Connect with us
Pubblicità

Italia ed estero

La notte più lunga: continuano i bombardamenti dell’esercito Israeliano su Hamas

Pubblicato

-

Pubblicità

Pubblicità


L’esercito israeliano continua l’attacco ad Hamas dopo una breve tregua durata un paio di ore.

Il portavoce dell’IDF ha detto che nelle ultime 24 ore gli aerei e i caccia hanno attaccato più di 90 obiettivi delle organizzazioni terroristiche di Hamas e la Jihad Islamica in tutta la Striscia di Gaza. L’esercito prima di ogni attacco avverte i civili palestinesi per dar loro modo di mettersi in salvo prima dei bombardamenti.

Sono stati quasi 150 gli attacchi aerei lungo la Striscia: edifici abbattuti, e un numero imprecisato di morti.

Pubblicità
Pubblicità

Il confilitto tra Israele e Hamas non si placa e nelle ultime ore nuovi raid aerei israeliani si sono abbattuti su Gaza City, dopo l’attacco alla torre dei media del giorno prima che secondo gli israeliani conteneva materiale di Hamas: colpiti, tra gli altri, una strada del centro e due edifici residenziali.

Tra gli obiettivi attaccati le case del Presidente dell’ufficio politico di Hamas nella Striscia di Gaza, Yahya Sinwar, e suo fratello, Muhammad Sinwar, che è responsabile dell’approvvigionamento e della manodopera dell’organizzazione a Khan Yunis. Le case servono come infrastruttura terroristica per l’organizzazione.

Tra le case e gli uffici di alti funzionari attaccati: l’ufficio di Samah Saraj, capo della pianificazione e sviluppo presso l’ufficio politico dell’organizzazione, la casa di Yusuf ‘Abd al-‘Ahoub, comandante del battaglione Zeitoun di Hamas a Gaza City e Abd al,  casa di al a Rafah, leader nel contrabbando del terrorismo di Hamas.

Pubblicità
Pubblicità

Nell’ambito di ulteriori attacchi alla “metropolitana” di Hamas nella Fase II  una trentina di obiettivi sono stati attaccati, da aerei da combattimento  utilizzando circa 100 armi di precisione. Inoltre, dozzine di siti di produzione e stoccaggio di armi sono stati attaccati a Tel Aloha Sabra, Sheikh Umdan e Gaza City, alcuni dei quali sono stati immagazzinati nelle case di agenti terroristici e navali di Hamas.

Hamas, seppur lievemente, è ancora in grado di agire. Nelle ultime 48 ore ha lanciato 40 razzi sullo Stato di Israele.

L’organizzazione terroristica Hamas colloca deliberatamente i suoi mezzi militari nel cuore della popolazione civile. L’IDF sta prendendo mille precauzioni per ridurre al minimo i possibili danni ai civili non coinvolti durante le sue attività militari.

L’esercito Israeliano ha distrutto la casa del leader della Jihad Islamica Khaled al-Batash nel nord di Gaza con 20 missili penetranti.

Dall’inizio dell’operazione “Guardiano delle Mura“, sono 2.900 i razzi che sono stati lanciati dalla Striscia di Gaza, 450 dei quali sono caduti all’interno di Gaza e 1.150 sono stati abbattuti dal sistema di difesa israeliano aerea Iron Dome.

Stamane la Striscia di Gaza si è svegliata scoprendo un altro pezzo della “Metropolitana” di Hamas distrutta durante la notte.

I bombardamenti delle strade fanno emergere i tunnel costruiti dai terroristi. Ogni chilometro di tunnel costa mezzo milione di dollari, soldi donati dalla comunità internazionale che invece di andare a beneficio dei cittadini per la costruzione di ospedali, scuole, moschea o quant’altro, vengono investiti nella costruzione di armamenti da utilizzare contro la popolazione israeliana.

Secondo Israele la comunità internazionale si deve interrogare per capire come sia potuto accadere che in un pezzo di terra con due milioni di abitanti, un gruppo di criminali e terroristi sia riuscito a sequestrare l’intera popolazione, e con i soldi della comunità internazionale.

I NUMERI DELL’OPERAZIONE GUARDIANO DELLE MURA – Il 70% dei siti della costruzione di razzi è stato distrutto. Il 30% rimane ancora attivo e si presume che l’IDF cercherà di raggiungere questo obiettivo. Il 25% della schiera missilistica di Hamas è stata lanciata o distrutta.

Circa il 75% è ancora nelle mani di Hamas ed è ben protetto da pozzi di lancio sotterranei e tunnel. Hamas ha ancora la capacità di lanciare missili contro Israele per molti altri giorni.

Ad Hamas  ci sono ancora 15 battaglioni organizzati in 4 brigate. La metà di loro è stata messa fuori combattimento, alcuni durante un’azione dell’IDF contro la metropolitana di Hamas, altri durante i giorni dei combattimenti. A parte loro, le unità di comando navale d’élite di Hamas delle Brigate Izz al-Din al-Qassam non sono state danneggiate. Sono ben nascoste in tunnel protetti dagli attacchi aerei.

 

Pubblicità
Pubblicità
Pubblicità
Pubblicità

  • Pubblicità
    Pubblicità
Trento4 settimane fa

Coronavirus: 99 contagi nelle ultime 24 ore in Trentino. Calano i ricoveri

Valsugana e Primiero3 settimane fa

Sbanda, va in contromano e rischia di scontrarsi con altre auto prima di entrare in statale – IL VIDEO

eventi3 settimane fa

Dal 17 al 26 giugno tornano a Trento le Feste Vigiliane

Trento2 settimane fa

Coronavirus: 267 contagi nelle ultime 24 ore in Trentino

Alto Garda e Ledro3 settimane fa

Stop alla viabilità a Riva del Garda: si girano le scene di un film americano

Telescopio Universitario3 settimane fa

UniTrento: da vent’anni il mondo fa tappa qui

Trento4 settimane fa

Coronavirus: 166 contagi nelle ultime 24 ore in Trentino

Politica3 settimane fa

Referendum, vittoria dei sì ma niente quorum. Amministrative: nei grandi comuni avanti il centro destra

Trento3 settimane fa

Attimi di paura alla stazione delle corriere di Trento!

Trento4 settimane fa

Coronavirus: 49 contagi nelle ultime 24 ore in Trentino con nessun positivo al molecolare

Italia ed estero3 settimane fa

Crolla un ponte sospeso durante l’naugurazione: 25 feriti – IL VIDEO

Valsugana e Primiero2 settimane fa

Trovato morto in piscina Stefano Lorenzini di Levico Terme

Le Vignette di Fabuffa4 settimane fa

Il 51% degli adolescenti italiani non capisce un testo scritto. Una scuola che fa acqua da tutte le parti

Politica2 settimane fa

L’abbraccio mortale col PD affonda definitivamente il M5stelle

Società4 settimane fa

L’impresa di Melissa Mariotti tra lavoro in Germania e progetti turistici in Valbrenta

  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

  • Pubblicità
    Pubblicità

Categorie

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

di tendenza