Connect with us
Pubblicità

Arte e Cultura

Il mondo dello spettacolo trentino chiede di mantenere i ristori anche nel 2022

Pubblicato

-

La seduta di questa mattina della Quinta commissione, presieduta da Alessia Ambrosi (Fdi), si è aperta con l’incontro con i rappresentanti dell’Unione interregionale triveneta Agis. Tema, la crisi del mondo dello spettacolo e del cinema causata dall’emergenza Covid.

Il presidente Franco Oss Noser ha aperto il suo intervento sul Fondo unico dello spettacolo provinciale (Fusp), un provvedimento molto positivo anche se, anche in questo caso, la pandemia ha scompaginato i piani.

Il Fus nazionale, secondo la richiesta Agis nazionale,dovrebbe probabilmente prendere il via nel 2023 e la richiesta di Oss Noser è quella di allineare il Fondo locale con quello nazionale.

Pubblicità
Pubblicità

C’è poi la questione della capienza finanziaria del Fusp che, ha detto il presidente Agis, dovrebbe essere riportato alle cifre del 2020. Altra richiesta è quella di comprendere nel Fondo per lo spettacolo anche il cinema.

Chiara Zanoni Zorzi, vicepresidente Haydn, ha detto che il primo triennio del Fusp è andato molto bene. Lo slittamento al 2023, per allineare il Fondo provinciale a quello nazionale, sarebbe una scelta positiva anche per sperimentare il suo allargamento al cinema e ai festival.

Massimo Lazzeri, presidente del comparto cinema Agis, ha detto che l’entrata del settore nel Fondo potrebbe essere interessante soprattutto per la programmazione del cinema d’essai.

Pubblicità
Pubblicità

Sara Ferrari (Pd) ha chiesto al dirigente del Dipartimento cultura Claudio Martinelli (foto) se ritiene possibile introdurre l’aumento delle capacità finanziarie del Fondo già nella manovra in discussione da domani. Martinelli ha confermato che il Fondo per lo spettacolo ha la capienza del 2020 e ha ricordato che si sta lavorando, sui criteri, per portare tutti i settori dello spettacolo, compreso il cinema, nel Fondo.

Difficile invece la proroga del triennio per allinealo a quello nazionale, perché ciò renderebbe difficile allargare il Fusp a tutti gli attori del settore. Oss Noser ha insistito sulla necessità di “sincronizzare” il triennio del Fondo nazionale e quello provinciale per permettere alle aziende di programmare con precisione.

Riguardo al cinema, il presidente Agis triveneta, ha ricordato, anche attraverso il Fusp, che va recuperata la chiusura del cinema Astra e la sua programmazione di cinema di qualità. Oss Noser si è soffermato infine sui ristori chiedendo alla Pat di prevederli anche per il 2022.

Pubblicità
Pubblicità

  • Pubblicità
    Pubblicità

Necrologi

  • Pubblicità
    Pubblicità

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

  • La nuova vita dei treni notturni, viaggiare sostenibile e comodo
    Dopo anni i treni notturni tornano di moda. Ultimamente infatti, in Europa hanno rincominciato ad essere più frequentanti e richiesti i treni notturni che permettono di spostarsi tra le principali città durante la notte, dormendo in un vagone dedicato. L’aumento della domanda rispetto a questo servizio è stata tale da spingere molte imprese ferroviarie a […]
  • Panchine giganti in Italia: la ricerca di un’incredibile esperienza
    Colorate, grandi e affacciate su panorami mozzafiato. Si parla delle Big Bench, ovvero delle panchine giganti, un fenomeno ideato dal designer americano Chris Bangle che nel giro di pochi anni si è diffuso in tutto il Bel Paese. Queste installazioni fuori scala, posizionati in piccoli luoghi di sconosciuta bellezza, cambiano la prospettiva del paesaggio, rendendo […]
  • Allargare le braccia e toccare due continenti: le splendide possibilità dell’Islanda
    Per molti, l’America è quel continente lontano ore ed ore di volo, ma sulla Terra esiste un luogo dove Europa ed America sono talmente vicine da essere toccate contemporaneamente, semplicemente allargando le braccia. Questo luogo pazzesco si trova in Islanda ed è considerato uno dei luoghi più spettacolari del mondo. La Silfra Fissure, patrimonio naturale […]
  • L’Italia e i boschi incantati: alla scoperta di fate, gnomi e folletti
    Ogni stagione con i suoi profumi e i suoi colori, invita qualsiasi escursionista ad esplorare la natura che, tra vegetazione ed alberi si mostra in tutto il suo splendore. In particolare, l’Italia è nota per essere una miniera di patrimoni artistici e culturali inestimabili capaci di scatenare la curiosità di grandi e piccini, con la […]

Categorie

di tendenza