dormendo in un vagone dedicato. L’aumento della domanda rispetto a questo servizio è stata tale da spingere molte imprese ferroviarie a […]
  • Panchine giganti in Italia: la ricerca di un’incredibile esperienza
    Colorate, grandi e affacciate su panorami mozzafiato. Si parla delle Big Bench, ovvero delle panchine giganti, un fenomeno ideato dal designer americano Chris Bangle che nel giro di pochi anni si è diffuso in tutto il Bel Paese. Queste installazioni fuori scala, posizionati in piccoli luoghi di sconosciuta bellezza, cambiano la prospettiva del paesaggio, rendendo […]
  • Allargare le braccia e toccare due continenti: le splendide possibilità dell’Islanda
    Per molti, l’America è quel continente lontano ore ed ore di volo, ma sulla Terra esiste un luogo dove Europa ed America sono talmente vicine da essere toccate contemporaneamente, semplicemente allargando le braccia. Questo luogo pazzesco si trova in Islanda ed è considerato uno dei luoghi più spettacolari del mondo. La Silfra Fissure, patrimonio naturale […]

Categorie

di tendenza