Connect with us
Pubblicità

Trento

Biodistretti di Trento, Valle dei Laghi e Valle di Gresta: «Nel nuovo ddl ci aspettavamo di più, riprendiamo il confronto con la PAT»

Pubblicato

-

Nuovo DDL sul biologico: «Occasione mancata per fare del Trentino un vero laboratorio della sostenibilità ambientale, sociale ed economica».

La proposta di una nuova legge sul biologico approvata dalla Giunta provinciale di Trento non è quanto i Biodistretti di Trento, Valle dei Laghi e Valle di Grestasi aspettavano.

Quella che poteva e doveva rappresentare una pietra miliare nella storia dell’agricoltura biologica trentina e che poteva disegnare un profilo innovativo e finalmente identitario del settore si è ridotta ad una generica integrazione delle legge N 4 del 2003.

Pubblicità
Pubblicità

Secondo i Biodistretti non sono sufficientemente rappresentate, infatti, le istanze della società civile e del mondo produttivo che stanno emergendo in maniera ineludibile a livello globale come si evidenzia dalle direttive europee in tema di ambiente, agricoltura, economia e sviluppo che fissano, per esempio, l’aumento del biologico al 25% delle superfici entro il 2030.

Le nuove politiche agricole comunitarie prevedono inoltre maggiori incentivi per l’agricoltura biologica unitamente a fondi per il Green Deal (biodiversità, lotta agli inquinamenti e progetti di economia sostenibile), per il programma Farm to Fork (dalla fattoria alla tavola per una sana alimentazione) e per il Piano sulla biodiversità (aumento delle aree naturali e lotta agli inquinamenti).

Questi indirizzi di politica agricola, (ad iniziare dalle risorse finanziarie), sono indicati in maniera insufficiente nel disegno di legge della Giunta provinciale “Modificazioni della legge provinciale 28 marzo 2003, n 4”.

Pubblicità
Pubblicità

Per il momento storico che stiamo vivendo, contrassegnato dall’esigenza di rilanciare l’economia circolare e un’autentica sostenibilità ambientale, sarebbe stato opportuno promuovere una legge ad hoc per sancire la volontà della Provincia di riconoscere concretamente il valore sociale, ambientale ed economico dell’agricoltura biologica.

Cosa si aspettavano quindi i Biodistretti e le aziende che rappresentano e più in generale il mondo del bio fatto di produttori, trasformatori e addetti alle vendite?

Un dispositivo che fosse occasione di un approfondito confronto sui temi che vengono portati avanti da anni in modo laico e mai ideologico, con passione e competenza e che hanno portato nell’ultimo anno, per fare un esempio fra i tanti, al riconoscimento dei Tre Bicchieri del Gambero Rosso a cinque aziende aderenti ai Biodistretti. Fatto che ha contribuito a dare lustro non solo alle imprese, ma a tutto il Trentino.

Immaginavamo una legge veramente partecipata che rispondesse alle richieste della società civile e ai bisogni delle nostre comunità e non percorresse la strada della tattica politica che di fatto ha svuotato le osservazioni che abbiamo presentato al d.d.l. del loro significato profondo, frutto del lavoro di settimane da parte dei Biodistretti per arrivare preparati e con proposte ponderate al confronto istituzionale ed avviare così un serio percorso di concertazione.

I tempi incomprensibilmente strettissimi, il mancato confronto che ha portato ad un inserimento avulso dal contesto delle nostre osservazioni, ha prodotto una proposta di legge che incentiva solo in parte l’agricoltura biologica.

Paradossalmente il disegno di legge della Giunta provinciale si propone come un provvedimento che toglie anziché aggiungere risorse all’agricoltura biologica se pensiamo che l’Articolo 3 (Modificazioni all’articolo 47 delle legge provinciale sull’agricoltura 2003 e qui cogliamo il senso e la volontà di caratterizzare il provvedimento come revisione della L. 4 invece che come nuovo corpus autonomo) prevede il taglio del contributo per le certificazioni trascorsi i primi cinque anni.

