Connect with us
Pubblicità

Rovereto e Vallagarina

Villa Lagarina: aperto al pubblico Parco Guerrieri Gonzaga. Parla il Marchese Carlo

Pubblicato

-

Pubblicità

Pubblicità

Le alte mura che circondano il parco Guerrieri Gonzaga di Villa Lagarina racchiudono un tesoro che presto sarà svelato e reso fruibile grazie al lavoro della famiglia Guerrieri Gonzaga.

Alberi maestosi, fiori variopinti e profumati, esempi di arte topiaria che caratterizza il giardino all’italiana e percorsi d’acqua costituiscono “Lo scrigno verde della Vallagarina” che dal 5 giugno verrà aperto al pubblico (da mercoledì a domenica dalle ore 10 alle 18 con ultimo ingresso alle 17).

Un viaggio tra natura, arte e storia negli oltre tre ettari di un parco unico nel Trentino (inserito nella rete dei Grandi Giardini Italiani) nel quale si possono ammirare imponenti esemplari di piante esotiche che si mescolano ad altre autoctone, un parco resistito nel corso dei secoli ed ora rinato a nuova vita grazie alle operazioni di cura e valorizzazione volute dalla nobile casata.

Il parco nell’attuale dimensione risale agli inizi del 1800 (ma testimonianze di un ampio giardino risalgono a due secoli prima) quando il barone Sigismondo de Moll  acquistò dalla famiglia dei conti  Lodron il palazzo con annesso giardino e limonaia e, da uomo di cultura interessato alla botanica, si era avvalso della collaborazione degli architetti progettisti del parco di Schönbrum di Vienna per infondere una nuova identità a questa oasi di pace, dove era possibile passeggiare coltivando i pensieri e le emozioni dell’animo umano.

Da allora di tempo ne è passato parecchio, ma l’idea e lo spirito di fondo sono rimasti gli stessi. Il Marchese Anselmo Guerrieri Gonzaga  ha ereditato la proprietà  dalla zia Beatrice, moglie del barone Leopoldo de Moll e successivamente sono subentrati i  figli, che ora hanno voluto l’apertura del parco al pubblico affinché tutti possano godere della sua suggestiva bellezza. Varcato l’ingresso, alzate gli occhi al cielo, liberate lo sguardo all’infinito perché qui davvero si può camminare con la testa tra le nuvole per ammirare l’imponenza degli alberi alcuni dei quali raggiungono l’altezza di oltre 50 metri.

Un bosco incantato quello del parco, dove svettano e convivono (alcuni alberi durante la crescita con i loro tronchi si sono “abbracciati” legandosi tra di loro) monumenti vegetali ultracentenari: dagli imponenti platani alle robuste querce, dal raro noce nero americano agli splendidi ginkgo biloba, dalla sequoia all’abete dell’Himalaya.

Pubblicità
Pubblicità

E ancora: tigli, ippocastani, faggi,  conifere e vecchi bossi a portamento arboreo. Il “viaggio” nel parco equivale ad un’esplorazione botanica davvero unica in un continuo alternarsi di ambienti vegetali nei quali gli alberi potranno essere riconosciuti dalle nuove targhette, fedeli riproduzioni di quelle antiche in porcellana “vecchio Vienna“.

Il percorso di visita lungo i vialetti in ghiaino  porta alla continua scoperta di incantevoli angoli verdi o fioriti, di antiche strutture ed edifici . Si possono  così ammirare la gigantesca limonaia più settentrionale d’Italia, lo chalet austriaco diventato centro visitatori e bookshop, la cappella funebre ove riposa il fondatore del parco barone Sigismondo de Moll e la fagianaia dove venivano allevate le diverse specie di fagiani e di pavoni, il Belvedere con un piano affrescato con soggetti femminili.

La visita al parco diventa un’esperienza sensoriale da vivere in tranquillità nella natura tra acqua, luce, profumi e colori. L’acqua, che sgorga dalla sorgente nella montagna, attraverso una rete di canalette forma suggestive cascate prima di alimentare un laghetto dal quale negli inverni passati veniva prelevato il ghiaccio da riporre nella grotta perfettamente conservata e visitabile; la luce che filtra dalle alte chiome degli alberi in un gioco di emozioni che varia di ora in ora; i profumi e i colori del roseto, delle peonie, dei rododendri e delle altre varietà di fiori.

