Connect with us
Pubblicità

Trento

Nascono a Rovereto i sensori che monitorano la stabilità di torri telefoniche e ponti

Pubblicato

-

La stabilità di torri di telecomunicazioni e viadotti si misura grazie a una tecnologia “made in Polo Meccatronica”.

È infatti nell’hub 4.0 di Trentino Sviluppo a Rovereto che la società NPlus ha realizzato un innovativo dispositivo che cumula in sé tre diverse funzioni: sensore accelerometrico, trasmettitore ed elaboratore di dati.

Lo strumento, derivato da un concept dell’Università di Trento e sviluppato in collaborazione con il laboratorio ProM Facility, monitora le oscillazioni delle infrastrutture fisse verticali, segnalando le anomalie e permettendo quindi di intervenire tempestivamente con le manutenzioni.

Pubblicità
Pubblicità

Applicata inizialmente a mille torri di telecomunicazioni, questa tecnologia trova considerevoli possibilità di impiego anche per il controllo dei viadotti. A tal fine, Nplus ha già messo in campo alcune applicazioni, tra cui una sul ponte Montevideo di Trento, oggetto proprio in questi mesi di un’importante opera di riqualificazione

Da una parte le torri di telecomunicazioni mobili di Povo, della Marmolada e del Monte Finonchio, solo per citarne alcune. Dall’altra, il viadotto Montevideo a Trento. A unire queste infrastrutture una concatenazione di algoritmi che porta dritti in Polo Meccatronica.

È infatti nell’hub 4.0 di Trentino Sviluppo a Rovereto che l’impresa NPlus ha un dispositivo ad hoc per il loro monitoraggio. «Nello specifico – spiega il presidente di NPlus Giordano Riello – forniamo un sensore accelerometrico che, grazie a un particolare algoritmo, verifica l’oscillazione delle torri e, in caso di anomalie, le segnala, permettendo di effettuare le opportune manutenzioni in tempo. Il dispositivo verrà applicato su mille torri di telecomunicazioni in tutta Italia».

Pubblicità
Pubblicità

Il progetto ha coinvolto anche l’Università di Trento, che ha ideato e sviluppato il concept del sistema e degli algoritmi di analisi, il laboratorio di prototipazione di Polo Meccatronica ProM Facility, che sviluppato il prototipo lavorando in particolare sullo sviluppo hardware e firmware del dispositivo e del sistema cloud che gestisce la raccolta dati. NPlus, infine, ha integrato questi componenti in un unico dispositivo che racchiude al suo interno tre diverse funzioni: sensore accelerometrico, trasmissione dei dati ed elaborazione degli stessi.

«Un bell’esempio di collaborazione pubblico-privato – sottolinea Paolo Bosetti, docente del Dipartimento di Ingegneria Industriale dell’Università di Trento – e di come si conducono ricerca e innovazione sul territorio trentino. Si tratta infatti di un progetto nato dallo stimolo di una multinazionale, che è stato sviluppato a livello di competenze tecnico-scientifiche all’interno della nostra Università, è poi stato prototipato nei laboratori ProM Facility ed è infine stato passato ad una azienda con sede in Trentino che si è occupata della sua industrializzazione. Un flusso virtuoso, dalla sfida tecnologica iniziale fino all’industrializzazione del prodotto finale, che ha quindi esaltato il gioco di squadra del sistema locale della ricerca e dell’innovazione».

E mentre i kit vengono installati sulle torri, l’impresa roveretana già pensa ai potenziali sviluppi di questa tecnologia. «Le prime infrastrutture che vengono in mente per analogia e sulle quali ci piacerebbe ragionare in futuro – dice l’amministratore delegato di NPlus Davide Ambrosio – sono le torri per il broadcasting televisivo. Ma il potenziale è molto maggiore. Noi, infatti, abbiamo iniziato a studiare questi sensori nel 2018, proprio l’anno in cui è caduto il ponte Morandi, per cui ci siamo chiesti, perché non predisporne l’applicazione anche sui viadotti per verificarne la stabilità?».

Una proposta accolta con favore sul territorio e che verrà applicata anche al ponte Montevideo di Trento, oggetto proprio in questi mesi di una significativa opera di riqualificazione.

Nplus è una società di sensoristica e illuminotecnica insediata in Polo Meccatronica, che fa capo al gruppo Giordano Riello International. L’impresa, nata a metà 2016, conta oggi 23 addetti – di cui 3 PhD – e, nonostante i disagi e le incertezze legate alla pandemia, nel 2020 ha registrato una crescita del fatturato del 44% rispetto al 2019.

DCIM101MEDIADJI_0941.JPG

Pubblicità
Pubblicità

  • Pubblicità
    Pubblicità

Necrologi

  • Pubblicità
    Pubblicità

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

  • Arriva la sedia per sedersi a gambe incrociate ed evitare fastidiosi mal di schiena
    Nonostante la frenesia che caratterizza ogni città, lo stile di vita sedentario di molte persone è piuttosto comune, visto che la maggior parte delle ore si passa fermi e seduti davanti alla scrivania. Questo con il tempo può portare danni più o meno seri al fisico. Infatti, il rischio di incorrere in spiacevoli mal di […]
  • La nuova vita dei treni notturni, viaggiare sostenibile e comodo
    Dopo anni i treni notturni tornano di moda. Ultimamente infatti, in Europa hanno rincominciato ad essere più frequentanti e richiesti i treni notturni che permettono di spostarsi tra le principali città durante la notte, dormendo in un vagone dedicato. L’aumento della domanda rispetto a questo servizio è stata tale da spingere molte imprese ferroviarie a […]
  • Panchine giganti in Italia: la ricerca di un’incredibile esperienza
    Colorate, grandi e affacciate su panorami mozzafiato. Si parla delle Big Bench, ovvero delle panchine giganti, un fenomeno ideato dal designer americano Chris Bangle che nel giro di pochi anni si è diffuso in tutto il Bel Paese. Queste installazioni fuori scala, posizionati in piccoli luoghi di sconosciuta bellezza, cambiano la prospettiva del paesaggio, rendendo […]
  • Allargare le braccia e toccare due continenti: le splendide possibilità dell’Islanda
    Per molti, l’America è quel continente lontano ore ed ore di volo, ma sulla Terra esiste un luogo dove Europa ed America sono talmente vicine da essere toccate contemporaneamente, semplicemente allargando le braccia. Questo luogo pazzesco si trova in Islanda ed è considerato uno dei luoghi più spettacolari del mondo. La Silfra Fissure, patrimonio naturale […]

Categorie

di tendenza