Connect with us
Pubblicità

Trento

Pubblica amministrazione, la riforma parte fondamentale del PNRR

Pubblicato

-

Si è detto ottimista sulla possibilità di riformare la pubblica amministrazione il ministro Renato Brunetta, intervenuto in collegamento questo pomeriggio all’incontro dal titoloCome riparare la macchina dello Stato?” in cui si è affrontato il tema del reclutamento del personale, del rinnovamento della dirigenza e delle riforme per migliorare i servizi ai cittadini e alle imprese.

Il ministro ne ha parlato con Claudio Lucifora, professore di Economia all’Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano e con Alberto Orioli, vicedirettore de “Il Sole 24 Ore”. Il confronto si è tenuto nella giornata in cui è prevista la riunione del Consiglio dei ministri ed è atteso il varo del decreto sul reclutamento nella pubblica amministrazione, oggetto della discussione. Valorizzazione del capitale umano, digitalizzazione e semplificazioni sono stati quindi gli argomenti approfonditi. In sala Depero del palazzo della Provincia, ad assistere all’incontro, c’era anche il presidente della Provincia autonoma di Trento Maurizio Fugatti.

A fronte delle ingenti risorse disponibili, ha ricordato il ministro, ci sono le condizioni poste dall’Europa perché queste risorse siano messe a disposizione. In materia di riforme l’Italia dovrà quindi presentare lo stato di avanzamento dei lavori. “Confido che questa sia la volta buonaha detto il ministro, aggiungendo di voler contrastare le spinte conservatrici. La riforma della pubblica amministrazione, è emerso dall’incontro, è parte fondamentale del Piano nazionale di ripresa e resilienza. Il ministro ha quindi ricordato che l’Italia è tenuta a realizzare numerose riforme, i cui contenuti sono stati concordati con la Commissione europea.

Pubblicità
Pubblicità

Ha sottolineato inoltre di aver iniziato la sua azione con un patto con il sindacato su innovazione e coesione sociale e di aver riavviato il rinnovo dei contratti del settore pubblico.

Ha ricordato i cambiamenti in atto in materia di reclutamento e turn over, con concorsi che ora saranno digitali, semplificati e realizzabili in pochi mesi. Basta dunque a concorsi mastodontici, basta saloni e palestre affollati, basta a figure come i “concorsisti“, giovani impegnati a prepararsi a superare i vecchi quiz logico-matematici necessari per accedere ai concorsi. Diventeranno fondamentali i titoli di studio legalmente riconosciuti necessari per le diverse tipologie di concorso. Oltre alle prove, scritte e orali, conterà anche l’esperienza maturata.

Claudio Lucifora ha sottolineato come in questa fase legata al programma di ripresa e resilienza la tempestività sia fondamentale. Ma lo è anche la capacità di attirare talenti, di motivare le prestazioni, di riallocare il personale e, se necessario, anche rimuoverlo. In passato tutto questo non era sempre possibile. Sarà quindi indispensabile, ha detto, reclutare le persone giuste.

Pubblicità
Pubblicità

Il ministro Brunetta  ha concordato sulla necessità di prevedere meccanismi di premialità anche lasciando più possibilità alla contrattazione decentrata. La pubblica amministrazione, ha aggiunto, sarà in presenza ma lavorerà anche da remoto, e dovrà mettere al centro le esigenze di cittadini e imprese.

Rispondendo ad una domanda sul tema della digitalizzazione, Brunetta ha ricordato che la riforma della pubblica amministrazione è considerata abilitante rispetto ad altri cambiamenti e che introdurre information technology in un ambiente non efficiente non porta risultati. La semplificazione delle procedure burocratiche è quindi la premessa per la transizione digitale.

Ha inoltre annunciato l’intenzione di raccogliere, per completare gli ultimi necessari passaggi, le esperienze di successo presenti nel Paese e che magari si sono fermate a pochi passi dal diventare effettive.

Claudio Lucifora ha ricordato che a fronte della necessità portata dalla digitalizzazione di adeguamento delle competenze tecniche, la  pubblica amministrazione fa fatica a trovare talenti, soprattutto per le differenze salariali con il privato, ma anche a causa dell’adozione di contratti a tempo determinato. Si è chiesto inoltre se la digitalizzazione potrà avere effetti sulle differenze esistenti tra gli standard qualitativi.

Il ministro Brunetta si è detto fiducioso, con le riforme in atto, di riuscire a dare uno stimolo importante alla pubblica a amministrazione, con risultati in termini di produttività ed efficienza, accentuando anche le possibilità di mobilità verticale e orizzontale. In materia di dirigenza pubblica il ministro ha confermato la volontà di aprire alle professionalità presenti nel settore privato.

Pubblicità
Pubblicità

  • Pubblicità
    Pubblicità

Necrologi

  • Pubblicità
    Pubblicità

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

  • Arriva la sedia per sedersi a gambe incrociate ed evitare fastidiosi mal di schiena
    Nonostante la frenesia che caratterizza ogni città, lo stile di vita sedentario di molte persone è piuttosto comune, visto che la maggior parte delle ore si passa fermi e seduti davanti alla scrivania. Questo con il tempo può portare danni più o meno seri al fisico. Infatti, il rischio di incorrere in spiacevoli mal di […]
  • La nuova vita dei treni notturni, viaggiare sostenibile e comodo
    Dopo anni i treni notturni tornano di moda. Ultimamente infatti, in Europa hanno rincominciato ad essere più frequentanti e richiesti i treni notturni che permettono di spostarsi tra le principali città durante la notte, dormendo in un vagone dedicato. L’aumento della domanda rispetto a questo servizio è stata tale da spingere molte imprese ferroviarie a […]
  • Panchine giganti in Italia: la ricerca di un’incredibile esperienza
    Colorate, grandi e affacciate su panorami mozzafiato. Si parla delle Big Bench, ovvero delle panchine giganti, un fenomeno ideato dal designer americano Chris Bangle che nel giro di pochi anni si è diffuso in tutto il Bel Paese. Queste installazioni fuori scala, posizionati in piccoli luoghi di sconosciuta bellezza, cambiano la prospettiva del paesaggio, rendendo […]
  • Allargare le braccia e toccare due continenti: le splendide possibilità dell’Islanda
    Per molti, l’America è quel continente lontano ore ed ore di volo, ma sulla Terra esiste un luogo dove Europa ed America sono talmente vicine da essere toccate contemporaneamente, semplicemente allargando le braccia. Questo luogo pazzesco si trova in Islanda ed è considerato uno dei luoghi più spettacolari del mondo. La Silfra Fissure, patrimonio naturale […]

Categorie

di tendenza