Connect with us
Pubblicità

Trento

RestiamoLiberi! Firma contro il ddl Zan, la legge bavaglio anti-omotransfobia! ProVita&Famiglia scrive al Capo dello Stato

Pubblicato

-

Le associazioni LGBT e alcuni partiti come Pd e M5S vogliono una norma contro l’omotransfobia, e il ddl Zan rischia di essere approvato definitivamente al Senato.

Un simile disegno di legge è inutile, perché le persone omosessuali e transessuali sono già giustamente tutelate dalla legge contro atti violenti, ingiuriosi o discriminatori, come tutti, a prescindere dalle proprie tendenze sessuali. Invece, il ddl Zan prevede di punire con la reclusione mal definiti atti di omofobia o di transfobia, mettendo in pericolo libertà e diritti, in primis quelli di donne e bambini.

A dirlo è l’associazione Pro Vita & Famiglia che ha organizzato una petizione (clicca qui per firmarla) che è stata consegnata al Presidente della Repubblica Sergio Mattarella, al Presidente del Consiglio Mario Draghi e al Presidente del Senato Maria Elisabetta Alberti Casellati.

Pubblicità
Pubblicità

Il disegno di legge – secondo la storica associazione – imporrebbe i controversi concetti di “genere” e “identità di genere”, obbligando quindi a trattare un maschio biologico che si percepisce come donna in tutto e per tutto come una donna: garantendogli quindi l’accesso a luoghi e ambiti riservati alle donne, quali bagni, spogliatoi e gare sportive femminili (pena l’accusa di discriminazione sulla base dell’identità di genere), col serio rischio di agevolare abusi e violenze contro le donne, come del resto è già accaduto in Paesi con leggi simili.

Il ddl Zan, poi, introdurrebbe surrettiziamente l’ideologia gender nelle scuole, attraverso l’istituzione della “Giornata nazionale contro l’omofobia, la lesbofobia, la bifobia e la transfobia”, in occasione della quale dovranno essere organizzati negli istituti incontri, cerimonie e iniziative analoghe. E chi dovesse manifestare pubblicamente sostegno per la famiglia naturale e per il diritto dei bambini a crescere con una mamma e un papà potrebbe essere condannato alla reclusione, in quanto tale atto potrebbe essere interpretato come omofobico o transfobico.

IL MESSAGGIO INVIATO AL CAPO DELLA STATO  – Alla Camera dei deputati è stata approvata una proposta di legge penale contro l’omofobia e la transfobia, la quale sembrerebbe voler tutelare le persone omosessuali e transessuali dalla violenza e dalla discriminazione. Tuttavia, questa proposta presenta gravissime criticità ed è sostanzialmente inutile rispetto agli scopi dichiarati.

Pubblicità
Pubblicità

Le persone omosessuali e transessuali sono già tutelate dalla violenza e da altri atti lesivi, al pari di qualsiasi altro cittadino. E prevedere aggravanti o reati speciali di carattere omotransfobico rischia di trasformare le persone omosessuali e transessuali in una “categoria protetta e privilegiata” in violazione del principio di uguaglianza (art. 3 Cost.).

Inoltre, malgrado le suggestioni mediatiche, non risulta esserci in Italia una “emergenza omotransfobia”: la più ampia ricerca della Fundamental Rights Agency dell’Unione Europea colloca l’Italia tra i paesi più sicuri d’Europa per quanto riguarda concreti episodi di violenza, minaccia e discriminazione; anche dai dati ufficiali dell’OSCE, dell’OSCAD e dell’UNAR emerge che non vi è una diffusione allarmante di illeciti omotransfobici.

Il ddl Zan non può dunque costituire una priorità, soprattutto alla luce delle vere emergenze che sono state alla base della nascita del Governo Draghi: la lotta al Covid-19 con il piano vaccini, la crisi economica e il Recovery Plan. L’azione dell’esecutivo rischia peraltro di essere penalizzata dall’insistenza di parte della maggioranza su una proposta di legge così controversa e divisiva, che oltretutto ignora i tanti appelli all’unità da parte del Presidente della Repubblica Mattarella.

Il ddl Zan ricorre a termini ambigui, imprecisi, connotati ideologicamente come “genere”, “orientamento sessuale”, “identità di genere”, contraddicendo principi fondamentali del diritto penale come il principio di tassatività e determinatezza della fattispecie. L’espressione “identità di genere”, poi, è avversata anche da una parte consistente del mondo femminista e lesbico, consapevole (sulla base delle esperienze maturate in Paesi con normative simili) delle derive e degli abusi che essa produrrebbe, soprattutto in materia di diritti delle donne.

L’espressione di opinioni, principi etici, convincimenti religiosi riguardanti la moralità o naturalità di tendenze e pratiche sessuali, che ispirino l’azione di individui o di associazioni, rischiano di essere interpretati come istigazione alla discriminazione fondata sul genere, sull’orientamento sessuale e sull’identità di genere. Su migliaia di cittadini, di madri e padri di famiglia, di associazioni, penderebbe la spada di Damocle della reclusione, o anche solo della denuncia, a causa di posizioni in favore della famiglia naturale, della complementarità dei sessi, della non fluidità dell’identità sessuale. Dunque, il ddl Zan sarebbe contrario agli artt. 18, 19 e 21 della Costituzione.

