Connect with us
Pubblicità

Correva l anno....

Ala: 50 anni fa la tragedia di Sgardaiolo. Lunedì 16 agosto la messa del ricordo

Pubblicato

-

La comunità di Ala ricorda lunedì 16 agosto una delle tragedie più gravi della sua storia. 50 anni fa, in località Sgardaiolo, un grappolo di case sulla collina di Santa Margherita, tre uomini, agricoltori, morivano mentre cercavano di lanciare dei razzi contro la grandine.

A cinquant’anni esatti da quei fatti si celebrerà una messa, in ricordo delle vittime, davanti al monumento che ricorda l’episodio, nelle campagne di Sgardaiolo.

Si trattò di una tragedia che oggi suona persino assurda. La sera del 16 agosto 1971, mentre erano intenti a sparare dei razzi antigrandine a protezione delle coltivazioni di Sgardaiolo, la piccola comunità dove vivevano, morivano Mario Vittorio Trainotti, Iginio Trainotti e Remo Debiasi.

Pubblicità
Pubblicità

L’esplosione avvenne per via, molto probabilmente, di un razzo difettoso; la deflagrazione fece scoppiare quasi tutti gli altri razzi presenti nel casotto di campagna, e ferì altre due persone: Albino Trainotti (che è scomparso qualche anno fa) e Giacomo Trainotti, che di Mario Vittorio era il giovane figlio. Il tragico verrà ricordato con una messa, che sarà celebrata dal parroco di Ala, don Alessio, proprio davanti al monumento eretto sul luogo della tragedia.

Tragedia assurda, dicevamo: perché al giorno d’oggi sembra davvero assurdo morire per sparare dei razzi contro la grandine. Era l’epoca in cui iniziavano i tentativi di condizionare il tempo con delle tecnologie nuove, e che ben presto si sarebbero rivelate inefficaci.

Dopo quella tragedia i razzi – che si erano diffusi tra i coltivatori non solo della Vallagarina – vennero ben presto del tutto abbandonati, perché si rivelò tutta la loro pericolosità.

Eppure quella sera Mario Vittorio, Iginio e Remo si affrettarono, perché quei nuovi razzi forse avrebbero salvato la vendemmia da quel temporale così minaccioso che scendeva da monte Zugna.

Il capanno si trovava vicinissimo alle loro case, a Sgardaiolo, dove vivevano con le loro famiglie. I tre avevano tutti dei figli: tre Iginio e Remo, cinque Mario Vittorio. Facevano tutti parte del consorzio antigrandine, costituito da pochi anni e presieduto da Antonio Sartori. Non era la prima volta che sparavano dei razzi, e anche quella sera avrebbero testato questa nuova tecnologia. Per farli sparare in aria serviva tritolo: una cosa normale all’epoca, inaudita se ci si pensa adesso.

Erano le 20.15si ricorda perfettamente Giacomo Trainottie mio padre, con gli altri due, erano tutti nel casotto“. Lui portava con sé un altro razzo da sparare, quando venne travolto dallo spostamento d’aria. C’era stata un’esplosione. La dinamica non è mai stata appurata con certezza: se si trattò di un razzo che arrestò la sua salita per ricadere sotto, o se scoppiò prima ancora di partire. Lo scoppio fece esplodere tutti gli altri razzi, eccetto quelli che portava Giacomo che, cadendo, riparò con il proprio corpo.

Poco distante c’era Albino Trainotti, colpito da una lastra e ferito (venne ricoverato all’ospedale di Ala). La deflagrazione mise in allarme tutto l’abitato di Sgardaiolo, Cesarina Mutinelli (moglie di Iginio Trainotti) li descrive come dei fuochi d’artificio; da allora si è sempre rifiutata di guardare i giochi pirotecnici. Fu lei la prima ad accorrere sul luogo della tragedia, dietro casa. Il casotto era completamente disintegrato (si trovarono le chiavi qualche tempo dopo molto più a valle), per i tre non c’era nulla da fare.

L’episodio scosse profondamente tutta la comunità di Ala; Sgardaiolo, piccolo agglomerato di case abbarbicato tra i terrazzamenti vitati che sovrastano Santa Margherita, contava oggi come allora poco più di una ventina di abitanti: perse una fetta consistente di residenti. Tre famiglie si trovarono improvvisamente in grave difficoltà. I razzi antigrandine vennero abbandonati. Un anno dopo venne inaugurato il monumento a ricordo delle tre vittime, proprio nel luogo dove sorgeva il capanno dei razzi, e ogni anno, in agosto, si celebra una messa commemorativa.

In occasione dei 50 anni di quella tragedia, i due consorzi irrigui della zona (il Santa Margherita e il Gazzi Cadalora) hanno ripulito il monumento, abbellendolo con dei fiori. Sarà qui che si terrà la messa in ricordo dell’accaduto: la cerimonia si terrà lunedì 16 agosto, con inizio ad ore 20.

“È un episodio doloroso, che vogliamo continuare a ricordare, per non perdere il ricordo di queste persone, che diedero la vita per il proprio lavoro e per garantire il sostentamento delle loro famiglie”, commenta il sindaco Claudio Soini.

