Connect with us
Pubblicità

Trento

Green Pass, molti malumori fra gli esercenti trentini

Pubblicato

-

«Campagna vaccinale fondamentale ma con queste modalità e questi tempi il Green Pass è la risposta sbagliata».

È di nuovo la categoria di bar e ristorantidel turismo più in generale – quella su cui andranno a gravare le nuove disposizioni previste dal Governo, in particolare l’introduzione del Green Pass. Uno strumento la cui utilità è condivisa dagli operatori ma la cui gestione presenta enormi aspetti di criticità per l’attività aziendale.

E non solo: attribuisce agli imprenditori responsabilità che non possono assumersi. Fontanari (ristoratori) e Roman (pubblici esercizi) si uniscono alla Federazione nazionale FIPE per richiedere aggiustamenti indispensabili.

Pubblicità
Pubblicità

«I gestori dei bar e dei ristorantispiegano Fabia Roman e Marco Fontanari, vicepresidenti di Confcommercio Trentino e presidenti, rispettivamente, dell’Associazione pubblici esercizi e dell’Associazione ristoratori provinciali, unendosi alle dichiarazioni diffuse da FIPE – non sono pubblici ufficiali e come tali non possono assumersi responsabilità che spettano ad altri. È impensabile che, con l’attività frenetica che caratterizza questi locali, titolari e dipendenti possano mettersi a chiedere alle persone di esibire il loro green pass e ancor meno a fare i controlli incrociati con i rispettivi documenti di identità. Così facendo c’è il rischio di rendere inefficace la norma. Bisogna semplificare, prevedendo un’autocertificazione che sollevi i titolari dei locali da ogni responsabilità. Chi dichiarerà il falso lo farà a suo rischio e pericolo. I controlli devono rimanere in capo alle forze dell’ordine e noi ci batteremo in fase di conversione in legge del decreto affinché questo avvenga».

«La nostra categoria è veramente quella sulla quale, per prima, si sono abbattute tutte le conseguenze negative dei provvedimenti del governo in questi ormai due anni di emergenza. Non abbiamo mai voluto entrare nel merito di quello che è l’aspetto sanitario, ma per quel che riguarda l’aspetto economico e sociale, il terziario ha pagato un prezzo altissimo. E con queste modalità di utilizzo e questa tempistica – in piena stagione turistica – del Green Pass siamo ancora penalizzati: lo Stato dovrebbe perseguire anche altre strade e altri modi per convincere i cittadini a vaccinarsi. Introdurre il Green Pass in questo momento in una zona di montagna come la nostra provincia significa penalizzare ulteriormente la stagione turistica, compromettendo la timida ripresa alla quale stavamo assistendo. Avevamo chiesto, almeno, si potesse partire verso la fine di agosto».

«L’impressioneconcludono i presidenti Roman e Fontanariè che il Governo abbia voluto scegliere la strada più comoda, sottovalutando le conseguenze sulle nostre imprese. Chiediamo, anche attraverso la nostra Federazione nazionale FIPE, di rivedere la norma e trovare soluzioni efficaci che non abbiano effetti negativi su chi ha già pagato tanto e vorrebbe soltanto tornare a lavorare».

Pubblicità
Pubblicità

Pubblicità
Pubblicità

  • Pubblicità
    Pubblicità

Necrologi

  • Pubblicità
    Pubblicità

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

  • Arriva la sedia per sedersi a gambe incrociate ed evitare fastidiosi mal di schiena
    Nonostante la frenesia che caratterizza ogni città, lo stile di vita sedentario di molte persone è piuttosto comune, visto che la maggior parte delle ore si passa fermi e seduti davanti alla scrivania. Questo con il tempo può portare danni più o meno seri al fisico. Infatti, il rischio di incorrere in spiacevoli mal di […]
  • La nuova vita dei treni notturni, viaggiare sostenibile e comodo
    Dopo anni i treni notturni tornano di moda. Ultimamente infatti, in Europa hanno rincominciato ad essere più frequentanti e richiesti i treni notturni che permettono di spostarsi tra le principali città durante la notte, dormendo in un vagone dedicato. L’aumento della domanda rispetto a questo servizio è stata tale da spingere molte imprese ferroviarie a […]
  • Panchine giganti in Italia: la ricerca di un’incredibile esperienza
    Colorate, grandi e affacciate su panorami mozzafiato. Si parla delle Big Bench, ovvero delle panchine giganti, un fenomeno ideato dal designer americano Chris Bangle che nel giro di pochi anni si è diffuso in tutto il Bel Paese. Queste installazioni fuori scala, posizionati in piccoli luoghi di sconosciuta bellezza, cambiano la prospettiva del paesaggio, rendendo […]
  • Allargare le braccia e toccare due continenti: le splendide possibilità dell’Islanda
    Per molti, l’America è quel continente lontano ore ed ore di volo, ma sulla Terra esiste un luogo dove Europa ed America sono talmente vicine da essere toccate contemporaneamente, semplicemente allargando le braccia. Questo luogo pazzesco si trova in Islanda ed è considerato uno dei luoghi più spettacolari del mondo. La Silfra Fissure, patrimonio naturale […]

Categorie

di tendenza