Connect with us
Pubblicità

Trento

Claudio Cia (FdI): «La censura di Facebook mette a nudo i limiti del Ddl Zan»

Pubblicato

-

Ad aprire il corteo Lgbt a Roma è stato un personaggio travestito da Cristo con tanto di bandiera arcobaleno, tacchi a spillo ed una croce “decorata” da simboli e scritte che hanno profondamente indignato moltissime persone nella loro sensibilità di cristiani. 

Fra questi anche il consigliere provinciale Claudio Cia che piuttosto indignato ha espresso il suo parere su quanto successo tramite un post su Facebook: “Ieri ai cortei arcobaleno del popolo Lgbt a sostegno del Ddl Zan è andata in scena la blasfemia. Io non divido il mondo in eterosessuali, gay, lesbiche, transgender, ma fra chi rispetta gli altri e chi no. Se non si rispettano le cose sacre, ogni condotta diventa lecita.”

Bene, questo post è stato rimosso dal social network perché “incita all’odio”. Esigere rispetto per una religione millenaria sarebbe dunque incitamento all’odio e non legittima espressione di pensiero? – si chiede in una nota il consigliere.

Pubblicità
Pubblicità

«Ed invece, i cori “Vaticano vaff…” cantati orgogliosamente al corteo sarebbero una particolare forma poetica da preservare? Se questo è lo spirito del nostro tempo (si badi bene, non della popolazione, ma di una certa élite politicizzata e di alcuni media), allora viene da chiedersi se non esista già il pensiero unico sui temi Lgbt, per cui offese blasfeme sono tollerate e critiche legittime ai modi ed ai contenuti di una manifestazione divengono incitamento all’odio».

Secondo Claudio Cia questo è il grande limite del Ddl Zan: «al giudice è concessa una totale discrezionalità nello stabilire cosa sia legittimo e cosa sia discriminatorio. Ciò potrebbe aprire la strada a un pensiero unico portato avanti a colpi di sentenze verso chi proverà persino solamente ad aprire un dibattito civile e democratico su temi come l’ideologia gender nelle scuole (si vedano le pseudoscientifiche linee guida per la varianza di genere emanate dall’Ufficio scolastico del Lazio) o l’utero in affitto».

Cia inoltre trova «estremamente preoccupanti gli sviluppi dei moderni social network dove di fatto avviene il dibattito pubblico contemporaneo; non è pensabile che il ruolo di censore sia affidato a una società privata finalizzata al profitto (Facebook, Twitter…) e quindi soggetta all’influenza diretta di facoltosi gruppi di pressione. Il risultato è sotto i nostri occhi.

Pubblicità
Pubblicità

Serve un controllo imparziale da parte di un soggetto terzo. Ciò che mi preoccupa maggiormente è però la capacità di questi giganti del web nel modellare il dibattito pubblico in modo tale da escludere totalmente certi argomenti che potrebbe risultare in un forte condizionamento dei nostri giudici nel valutare cosa sia legittimo o discriminatorio. Il confine, a quanto pare, è piuttosto labile per chi non asseconda ciecamente i sostenitori del Ddl Zan».

Convinto della legittimità del suo intervento su Facebook il consigliere di Fratelli d’Italia ha nuovamente pubblicato lo stesso post con una riflessione.

Vedremo se la scure della “giustizia made in Menlo Park” calerà ancora sul suo profilo social.

Pubblicità
Pubblicità

  • Pubblicità
    Pubblicità

Necrologi

  • Pubblicità
    Pubblicità

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

  • Arriva la sedia per sedersi a gambe incrociate ed evitare fastidiosi mal di schiena
    Nonostante la frenesia che caratterizza ogni città, lo stile di vita sedentario di molte persone è piuttosto comune, visto che la maggior parte delle ore si passa fermi e seduti davanti alla scrivania. Questo con il tempo può portare danni più o meno seri al fisico. Infatti, il rischio di incorrere in spiacevoli mal di […]
  • La nuova vita dei treni notturni, viaggiare sostenibile e comodo
    Dopo anni i treni notturni tornano di moda. Ultimamente infatti, in Europa hanno rincominciato ad essere più frequentanti e richiesti i treni notturni che permettono di spostarsi tra le principali città durante la notte, dormendo in un vagone dedicato. L’aumento della domanda rispetto a questo servizio è stata tale da spingere molte imprese ferroviarie a […]
  • Panchine giganti in Italia: la ricerca di un’incredibile esperienza
    Colorate, grandi e affacciate su panorami mozzafiato. Si parla delle Big Bench, ovvero delle panchine giganti, un fenomeno ideato dal designer americano Chris Bangle che nel giro di pochi anni si è diffuso in tutto il Bel Paese. Queste installazioni fuori scala, posizionati in piccoli luoghi di sconosciuta bellezza, cambiano la prospettiva del paesaggio, rendendo […]
  • Allargare le braccia e toccare due continenti: le splendide possibilità dell’Islanda
    Per molti, l’America è quel continente lontano ore ed ore di volo, ma sulla Terra esiste un luogo dove Europa ed America sono talmente vicine da essere toccate contemporaneamente, semplicemente allargando le braccia. Questo luogo pazzesco si trova in Islanda ed è considerato uno dei luoghi più spettacolari del mondo. La Silfra Fissure, patrimonio naturale […]

Categorie

di tendenza