Connect with us
Pubblicità

Rovereto e Vallagarina

“..E promettetemi che mi terrete per mano” I ragazzi del Liceo raccontano il loro lockdown

Pubblicato

-

Presentato il volume che raccoglie le testimonianze dei ragazzi. Erano appena finite la vacanze di carnevale e i ragazzi si preparavano a tornare in aula per cominciare il secondo quadrimestre. Erano i primi di marzo del 2020.

Il Coronavirus aveva varcato i confini locali. Fu così che giovedì la scuola era già chiusa e venerdì i docenti del liceo Rosmini di Rovereto erano già pronti, in tempo record, per la DAD, la didattica a distanza. Certo, in questi giorni, si pensava che il lockdown sarebbe durato qualche settimana, e invece, fino a giugno i ragazzi non hanno potuto tornare sui banchi di scuola.

«All’inizio era la novità, le lezioni online rappresentavano una sfida per tutti, per gli studenti certamente, ma soprattutto per noi professori. Parlare ad uno schermo costellato da piccoli “logo” colorati non era facile, cercare di costruire una relazione più virtuale che reale spesso era faticoso spiega la professoressa Grazia Graziola -. Anche i ragazzi con il passare dei giorni erano sempre più stanchi, demotivati, preoccupati.

Pubblicità
Pubblicità

Per coinvolgerli e per aiutarli a leggere e a capire quel difficile e inedito periodo, ho pensato di invitarli a scrivere, nella forma espressiva che preferivano, emozioni, stati d’animo, paure nuove e inespresse. Ho rassicurato tutti che non si trattava di un lavoro scolastico, soggetto a valutazione o giudizio. Doveva essere una scrittura libera, personale e spontanea che traducesse in parole, immagini e disegni il loro vissuto quotidiano durante l’emergenza sanitaria causa Covid-19».

E i lavori hanno cominciato ad arrivare prima dalla classe della docente e poi da ragazzi di altre classi. Hanno inviato il loro contributo studenti di tutti i diversi indirizzi del liceo Rosmini, di tutti gli anni di corso, dalla prima alla quinta classe, con racconti, poesie, riflessioni, foto e disegni.

Piccole testimonianze di un’esperienza che ha provocato una metamorfosi delle relazioni umane più significative e che ancora oggi risulta difficile decifrare totalmente.

Pubblicità
Pubblicità

Queste frammenti di memoria oggi, a un anno di distanza da quel periodo, sono stati raccolti in un libro.

..E promettetemi che mi terrete per mano“, questo il titolo del volume è stato presentato oggi lunedì 10 maggio al liceo Rosmini.

Erano presenti l’assessore provinciale Mirko Bisesti, la vicesindaca di Rovereto Giulia Robol, l’ispettore provinciale Ruggero Morandi, il dirigente Paolo Pendenza e una rappresentanza di genitori e studenti.

Grazie a questo progetto i ragazzi hanno avuto la possibilità di leggere la realtà attraverso le emozioni e i diversi stati d’animo. Raccontarsi li ha aiutati a reggere la fatica dell’isolamento e dell’inevitabile rischio della noia quotidiana.

Pubblicità
Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

Necrologi

  • Pubblicità
    Pubblicità

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

  • Arriva la sedia per sedersi a gambe incrociate ed evitare fastidiosi mal di schiena
    Nonostante la frenesia che caratterizza ogni città, lo stile di vita sedentario di molte persone è piuttosto comune, visto che la maggior parte delle ore si passa fermi e seduti davanti alla scrivania. Questo con il tempo può portare danni più o meno seri al fisico. Infatti, il rischio di incorrere in spiacevoli mal di […]
  • La nuova vita dei treni notturni, viaggiare sostenibile e comodo
    Dopo anni i treni notturni tornano di moda. Ultimamente infatti, in Europa hanno rincominciato ad essere più frequentanti e richiesti i treni notturni che permettono di spostarsi tra le principali città durante la notte, dormendo in un vagone dedicato. L’aumento della domanda rispetto a questo servizio è stata tale da spingere molte imprese ferroviarie a […]
  • Panchine giganti in Italia: la ricerca di un’incredibile esperienza
    Colorate, grandi e affacciate su panorami mozzafiato. Si parla delle Big Bench, ovvero delle panchine giganti, un fenomeno ideato dal designer americano Chris Bangle che nel giro di pochi anni si è diffuso in tutto il Bel Paese. Queste installazioni fuori scala, posizionati in piccoli luoghi di sconosciuta bellezza, cambiano la prospettiva del paesaggio, rendendo […]
  • Allargare le braccia e toccare due continenti: le splendide possibilità dell’Islanda
    Per molti, l’America è quel continente lontano ore ed ore di volo, ma sulla Terra esiste un luogo dove Europa ed America sono talmente vicine da essere toccate contemporaneamente, semplicemente allargando le braccia. Questo luogo pazzesco si trova in Islanda ed è considerato uno dei luoghi più spettacolari del mondo. La Silfra Fissure, patrimonio naturale […]

Categorie

di tendenza