Riteniamo doveroso ricordare a tutta la comunità l’impegno ed il sacrificio di questi uomini che si prodigavano per garantire il reddito agricolo delle famiglie alensi, che nell’economia di qui tempi rivestiva una voce importante. È un compito che i consorzi di miglioramento fondiario continuano a portare avanti impegnandosi affinché nell’ambito agricolo ci sia una sorta di equità in modo tale che tutti ne possano giovare. L’esempio classico sono gli impianti irrigui che comportano grandi spese e impegno danno aiuto in modo equo ai grandi produttori come ai piccoli viticoltori“, aggiunge l’assessore all’agricoltura Stefano Gatti.

  • Pubblicità
    Pubblicità

Necrologi

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

  • RIPARTE L’ECONOMIA MA MANCA IL PERSONALE!
    Le soluzione di YWN – la rete nazionale delle imprese Il mondo del lavoro è oggi tormentato da una miriade di problemi ulteriormente aggravati dalla pandemia che ci accompagna ormai da quasi due anni. La... The post RIPARTE L’ECONOMIA MA MANCA IL PERSONALE! appeared first on Benessere Economico.
  • IL TEAM BUILDING AZIENDALE MOTORE DELLA RIPARTENZA
    La motivazione del personale strategia centrale nel business plan della ripresa. Condividere sorrisi, esperienze, riflessioni per consolidare lo spirito di squadra e la voglia di normalità negli ambienti di lavoro diventa oggi la leva principale... The post IL TEAM BUILDING AZIENDALE MOTORE DELLA RIPARTENZA appeared first on Benessere Economico.
  • Caro bollette, tutti gli aiuti approvati per contare gli aumenti
    Dal 1 ottobre, come annunciato, sono scattati gli aumenti in bolletta per gas ed elettricità rispettivamente del 14,4% e del 29,8% per la famiglia tipo. Per contenere l’emergenza, il Governo ha stanziato oltre 3 miliardi... The post Caro bollette, tutti gli aiuti approvati per contare gli aumenti appeared first on Benessere Economico.
  • Al via i ristori per il turismo: pubblicate le procedure sul sito del Ministero
    Il Ministero ha pubblicato le linee guida per accedere ai ristori riservati agli operatori del turismo. L’obiettivo del Ministero è quello di informare i potenziali beneficiari al fine di produrre la documentazione necessaria per fare... The post Al via i ristori per il turismo: pubblicate le procedure sul sito del Ministero appeared first on Benessere […]
  • Fondo impresa donna: tutti i dettagli per accedere ai finanziamenti agevolati ed ai contributi a fondo perduto
    Da pochi giorni è stato firmato il decreto per sbloccare gli aiuti del Fondo impresa donna. Fondo impresa donna, cos’è Il decreto firmato dal Mise, rende completamente operativo il Fondo Impresa Donna che sblocca una... The post Fondo impresa donna: tutti i dettagli per accedere ai finanziamenti agevolati ed ai contributi a fondo perduto appeared […]
  • Le mance dovrebbero essere tassate, la sentenza della Cassazione
    Una recente sentenza della Cassazione cambia in una parte dei redditi dei lavoratori dipendenti, inserendo la possibilità di tassare le mance. Perchè le mance si possono tassare Infatti, secondo la sentenza 26512, il pagamento delle... The post Le mance dovrebbero essere tassate, la sentenza della Cassazione appeared first on Benessere Economico.
  • Appartamenti moderni fatti in tubi di cemento, Hong Kong trova la soluzione per la crisi immobiliare
    L’improvviso aumento della popolazione, ha portato Hong Kong ad attraversare una crisi immobiliare dettata proprio dalla crescita della domanda di alloggi. Di conseguenza, con i prezzi immobiliari alle stelle e i sempre più scarsi spazi disponibili, l’architetto James Law ha trovato una soluzione davvero innovativa per risolvere il problema della carenza di appartamenti. L’architetto ha […]
  • Verso una caricabatterie universale per tutti i dispositivi mobili, la proposta dell’UE
    Da una proposta presentata dalla Commissione Europea, spunta la possibilità di un carica batterie universale e utilizzabile per qualsiasi dispositivo mobile. Con l’obiettivo di ridurre i rifiuti, la proposta punta quindi ad armonizzare i cavi di ricarica su una serie di dispositivi elettronici venduti nell’Unione Europea. In particolare, è stato proposto di puntare sull’utilizzo del […]
  • In Cile, il meraviglioso hotel interamente ecologico costruito con container ricilati
    Negli ultimi anni, il mondo dei viaggi tende sempre di più verso la sostenibilità e il rispetto per l’ambiente tanto che la ricerca di spostamenti meno inquinanti, i cottage o le casette in legno immerse nella natura, sono diventate una vera e propria tendenza. La ricerca di alloggi in strutture sempre più originali è in […]
  • Arriva la sedia per sedersi a gambe incrociate ed evitare fastidiosi mal di schiena
    Nonostante la frenesia che caratterizza ogni città, lo stile di vita sedentario di molte persone è piuttosto comune, visto che la maggior parte delle ore si passa fermi e seduti davanti alla scrivania. Questo con il tempo può portare danni più o meno seri al fisico. Infatti, il rischio di incorrere in spiacevoli mal di […]

Categorie

di tendenza