Connect with us
Pubblicità

Trento

La «Malamovida» anche tra i capannoni di Trento Nord

Pubblicato

-

La movida diffusa tanto cara all’assessore Stanchina, è già una realtà.

Di quello che accade attorno al Conservatorio ne abbiamo ampiamente scritto e documentato. Le cronache locali hanno raccontato anche di quello che accade in piazzetta D’Arogno con tanto di sfregio del plastico della città ad uso dei non vedenti.

La novità è quello che accade ogni fine settimana tra i capannoni di Via Sestan, Via Moroni con accesso da Via Unterveger.

Pubblicità
Pubblicità

In massima parte sudamericani, dopo aver abbandonato il locale di riferimento ben noto in zona, si spostano di pochi metri in una strada interna che taglia due file di capannoni.

Nessuna attività notturna, nessuna casa vicina e quindi si può fare quello che si vuole per un altro caso di “malamovida”. Si beve in abbondanza, anche troppo se molte bottiglie sono abbandonate piene a metà, ci si droga, si utilizzano siepi e arbusti come bagni all’aperto e poi il gran finale: mega rissa con inseguimento e verso le 5 della mattina, in ogni tipo di condizione si abbandona la scena.

A documentare la situazione che si ripete tutte le domeniche notti, è un imprenditore che alla mattina presto si reca nel suo capannone per qualche lavoretto in tranquillità. Arriva quasi sempre in tempo per assistere alla rissa finale, poi a campo libero filma e fotografa.

Pubblicità
Pubblicità

Trattandosi di un terreno privato la raccolta delle immondizie sarebbe praticamente impossibile ed allora il “nostro” in accordo con l’amministratore, torna alla domenica pomeriggio a pulire. Le forze dell’ordine? Assenti.

Ma questo non è l’unico caso di movida diffusa perché episodi similari sono segnalati sotto un paio di ponti dell’Adige, nei boschi della Maranza, solo che quella di Trento Nord è un esempio di atteggiamenti selvaggi ad alto rischio, ma di fatto sconosciuti ai più, fino a quando non ci scappa il ferito o peggio ancora.

Nessuna responsabilità per le due discoteche di Via Unterveger chiuse dall’inizio della pandemia. Questi sono gli avventori di un bar della zona che non fa altro che il suo lavoro che ad un certo punto viene lasciato dagli avventori che si spostano in una terra di nessuno con bevande, sostanze ed anche in cibo portato di persona.

Di certo affiancando tutti questi episodi non si può che negare come la movida sia un problema di ordine pubblico, da affrontare diversamente rispetto ad un chiosco nei parchi cittadini come vorrebbe Stanchina.

Pubblicità
Pubblicità

  • Pubblicità
    Pubblicità

Necrologi

  • Pubblicità
    Pubblicità

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

  • Arriva la sedia per sedersi a gambe incrociate ed evitare fastidiosi mal di schiena
    Nonostante la frenesia che caratterizza ogni città, lo stile di vita sedentario di molte persone è piuttosto comune, visto che la maggior parte delle ore si passa fermi e seduti davanti alla scrivania. Questo con il tempo può portare danni più o meno seri al fisico. Infatti, il rischio di incorrere in spiacevoli mal di […]
  • La nuova vita dei treni notturni, viaggiare sostenibile e comodo
    Dopo anni i treni notturni tornano di moda. Ultimamente infatti, in Europa hanno rincominciato ad essere più frequentanti e richiesti i treni notturni che permettono di spostarsi tra le principali città durante la notte, dormendo in un vagone dedicato. L’aumento della domanda rispetto a questo servizio è stata tale da spingere molte imprese ferroviarie a […]
  • Panchine giganti in Italia: la ricerca di un’incredibile esperienza
    Colorate, grandi e affacciate su panorami mozzafiato. Si parla delle Big Bench, ovvero delle panchine giganti, un fenomeno ideato dal designer americano Chris Bangle che nel giro di pochi anni si è diffuso in tutto il Bel Paese. Queste installazioni fuori scala, posizionati in piccoli luoghi di sconosciuta bellezza, cambiano la prospettiva del paesaggio, rendendo […]
  • Allargare le braccia e toccare due continenti: le splendide possibilità dell’Islanda
    Per molti, l’America è quel continente lontano ore ed ore di volo, ma sulla Terra esiste un luogo dove Europa ed America sono talmente vicine da essere toccate contemporaneamente, semplicemente allargando le braccia. Questo luogo pazzesco si trova in Islanda ed è considerato uno dei luoghi più spettacolari del mondo. La Silfra Fissure, patrimonio naturale […]

Categorie

di tendenza