Connect with us
Pubblicità

Val di Non – Sole – Paganella

Le maestre della Scuola dell’Infanzia di Rallo non si rassegnano e tornano all’attacco

Pubblicato

-

Attualmente su tutto il territorio provinciale imperversa la polemica riguardante la volontà della Giunta Provinciale di prolungare il calendario scolastico delle scuole dell’infanzia per il mese di luglio.

Le maestre della Scuola dell’Infanzia di Rallo di Tassullo “Nuovo germoglio” (Comune di Ville d’Anaunia) avevano già reso noto la loro perplessità riguardo l’apertura estiva (qui l’articolo), ed ora hanno divulgato un nuovo comunicato, tramite la portavoce Saida Rossetto“Più che una dialettica tra parti responsabili del ruolo che ciascuno ricopre, quella con la scuola è diventata una battaglia a cielo aperto, il tutti contro tutti. Allora fermiamoci e riflettiamo su quanto diciamo e scriviamo.

Da parte delle insegnanti non c’è mai stato un attacco né alle famiglie né alla scuola nella sua accezione più alta. Il nostro lavoro richiede sempre di tenere dentro il cerchio il bambino, la famiglia e noi. Una triade di alleanza che se funzione fa meraviglie. Certo, questo non significa scendere a compromessi per accontentare l’uno o l’altro e sminuire, quindi, la portata di pensieri e azioni che fanno della scuola dell’infanzia una ‘buona’ scuola.

Pubblicità
Pubblicità

Le battaglie per migliorarla le abbiamo sempre fatte anche quando non riguardavano propriamente la classe insegnati (la difesa del cuoco, che rispetto ai pasti esterni garantisce qualità e attenzione etica, la difesa delle ausiliarie, che rispetto alle imprese esterne offrono un completamento che consente al bambino tempi e azioni a sua misura). Ora tocca difendere la ‘nostra’ scuola da chi la baratta per un voto, per notorietà, per smania di potere.

Poco importa se la stragrande maggioranza dei cittadini focalizza il discorso sulle ferie (legittime peraltro), a noi preme evidenziare che di fronte alle motivazioni sacrosante di conciliazione famiglia-lavoro, si è scelta la via più facile, quella che è lì, alla portata di chiunque. Eppure le soluzioni c’erano ed erano di qualità, idonee al periodo e guarda caso potevano creare anche un indotto lavorativo non indifferente, visti i tempi. Nulla da fare, le lavoratrici (siamo al 99% donne) del comparto scuola vanno sistemate, e cosa c’è di meglio se non farle lavorare a luglio?

Nessun pensiero intorno alla scuola, nessuna riflessione che metta in dubbio se è quello che serve ai bambini, nessun coinvolgimento di esperti, ma solo un avanti tutta senza voltarsi indietro per vedere le macerie lasciate sul campo. Un’unica offerta alle famiglie, esautorate da una molteplicità di modi di essere genitori, di seguire i figli, di trovare (nella varietà delle offerte) ciò che fa star bene genitori e figli. Solo la scuola è l’offerta, che, se pur buona, è una, con limiti persino negli ambienti (interni ed esterni).

Pubblicità
Pubblicità

Sembra strano, quasi surreale, che una categoria di lavoratrici debba difendere non solo il proprio operato da attacchi diffamatori e offensivi, ma pure l’impianto stesso che regge la scuola, dai genitori (non tutti per fortuna) e dai propri superiori, che, della qualità dell’istruzione dovrebbero farsi portabandiera. Cosa resta? Poco, e sicuramente tanta amarezza, delusione e stanchezza. Cosa ci resta da fare? “Forse l’unica cosa che dipende da noi è scegliere cosa farne con quello che ci accade” dal libro “Senza una buona ragione” di Benedetta Bonfiglioli.

Al momento non lo sappiamo, del resto non siamo mai state informate di nulla, tutto arriva tramite social, conferenze stampa, articoli di giornale. Tutti sanno cosa dire e cosa è meglio per noi, pochi colgono il rischio di omologazione, di visione sovietica o cinese delle famiglie che devono essere tutte uguali, uniformate, controllate, ubbidienti. Questo preoccupa.

Questo è ciò che fa chi comanda e non chi governa. Non ci resta che attendere l’ennesimo colpo di scena di una Giunta che pare avanzare come un bulldozer in molti campi della cultura. Usata per servizio, solidarietà, conciliazione, ma non certo per il suo vero scopo: espandere la cultura e costruire percorsi dentro i quali i bambini diventino cittadini attivi e consapevoli, adulti critici e capaci di dissentire, con un proprio pensiero divergente e per questo apprezzati”.