Un taglio operato secondo logiche liberistiche e di mercato, che possiamo anche comprendere, ma che andrebbe applicato a tutte le aziende e settori economici del Trentino e non solo a quelle biologiche.

Soprattutto non si tiene minimamente conto delle plusvalenze ed esternalità positive per il territorio e la comunità che configurano l’iniziativa di finanziamento come un investimento e non come un costo per la Provincia autonoma. Il taglio significa per il settore del biologico un ammanco annuo di disponibilità pubblica di circa 700.000 euro senza che nel testo presentato vi sia traccia di una sostanziale iniziativa di compensazione che preveda per esempio analoghi investimenti nel campo della ricerca applicata a vantaggio di tutto il settore.

In sostanza quello che doveva e poteva diventare un modello per tutta l’Italia che metteva assieme esperienza, visione e volontà politica si è rivelato un dispositivo inadeguato per dare risposte concrete alle istanze della società civile, inclinando il principio di responsabilità che troppo spesso la politica dimentica o vuole dimenticare.

Nello specifico i Biodistretti propongono:

-La necessità di modificare l’articolo 3 del d.d.l. (modificazione dell’articolo 47) per togliere il taglio alle certificazioni ed individuare con maggiore esattezza e continuità le risorse da destinare ai Biodistretti ed aumentarne le disponibilità.

-La modifica dell’articolo 8 (66 ter Distretti biologici di interesse provinciale) in quanto la stessa istituzione dei Distretti biologici, provvedimento contenuto peraltro nel quadro legislativo europeo, non viene sorretta da adeguati dispositivi che ne concretizzino la struttura ed il finanziamento pur in presenza del trasferimento di compiti e ruoli di interesse pubblico come l’educazione e la formazione, l’aumento della biodiversità, la tutela del patrimonio naturalistico e paesaggistico, la difesa della coesione sociale, l’incentivazione del risparmio energetico e del riciclo dei rifiuti.

-Si rimandano inoltre al regolamento troppi aspetti che invece devono rientrare nella legge tra i quali i criteri di base per l’istituzione dei Distretti come l’individuazione di un numero minimo di operatori e di superfici investite a biologico, fatto questo che potrebbe indulgere all’avvio di iniziative di Distretto a puro interesse promozionale o di facciata, ma senza presupposti di carattere operativo, professionale ed economico in linea coi principi della proposta di legge.

-É assente l’istituzione di un tavolo provinciale dei Distretti biologici inteso come organismo di raccordo e di rappresentanza che potrebbe fungere da interfaccia con le istituzioni e gli enti che si occupano dello sviluppo del settore come l’Ufficio per le produzioni biologiche presso l’Assessorato provinciale e l’Unità Agricoltura Biologica presso la Fondazione Mach, strutture per le quali non è previsto in legge un adeguato sostegno e potenziamento.

-Il disegno di legge non definisce infine attraverso quali strumenti, anche finanziari, intenda affidare all’agricoltura biologica e ai suoi operatori il ruolo per la tutela attiva del territorio e il potenziamento della biodiversità, della corretta alimentazione, della promozione dell’ambiente e del paesaggio nell’ambito di un’attività professionale ed economica in evoluzione e crescita sia dal punto di vista dei fatturati sia del consenso da parte dell’opinione pubblica e dei consumatori.

I Biodistretti di Trento, della Valle dei Laghi e della Valle di Gresta, prime realtà auto organizzate dei sistemi locali connessi all’agricoltura biologica, ritengono pertanto necessaria ed auspicabile la ripresa del confronto e del dialogo con l’Assessorato competente e la Giunta provinciale al fine di affidare a questo settore il ruolo strategico che merita anche in considerazione del grande interesse e della sensibilità diffusa presenti in ampi settori della cittadinanza e del mondo dei consumatori/acquirenti sui temi del biologico e dell’economia sostenibile.

