Connect with us
Pubblicità

Valsugana e Primiero

Laura Valentini scrive alle maestre del «Chimelli» di Pergine: «Mettete da parte il vostro “Io” e per una volta aiutate noi e i bambini»

Pubblicato

-

Pubblicità

Pubblicità

Laura Valentini scrive una lettera alle maestre della scuola dell’infanzia Asif Chimelli di Pergine Valsugana.

Il tema è uno di quelli che ha spaccato la comunità: le aperture delle scuole d’infanzia il mese di luglio.

Alle rivendicazioni di alcune maestre molto contrarie a queste aperture dovute all’emergenza Covid fanno contro invece le idee della maggioranza dei genitori che chiedono misure straordinarie in una fase «straordinaria» come è stata quella del coronavirus.

Pubblicità
Pubblicità

Questo anche in virtù dei numerosi mesi passati a casa dalle stesse maestre nelle fasi più acute dell’emergenza. Si tratta solo di buon senso? Oppure di mettersi a disposizione di una comunità che paga comunque lo stipendio a queste maestre contrarie? Nel suo appello Laura Valentini, a nome crediamo di moltissimi genitori, tocca appunto tutti questi argomenti.

LA LETTERA – Gentili maestre, con la presente, desidero offrire il mio contributo al dibattito riguardante le Vostre assemblee sindacali site nelle giornate di martedì e giovedì per il mese di luglio.

Io posso capire il Vostro disagio nel dover rinunciare ad un mese delle Vostre ferie, ma vorrei ricordarVi cosa voi stesse, con una meil datata 30 marzo, avete scritto. Avete parlato di mettere al centro i bisogni dei bambini e dei loro diritti, per usare le Vostre parole: “una scuola che guarda a loro come gli adulti che domani abiteranno le nostre città, ma al tempo stesso li considera cittadini di oggi, portatori di punti di vista, bisogni e interessi peculiari che quotidianamente devono essere ascoltati”. Voi stesse Vi siete chiamate convinte che in questo momento i bambini abbiano bisogno di “luoghi buoni”.

Pubblicità
Pubblicità

Avete parlato di come Vi siate sentiti strumentalizzati da parte della politica, delle istituzioni e dei sindacati. Avete avuto anche l’appoggio dei genitori che capivano i Vostri punti di Vista e i Vostri diritti.

Avete fatto delle assemblee nel mese di giugno per cercare di trovare una soluzione ai Vostri problemi che evidentemente non è stata trovata se sentite la necessità di fare assemblee 2 volte a settimana per un mese, mettendo in crisi non solo i genitori che, se hanno iscritto i bambini a luglio è perché per la maggior parte continuano a lavorare, ma state mettendo in crisi anche i nostri bambini. Voi che dite di dargli così tanta importanza, Vi sembra giusto farli frequentare a giorni alterni e negli altri giorni lasciare che siano sballottati tra nonni, zii e baby sitter sconosciute? Perché chiaramente io non riesco a portare mio figlio a scuola alle 10,30 se a quell’ora sto già lavorando.

In tutta sincerità non capisco perché non riusciate a mettere da parte il Vostro «Io» e per una volta aiutare noi e i nostri bambini. Gli stessi bambini che avete trattato da appestati per un pò di febbre isolandoli con la mascherina in attesa dell’arrivo del genitore, adesso loro non si meritano di più di questo? Quello che con il cuore Vi abbiamo chiesto da genitori era di mettere a disposizione la Vostra professionalità e la Vostra esperienza per un altro mese.

Vi ricorderei inoltre che abbiamo sofferto tutti, tralasciando le perdite che ognuno di noi ha subito a livello famigliare, c’è chi ha perso il lavoro, c’è chi ha lavorato in smart working con i bambini a casa, c’è chi (come me) era costretto a portare i bambini dai nonni (quindi mettendo a repentaglio le loro vite) perché doveva lavorare in presenza. In quel periodo Voi eravate a casa stipendiate, quindi davvero Vi pesa così tanto “recuperare il tempo perso”? Non siete obbligate a seguire i capricci dei sindacati che continuano a strumentalizzarvi partecipando a tutte le loro trovate per dar contro alle istituzioni, potete scegliere il bene dei nostri e dei vostri bambini continuando a fare quello che avete sempre fatto con amore e dedizione. I

n un periodo così delicato in cui sta vincendo l’ansia e la paura, facciamo tutti un passo indietro e scegliamo la via della comunicazione e dell’apertura. O per lo meno, se davvero non volete accettare di lavorare a luglio battete in ritirata e ripristinate il buon vecchio Giocabimbo almeno sono contenti i bambini e tranquilli i genitori sapendo di avere un servizio costantemente attento ai loro bisogni.