Recentemente si è tenuto, senza esito positivo, un tentativo di conciliazione tra la Provincia Autonoma di Trento e le Organizzazioni Sindacali, in merito alla proclamazione dello stato di agitazione del personale insegnante (qui l’articolo)

Pubblicità
Pubblicità

  • PubblicitàPubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

  • Nuove P.Iva: le regole per i contributi a fondo perduto
    Con l’arrivo delle nuove agevolazioni a fondo perduto per le partite Iva, scattano anche le regole per l’accesso al contributo. Le agevolazioni Le nuove attività ed imprese economiche hanno diritto ad un contributo a fondo... The post Nuove P.Iva: le regole per i contributi a fondo perduto appeared first on Benessere Economico.
  • Nasce l’Osservatorio Fiscale Europeo, passo verso una tassazione più equa
    Come noto, nell’Unione Europea alcuni Paesi attuano politiche fiscali aggressive a scapito di altri. Di conseguenza, questa mossa consente loro di attirare molti investitori con una tassazione favorevole. In questo sistema si inserisce l’Osservatorio fiscale... The post Nasce l’Osservatorio Fiscale Europeo, passo verso una tassazione più equa appeared first on Benessere Economico.
  • Accordo storico al G7: tassazione minima al 15% per le multinazionali, quali conseguenze
    Dopo anni di pressione dell’Unione Europea, Whasington cede e apre la possibilità di una tassa digitale globale per le multinazionali del web. Di cosa si tratta e come funziona L’accordo parla di un’imposta minima del... The post Accordo storico al G7: tassazione minima al 15% per le multinazionali, quali conseguenze appeared first on Benessere Economico.
  • Nuovo Portale di Reclutamento per la P.A.: l’unico spazio dove domanda e offerta si incontrano
    Con il nuovo Decreto varato dal Governo, esce anche il nuovo Portale del Reclutamento per la Pubblica Amministrazione, un luogo rivoluzionario dove si incontrerà domanda e offerta di lavoro pubblico. Di cosa si tratta All’interno... The post Nuovo Portale di Reclutamento per la P.A.: l’unico spazio dove domanda e offerta si incontrano appeared first on […]
  • Cresce la fiducia dei consumatori e delle imprese: Italia verso un trend positivo
    L’Italia rincorre la strada per la ripresa e cresce la fiducia dei consumatori che si riavvicina ai livelli pre-pandemia. I dati vengono confermati dall’Istituto nazionale di statistica, Istat che racconta di un’Italia più fiduciosa e... The post Cresce la fiducia dei consumatori e delle imprese: Italia verso un trend positivo appeared first on Benessere Economico.
  • Addio ai “furbetti” del Cashback, in arrivo avvisi per i pagamenti sospetti
    In previsione della chiusura del primo semestre del Cashback fissata per il 30 giugno 2021, gli utenti che hanno dato vita a movimento sospetti riceveranno un avviso. Cashback, il rimborso In quella data gli utilizzatori... The post Addio ai “furbetti” del Cashback, in arrivo avvisi per i pagamenti sospetti appeared first on Benessere Economico.
  • Valentino dice addio alle pellicce e corre alla ricerca di nuovi materiali
    Mentre a Parigi sfila l’alta moda,  la maison di Valentino si esibisce virtualmente a Roma a Galleria Colonna. Il contrasto tra sontuosità del luogo ed il minimalismo della collezione è netto e per la prima volta uomo e donna sfilano insieme, una moda che non ha bisogno di definizione. Una sfilata che racconta la celebrazione […]
  • Il futuro del mercato immobiliare passa dalla casa in legno: un’abitazione con molti vantaggi
    Il futuro del mercato immobiliare potrebbe spostarsi dal mattone ad un materiale tanto semplice quanto resistente e sostenibile, come il legno. In particolare, il legno è il materiale per eccellenza alleato della sostenibilità ambientale perché aiuta a raggiungere al meglio l’autosufficienza energetica, permettendo di ridurre gli sprechi. Infatti, grazie alla sua elevata capacità di isolare […]
  • Hotel Chalet Mirabell: lo spirito di Merano!
    Nell’esclusivo Hotel a 5 stelle Chalet Mirabell ad Avelengo vicino Merano è possibile trascorrere le giornate più belle dell’anno tra lusso e naturalezza alpina, ampi spazi aperti e natura incontaminata. “Qualche anno fa la nostra passione ci ha portati a trasformare il nostro residence alpino da 16 camere nell’hotel 5 stelle Mirabell in Alto Adige. Abbiamo […]
  • Tempo di vacanze: conoscete già l’Hotel Alpen Tesitin a Tesido?
    A Monguelfo si trova un eccezionale luogo di benessere e relax, dove ci si dedica ai piaceri della bella vita. Gli spazi inondati di luce e la piacevole sensazione di essere a proprio agio sono frutto dell’arte dell’accoglienza che si respira dal primo momento durante le vacanze in Val Pusteria all’Hotel Alpen Tesitin. La posizione […]

Categorie

di tendenza