Per tutti questi motivi chiediamo che non venga approvata alcuna legge penale di contrasto all’omotransfobia.

Pubblicità
Pubblicità

  • Pubblicità
    Pubblicità

Necrologi

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

  • Negozi online, come aprirli e gestirli
    Ad oggi, il commercio online è diventato un’abitudine sempre più consolidata, portandolo ad essere un settore un forte espansione. Di conseguenza aprire un negozio online potrebbe essere una buona occasione imprenditoriale e di auto impiego.... The post Negozi online, come aprirli e gestirli appeared first on Benessere Economico.
  • Legge di Bilancio 2022, qualche anticipazione delle misure
    Da pochi giorni è stato approvato il documento programmatico di bilancio che definisce le linee di intervento che verranno inserite nella manovra finanziaria, incidendo sui principali indicatori macroeconomici e di finanza. Legge di Bilancio 2022,... The post Legge di Bilancio 2022, qualche anticipazione delle misure appeared first on Benessere Economico.
  • RIPARTE L’ECONOMIA MA MANCA IL PERSONALE!
    Le soluzione di YWN – la rete nazionale delle imprese Il mondo del lavoro è oggi tormentato da una miriade di problemi ulteriormente aggravati dalla pandemia che ci accompagna ormai da quasi due anni. La... The post RIPARTE L’ECONOMIA MA MANCA IL PERSONALE! appeared first on Benessere Economico.
  • IL TEAM BUILDING AZIENDALE MOTORE DELLA RIPARTENZA
    La motivazione del personale strategia centrale nel business plan della ripresa. Condividere sorrisi, esperienze, riflessioni per consolidare lo spirito di squadra e la voglia di normalità negli ambienti di lavoro diventa oggi la leva principale... The post IL TEAM BUILDING AZIENDALE MOTORE DELLA RIPARTENZA appeared first on Benessere Economico.
  • Caro bollette, tutti gli aiuti approvati per contare gli aumenti
    Dal 1 ottobre, come annunciato, sono scattati gli aumenti in bolletta per gas ed elettricità rispettivamente del 14,4% e del 29,8% per la famiglia tipo. Per contenere l’emergenza, il Governo ha stanziato oltre 3 miliardi... The post Caro bollette, tutti gli aiuti approvati per contare gli aumenti appeared first on Benessere Economico.
  • Al via i ristori per il turismo: pubblicate le procedure sul sito del Ministero
    Il Ministero ha pubblicato le linee guida per accedere ai ristori riservati agli operatori del turismo. L’obiettivo del Ministero è quello di informare i potenziali beneficiari al fine di produrre la documentazione necessaria per fare... The post Al via i ristori per il turismo: pubblicate le procedure sul sito del Ministero appeared first on Benessere […]
  • Il potenziale benefico delle piante da arredamento
    Oltre ad essere decorative, le piante in casa aiutano a migliorare il benessere psicofisico. Infatti, predisporre degli spazi verdi tra le mura domestiche significa contribuire positivamente sull’aspetto estetico degli ambienti, ma anche alla salute. In particolare, le piante interagiscono con l’ambiente diminuendo la presenza di polvere in casa, favorendo la rimozione delle tossine e assicurando […]
  • Appartamenti moderni fatti in tubi di cemento, Hong Kong trova la soluzione per la crisi immobiliare
    L’improvviso aumento della popolazione, ha portato Hong Kong ad attraversare una crisi immobiliare dettata proprio dalla crescita della domanda di alloggi. Di conseguenza, con i prezzi immobiliari alle stelle e i sempre più scarsi spazi disponibili, l’architetto James Law ha trovato una soluzione davvero innovativa per risolvere il problema della carenza di appartamenti. L’architetto ha […]
  • Verso una caricabatterie universale per tutti i dispositivi mobili, la proposta dell’UE
    Da una proposta presentata dalla Commissione Europea, spunta la possibilità di un carica batterie universale e utilizzabile per qualsiasi dispositivo mobile. Con l’obiettivo di ridurre i rifiuti, la proposta punta quindi ad armonizzare i cavi di ricarica su una serie di dispositivi elettronici venduti nell’Unione Europea. In particolare, è stato proposto di puntare sull’utilizzo del […]
  • In Cile, il meraviglioso hotel interamente ecologico costruito con container ricilati
    Negli ultimi anni, il mondo dei viaggi tende sempre di più verso la sostenibilità e il rispetto per l’ambiente tanto che la ricerca di spostamenti meno inquinanti, i cottage o le casette in legno immerse nella natura, sono diventate una vera e propria tendenza. La ricerca di alloggi in strutture sempre più originali è in […]

Categorie

di tendenza