Connect with us
Pubblicità

Trento

Caso Sara Pedri, Segnana: «Per gli ex direttori Bordon e Benetollo nessun problema nel reparto di ginecologia»

Pubblicato

-

In seduta straordinaria il Consiglio provinciale ieri ha discusso della situazione di sanità e delle criticità del reparto di ginecologia del Santa Chiara.

Nella sua relazione Stefania Segnana ha precisato che la Giunta era stata messa al corrente della situazione ma anche rassicurata dai direttori dell’Apss Bordon prima e Benetollo poi.

Le minoranze hanno criticato l’esecutivo per aver lasciato sulla carta gli obiettivi del programma presentato dalla Lega agli elettori in materia di sanità, ma si sono viste respingere la risoluzione che chiedeva discontinuità politica e amministrativa rispetto alla gestione attuale. Approvata la risoluzione di Cia e della maggioranza per miglioare le procedure di verifica e di controllo sul clima interno agli ospedali.

Pubblicità
Pubblicità

La convocazione di un consiglio straordinario era stata chiesta alla Giunta da 12 esponenti della minoranza e si aperta con due momenti di raccoglimento concessi dal presidente Kaswsalder. Il primo chiesto dall’assessore Mirko Bisesti per ricordare la strage di via D’Amelio in cui 30 anni fa come oggi vennero trucidati Paolo Borsellini e la sua scorta.

Il secondo proposto da Pietro De Godenz (UpT), seguito da Gianluca Cavada (Lega), per commemorare i 268 morti della tragedia di Stava a 36 anni esatti di distanza. Kaswalder ha precisato che come sempre in passato si sarebbe recato a Stava per commemorare le vittime della tragedia se questo non gli fosse stato impedito dalla concomitante seduta del Consiglio provinciale.

Nella sua relazione l’assessora Segnana ha rivelato che la Giunta era stata messa al corrente a inizio legislatura dei problemi emergenti nel reparto di ostetricia e ginocologia dell’ospedale Santa Chiara di Trento, riguardanti i carichi di lavoro del personale, ma di aver ricevuto rassicurazione dal direttore generale dell’Apss Bordon, e più recentemente dal suo successore Benetollo, ai quali erano stati chiesti accertamenti sulla situazione interna.

Pubblicità
Pubblicità

L’assessora si è anche scusata con la famiglia di Sara Pedri – la ginecologa scomparsa e non ancora ritrovata dal cui caso ha preso spunto la richiesta di convocazione straordinaria del Consiglio di oggi – “per aver utilizzato un termine non corretto su di lei rispondendo alla domanda di un giornalista. Non ho conosciuto direttamente la dottoressa Pedri – ha ripetuto Segnana – e mi scuso se ho travisato il suo carattere causando ulteriore dolore ai suoi famigliari”.

Alla relazione dell’assessora è seguito un lungo dibattito al termine del quale l’assemblea legislativa ha approvato una risoluzione proposta da Claudio Cia (FdI) e sostenuta dalla maggioranza per “apportare modifiche al sistema sanitario in modo da renderlo più adatto alle esigenze dei cittadini e del personale”.

L’ultimo punto del testo impegna l’esecutivoa dare mandato all’Apss affinché vengano migliorate le procedure di verifica e controllo sul clima interno e su eventuali condotte che possano configurarsi come potenzialmente dannose per gli operatori”.

Nella sua comunicazione all’aula l’assessora alla salute e al welfare, Stefania Segnana, ha dato notizia che la Giunta Fugatti era stata informata in merito alle criticità legate alla riorganizzazione del reparto di ostetricia e ginecologia del Santa Chiara e in particolare ai carichi di lavoro del personale.

Aveva saputo dell’elevato numero di dimissioni – 16 nel 2016 e 7 nel 2017 di cui 5 per cessazioni e 2 per mobilità. Per questo la Giunta insediatasi nell’ottobre del 2018 aveva chiesto all’allora direttore dell’Apss Bordon di effettuare delle verifiche. Bordon aveva sempre rassicurato la Giunta circa le problematiche segnalate anche successivamente. Anche il nuovo direttore, Benetollo – ha aggiunto l’assessora – aveva fornito analoghe rassicurazioni sull’argomento.

 

Pubblicità
Pubblicità

  • Pubblicità
    Pubblicità

Necrologi

  • Pubblicità
    Pubblicità

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

  • Arriva la sedia per sedersi a gambe incrociate ed evitare fastidiosi mal di schiena
    Nonostante la frenesia che caratterizza ogni città, lo stile di vita sedentario di molte persone è piuttosto comune, visto che la maggior parte delle ore si passa fermi e seduti davanti alla scrivania. Questo con il tempo può portare danni più o meno seri al fisico. Infatti, il rischio di incorrere in spiacevoli mal di […]
  • La nuova vita dei treni notturni, viaggiare sostenibile e comodo
    Dopo anni i treni notturni tornano di moda. Ultimamente infatti, in Europa hanno rincominciato ad essere più frequentanti e richiesti i treni notturni che permettono di spostarsi tra le principali città durante la notte, dormendo in un vagone dedicato. L’aumento della domanda rispetto a questo servizio è stata tale da spingere molte imprese ferroviarie a […]
  • Panchine giganti in Italia: la ricerca di un’incredibile esperienza
    Colorate, grandi e affacciate su panorami mozzafiato. Si parla delle Big Bench, ovvero delle panchine giganti, un fenomeno ideato dal designer americano Chris Bangle che nel giro di pochi anni si è diffuso in tutto il Bel Paese. Queste installazioni fuori scala, posizionati in piccoli luoghi di sconosciuta bellezza, cambiano la prospettiva del paesaggio, rendendo […]
  • Allargare le braccia e toccare due continenti: le splendide possibilità dell’Islanda
    Per molti, l’America è quel continente lontano ore ed ore di volo, ma sulla Terra esiste un luogo dove Europa ed America sono talmente vicine da essere toccate contemporaneamente, semplicemente allargando le braccia. Questo luogo pazzesco si trova in Islanda ed è considerato uno dei luoghi più spettacolari del mondo. La Silfra Fissure, patrimonio naturale […]

Categorie

di tendenza