Connect with us
Pubblicità

Riflessioni fra Cronaca e Storia

Dostoevskij profeta del Novecento

Pubblicato

-

Pubblicità

Pubblicità

Ricorre quest’anno il bicentenario della nascita del più grande romanziere dell’Ottocento, il russo Fëdor Michajlovič Dostoevskij. Per celebrare questo anniversario, l’editore Armando ha mandato in ristampa un libro del magistrato Francesco Forlenza, Dostoevskij profeta del Novecento.

Si tratta di un saggio davvero utile per capire la profondità di pensiero e la lungimiranza di questo scrittore che sin da giovane frequenta ambienti sovversivi, atei, propugnatori di una rivoluzione anarco-socialista in Russia, per abbattere lo zar e creare una nuova società.

Nel 1849 viene arrestato dalla polizia zarista e condannato a morte. In extremis la pena viene commutata in quattro anni di deportazione in Siberia. L’unica lettura, in questo lungo periodo, è quella di un Vangelo, regalatogli da una donna mentre viene portato a scontare la pena.

Pubblicità
Pubblicità

In seguito a questa esperienza Dostoevskij muta prospettiva, mettendo Cristo, l’uomo-Dio, al centro della sua esistenza, dei suoi dubbi, delle sue riflessioni.

In estrema sintesi si può dire che egli si dichiara convinto che quando gli uomini “abbatteranno i templi, inonderanno la terra di sangue”, perché la libertà illimitata finisce nel despotismo illimitato. Così effettivamente avverrà nel Novecento, soprattutto nella sua terra, con l’avvento nel 1917 del comunismo.

Dostoevskij ritiene inoltre che accantonando la “necessità e l’inevitabilità di credere all’immortalità dell’anima umana” l’umanità arrivi inevitabilmente alla “convinzione dell’assoluta insensatezza dell’esistenza umana sulla terra”; insensatezza che non può che esitare nell’indifferentismo morale – perché non ci può essere tensione morale, necessità di scegliere tra bene e male, dove non vi è senso delle azioni che si compiono- ma anche nella celebrazione del suicidio come estremo gesto dell’uomo che, senza Dio, si fa padrone della sua vita ma finisce poi per desiderare la sua morte.

Pubblicità
Pubblicità

Chi abbia letto alcuni dei capolavori dello scrittore russo, in particolare Delitto e castigo e I fratelli Karamazov, non si stupirà dell’interesse di un magistrato, il già citato Francesco Forlenza, per questo grande scrittore, che mette al centro il problema del bene e del male e dell’origine ultima della legge morale, il limite dell’uomo e la sua coscienza.

Si può anche ricordare, per allargare l’orizzonte, che lo scrittore russo è fondamentale per comprendere meglio Gabriele D’Annunzio, o il superomismo Friedrich Wilhelm Nietzsche, ma anche che è stato l’autore preferito dei due massimi fisici del Novecento, Albert Einstein e Werner Heisenberg

Il primo, in una lettera del 1919 ad un collega fisico, scriveva che I Fratelli Karamazov sono il libro “più meraviglioso che abbia mai avuto tra le mani”; in un’altra lettera, del 1921, a un amico filosofo, Einstein confessava di provare “soddisfazione etica” nella lettura di Dostoevskij e di riceverne molto di più di quanto possa fare da qualsiasi scienziato; infine, in un dialogo del 1930 con un matematico e uno scrittore, affermava che Dostoevskij è un “grande scrittore religioso” capace di presentare un quadro “del mistero dell’esistenza spirituale… chiaramente e senza commento

Quanto a Werner Heisenberg, ricevendo nel secondo dopoguerra il premio don Romano Guardini da parte dell’ Accademia Cattolica di Baviera, riflettendo sul rapporto tra scienza, etica e fede, anche in rapporto alle armi di distruzione di massa e ragionando sull’importanza di subordinare scoperte scientifiche e utilizzi tecnologici a principi morali, ricordava di essere rimasto affascinato dall’analisi di Dostoevskij proposta dal Guardini  nei suoi libri.

Affermava Heisenberg: “La vita di questi personaggi (di Dostoevskij, ndr) è pervasa completamente, in ogni istante, dalla lotta per la verità religiosa, è in certa misura permeata dallo spirito cristiano, e così ha importanza relativa se questi uomini, nella lotta per il bene, vincono o restano sconfitti. Anche i peggiori di loro sanno cos’è bene e cos’è male, misurano il proprio agire sulle immagini guida fornite loro dalla fede cristiana. Qui risulta inefficace anche la famosa obiezione contro la religione cristiana, secondo cui gli uomini si comporterebbero all’interno del mondo cristiano in modo ugualmente spaventoso che fuori di esso. Questo è vero, purtroppo; ma è anche vero che gli uomini conservano, all’interno di esso, una chiara capacità di distinguere tra bene e male; e solo dove essa è presente sopravvive la speranza di miglioramento. Dove non ci sono più immagini guida a indicare il cammino, insieme alla scala di valori scompare anche il senso del nostro agire e soffrire, e alla fine restano solo negazione e disperazione. La religione è dunque la base dell’etica, e l’etica è il presupposto della vita. Perché infatti dobbiamo quotidianamente prendere decisioni, dobbiamo conoscere o quantomeno intuire i valori secondo i quali orientiamo il nostro operato…”.

