Connect with us
Pubblicità

Valsugana e Primiero

Minoranze Imer di Primiero: no alla riapertura della discarica!

Pubblicato

-

La questione della gestione dei rifiuti in Trentino torna alla ribalta della cronache. Nei giorni scorsi era stato il consigliere provinciale di Fratelli d’Italia Claudio Cia a riaprire la ferita spiegando che la «la gestione dei rifiuti in Provincia è critica e la riapertura delle discariche di Monclassico e Imer, in attesa dell’approntamento del catino Nord a Ischia Podetti, non rappresenta certo una soluzione di lungo periodo, ma al massimo un palliativo».

Purtroppo il problema è stato creato da chi ha governato la Provincia perlomeno negli ultimi 20 anni continuando a procrastinare il problema, fuggendo dalla responsabilità e continuando a nascondere la polvere sotto al tappeto. Ora la Giunta Fugatti si trova in mano l’ennesima patata bollente. 

A peggiorare ancora di più le cose arriva da parte dei gruppi consiliari delle minoranze di Imer un comunicato che conferma un secco no alla riapertura della discarica.  Nota che riportiamo sotto nella sua interezza

Pubblicità
Pubblicità

IL COMUNICATO –  “Non nel mio giardino”. Ai visitatori casuali, quali spesso sono i rappresentanti delle istituzioni provinciali a Primiero, questo potrebbe apparire il classico messaggio che arriva dalla frazione Masi di Imèr, dove si vuole rimettere in esercizio una discarica di rifiuti urbani che tutti davano ormai per “morta” e dove gli abitanti non sembrano affatto d’accordo (a parte forse qualche amministratore che si frega le mani per i promessi vantaggi sul bilancio comunale).

Si spreca qui la retorica della responsabilità, del farsi carico di un sacrificio a favore di un bene collettivo più grande. Tutto vero, tutto bello, tutto previsto. D’altronde i rifiuti non possiamo gestirceli ognun per sé, ci vuole qualcuno che ci faccia il piacere di nasconderli, o di bruciarli al posto nostro. Pagando, pagando il meno possibile. Così è nei rapporti di forza della geopolitica internazionale, figuriamoci in quelli tra regioni o vallate di una stessa Provincia, per la cui indole autonomista diventa eticamente indifferibile “lavare i panni sporchi in casa propria.”

Fuori dai cliché, guardando negli occhi e ascoltando le persone, bisogna però anche prendere contatto con la realtà dei diretti interessati, della loro storia, delle loro aspettative e frustrazioni. A Imèr ci sembra di poter dire che la misura è colma anche se per i tecnici dell’Agenzia per l’Ambiente “ce ne stanno altri 30.000 metri cubi”.

Pubblicità
Pubblicità

La discarica dei Salezzoni fu realizzata sulle Giare del Cismón più di trent’anni fa con l’inganno (in materia paesaggistico-ambientale), come sancito da due sentenze del Consiglio di Stato e del TAR; è stata sede dei fanghi di depurazione del vicino impianto, con odori nauseabondi impressi nella memoria olfattiva di una generazione; ha accolto “tal quale” indifferenziato per decenni, compresi, si dice, “rifiuti talmente speciali” da sconsigliarne per sempre il carotaggio; gli arbusti a delimitare le attività agricole del ventoso fondovalle si sono a lungo fregiati di sacchetti di plastica e frammenti di triturazione; stormi di gracchi alpini allietavano le uggiose giornate dei residenti, senza dimenticare l’attrattiva nutritiva per la fauna selvatica, specie quella con le zampe corte e la coda lunga.

Camion avanti, camion indietro (non solo quelli dei rifiuti, anche quelli degli inerti…) e poi il lavorio ininterrotto delle pale meccaniche impegnate nella cosiddetta coltivazione: “il più grande spettacolo dopo il big bang” visibile e annusabile comodamente dalla finestra o dal poggiolo di casa (le abitazioni della frazione, anticamente occupate dai fluitatori del legname sul torrente Cismón, distano poco più di un centinaio di metri dall’artificial montarozzo).

