Connect with us
Pubblicità

Spazio Corazza

Un centrodestra territoriale e autonomista da unire e rafforzare

Pubblicato

-

Pubblicità

Pubblicità

In un momento di calma apparente nei movimenti politici vista la prossima scadenza elettorale che possiamo considerare ancora a medio termine, sarebbe auspicabile fin d’ora mettere delle basi concrete per poter bissare il successo avuto nel 2018 dall’area di centrodestra.

Trainata dalla forza della Lega e con il contributo degli altri partiti nazionali e dei cosiddetti cespugli, la coalizione del cambiamento ottenne infatti un ottimo successo e l’impegno di tutti dovrà essere volto a dare continuità con le elezioni del 2023.

La situazione pandemica ha cambiato il nostro modo di vivere e ci ha portato a essere molto più dipendenti da tv e giornali che ogni giorno propongono interventi di leader ed esponenti di partiti nazionali che trovano quindi molto spazio nei nostri orientamenti.

Alcuni segnali si sono visti anche in ambito locale portando esponenti eletti in movimenti territoriali al passaggio verso realtà nazionali e il progressivo svuotamento di queste iniziative locali.

Basti ricordare che rispetto al 2018 non sono più presenti nel panorama politico Civica Trentina e Agire per il Trentino, Progetto Trentino è tutto da decifrare con la recente partecipazione per le comunali di Trento a Si può fare, gli Autonomisti popolari non sembrano in una fase particolarmente espansiva e la Civica dei consiglieri Gottardi e Masè avrebbe sempre l’incognita della “prima volta” con una propria lista.

Risulta quindi di fondamentale importanza in questo passaggio storico trovare unità su un progetto locale che possa dare alcune garanzie agli elettori di questa area: importanti basi autonomistiche, fondamentali ragioni di equilibrio all’interno della coalizione, credibilità di fronte all’elettorato, l’idea di gruppo piuttosto che di singolo.

La sintesi metaforica perfetta sarebbe passare dai cespugli del 2018 a un bell’arbusto nel 2023 e magari un albero forte e fruttifero in futuro.

Per fare questo bisogna sedersi a un tavolo fin da ora, senza le pressioni portate dalle campagne elettorali, accantonare eventuali personalismi e mettersi a disposizione di un progetto che non deve inventarsi nulla di clamoroso in termini programmatici, ma riscoprire una forte unione di intenti che possa anche prevedere alcuni passi indietro da parte di qualcuno e favore di molti passi in avanti di qualcosa.

Un qualcosa che rappresenti un elettorato ad oggi confuso dai numerosi sparpagliamenti e che necessita invece di certezze e nuovi entusiasmi.

A cura di Mauro Corazza

  • Pubblicità
    Pubblicità
Italia ed estero3 settimane fa

Allerta in rete, torna la falsa email a firma del Capo della Polizia Lamberto Giannini

Val di Non – Sole – Paganella2 settimane fa

Pesca da record nelle acque nonese: catturata una marmorata lunga un metro

Trento3 settimane fa

Tragedia via Bolzano, è Massimo Beretta l’uomo deceduto: «Un pilastro della nostra Azienda»

Trento4 settimane fa

Maleducati e ubriachi sulle piste da sci, un coro di proteste da tutt’Italia

Rovereto e Vallagarina2 settimane fa

Morta a soli 32 anni Francesca Dalsasso: «È stata una guerriera fino alla fine»

Io la penso così…4 settimane fa

Madonna di Campiglio: piste impeccabili, turisti ubriachi meno

Giudicarie e Rendena2 settimane fa

Matrimonio da Favola al Rifugio Malga Ritorto, nel cuore delle Dolomiti di Brenta

Trento2 settimane fa

Dramma in stazione a Trento: investita una persona

Trento3 settimane fa

Allarme ponte san Giorgio, sparito il basamento del pilastro centrale

Valsugana e Primiero2 settimane fa

La presenza del figlio disabile “turba” alcuni ospiti: scoppia la polemica nell’hotel di San Martino di Castrozza

Trento3 settimane fa

Uomo aggredito da un orso in val di Sole

Trento4 settimane fa

Ecco come sarà il nuovo ponte di Ravina, fine lavori nel 2025

Val di Non – Sole – Paganella1 settimana fa

Torna la suggestiva camminata serale “Di notte all’Eremo di Santa Giustina”: per stare insieme e fare del bene

Piana Rotaliana1 settimana fa

Oltre 350 bancarelle e tanti prodotti tipici a Lavis per la “Fiera della Lazzera”

Trento3 giorni fa

«Sporco fascista di merda ti ammazzo, Trento è antifascista»: Massacrato il figlio minorenne di Emilio Giuliana

  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

Categorie

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

di tendenza