In effetti è stato svolto un lavoro enorme durato mesi per ridare una nuova vita a questo giardino, ma il risultato ci gratifica moltissimo e spero  possa piacere ai visitatoriracconta il marchese Carlo Guerrieri Gonzaga che in questa nuova “avventura” ha potuto contare sulla grande collaborazione dei figli Violante, Ilaria e Anselmo e di diverse istituzioni come i Giardini di Castel Trauttmansdorff di Merano, il Museo civico di Rovereto, l’Azienda Promozione Turistica di Rovereto e l’amministrazione comunale di Villa Lagarina, un  piccolo borgo pieno di tesori storici di cui ne sono esempi la magnifica chiesa barocca ed il restaurato Palazzo Libera.  “Abbiamo voluto aprire al pubblico il nostro giardino per mantenere e rinsaldare la tradizione che lega la famiglia al territorio, per contribuire al suo sviluppo turistico e per offrire  un’ulteriore occasione per una visita a Villa Lagarinaconclude con orgoglio il marchese Guerrieri Gonzaga.

  • Pubblicità
    Pubblicità
Politica40 minuti fa

Fedriga presenta la sua lista personale: Salvini e la Lega spariscono dai simboli

Val di Non – Sole – Paganella43 minuti fa

Nuovi orari per il Crm di Fai della Paganella

Val di Non – Sole – Paganella1 ora fa

“Per chi splende questo lume”: a Fondo la storia di Virginia Gattegno

Vita & Famiglia1 ora fa

Sanremo. Pro Vita & Famiglia: «Amadeus e Rai lascino in pace i bambini»

Piana Rotaliana1 ora fa

Mezzolombardo, da giovedì via ai lavori agli uffici postali (che potrebbero durare meno del previsto)

Alto Garda e Ledro3 ore fa

Rolex finisce negli oggetti smarriti del comune, la polizia Locale però scopre che è un falso

Trento3 ore fa

Vigili del fuoco volontari, la nuova sede a Ravina nei pressi dell’uscita A22

Trento4 ore fa

Corte dei Conti, nominato l’ex Commissario del Governo, Gianfranco Bernabei

Italia ed estero4 ore fa

Piccolo miracolo in Siria, neonata trovata viva tra le macerie

Val di Non – Sole – Paganella4 ore fa

Alla Csen Arena di Cavareno arrivano i campi da padel

Le ultime dal Web4 ore fa

Il web si scatena: chi è e perché nelle ultime ore viene nominato Frank Hoogerbeets?

Val di Non – Sole – Paganella4 ore fa

“Predaia Arte & Natura”: aperte le iscrizioni alla quinta edizione del simposio di scultura

Rovereto e Vallagarina5 ore fa

L’eresia della giovinezza: una serata dedicata a Sylvano Bussotti nelle sale della mostra “Eretici. Arte e vita”

Hi Tech e Ricerca5 ore fa

Wired Next Fest Trentino: presentato stamattina il nuovo festival

Trento5 ore fa

Patt in assemblea, Marchiori: «Parleremo con i candidati presidenti»

Trento2 settimane fa

Continuano le truffe del reddito di cittadinanza. Ecco quanti lo ricevono in Trentino

Trento2 giorni fa

È finita la storia d’amore tra Ignazio Moser e Cecilia Rodriguez

Valsugana e Primiero4 settimane fa

Nuovo lutto per la famiglia Cantaloni, dopo la figlia Chiara muore anche il papà Giorgio

Offerte lavoro2 settimane fa

Cercasi commessa/o per nuova apertura negozio centro storico di Trento

Trento3 settimane fa

Condominio da incubo, pluripregiudicato tiene in ostaggio i residenti da anni. Il giudice: «Non si può sfrattare perchè è ai domiciliari»

Vista su Rovereto3 settimane fa

Spazi vuoti e serrande abbassate: la desolazione di Rovereto

Rovereto e Vallagarina4 settimane fa

Tragico incidente in Vallagarina, auto contro un Tir: 37 enne muore sul colpo

Trento2 settimane fa

Dalla Security ai set cinematografici: la storia del trentino Stefano Mosca

Trento4 settimane fa

Morto Marco Dorigoni, storico Dj di Studio uno. Aveva 57 anni

Trento4 settimane fa

60 enne denunciato per bracconaggio e per distillazione illegale di grappa

Trento3 settimane fa

Condominio da incubo via Perini: il soggetto entrerà in comunità alla fine del mese

Giudicarie e Rendena6 giorni fa

Non ce l’ha fatta Luigi Poli: il gestore del Palaghiaccio di Pinzolo è morto ieri

Trento3 settimane fa

«Soliti noti», abusivismo a Villazzano: una storia tutta trentina

Val di Non – Sole – Paganella3 settimane fa

Sviluppo turistico di Coredo, un gruppo di esercenti (e non) chiama a raccolta i cittadini: «Ora tocca a noi darci da fare»

Trento9 ore fa

Occupazione abusiva Cognola: dopo il danno arriva anche la beffa

  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

  • Pubblicità
    Pubblicità

Categorie

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

di tendenza