Le amministrazioni comunali, comprensoriali, provinciali si sono susseguite recitando tutte ossessivamente lo stesso rosario: durerà ancora poco, maschereremo l’impianto con un “muro verde”, copriremo di terra, non c’è alcun pericolo per la salute, sarete lautamente ricompensati. Si pensi che nel 1994 il presidente del C2 pronosticava l’esaurimento del secondo lotto in 10 anni…

In tempi a noi più vicini fu negoziato un conferimento straordinario dalla Val di Fiemme pur di rimodellare e arrivare alla definitiva dismissione, che altrimenti si allontanava per effetto della raccolta differenziata “spinta” di cui il nostro territorio fu tra i primi a rendersi protagonista.

Il doloroso capitolo “discarica” sembrava finalmente chiuso per il piccolo borgo del fondovalle di Primiero, dove ripartivano gli investimenti, sia pubblici che privati, per recuperare terreno sul mercato dell’accoglienza facendo leva sulle abbondanti risorse ambientali e paesaggistiche “dimenticate” dai modelli turistici di massa ora in crisi, ma anche per un rinato orgoglio di comunità e riappropriazione dello spazio urbano.

Oggi i tecnici ci dicono che l’autorizzazione ambientale all’esercizio della discarica era solo “sospesa”: così si può ripartire domani, a Provincia piacendo, con i rifiuti dei Comuni della Valsugana, bassa e alta. Davvero una bella fregatura, che calpesta e fa strame non solo della fiducia dei cittadini nelle istituzioni, ma anche dei patti di solidarietà tra autonomie territoriali.

Qualcuno evidentemente sapeva come sarebbe potuta andare a finire nel RisiKo! regionale dello smaltimento degli RSU, tra una revisione e l’altra del Piano provinciale di gestione dei rifiuti (ovvero con una bella suppostona inviata alle valli dolomitiche meno popolose e più lontane da Trento, ndr.), ma non era opportuno che ne fosse data informazione.

Così come non si deve sapere che solo metà dei materiali differenziati raccolti è effettivamente riciclabile (i numeri dei comuni “ricicloni” raccontano solo una parte della storia), in conseguenza della Babele dei composti utilizzati nei prodotti e negli imballaggi e dell’inefficienza degli impianti disponibili, né che il nuovo e tecnologicamente avanzato impianto di trattamento in progettazione ad Ischia Podetti alla fine forse sarà ancora un “combustore”.

L’inceneritore che servirebbe è quello per l’ipocrisia e la falsità che ammorbano il tema dei rifiuti, che vanno sempre più a finire sotto il tappeto (preferibilmente degli altri) senza un vero investimento culturale e tecnologico che ne limiti la produzione alla fonte!!!

I gruppi consigliari di minoranza dei comuni di Imèr, Mezzano e Primiero San Martino di Castrozza sostengono convintamente la battaglia del Comitato “NO discarica di Imèr – Salute e futuro per Primiero” che, come gli abitanti di quel piccolo villaggio gallico in Armorica salito agli onori delle cronache, hanno esaurito generosità e pazienza di fronte ad una pianificazione tristemente inefficace fatta sopra le loro teste ed interlocutori politico – istituzionali dolosamente inadempienti e “invadenti”.

