Connect with us
Pubblicità

Trento

Nidi d’infanzia aperti per san Vigilio: sindacati e giunta ai ferri corti

Pubblicato

-

«Non condividiamo la scelta del Comune di Trento di apertura dei servizi dei nidi d’Infanzia durante la storica chiusura della settimana di San Vigilo, né nel metodo né nel merito. Sul metodo, il confronto con il Sindacato è apparso puramente formale, chiamati in buona sostanza all’ultimo momento a ratificare una decisione già presa».Così il comunicato congiunto delle sigle sindacali FP CGIL – CISL FP – UIL FPL

E ancora: «Nel merito a nulla è valso sottolineare le ragioni che sin dal 2010 hanno determinato la scelta di chiusura della settimana di San Vigilio per i nidi del comune di Trento pensata anche per far coincidere le ferie di tutto il personale con la chiusura dei servizi evitando ferie frammentate e una discontinuità educativa e di progetto che si ripercuoterebbe sui bambini».

Il personale, attraverso le proprie organizzazioni sindacali, ha espresso la disponibilità a ragionare della modifica del calendario per il prossimo anno educativo, attraverso una riorganizzazione complessiva che tenga conto degli aspetti di progettualità educativa, ma ha chiesto di non intervenire sul corrente anno perché questo determinerebbe l’impossibilità di garantire a tutto il personale la riprogrammazione di questi cinque giorni di ferie a servizio aperto, sia nei servizi gestiti direttamente dall’ente pubblico, sia in quelli affidati alle cooperative sociali.

Pubblicità
Pubblicità

Secondo in sindacati «riprogrammare cinque giorni di ferie per ciascun dipendente comporta la necessità di garantire un numero rilevante di sostituzioni, che non sono possibili, sia perché la Giunta non ha parallelamente stanziato risorse aggiuntive per i nidi in appalto, sia perché manca personale educativo disponibile. La conseguenza sarà quella di chiedere alle educatrici di garantire il servizio senza sostituzioni, con turni allungati (con straordinari non retribuiti e da recuperare) o di non usufruire dei giorni di ferie nei tempi contrattualmente previsti».

Per le sigle sindacali le continue sostituzioni di personale, sia interno che esterno, si aggiungerebbero all’ordinaria gestione delle assenze dei dipendenti. Questo comporterebbe un continuo cambio di riferimenti per educatrice e bambini, un’aggiunta di carichi di lavoro per il resto del gruppo, che avrebbe l’ulteriore compito di fare passaggi e supportare queste nuove figure, portando inevitabilmente a un abbassamento della qualità educativa che i nostri servizi offrono a bambini e famiglie.

La decisione della Giunta Comunale, inserita in questo contesto, viene motivata esclusivamente con la necessità di garantire ai genitori lavoratori una settimana in più di apertura in questo periodo di pandemia, senza considerare che il nido d’infanzia è un servizio educativo che accoglie i bisogni e le aspettative delle famiglie e, proprio per questo, necessita di un’attenta progettazione e programmazione per mantenere quei livelli di qualità da tutti riconosciuti. Si sottolinea inoltre che si è atteso il mese di maggio per scegliere la modifica del calendario, nonostante le difficoltà e le previsioni pandemiche fossero note già all’apertura dell’anno educativo.

Pubblicità
Pubblicità

Peraltro, nella possibilità ancora attuale di contagi, potrebbero aggiungersi alle ferie da riprogrammare altre assenze (malattia, congedi parentali o altro) e conseguenti disagi per bambini e famiglie.

Per questi motivi – si legge sul comunicato dei sindacati – la misura annunciata appare più propagandistica che di concreta soluzione dei problemi che si dice di voler affrontare: gli operatori dei servizi sono persone con famiglia e figli (anche piccoli e in età scolare), con gli stessi problemi di tutte le altre famiglie ma con competenze e conoscenze che dovrebbero essere prese in maggiore considerazione da chi ha responsabilità gestionali e politiche.

Quanto alle annunciate assunzioni di quattro educatrici aggiuntive che sono state rese note dopo le osservazioni sindacali, esse sono certamente positive ma non sufficienti per gli otto nidi gestiti direttamente dal Comune, e certamente ininfluenti per la maggioranza dei nidi esternalizzati alle cooperative sociali, che senza personale aggiuntivo e senza apposite risorse stanziate scaricheranno sul personale in servizio le conseguenze della scelta dell’Amministrazione.

Le difficoltà di quest’anno hanno coinvolto in maniera trasversale tutti gli attori di questo servizio (bambini, famiglie, personale educativo e non educativo, coordinatrici interne e pedagogiche): i contagi sia fra i bambini, sia fra il personale, la chiusura delle bolle, il servizi aperti solo a metà (ricordiamo che le educatrici in servizio avevano figli che non potevano accedere ai servizi), non ha favorito un clima disteso e sereno, ma ha altresì costretto a stravolgere e riorganizzare strutture, attività, progetti, reinventare attività chiedendo un aumento di impegno e professionalità.

