Connect with us
Pubblicità

Trento

Gioco d’azzardo, De Bertoldi: «Le mafie brindano per le chiusure della attività di gioco legali». Per il Trentino una perdita di oltre 100 milioni di euro

Pubblicato

-

Il senatore di Fratelli d’Italia Andrea De Bertoldi nel suo intervento al Senato ha sollevato ancora una volta l’attenzione sul settore del gioco, pensando, afferma, “anche alle risposte che non avete dato in questo decreto e che continuate a non dare. Continuate a far brindare le mafie, cari colleghi. Le sale giochi sono chiuse, il gioco legale è chiuso, mentre le bische clandestine proliferano e brindano a Champagne perché hanno triplicato e quadruplicato i fatturati. Le casse dello Stato, cari colleghi, nel 2020 hanno perso sei miliardi, che, lasciando lavorare il gioco legale invece che le mafie, potevate dare ai baristi, ai ristoratori, alle piccole imprese tanto gravate dalla situazione”

Il lockdown in tal senso ha complicato ancora maggiormente la situazione: i ludopatici hanno perso i tradizionali punti di ritrovo, sostituendoli col gioco online che è ancora più perfido. Risultato: i soldi spesi sono quadruplicati. Le entrate per le regioni e lo Stato azzerate. 

Non ci sono limiti orari di gioco, come mancano occhi indiscreti che possano mettere in imbarazzo e poi si gioca con la carta di credito e quindi la disponibilità di denaro è maggiore,

Pubblicità
Pubblicità

L’attenzione è alta anche a livello provinciale che con la legge 13/2015 ha stabilito una serie di iniziative di sensibilizzazione, prevenzione e cura. Il 2 di marzo 2021 la commissione Politiche sociali del consiglio provinciale di Trento avrebbe dovuto procedere alla discussione finale e al voto sul disegno di legge firmato da Giorgio Leonardi(Forza Italia)  che, come noto, chiede di riaccendere gli apparecchi da gioco installati negli esercizi pubblici spenti dallo scorso agosto per l’entrata in vigore della normativa varata nel 2015.

L’iter però è stato sospeso, «Porterò comunque avanti il mio Ddl – aveva spiegato Leonardi –  chi lo condivide potrà votarlo, chi non vuole no, per me è lo stesso. Poi, ovviamente, bisognerà vedere cosa ne pensa la maggioranza».

Poche, chiare parole, che dissipano i dubbi di chi, dopo il parere negativo al testo del forzista espresso dal Consiglio delle autonomie locali e dopo i “no” ribaditi da alcuni consiglieri ed associazioni del sociale durante le audizioni sulla legge, aveva temuto il ritiro del Ddl.

Per ora nessun passo indietro nelle intenzioni di Leonardi, che mira tanto alla tutela della salute pubblica quanto alla salvaguardia del comparto imprenditoriale della zona, alle prese con una perdita di occupazione stimata fra le 300 e le 400 unità, conseguente all’effetto espulsivo della normativa, con la riduzione dell’insediabilità dei locali con giochi pubblici al 3 percento del territorio, secondo le stime portate in audizione da Acadi – Associazione concessionari di giochi pubblici guidata da Geronimo Cardia.

Pubblicità
Pubblicità

I trentini investono nel gioco 500 milioni di euro all’anno, 390 dei quali con le macchinette. Spesa ridotta a 120 milioni nel 2020 causa pandemia.

Purtroppo l’idea che si sta facendo largo sempre di più è che alla fine questi soldi vengano spesi lo stesso, attraverso giochi illeciti e online e che così facendo si metta in grave difficoltà l’economia locale con imprenditori e dipendenti costretti a rimanere senza lavoro ed obbligati a chiedere. Difficile poi  la ricollocazione dei lavoratori disoccupati dopo la rimozione degli apparecchi dai locali.

Nelle audizioni della commissione politiche sociali hanno dato parere favorevole ConfCommercio e Confesercenti, insieme ai tabaccai, giornalai, toto ricevitori, sindacati, ufficio delle dogane e Sinagi. Contrari invece gli industriali.

Un legge che danneggerebbe gravemente le casse della nostra provincia autonoma di Trento. Dalle slot infatti vengono prelevati di 55 milioni di euro che si potrebbero utilizzare contro la ludopatia. 

All’Ufficio delle dogane di Trento risulta invece un prelievo unico erariale derivante dai giochi leciti, i cui 9/10 finiscono nelle casse della Provincia, di 77 milioni di euro. Ora questi soldi finiranno i tasca alla mafia, o andranno i qualche paradiso fiscale lontano dal Trentino e dall’Italia. Insomma, alla fine siamo cornuti e mazziati. 