Daniele Gubert – Viviana Zortea – Roberto Pezzato

Pubblicità
Pubblicità

  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

Necrologi

  • Pubblicità
    Pubblicità

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

  • Al via i ristori per il turismo: pubblicate le procedure sul sito del Ministero
    Il Ministero ha pubblicato le linee guida per accedere ai ristori riservati agli operatori del turismo. L’obiettivo del Ministero è quello di informare i potenziali beneficiari al fine di produrre la documentazione necessaria per fare... The post Al via i ristori per il turismo: pubblicate le procedure sul sito del Ministero appeared first on Benessere […]
  • Fondo impresa donna: tutti i dettagli per accedere ai finanziamenti agevolati ed ai contributi a fondo perduto
    Da pochi giorni è stato firmato il decreto per sbloccare gli aiuti del Fondo impresa donna. Fondo impresa donna, cos’è Il decreto firmato dal Mise, rende completamente operativo il Fondo Impresa Donna che sblocca una... The post Fondo impresa donna: tutti i dettagli per accedere ai finanziamenti agevolati ed ai contributi a fondo perduto appeared […]
  • Le mance dovrebbero essere tassate, la sentenza della Cassazione
    Una recente sentenza della Cassazione cambia in una parte dei redditi dei lavoratori dipendenti, inserendo la possibilità di tassare le mance. Perchè le mance si possono tassare Infatti, secondo la sentenza 26512, il pagamento delle... The post Le mance dovrebbero essere tassate, la sentenza della Cassazione appeared first on Benessere Economico.
  • Dal condono delle cartelle, alla rottamazione quater: alcune novità in arrivo nella prossima riforma fiscale
    Attesa nella prossime settimana, la riforma fiscale in arrivo comprenderà diverse operazioni, come lo stop selettivo a nuove cartelle, la rottamazione quater e le notifiche dilazionate. Notifiche cartelle esattoriali All’interno del decreto sarà probabilmente inserita... The post Dal condono delle cartelle, alla rottamazione quater: alcune novità in arrivo nella prossima riforma fiscale appeared first on […]
  • Bonus antiplastica, fino a 5 mila euro per gli esercenti che vendono prodotti sfusi o alla spina
    Il recente decreto attuativo conosciuto con il nome di bonus antiplastica è stato istituito allo scopo di ridurre la produzione di rifiuti e contenere gli effetti del cambiamento climatico. Bonus antiplastica, cos’è Il bonus nato... The post Bonus antiplastica, fino a 5 mila euro per gli esercenti che vendono prodotti sfusi o alla spina appeared […]
  • Ritornano gli ecobonus, al via gli incentivi per l’acquisto di auto usate: come funziona
    Da qualche giorno sono ripartiti gli ecobonus promossi dal Ministero dello Sviluppo Economico, per l’acquisto di auto a ridotte emissioni. L’ecobonus, sotto forma di contributi viene reinserito non per sostenere il mercato delle auto, ma... The post Ritornano gli ecobonus, al via gli incentivi per l’acquisto di auto usate: come funziona appeared first on Benessere […]
  • Appartamenti moderni fatti in tubi di cemento, Hong Kong trova la soluzione per la crisi immobiliare
    L’improvviso aumento della popolazione, ha portato Hong Kong ad attraversare una crisi immobiliare dettata proprio dalla crescita della domanda di alloggi. Di conseguenza, con i prezzi immobiliari alle stelle e i sempre più scarsi spazi disponibili, l’architetto James Law ha trovato una soluzione davvero innovativa per risolvere il problema della carenza di appartamenti. L’architetto ha […]
  • Verso una caricabatterie universale per tutti i dispositivi mobili, la proposta dell’UE
    Da una proposta presentata dalla Commissione Europea, spunta la possibilità di un carica batterie universale e utilizzabile per qualsiasi dispositivo mobile. Con l’obiettivo di ridurre i rifiuti, la proposta punta quindi ad armonizzare i cavi di ricarica su una serie di dispositivi elettronici venduti nell’Unione Europea. In particolare, è stato proposto di puntare sull’utilizzo del […]
  • In Cile, il meraviglioso hotel interamente ecologico costruito con container ricilati
    Negli ultimi anni, il mondo dei viaggi tende sempre di più verso la sostenibilità e il rispetto per l’ambiente tanto che la ricerca di spostamenti meno inquinanti, i cottage o le casette in legno immerse nella natura, sono diventate una vera e propria tendenza. La ricerca di alloggi in strutture sempre più originali è in […]
  • Arriva la sedia per sedersi a gambe incrociate ed evitare fastidiosi mal di schiena
    Nonostante la frenesia che caratterizza ogni città, lo stile di vita sedentario di molte persone è piuttosto comune, visto che la maggior parte delle ore si passa fermi e seduti davanti alla scrivania. Questo con il tempo può portare danni più o meno seri al fisico. Infatti, il rischio di incorrere in spiacevoli mal di […]

Categorie

di tendenza