Sperando in un Vostro ripensamento, distinti saluti

Laura Valentini (nella foto)

Pubblicità
Pubblicità
Pubblicità
Pubblicità
Pubblicità
Pubblicità

  • Pubblicità
    Pubblicità
Cani Gatti & C12 minuti fa

“Lo sport non cancella l’odore! Trentino terra insanguinata”, striscioni animalisti allo stadio Euganeo di Padova

Bolzano16 minuti fa

Maxi sequestro di droga in un’azienda: un arresto

Bolzano24 minuti fa

Minibus si schianta a bordo della carreggiata

Valsugana e Primiero32 minuti fa

Parco Naturale Paneveggio Pale di San Martino: il “Forum” della Carta Europea per il Turismo sostenibile ha approvato la Strategia e il Piano d’Azione

Rovereto e Vallagarina3 ore fa

Meraviglioso Natale in Vallarsa: ecco tutto il programma di dicembre

Arte e Cultura4 ore fa

Natale al Mart: ecco tutte le aperture di dicembre

Italia ed estero4 ore fa

Continuano gli sgomberi degli abuvisi in tutta Italia, Piantedosi: «Strategia per legalità e riqualificazione dei territori»

Rovereto e Vallagarina5 ore fa

Ex Alpe: approvato il Progetto Esecutivo

Val di Non – Sole – Paganella5 ore fa

Imbocca la pista chiusa e finisce sull’erba: sciatore 20 enne finisce al santa Chiara

Val di Non – Sole – Paganella5 ore fa

Paura nella notte a Cles: a fuoco un’abitazione in zona Spinazzeda

Italia ed estero6 ore fa

Abusivismo edilizio, i dati in Italia secondo il rapporto Bes

Alto Garda e Ledro6 ore fa

L’assessore Bisesti in visita alla sezione montessoriana della scuola primaria Zadra di Riva del Garda

Trento6 ore fa

Tedesco e certificazione linguistica: prosegue la collaborazione tra Provincia e Conferenza permanente dei Ministri dell’istruzione tedeschi

Fiemme, Fassa e Cembra7 ore fa

“Sport di cittadinanza”, a Tesero il terzo appuntamento

Valsugana e Primiero8 ore fa

Baselga di Piné, la fibra ottica arriverà entro il 2023

Valsugana e Primiero3 settimane fa

Monica Cadau perde il ricorso al TAR e dovrà risarcire il comune di Borgo e il Ministero

Trento2 settimane fa

A Trento è arrivata “Pokè Monade”, la Poke trentina!

Trento2 settimane fa

Avvistato un branco di lupi tra Centa San Nicolò e Caldonazzo

Io la penso così…2 giorni fa

Coredo: «I maiali che mangiavano fango: il veterinario si dimetta»

Trento4 settimane fa

Occupa abusivamente 3 parcheggi da anni e nessuno fa nulla

Val di Non – Sole – Paganella2 settimane fa

Morte neonato a Cles: era già successo 42 anni fa

Trento2 settimane fa

I pendolari della sanità trentina: «È l’unico modo per curarsi e rimanere in vita»

Val di Non – Sole – Paganella3 settimane fa

Massimiliano Lucietti è morto mentre era a terra per sparare

Trento4 settimane fa

Le sconcertanti e imbarazzanti parole di Antonio Ferro sulle Oss trentine

Trento4 giorni fa

Gallerie Martignano: da dicembre saranno attivi gli autovelox

Le ultime dal Web3 settimane fa

Tesla Model Y impazzita uccide due persone – IL VIDEO

Val di Non – Sole – Paganella3 settimane fa

Non più lezioni, ma esperienze in montagna. A Molveno apre la nuova «Non scuola di sci»

Trento3 settimane fa

Non poteva essere l’avvocato della Provincia di Trento. La corte dei Conti chiede 113 mila euro di risarcimento a Giacomo Bernardi

Trento3 settimane fa

Gardolo: autobus va contro un’auto, manda a quel paese il guidatore e scappa

Trento3 settimane fa

Trento in lutto, è morto Rinaldo Detassis fondatore di Elettrocasa

  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

Categorie

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

di tendenza