Connect with us
Pubblicità

economia e finanza

Sette errori quando si inizia ad operare sul mercato azionario

Pubblicato

-

Nel mondo degli investimenti ci sono momenti di successo e di errore nel processo decisionale.

Nessun investitore principiante o esperto può affermare di non aver commesso errori. Non possiamo pretendere di controllare il comportamento del mercato, poiché ha un suo temperamento.

Di solito non tutto è razionale in questo mondo, la psicologia degli investimenti e il comportamento umano rendono questa pratica qualcosa di impossibile da controllare.

Pubblicità
Pubblicità

Investitori famosi e famosi come Warren Buffett (il miglior investitore della storia) hanno commesso errori nelle loro decisioni. Per considerarti un buon investitore, devi tenere conto della vulnerabilità di esserlo e avere l’umiltà di accettare errori e successi.

Rischio e rendimento sono valori intrinseci degli investimenti. Pertanto riconosceremo “Sette errori quando se inizia a commerciare nell mercato azionario”

Sette errori quando si inizia a commerciare il mercato azionario – Generalmente, gli errori commessi nel prendere decisioni nei nostri investimenti sono causati dalle nostre emozioni, come abbiamo detto prima, le finanze comportamentali ce lo spiegano, tuttavia oggi indicheremo questi errori nel modo seguente:

Pubblicità
Pubblicità

Paralisi dovuta alla perdita – Questo ci porta alla preferenza umana per evitare una perdita piuttosto che ricevere un guadagno. Molti investitori tendono a mantenere investimenti a basso rendimento per lunghi periodi di tempo, sperando di recuperare almeno quanto inizialmente investito, questo accade perché a livello psicologico si rifiutano di affrontare la perdita e accettano l’errore commesso, l’avversione al rischio rivela la influenza delle emozioni nel processo decisionale finanziario.

Avere emozioni o non sapere come controllare le emozioni – Molte delle decisioni che vengono prese si basano sulle emozioni e anche le finanze non sfuggono a questo. Emozioni come l’ansia, la paura della perdita o l’eccesso di ottimismo dominano le decisioni finanziarie. Tuttavia, gli effetti di questi stimoli emotivi possono essere mitigati.

Conoscere i pregiudizi cognitivi ed emotivi che influenzano la percezione umana, insieme ai rischi economici che questi comportano, oltre ad avere una consulenza esperta, è essenziale per controllare le emozioni quando si investe, soprattutto in un contesto come quello attuale segnato dall’incertezza economica globale.

Nel campo della finanza comportamentale, l’impazienza, che insieme all’orgoglio e all’ingenua avidità, sono le tre emozioni che contaminano le decisioni finanziarie. Il tempo è la variabile chiave in finanza. È difficile e più nel momento attuale, non volendo ottenere una gratificazione immediata. L’impazienza è spesso una cattiva decisione. Peter Lynch, un grande manager, ha dichiarato: “Quanto sono andati bene i miei fondi e quante persone hanno perso denaro su di loro”.

I guadagni passati non significano guadagni futuri – “I rendimenti passati non garantiscono i rendimenti futuri” è una frase molto popolare nel mondo degli investimenti. La frase viene a dirci che un prodotto finanziario, una certa azione o un settore che ha ottenuto ritorni straordinari in passato non significa che si riprodurranno ancora in futuro. Come sempre, bisogna analizzare gli investimenti e vedere se esiste davvero un sistema per ottenere rendimenti duraturi nel tempo o al contrario, i rendimenti passati sono stati frutto del caso.

Evitare le raccomandazioni della TV e dei falsi consulenti finanziari – Uno dei detti più diffusi nel mondo finanziario è “compra con il pettegolezzo e vendi con la notizia”, che spesso si rivela molto dannoso per l’investitore, il punto è che la notizia non si produce sempre o forse se ma con condizioni che non sono le più vantaggiose per l’investitore. Non dovremmo mai investire esclusivamente in un titolo di cui si parla, anche se c’è piena fiducia nella particolare fonte. Questo è il consiglio principale di molti analisti: bisogna sempre analizzare se l’azienda è economica, se ha un alto rendimento da dividendi o se ha qualche attrattiva in più che la rende ideale per il nostro investimento.

Non vendere nient’altro quando cominci a fare profitti – Nel regno della finanza comportamentale, c’è un pregiudizio chiamato “The Gambler’s Fallacy“, che spiega molto bene questo punto. Quando si parla di probabilità, una mancanza di comprensione può far pensare a false ipotesi e previsioni sul verificarsi di eventi. In questo bias, un investitore crede erroneamente che il verificarsi di un evento abbia meno probabilità di verificarsi rispetto a un evento dopo un evento o una serie di eventi.

