Connect with us
Pubblicità

Bolzano

La truffa della cripto valuta ‘Onecoin’ colpisce anche Bolzano. Nei guai diversi altoatesini

Pubblicato

-

Pubblicità

Pubblicità


14 persone sono state rinviate a giudizio per i reati di truffa aggravata, diffusione e promozione abusiva e vendita piramidale di moneta elettronica, abusiva raccolta del risparmio e abusivismo finanziario, il tutto con l’aggravante della transnazionalità.

Le indagini, condotte dalla Guardia di Finanza sono partite dall’osservazione della società bulgara «OneCoin Lt» la quale, attraverso numerosi cittadini, italiani ed esteri, promuoveva abusivamente l’acquisto della criptovaluta denominata «OneCoin», spacciandola come strumento finanziario ad alto rendimento; in realtà, il meccanismo era quello tipico del sistema di vendita piramidale (Multi Level Marketing), paragonabile al tipico «Schema Ponzi», vale a dire a un modello economico di vendita truffaldino in cui l’investitore consegue dei guadagni solo se riesce a reclutare nuovi aderenti – a loro volta vittime del raggiro – in grado di apportare risorse finanziarie fresche destinate a remunerare i guadagni dei soggetti posti ai livelli superiori della piramide.

Questo genere di truffa si interrompe naturalmente quando, in assenza di nuovi iscritti, non vi è più liquidità per corrispondere le retribuzioni; in questa fase, gli aderenti si accorgono del meccanismo truffaldino ma, per i più, è spesso troppo tardi per recuperare quanto investito.

Pubblicità
Pubblicità

L’attività d’indagine ha consentito d’individuare in Ruja Ignatova, fondatrice della società che ha originariamente diffuso la moneta virtuale “OneCoin”, l’ideatrice e la promotrice della truffa a livello internazionale. Si tratta di una persona molto nota alle cronache giudiziarie per essere sotto indagine o aver subito condanne in diversi Paesi, europei e non.

La cittadina bulgara veniva coadiuvata in Italia da tre fratelli altoatesini residenti all’estero, anch’essi ai vertici dell’organizzazione, i quali, a loro volta, si avvalevano di una moltitudine di promotori a livello nazionale e locale. Le indagini hanno portato all’individuazione di 10 di questi, di cui 9 altoatesini e 1 veneto.

La condotta criminosa consisteva nella promozione della “criptovaluta OneCoin” che avveniva promettendo guadagni straordinari, in poco tempo e facilmente. Inoltre, venivano promessi bonus aggiuntivi qualora gli aderenti all’investimento avessero reclutato ulteriori soci-investitori. Ai malcapitati veniva raccontato non solo che, al crescere del numero degli investitori, sarebbe aumentato significativamente il valore della criptovaluta sul mercato ma anche che era possibile la conversione in valuta corrente, attraverso una non meglio precisata quotazione in borsa della moneta; quotazione che non è mai avvenuta.

Pubblicità
Pubblicità

Gli sventurati acquirenti, una volta acquistato il “pacchetto” OneCoin, non si trovavano in mano una vera e propria criptovaluta come potrebbe essere, ad esempio, “Bitcoin” che, come noto, consente di effettuare transazioni senza scambiare dati personali e in totale anonimato nonché di acquistare beni e servizi presso negozi digitali e altre attività commerciali.

La complessa attività d’indagine si è sviluppata attraverso l’esecuzione di intercettazioni telefoniche e ambientali, numerose perquisizioni (sia in Alto Adige che in Veneto), oltre che di attività investigative svolte all’estero, in particolare in Bulgaria e in Germania, dove è stato possibile effettuare un coordinamento tra Uffici investigativi, stante l’esistenza, in quei Paesi, di analoghi procedimenti penali, le cui risultanze facevano emergere un quadro impressionante della portata della truffa a livello mondiale, quantificabile nell’ordine dialmeno 1,8 miliardi di euro.

Le indagini finanziarie condotte dalla Guardia di Finanza di Brunico presso Istituti di credito altoatesini, ha consentito di accertare che, per l’acquisto di “pacchetti OneCoin”, sono stati effettuati bonifici verso l’estero per circa 11 milioni di euro, di cui circa 5 milioni disposti da 3.700 residenti in provincia.

Già nell’anno 2019, i Finanzieri del Nucleo speciale Antitrust avevano sequestrato sette siti Internet e 93 pagine social riguardanti OneCoin, mentre nel 2017 l’Autorità Garante per la Concorrenza e il Mercato (AGCM) aveva sanzionato tre società del gruppo e tre professionisti per oltre 2,5 milioni di euro, ritenendo che gli stessi avessero compiuto pratiche commerciali scorrette.