Sono molte le famiglie che hanno dovuto far ricorso a permessi, ferie e congedi,  – osservano i sindacati – ma ci pare che per risolvere alcuni problemi se ne creino altri e non solo ai dipendenti, ma agli stessi bambini e in ultima analisi alle famiglie stesse.

Pubblicità
Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

Necrologi

  • Pubblicità
    Pubblicità

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

  • Gig Economy, un fenomeno da controllare e regolamentare: i pro e contro
    Da qualche anno il mondo del lavoro è stato travolto dalla Gig Economy dividendo l’opinione pubblica e l’economia. Cos’è la Gig Economy Nonostante l’arrivo della Gig Economy sia un fenomeno relativamente recente, negli ultimi 10... The post Gig Economy, un fenomeno da controllare e regolamentare: i pro e contro appeared first on Benessere Economico.
  • Arriva GOL, un programma per il reinserimento lavorativo delle categorie svantaggiate e fragili: come funziona
    Dal Governo nasce il programma GOL, Garanzia di Occupabilità dei Lavoratori che punta a rilanciare l’occupazione in Italia, con un investimento di 4.9 miliardi di euro da investire tra il 2021 e il 2025. I... The post Arriva GOL, un programma per il reinserimento lavorativo delle categorie svantaggiate e fragili: come funziona appeared first on […]
  • Pubblica Amministrazione, possibilità di delegare l’identità digitale per accedere ai servizi online
    Da qualche settimana, è stata introdotta la possibilità di delegare una persona di fiducia all’esercizio dei servizi online pubblici. Identità digitale o SPID a cosa serve Il Sistema Pubblico di Identità Digitale, ovvero Spid permettere... The post Pubblica Amministrazione, possibilità di delegare l’identità digitale per accedere ai servizi online appeared first on Benessere Economico.
  • Smart Working, verso sgravi contributivi per le aziende ed agevolazioni fiscali per i lavoratori
    Dal Governo si lavora a nuove regole per lo smart working post emergenza covid-19, tra queste la riduzione delle tasse in busta paga e sgravi per le imprese. Da luglio, Camera e Senato hanno presentato... The post Smart Working, verso sgravi contributivi per le aziende ed agevolazioni fiscali per i lavoratori appeared first on Benessere […]
  • Università, si allarga la no tax area: fino a 22 mila euro non si pagano le tasse
    Una delle novità anticipata dall’ex Ministro dell’università, Manfredi e concretizzata dall’attuale Cristina messa prevede ad allargare la no tax area per gli studenti universitari, comprendo i costi fino alla fascia reddituale di 22 mila euro.... The post Università, si allarga la no tax area: fino a 22 mila euro non si pagano le tasse appeared […]
  • Imprese, nuovi aiuti di Stato approvati dall’Unione europea: i dettagli
    Dall’Unione Europa arriva il via libera agli aiuti di Stato per le imprese italiane colpite economicamente dalla pandemia Covid-19. I gravi effetti economici causati dall’arrivo del Coronavirus stanno avendo ancora pesanti ripercussioni per le attività... The post Imprese, nuovi aiuti di Stato approvati dall’Unione europea: i dettagli appeared first on Benessere Economico.
  • La nuova vita dei treni notturni, viaggiare sostenibile e comodo
    Dopo anni i treni notturni tornano di moda. Ultimamente infatti, in Europa hanno rincominciato ad essere più frequentanti e richiesti i treni notturni che permettono di spostarsi tra le principali città durante la notte, dormendo in un vagone dedicato. L’aumento della domanda rispetto a questo servizio è stata tale da spingere molte imprese ferroviarie a […]
  • Panchine giganti in Italia: la ricerca di un’incredibile esperienza
    Colorate, grandi e affacciate su panorami mozzafiato. Si parla delle Big Bench, ovvero delle panchine giganti, un fenomeno ideato dal designer americano Chris Bangle che nel giro di pochi anni si è diffuso in tutto il Bel Paese. Queste installazioni fuori scala, posizionati in piccoli luoghi di sconosciuta bellezza, cambiano la prospettiva del paesaggio, rendendo […]
  • Allargare le braccia e toccare due continenti: le splendide possibilità dell’Islanda
    Per molti, l’America è quel continente lontano ore ed ore di volo, ma sulla Terra esiste un luogo dove Europa ed America sono talmente vicine da essere toccate contemporaneamente, semplicemente allargando le braccia. Questo luogo pazzesco si trova in Islanda ed è considerato uno dei luoghi più spettacolari del mondo. La Silfra Fissure, patrimonio naturale […]
  • L’Italia e i boschi incantati: alla scoperta di fate, gnomi e folletti
    Ogni stagione con i suoi profumi e i suoi colori, invita qualsiasi escursionista ad esplorare la natura che, tra vegetazione ed alberi si mostra in tutto il suo splendore. In particolare, l’Italia è nota per essere una miniera di patrimoni artistici e culturali inestimabili capaci di scatenare la curiosità di grandi e piccini, con la […]

Categorie

di tendenza