Questo pensiero è un po’ irrazionale, perché indipendentemente da ciò che è accaduto in passato, non cambia la possibilità che certi eventi abbiano origine nel futuro. Tuttavia, non è difficile immaginare che in determinate circostanze gli investitori possano facilmente cadere in questo pregiudizio. Alcuni investitori ritengono che dopo un giorno di tre o quattro giorni consecutivi di rialzo di un’azione, si aspettano che il giorno successivo ci sarà un giorno di ribasso.

Anche quando vendono un titolo dopo un periodo di rialzo costante, perché credono che avendo un periodo rialzista, non salirà più e scelgono di prendere profitti con il timore di una diminuzione del valore dell’azione. Pertanto, ci sono situazioni in cui gli investitori insistono nell’acquistare azioni al ribasso perché ritengono improbabile che diminuiscano ulteriormente di valore. È importante capire che nel caso di eventi indipendenti, le probabilità di uno specifico esito rimangono le stesse indipendentemente da ciò che lo ha preceduto.

Investire solo in denaro di cui non si ha bisogno – L’atto del risparmio è essenziale, questo denaro è generalmente destinato a coprire le nostre spese in caso di qualsiasi evenienza. Quando ci troviamo in una situazione economica tesa, invece di pensare ad investire denaro, è consigliabile porsi un obiettivo di risparmio. Non parliamo di piani a lungo termine che potremmo pensare di non realizzare e quindi corriamo il rischio di abbandonare quel piano. Si tratta di progetti brevi, più a portata di mano nel tempo e facili da realizzare.

Quindi possiamo garantire che il momento migliore per investire denaro sia quando i nostri bisogni sono già coperti e dobbiamo indebitarci per condurre uno stile di vita solvibile. Una frase molto popolare tra gli investitori esperti è: “La migliore strategia è investire denaro che non è necessario”.

In conclusione, possiamo affermare che queste sono solo alcune idee. Conoscere bene i prodotti finanziari con cui vogliamo fare trading e scegliere la piattaforma giusta per scambiare quegli attivi sarebbe un grande vantaggio, poiché le emozioni sono caratteristiche umane e investire mette alla prova la stabilità e il controllo di queste emozioni.

Se possibile, è meglio avere un piano, un obiettivo, un portafoglio diversificato, regolare gli investimenti periodicamente, assumere e rivedere il livello di rischio. Ci sono investitori che, per il loro modo di essere, vivono in costante ansia e agitazione nei loro investimenti, monitorando costantemente i movimenti di ogni momento. È importante correggere questa ansia e, se questo non è possibile, è meglio cercare l’aiuto e il consiglio di un broker.

Pubblicità
Pubblicità

  • Pubblicità
    Pubblicità

Necrologi

  • Pubblicità
    Pubblicità

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

  • Arriva la sedia per sedersi a gambe incrociate ed evitare fastidiosi mal di schiena
    Nonostante la frenesia che caratterizza ogni città, lo stile di vita sedentario di molte persone è piuttosto comune, visto che la maggior parte delle ore si passa fermi e seduti davanti alla scrivania. Questo con il tempo può portare danni più o meno seri al fisico. Infatti, il rischio di incorrere in spiacevoli mal di […]
  • La nuova vita dei treni notturni, viaggiare sostenibile e comodo
    Dopo anni i treni notturni tornano di moda. Ultimamente infatti, in Europa hanno rincominciato ad essere più frequentanti e richiesti i treni notturni che permettono di spostarsi tra le principali città durante la notte, dormendo in un vagone dedicato. L’aumento della domanda rispetto a questo servizio è stata tale da spingere molte imprese ferroviarie a […]
  • Panchine giganti in Italia: la ricerca di un’incredibile esperienza
    Colorate, grandi e affacciate su panorami mozzafiato. Si parla delle Big Bench, ovvero delle panchine giganti, un fenomeno ideato dal designer americano Chris Bangle che nel giro di pochi anni si è diffuso in tutto il Bel Paese. Queste installazioni fuori scala, posizionati in piccoli luoghi di sconosciuta bellezza, cambiano la prospettiva del paesaggio, rendendo […]
  • Allargare le braccia e toccare due continenti: le splendide possibilità dell’Islanda
    Per molti, l’America è quel continente lontano ore ed ore di volo, ma sulla Terra esiste un luogo dove Europa ed America sono talmente vicine da essere toccate contemporaneamente, semplicemente allargando le braccia. Questo luogo pazzesco si trova in Islanda ed è considerato uno dei luoghi più spettacolari del mondo. La Silfra Fissure, patrimonio naturale […]

Categorie

di tendenza