Sulla storia di Onecoin e della sua fondatrice, Ruja Ignatova, è stato creato un podcast dell’emittente britannica BBC, The missing cryptoqueen, mentre negli Stati Uniti è già in corso il processo nei suoi confronti e del fratello Konstantin, arrestato dall’FBI nell’anno 2019. La Ignatova risulta tuttora ricercata a livello internazionale.

  • Pubblicità
    Pubblicità
Trento1 ora fa

Marmolada, proseguono le ricerche. Draghi a Canazei: «Grazie agli operatori per la loro generosità, professionalità e coraggio»

Val di Non – Sole – Paganella1 ora fa

Giovani “parcheggiatori” cercansi a Castel Thun

Fiemme, Fassa e Cembra3 ore fa

Strage Marmolada: era davvero impossibile da prevedere?

Piana Rotaliana3 ore fa

Nuovo calendario di raccolta rifiuti (secco e umido) a Mezzocorona

Val di Non – Sole – Paganella3 ore fa

Fango e detriti sulla SP67 dopo il temporale: intervengono i Vigili del Fuoco di Campodenno

Alto Garda e Ledro4 ore fa

Ad Arco la festa per il 50° anniversario del record di Renato Dionisi

Trento4 ore fa

Strage Marmolada, Facchini (Sat): «Vanno cambiati i modelli di sviluppo»

Rovereto e Vallagarina4 ore fa

Rovereto si risveglia indifesa e fragile: il grido d’allarme degli imprenditori: «Le Istituzioni preposte facciano qualcosa»

Fiemme, Fassa e Cembra4 ore fa

Strage Marmolada: i nomi delle prime vittime

Trento5 ore fa

Coronavirus: risalgono i ricoveri. In Trentino 4.647 persone in quarantena

Fiemme, Fassa e Cembra5 ore fa

Marmolada: sale a 8 il numero delle vittime, cala quello dei dispersi

Trento5 ore fa

Gardolo: ancora violenza e scontri fra stranieri

Trento6 ore fa

Difensore civico, crescono gli interventi. Temi “caldi”: il diritto di accesso agli atti e la sanità, Covid in testa

Val di Non – Sole – Paganella6 ore fa

Successo per la prima edizione del Torneo di calcio tennis di Cles

Fiemme, Fassa e Cembra7 ore fa

Crollo Marmolada – Ghiaccio Bollente, WWF: dati e analisi disponibili da tempo, manca azione

Trento4 settimane fa

Coronavirus: 99 contagi nelle ultime 24 ore in Trentino. Calano i ricoveri

Valsugana e Primiero3 settimane fa

Sbanda, va in contromano e rischia di scontrarsi con altre auto prima di entrare in statale – IL VIDEO

eventi4 settimane fa

Dal 17 al 26 giugno tornano a Trento le Feste Vigiliane

Trento3 settimane fa

Coronavirus: 267 contagi nelle ultime 24 ore in Trentino

Telescopio Universitario4 settimane fa

UniTrento: da vent’anni il mondo fa tappa qui

Alto Garda e Ledro4 settimane fa

Stop alla viabilità a Riva del Garda: si girano le scene di un film americano

Politica3 settimane fa

Referendum, vittoria dei sì ma niente quorum. Amministrative: nei grandi comuni avanti il centro destra

Trento4 settimane fa

Attimi di paura alla stazione delle corriere di Trento!

Italia ed estero4 settimane fa

Crolla un ponte sospeso durante l’naugurazione: 25 feriti – IL VIDEO

Valsugana e Primiero3 settimane fa

Trovato morto in piscina Stefano Lorenzini di Levico Terme

Politica3 settimane fa

L’abbraccio mortale col PD affonda definitivamente il M5stelle

Telescopio Universitario3 settimane fa

UniTrento – Ucraina, accolte le prime due studiose

Rovereto e Vallagarina4 settimane fa

Rovereto, continuano gli atti vandalici: prese di mira le auto parcheggiate

Politica2 settimane fa

Claudio Cia: «Patt è solo l’ombra del suo passato e pronto a mettersi con tutti per il potere»

Val di Non – Sole – Paganella2 settimane fa

Fausto Iob è stato ucciso, arrestato il presunto colpevole

  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

  • Pubblicità
    Pubblicità

Categorie

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

di tendenza