Connect with us
Pubblicità

Trento

Katia Rossato (F.lli d’Italia): «Anche in Trentino il Reddito di Cittadinanza va alle persone sbagliate»

Pubblicato

-

Il Reddito di Cittadinanza è diventato per la maggior parte, un mezzo di finanziamento sbagliato.

Nel senso che a percepirlo sono anche malviventi, lavoratori che preferiscono lavorare in nero pur di non perderlo, tanti furbetti della denuncia dei redditi che finiscono per essere maggioritaria rispetto ai veri indigenti.

In Sicilia sono stati “pescati” 77 lavoratori in nero tra i quali anche spacciatori e pregiudicati di mafia che ricevevano regolarmente il reddito di cittadinanza. Solo alcuni giorni fa sono stati scoperti 1.500 migranti che percepivano indebitamente il reddito di cittadinanza  oppure persone che intascavano il reddito con 16 auto intestate a proprio nome e 200 mila euro in contanti depositate in banca. La lista purtroppo potrebbe continuare all’infinito. La caritas Italiana certifica che il 56% dei poveri non percepisce il reddito di cittadinanza. 

Pubblicità
Pubblicità

A documentare il fallimento dell’assistenzialismo targato 5stelle è appunto la Caritas nel suo rapporto annuale che diventa una vera e propria denuncia su come i beneficiari del reddito di cittadinanza, siano le persone sbagliate.

Non solo, ma tra chi lo percepisce , solo uno su dieci ha trovato lavoro: altro fallimento. Ma la Caritas denuncia anche come un terzo di chi incassa l’assegno, non sia per nulla povero.

E in Trentino cosa succede? A questo proposito è interessante il comunicato stampa diffuso da Katia Rossato consigliere provinciale di Fratelli d’Italia nel quale si legge, «Purtroppo però, questi atti vergognosi non avvengono solo in altre parti d’Italia, ma anche nel nostro Trentino; è finita infatti in manette per sfruttamento della prostituzione la maitresse di origine brasiliana, per il fisco disoccupata, che operava a Gardolo e aveva ottenuto il reddito di cittadinanza perché “senza lavoro”, nonostante guadagnasse più di diecimila euro al mese come frutto dell’attività criminale».

Pubblicità
Pubblicità

E purtroppo è certo che per i tantissimi episodi che vengono alla luce, chissà quanti ve ne saranno che restano impuniti, consentendo a chi non ne avrebbe i requisiti di percepire indebitamente il reddito di cittadinanza.

Secondo Katia Rossato la misura è colma: «non possiamo più tollerare che tali sussidi dello Stato finiscano nelle mani di criminali, spacciatori, mafiosi ed in generale di chi non possiede i requisiti, magari unendo il sussidio al lavoro nero. Si tratta di uno schiaffo a tanti cittadini onesti che lavorano per portare a casa un salario spesso appena sufficiente per arrivare a fine mese».

Rossato sottolinea anche che «in un Paese con un mercato del lavoro in perenne stagnazione vi è qualcosa di profondamente immorale ed antieconomico nel reddito di cittadinanza. Immorale perché, prove alla mano, sta premiando il parassitismo di alcuni individui sulle spalle della collettività; antieconomico perché ora avremmo bisogno di misure che stimolino la crescita, non di paghette e spese improduttive» ricordando che esiste già il reddito d’emergenza per le famiglie in gravissima difficoltà.

«Perché non spostare i fondi dedicati al reddito di cittadinanza per sgravare il cuneo fiscale sulle imprese, magari incentivando con maggior vigore l’assunzione dei giovani (fra cui 1 su 3 non lavora), o favorire gli investimenti in un Paese con atavici problemi di produttività? Come possiamo aspettarci che gli individui che percepiscono il reddito di cittadinanza trovino lavoro se i centri per l’impiego pubblici continuano a dimostrare una totale incapacità di intercettare le istanze del sistema economico?» – Si chiede la consigliera provinciale di Fratelli d’Italia.

«È ormai evidente – conclude Katia Rossato – che il reddito di cittadinanza ha fallito. Il Pnrr deve essere un’occasione per riformare il nostro sistema incancrenito, perché non puntare su sgravi fiscali ed incentivi al lavoro per i giovani, piuttosto che restare fermi sui sussidi?»

Pubblicità
Pubblicità
Pubblicità
Pubblicità

  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Reddito di libertà, attivata la procedura per l’invio delle domande
    Dopo l’annuncio di qualche mese fa, il reddito di libertà ora è pronto per essere erogato a tutte le donne in difficoltà e vittime di violenza. Reddito di libertà, cos’è La misura che prevede un... The post Reddito di libertà, attivata la procedura per l’invio delle domande appeared first on Benessere Economico.
  • Bonus idrico pronto, ma sito offline: le domande al via dal 2022
    Manca poco all’arrivo del Bonus idrico che permette di ricevere un rimborso di 1000 euro per chi sostituisce rubinetti di bagno e cucina. Ad oggi anche se sembra tutto pronto per l’avvio della nuova agevolazione,... The post Bonus idrico pronto, ma sito offline: le domande al via dal 2022 appeared first on Benessere Economico.
  • Il futuro corre verso un’economia circolare: nuovi modelli di rigenerazione e sviluppo
    Il futuro dell’economia, dovrà evolversi tenendo conto della missione che ormai accomuna tutti gli stati del mondo, la sostenibilità. Di fatto, per avvicinarsi verso un’economia circolare che riduca la produzione dei rifiuti, garantisca uno sviluppo... The post Il futuro corre verso un’economia circolare: nuovi modelli di rigenerazione e sviluppo appeared first on Benessere Economico.
  • Boom di adesioni per il Bonus Terme, cosa possono fare gli esclusi
    Dopo le difficoltà iniziali, il Bonus terme ha riscontrato un a grande affluenza, tanto da esaurire i fondi nel giro di poche ore. Un boom di adesioni che però ha lasciato milioni di italiani esclusi... The post Boom di adesioni per il Bonus Terme, cosa possono fare gli esclusi appeared first on Benessere Economico.
  • Ipotesi Easy tax per autonomi: un ponte tra aliquote troppo diverse tra loro
    All’interno del delicato tema sul fisco, tra le varie proposte spunta anche l’easy tax per autonomi. La proposta si inserisce nel tema dell’ampliamento della Flat Tax agli autonomi con ricavi tra 65 mila e 100... The post Ipotesi Easy tax per autonomi: un ponte tra aliquote troppo diverse tra loro appeared first on Benessere Economico.
  • Buono viaggio Taxi e Ncc: fino al 50% di sconto sul totale della corsa
    Per alcune categorie di persone, viaggiare in taxi potrebbe essere più conveniente. All’interno del Decreto Rilancio e successivamente nel Dl infrastrutture è stata inserita una particolare agevolazione che prevede viaggi in auto con conducente e... The post Buono viaggio Taxi e Ncc: fino al 50% di sconto sul totale della corsa appeared first on Benessere […]

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

  • Pubblicità
    Pubblicità

Necrologi

Categorie

di tendenza