Connect with us
Pubblicità

Trento

Maltempo in Trentino: ancora decine le chiamate ai vigili del Fuoco

Pubblicato

-

Il preannunciato maltempo che ha colpito tra la notte di Sabato e la mattinata di Domenica un po’ tutte le zone della provincia di Trento ha provocato diversi danni e disagi con violenti acquazzoni, vento e grandine.

Numerose le chiamate ai vigili del fuoco che sono stati costretti ad interventi per allagamenti garage, cantine, ostruzione di tombini o strade allagate, e piante cadute causa il forte vento.

Si e iniziato nella tarda serata di sabato con diversi interventi nella zona di Trento sopratutto sulla collina da Cognola, Povo e Villazzano con diversi allagamenti e taglio piante e la grandine che ha colpito anche diverse auto in sosta e anche i frutteti. Grandine che nella notte, seppur senza fare danni è caduta anche nel capoluogo.

Pubblicità
Pubblicità

Anche in altre zone della città e dintorni sono segnalati diversi interventi per allagamenti e il taglio piante rese ancora più pericolanti per il forte vento.

Anche la Valsugana e stata colpita in maniera violenta con un forte vento che ha sradicato diverse piante nella zona delle terme a Roncegno (foto) e nel centro abitato con le piante finite su alcune attività ricettive.

I vigili del fuoco del posto hanno dovuto intervenire nella zona di Borgo Valsugana e Telve.

Pubblicità
Pubblicità

Anche la Vallagarina e stata colpita dal maltempo con veri e propri nubifragi sopratutto nella zona di Ala e Avio, e la grandine nella zona di Nogaredo continuati con diversi temporali fino al primo pomeriggio della domenica.

Decine di interventi dei vigili del fuoco anche nell’Alto Garda sopratutto per il temporale della domenica mattina che ha costretto le squadre dei vigili del fuoco di Riva e Arco a numerosi interventi per allagamenti sulle strade come in viale Rovereto a Riva trasformato in un lago con le automobili che procedevano a passo d uomo.

Numerosi anche gli interventi per allagamenti in scantinati e garage anche nella zona di Arco. Chiusa la Strada 240 della Maza per la strada allagata nei pressi del cantiere della Loppio Busa tra gli abitati di Vignole e Nago con numerose pozzanghere di acqua piovana che ha costretto i vigili del fuoco a chiudere la strada poco prima delle 14.00 con deviazioni lungo Torbole e Linfano. Poi la strada è stata riaperta verso le 16.30.

Sempre a Nago Nago nella tarda mattinata in zona rotatoria – vacchina è scoppiata la fognatura che ha creato seri problemi al traffico e che ha costretto la Polizia locale ad attivare una ditta di spurgo.

Chiusa anche la strada provinciale del Monte Velo tra Ronzo Chienis e Bolognano per uno smottamento tra l’agritur Torboli e il passo Santa Barbara anche in questo caso i vigili del fuoco stanno presidiando la zona insieme al personale della gestione strade della provincia.

Pubblicità
Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

Necrologi

  • Pubblicità
    Pubblicità

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

  • Arriva la sedia per sedersi a gambe incrociate ed evitare fastidiosi mal di schiena
    Nonostante la frenesia che caratterizza ogni città, lo stile di vita sedentario di molte persone è piuttosto comune, visto che la maggior parte delle ore si passa fermi e seduti davanti alla scrivania. Questo con il tempo può portare danni più o meno seri al fisico. Infatti, il rischio di incorrere in spiacevoli mal di […]
  • La nuova vita dei treni notturni, viaggiare sostenibile e comodo
    Dopo anni i treni notturni tornano di moda. Ultimamente infatti, in Europa hanno rincominciato ad essere più frequentanti e richiesti i treni notturni che permettono di spostarsi tra le principali città durante la notte, dormendo in un vagone dedicato. L’aumento della domanda rispetto a questo servizio è stata tale da spingere molte imprese ferroviarie a […]
  • Panchine giganti in Italia: la ricerca di un’incredibile esperienza
    Colorate, grandi e affacciate su panorami mozzafiato. Si parla delle Big Bench, ovvero delle panchine giganti, un fenomeno ideato dal designer americano Chris Bangle che nel giro di pochi anni si è diffuso in tutto il Bel Paese. Queste installazioni fuori scala, posizionati in piccoli luoghi di sconosciuta bellezza, cambiano la prospettiva del paesaggio, rendendo […]
  • Allargare le braccia e toccare due continenti: le splendide possibilità dell’Islanda
    Per molti, l’America è quel continente lontano ore ed ore di volo, ma sulla Terra esiste un luogo dove Europa ed America sono talmente vicine da essere toccate contemporaneamente, semplicemente allargando le braccia. Questo luogo pazzesco si trova in Islanda ed è considerato uno dei luoghi più spettacolari del mondo. La Silfra Fissure, patrimonio naturale […]

Categorie

di tendenza