Connect with us
Pubblicità

Fiemme, Fassa e Cembra

L’Università di Trento arriva nelle valli dolomitiche

Pubblicato

-

Le Olimpiadi 2026, la presenza consolidata di impianti e manifestazioni sportive internazionali saranno la piattaforma da cui muoverà il progetto di aprire nelle valli dolomitiche di Fiemme e Fassa, con l’Altopiano di Pinè, i corsi e la ricerca dell’Università degli studi di Trento.

Il progetto è stato presentato nelle sale del palazzo della Magnifica comunità di Cavalese. All’appuntamento erano presenti politici e amministratori, manager, i vertici dell’Università e i rappresentanti della Fondazione Milano – Cortina 2026. L’iniziativa è nata dall’intuizione del giovane imprenditore Andrea Dezulian e di Carlo Dellasega, già direttore generale della Federazione trentina della cooperazione ed oggi manager di azienda. In sintesi, nei prossimi anni, all’ombra delle Dolomiti, l’università trentina aprirà due progetti didattici: i corsi della laurea magistrale in sostenibilità ambientale e sport, e della laurea triennale in gestione aziendale.

Non solo. Gli impianti sportivi, quali lo Stadio del Fondo di Lago di Tesero e lo Stadio del Salto di Predazzo, saranno trasformati in piattaforme per lo sviluppo della ricerca scientifica e tecnologica, di cui potranno beneficiare startup ed imprese trentine. Il progetto di università territoriale trova l’adesione convinta dell’assessore provinciale all’istruzione e università, Mirko Bisesti:

Pubblicità
Pubblicità

Oggi, da Cavalese, parte una visione a lungo termine che ha come primo orizzonte le Olimpiadi 2026 ma persegue l’obiettivo di radicare sul territorio delle valli di Fiemme e Fassa e dell’Altopiano di Pinè opportunità di crescita scientifica, garantita dalla docenza e dalla ricerca universitaria, ed economica a favore delle imprese trentine e delle valli dell’Avisio in particolare. Le istituzioni trentine devono aprirsi al territorio, garantendo sì le risorse, ma soprattutto permettere la nascita di nuove opportunità. La sfida è la capacità di attrarre giovani, non solo trentini, ma anche da paesi stranieri, che abbiano voglia e capacità di investire nello sport. Un ruolo fondamentale spetta alla comunità, ricca di valori e personalità, che saprà fornire impegno e determinazione, elementi indispensabili per raggiungere obiettivi ambiziosi. Il Trentino è abituato a sfide importanti e, sono sicuro che, assieme, le porteremo a termine”.

Il progetto di università territoriale nelle valli dell’Avisio nasce dall’intuizione di Andrea Dezulian, giovane imprenditore fiemmese con interessi in Veneto, ma fortemente radicato nei luoghi d’origine: “I nostri territori sono magnifici ma lamentano qualche carenza. Operando con altri amici nel volontariato ci siamo spesso chiesti come garantire alla nostra terra uno sviluppo economico, sociale e culturale. Da qui è nata l’idea di coinvolgere l’Università di Trento ed avvicinarla al territorio, lasciando alla popolazione la capacità di disseminare innovazione”.

L’idea di Andrea ha incontrato l’interesse dell’ex rettore dell’Università degli Studi di Trento, Paolo Collini e dell’attuale, Flavio Deflorian: “L’Università è patrimonio del Trentino e oggi restituiamo ciò che abbiamo ricevuto, in iniziative importanti sul territorio, quali attività formative, ricerca e trasferimento della conoscenza. Per noi questo è un investimento e crediamo che i progetti presentati oggi saranno occasioni di sviluppo”.