Pubblicità
Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

  • Codacons, proposta di risarcimento per somministrazione Astrazeneca agli under 60
    Il caos generato intorno al siero anti-covid, Astrazeneca che ha gettato nel panico, nell’incertezza e nella cattiva informazione migliaia di italiani ha spinto Codacons a lanciare un’azione collettiva per il risarcimento. Il caso Astrazeneca Uno... The post Codacons, proposta di risarcimento per somministrazione Astrazeneca agli under 60 appeared first on Benessere Economico.
  • Criptovalute paragonate ai mutui subprime del 2008: l’allarme della Consob
    Il fenomeno criptovalute è così attuale e crescente, tanto da spingere il numero uno della Consob, Paolo Savona a lanciare un’allarme sulla situazione. La similitudine tra criptovalute e mutui subprime Savona infatti, ha dedicato un... The post Criptovalute paragonate ai mutui subprime del 2008: l’allarme della Consob appeared first on Benessere Economico.
  • Bonus Irpef 2021, 100 euro in più in busta paga: a chi spetta
    Il vecchio Bonus Renzi da 80 euro si evolve e diventa un Bonus Irpef da 100 euro. Con l’ultima legge di Bilancio infatti, vengono riviste le regole e il nome del vecchio bonus. A chi... The post Bonus Irpef 2021, 100 euro in più in busta paga: a chi spetta appeared first on Benessere Economico.
  • Imu 2021: esenzioni ed agevolazioni previste
    Il Governo potrebbe estendere l’esenzione Imu, ampliando la categoria di soggetti che non saranno tenuti a versare la prima rata. Imu 2021, chi rientra nell’esenzione Un nuovo emendamento al Decreto Sostegni Bis potrebbe andare incontro... The post Imu 2021: esenzioni ed agevolazioni previste appeared first on Benessere Economico.
  • P. A, lo Stato dice addio ai ritardi e paga in anticipo i suoi debiti
    I ritardi, tipici della Pubblica Amministrazione potrebbero presto diventare un lontano ricordo. La notizia è stata raccontata dai dati diffusi dal Ministero dell’Economia e delle Finanze riguardo i tempi medi impiegati durante l’anno 2020 dallo... The post P. A, lo Stato dice addio ai ritardi e paga in anticipo i suoi debiti appeared first on […]
  • Ritorna il Bonus Sanificazione: tutti i dettagli e le novità
    Con le riaperture torna anche il Bonus Sanificazione e DPI anche per il 2021 per una ripartenza in sicurezza. Il Decreto Sostegni bis ripropone l’agevolazione per i titolari di partita Iva, seppur in una percentuale... The post Ritorna il Bonus Sanificazione: tutti i dettagli e le novità appeared first on Benessere Economico.
  • Nasce il primo superstore senza casse: Amazon conquista con l’innovazione
    All’interno dell’immensa panoramica della distribuzione organizzata, mette piede con estrema originalità il colosso Amazon che, potenziando ulteriormente la sua offerta apre il primo negozio senza cassa. Dall’idea senza dubbio originale e molto innovativa nasce un Fresh store in cui i clienti possono fare comodamente la spesa e uscire direttamente dalla corsia dedicata: “ senza pagare”. […]
  • Valentino dice addio alle pellicce e corre alla ricerca di nuovi materiali
    Mentre a Parigi sfila l’alta moda,  la maison di Valentino si esibisce virtualmente a Roma a Galleria Colonna. Il contrasto tra sontuosità del luogo ed il minimalismo della collezione è netto e per la prima volta uomo e donna sfilano insieme, una moda che non ha bisogno di definizione. Una sfilata che racconta la celebrazione […]
  • Il futuro del mercato immobiliare passa dalla casa in legno: un’abitazione con molti vantaggi
    Il futuro del mercato immobiliare potrebbe spostarsi dal mattone ad un materiale tanto semplice quanto resistente e sostenibile, come il legno. In particolare, il legno è il materiale per eccellenza alleato della sostenibilità ambientale perché aiuta a raggiungere al meglio l’autosufficienza energetica, permettendo di ridurre gli sprechi. Infatti, grazie alla sua elevata capacità di isolare […]
  • Hotel Chalet Mirabell: lo spirito di Merano!
    Nell’esclusivo Hotel a 5 stelle Chalet Mirabell ad Avelengo vicino Merano è possibile trascorrere le giornate più belle dell’anno tra lusso e naturalezza alpina, ampi spazi aperti e natura incontaminata. “Qualche anno fa la nostra passione ci ha portati a trasformare il nostro residence alpino da 16 camere nell’hotel 5 stelle Mirabell in Alto Adige. Abbiamo […]

Categorie

di tendenza