Connect with us
Pubblicità

Alto Garda e Ledro

Ledro, consiglio unanime: servono 4 medici e va ripristinata la guardia medica

Pubblicato

-

Pubblicità

Pubblicità

Presentata in consiglio comunale a Ledro dai gruppi di maggioranza, ed emendata col supporto dei gruppi di opposizione, la mozione sulla carenza di medici di medicina generale è stata approvata all’unanimità.

Prevede l’impegno, per sindaco e giunta, a promuovere una nuova riunione (oltre a quella già svolta) col presidente Fugatti, l’assessore Segnana e i vertici dell’Azienda provinciale per i servizi sanitari, coinvolgendo tutto il consiglio per discutere anche le strategie sanitarie e sociali future.

Il Comune si mette inoltre a disposizione per diventare luogo di sperimentazione di nuove politiche sanitarie, come successo altrove per Spazio Argento. Alla politica provinciale, il Comune chiede di integrare il numero di medici attivi (tradizionalmente 4, al momento 2 più uno in procinto di lasciare) e di ripristinare il servizio di guardia medica a Bezzecca.

Pubblicità
Pubblicità

L’assessore comunale alla sanità, Vania Molinari, entra nel merito: «Non è tra le competenze del Comune quella di “reclutare” medici. Il nostro ruolo può essere solo quello – politico – di esercitare pressione su Provincia e Azienda sanitaria affinché trovino soluzioni. Il problema non è nuovo e lo seguo personalmente; in una mia recente lettera all’assessore Segnana ho ricostruito le tappe della copertura sanitaria a Ledro. Sono anche in contatto costante con la dottoressa Simona Sforzin che, da Trento, si occupa di medici di base; altrettanto faccio con la dottoressa Stefania Rossi dell’ufficio territoriale di Riva del Garda. Purtroppo, la carenza è diffusa in tutto il Trentino e non solo.

Negli scorsi anni, due professionisti sono andati in pensione ed è arrivata una nuova dottoressa che però, a febbraio 2021, ha ottenuto il trasferimento in un’altra sede. Nel frattempo, i bandi per sostituire il quarto medico sono andati deserti. Il trasferimento della dottoressa è stato coperto da un medico frequentante il corso di medicina generale, che ha lavorato qui fino ad aprile; successivamente da un professionista rientrato dalla pensione ma, anche lui, in procinto di lasciare. Un recente bando provinciale ha individuato le oltre 40 zone carenti, ma ha raccolto un numero di professionisti disponibili molto inferiore.

Per le zone periferiche le difficoltà aumentano: le città vengono spesso preferite nelle scelte dei medici. I tre dottori presenti seguono, al momento, ben oltre i 1.300 assistiti ognuno, che sarebbero la misura ottimale».

Pubblicità
Pubblicità

Dall’Azienda sanitaria, in questo periodo emergenziale, arriva l’idea per una soluzione temporanea: i più giovani che, magari, hanno maggiori possibilità di spostarsi e che per motivi lavorativi vanno quotidianamente a Riva o Arco, potrebbero scegliere là il proprio medico, lasciando quindi una possibilità in più alla popolazione anziana. È chiaro che questa è solo una soluzione tampone: un atto di coesione e solidarietà che i singoli cittadini possono mettere volontariamente in campo. Servono infatti soluzioni strategiche e durature.

L’assessore parla poi di infermiere di famiglia: «È stato attivato in via sperimentale un giorno a settimana. Auspichiamo che questo servizio entri a pieno regime lavorando tutta la settimana, per fare rete tra tutti i servizi e contribuire a soddisfare parte delle richieste degli utenti».

  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

  • Pubblicità
    Pubblicità

Categorie

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

di tendenza