Pubblicità
Pubblicità

L’Università nelle valli di Fiemme e Fassa – I contenuti del primo filone di progetti universitari sono stati presentati da Flavio Bazzana, direttore del Dipartimento di economia dell’Università degli Studi di Trento: “Nelle valli di Fassa e Fiemme apriremo due progetti di attività didattica per i corsi di laurea magistrale in sostenibilità ambientale e turismo, che coinvolgeranno una cinquantina di studenti in laboratori multidisciplinari rivolti al territorio e alle Olimpiadi. A questi seguiranno i corsi della laurea triennale in gestione aziendale, dedicati agli studenti lavoratori che avranno sede qui grazie alla docenza online assistita”.

Alla didattica si affiancano i progetti di ricerca, presentati da Paolo Bousquet, decente e delegato allo sport e Olimpiadi 2026 per l’Università di Trento: “La nostra ambizione è di affermare in via definitiva che lo sport è sì stile di vita ed agonismo, ma rappresenta anche una formidabile opportunità di sviluppo economico per i territori. Uno studio ha confermato che il 7% del Pil del Trentino è riconducibile allo sport.

Il progettoha spiegato il professor Bousquet è trasformare gli impianti sportivi in piattaforma di sviluppo della ricerca scientifica e tecnologica, favorendo l’innovazione delle imprese. La raccolta dei dati degli sporti invernali e della montagna è un settore ancora tutto da esplorare e le valli di Fiemme e Fassa, con Pinè, rappresentano un’opportunità straordinaria. Stiamo parlando di strutture moderne che ospiteranno le Olimpiadi 2026. Credo che questa area possa diventare una sorta di Silicon Valley dell’innovazione degli sport invernali”.

Consenso trasversale. – L’iniziativa di portare sul territorio le attività dell’Università degli Studi di Trento incontra il consenso di amministratori, rappresentanti politici e del mondo dello sport. In apertura, Carlo Dellasega aveva ammonito: “Spetta noi, fiemmesi e fassani, a cogliere questa opportunità e creare le condizioni affinché la presenza dell’Università nelle valli dell’Avisio diventi realtà e volano di sviluppo”. A Cavalese era presente Tito Giovannini, membro cda della Fondazione Milano – Cortina 2026: “Le Olimpiadi hanno bisogno di supporto scientifico e l’azione dell’Università degli Studi di Trento si affianca a quella di altri atenei della Lombardia e del Veneto. Le Olimpiadi sono un evento universale che va oltre, come più volte sottolineato oggi, il risultato sportivo ed agonistico”.

I consiglieri provinciali Gianluca Cavada e Piero Degodenz, hanno voluto ribadire il loro sostegno ad un progetto che vede la periferia protagonista: “Lo sport è una tradizione nelle nostri valli e alle future generazioni dobbiamo offrire delle opportunità di crescita”. Un concetto ripreso anche dal procuratore del Comun general de Fascia, Giuseppe Detomas. La chiusura è stata affidata a Maria Bosin, sindaco di Predazzo e presidente della Conferenza dei sindaci della val di Fiemme: “Da donna cresciuta in queste terre conosco l’importanza per i giovani di accedere ad una formazione solida. Troppo spesso, soprattutto in passato, le ragazze ed i ragazzi non hanno potuto beneficiare di un livello di scolarizzazione adeguato. Oggi la situazione sta cambiando e questa è una splendida notizia”.