Pubblicità
Pubblicità
Pubblicità
Pubblicità
Pubblicità
Pubblicità
Pubblicità
Pubblicità

  • Pubblicità
    Pubblicità
Italia ed estero57 minuti fa

Veneto: crolla la parete ovest della parte sommitale del Monte Pelmo

Aziende2 ore fa

L’importanza (mai svanita) del brand

Val di Non – Sole – Paganella2 ore fa

Pejo: perde il controllo della bicicletta, 18 enne finisce in una scarpata

Arte e Cultura2 ore fa

Sedi aperte e tanti appuntamenti il 15 agosto nei luoghi culturali della nostra provincia

Trento2 ore fa

Rompono il lunotto dell’auto e rubano alcune borse: ladri in azione anche sul Bondone

Io la penso così…3 ore fa

Gas ed elettricità: una speculazione di Stato ( parte 2 )

L'Editoriale4 ore fa

«Politically correct»: la più grande mistificazione del secolo

Politica4 ore fa

Politiche 2022: 18enni chiamati al voto per la prima volta per eleggere il Senato della Repubblica

Fiemme, Fassa e Cembra4 ore fa

Val di Fassa, lavori di consolidamento per il masso di Muncion

Trento5 ore fa

L’appello del presidente dell’ANA ai politici: «Giovani disorientati, ripristinate il servizio di leva»

Alto Garda e Ledro5 ore fa

Il sindaco di Riva del Garda incontra il nuovo Questore Improta

Alto Garda e Ledro5 ore fa

Guardia di Finanza: il saluto del Sindaco di Riva del Garda alla comandante Di Zio

Trento5 ore fa

Circonvallazione ferroviaria: via alle indagini sulle aree inquinate e al cantiere pilota

Valsugana e Primiero5 ore fa

Cade in bicicletta, 58 enne trasportata in gravi condizioni al Santa Chiara

Spettacolo11 ore fa

Morta Olivia Newton -John, insieme a John Travolta fece sognare intere generazioni

Fiemme, Fassa e Cembra3 settimane fa

Trentasette anni fa la tragedia di Stava: per non dimenticare!

Trento4 settimane fa

Coronavirus in Trentino: 603 contagi nelle ultime 24 ore, le rianimazioni sono «covid free»

Alto Garda e Ledro4 settimane fa

Si allarga pericolosamente il fronte dell’incendio sul Monte Baldo – IL VIDEO

Alto Garda e Ledro4 settimane fa

Riva del Garda: tornano i fuochi della «Notte di fiaba»

Trento4 settimane fa

Coronavirus in Trentino: 977 contagi nelle ultime 24 ore. Dai 40 ai 59 anni la fascia più colpita

Val di Non – Sole – Paganella3 settimane fa

Tragedia sul Monte Peller: muore un giovane di Cles

Politica4 settimane fa

Ugo Rossi: «Non mi ricandiderò, il PATT ha rinunciato ad essere protagonista»

Valsugana e Primiero2 settimane fa

Laghi di Levico e Caldonazzo fuori controllo: risse, pestaggi, furti e atti di pirateria

Trento4 settimane fa

Valanga della Marmolada non è caso unico, 10 turisti salvi per miracolo – IL VIDEO

Trento4 settimane fa

Dopo la separazione arriva anche il divorzio: finisce la storia d’amore tra Francesco Moser e Carla Merz

Politica4 settimane fa

Sondaggio Mentana: si arresta la discesa della Lega, cresce Forza Italia

Rovereto e Vallagarina4 settimane fa

Attentato alla sede della Lega: l’anarchico «trentino» Sorroche condannato a 28 anni di carcere

Italia ed estero4 settimane fa

Clamorose rivelazioni di Nicola Gratteri: «Questo Governo sta smontando un secolo e mezzo di Antimafia»

Trento2 settimane fa

Coronavirus: 496 contagi e boom di ricoveri nelle ultime ore in Trentino

Trento1 settimana fa

Coronavirus: 117 contagi nelle ultime 24 ore in Trentino

  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

  • Pubblicità
    Pubblicità

Categorie

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

di tendenza