Pubblicità
Pubblicità

  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

  • Nuove P.Iva: le regole per i contributi a fondo perduto
    Con l’arrivo delle nuove agevolazioni a fondo perduto per le partite Iva, scattano anche le regole per l’accesso al contributo. Le agevolazioni Le nuove attività ed imprese economiche hanno diritto ad un contributo a fondo... The post Nuove P.Iva: le regole per i contributi a fondo perduto appeared first on Benessere Economico.
  • Nasce l’Osservatorio Fiscale Europeo, passo verso una tassazione più equa
    Come noto, nell’Unione Europea alcuni Paesi attuano politiche fiscali aggressive a scapito di altri. Di conseguenza, questa mossa consente loro di attirare molti investitori con una tassazione favorevole. In questo sistema si inserisce l’Osservatorio fiscale... The post Nasce l’Osservatorio Fiscale Europeo, passo verso una tassazione più equa appeared first on Benessere Economico.
  • Accordo storico al G7: tassazione minima al 15% per le multinazionali, quali conseguenze
    Dopo anni di pressione dell’Unione Europea, Whasington cede e apre la possibilità di una tassa digitale globale per le multinazionali del web. Di cosa si tratta e come funziona L’accordo parla di un’imposta minima del... The post Accordo storico al G7: tassazione minima al 15% per le multinazionali, quali conseguenze appeared first on Benessere Economico.
  • Nuovo Portale di Reclutamento per la P.A.: l’unico spazio dove domanda e offerta si incontrano
    Con il nuovo Decreto varato dal Governo, esce anche il nuovo Portale del Reclutamento per la Pubblica Amministrazione, un luogo rivoluzionario dove si incontrerà domanda e offerta di lavoro pubblico. Di cosa si tratta All’interno... The post Nuovo Portale di Reclutamento per la P.A.: l’unico spazio dove domanda e offerta si incontrano appeared first on […]
  • Cresce la fiducia dei consumatori e delle imprese: Italia verso un trend positivo
    L’Italia rincorre la strada per la ripresa e cresce la fiducia dei consumatori che si riavvicina ai livelli pre-pandemia. I dati vengono confermati dall’Istituto nazionale di statistica, Istat che racconta di un’Italia più fiduciosa e... The post Cresce la fiducia dei consumatori e delle imprese: Italia verso un trend positivo appeared first on Benessere Economico.
  • Addio ai “furbetti” del Cashback, in arrivo avvisi per i pagamenti sospetti
    In previsione della chiusura del primo semestre del Cashback fissata per il 30 giugno 2021, gli utenti che hanno dato vita a movimento sospetti riceveranno un avviso. Cashback, il rimborso In quella data gli utilizzatori... The post Addio ai “furbetti” del Cashback, in arrivo avvisi per i pagamenti sospetti appeared first on Benessere Economico.
  • Valentino dice addio alle pellicce e corre alla ricerca di nuovi materiali
    Mentre a Parigi sfila l’alta moda,  la maison di Valentino si esibisce virtualmente a Roma a Galleria Colonna. Il contrasto tra sontuosità del luogo ed il minimalismo della collezione è netto e per la prima volta uomo e donna sfilano insieme, una moda che non ha bisogno di definizione. Una sfilata che racconta la celebrazione […]
  • Il futuro del mercato immobiliare passa dalla casa in legno: un’abitazione con molti vantaggi
    Il futuro del mercato immobiliare potrebbe spostarsi dal mattone ad un materiale tanto semplice quanto resistente e sostenibile, come il legno. In particolare, il legno è il materiale per eccellenza alleato della sostenibilità ambientale perché aiuta a raggiungere al meglio l’autosufficienza energetica, permettendo di ridurre gli sprechi. Infatti, grazie alla sua elevata capacità di isolare […]
  • Hotel Chalet Mirabell: lo spirito di Merano!
    Nell’esclusivo Hotel a 5 stelle Chalet Mirabell ad Avelengo vicino Merano è possibile trascorrere le giornate più belle dell’anno tra lusso e naturalezza alpina, ampi spazi aperti e natura incontaminata. “Qualche anno fa la nostra passione ci ha portati a trasformare il nostro residence alpino da 16 camere nell’hotel 5 stelle Mirabell in Alto Adige. Abbiamo […]
  • Tempo di vacanze: conoscete già l’Hotel Alpen Tesitin a Tesido?
    A Monguelfo si trova un eccezionale luogo di benessere e relax, dove ci si dedica ai piaceri della bella vita. Gli spazi inondati di luce e la piacevole sensazione di essere a proprio agio sono frutto dell’arte dell’accoglienza che si respira dal primo momento durante le vacanze in Val Pusteria all’Hotel Alpen Tesitin. La posizione […]

Categorie

di tendenza