Pubblicità
Pubblicità

  • Pubblicità
    Pubblicità

Necrologi

  • Pubblicità
    Pubblicità

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Aumentare le vendite online, consigli per migliorare le prestazioni del proprio e-commerce
    Il particolare periodo storico ha spinto molte attività a cercare soluzioni alternative per la vendita dei propri prodotti, una di queste è sicuramente l’apertura delle vetrina digitale con le vendita online. Qualsiasi imprenditore desideri aumentare... The post Aumentare le vendite online, consigli per migliorare le prestazioni del proprio e-commerce appeared first on Benessere Economico.
  • Bonus affitto 2021: modifiche e novità per i beneficiari nel Decreto Sostegni bis
    Nei contributi a fondo perduto previsti dal Bonus affitto 2021 sono previsti nuovi beneficiari grazie all’ampliamento della platea dettata dal Decreto Sostegni Bis. Bonus affitto 2021, come funziona Definito dal Decreto Rilancio, il bonus affitto... The post Bonus affitto 2021: modifiche e novità per i beneficiari nel Decreto Sostegni bis appeared first on Benessere Economico.
  • Europa verso la limitazione di circolazione dei contanti: tetto a 10 mila euro
    La Commissione Europea sta lavorando ad un pacchetto di norme che limiterebbe la circolazione di contanti nei Paesi membri. Il pacchetto che potrebbe entrare in vigore nel 2024, propone di fissare in tutta Europa un... The post Europa verso la limitazione di circolazione dei contanti: tetto a 10 mila euro appeared first on Benessere Economico.
  • Indennità Covid una tantum per lavoratori autonomi e dipendenti: tutti i dettagli
    Fino al 30 settembre 2021 i lavoratori interessati potranno chiedere l’erogazione da parte dell’Inps della nuova indennità omnicomprensiva Covid-19 fin ad un massimo di 1600 euro una tantum prevista dal Decreto Sostegni Bis. Beneficiari dell’indennità... The post Indennità Covid una tantum per lavoratori autonomi e dipendenti: tutti i dettagli appeared first on Benessere Economico.
  • Voli low cost e figli minori, attenzione ai sovrapprezzi non dovuti dei biglietti aerei: ENAC avvia le indagini
    Con l’arrivo dell’estate, aumentano i viaggi, ma alcuni voli low cost per compensare le perdite subite in pandemia hanno deciso di applicare una “ tassa sul sedile”. Di cosa si tratta Si tratta semplicemente di... The post Voli low cost e figli minori, attenzione ai sovrapprezzi non dovuti dei biglietti aerei: ENAC avvia le indagini […]
  • Stop al rialzo dei prezzi della benzina, raggiunto accordo tra i Paesi produttori
    Dopo l’ultima impennata del costo del carburante che da mesi va avanti sia in Italia che all’estero, i Paesi produttori di petrolio hanno deciso di trovare un accordo per frenare questa tendenza. L’incremento La tendenza... The post Stop al rialzo dei prezzi della benzina, raggiunto accordo tra i Paesi produttori appeared first on Benessere Economico.
  • Piccoli angoli di paradiso immersi nella natura incontaminata, una perfetta alternativa al mare
    La bellezza incontaminata della natura fatta di scrigni selvaggi e posti da favola, accende la passione per l’Italia e per le sue straordinarie mete che spesso, nascondono scenari incredibili. Non solo acqua di mare, ma anche fiumi, cascate e canyon diventano un luogo ed un’alternativa perfetta per fare il bagno e rilassarsi. Infatti, per chi vuole […]
  • Nuotare nel Reno: un’esperienza unica nel suo genere
    Dalle montagne spettacolari, agli immensi boschi fino alle gole selvagge, la Svizzera circondata dalla sua natura incontaminata diventa inevitabilmente sinonimo di sostenibilità. Questa attenzione si riflette sui consumi, sulla lungimiranza nel riciclaggio della popolazione, ma anche sul turismo. Infatti, il turismo svizzero spinge i suoi visitatori ad entrare quanto più possibile a contatto con l’ambiente […]
  • Kylie Skin, la linea beauty di Kylie Jenner
    “La cura della pelle e il trucco vanno di pari passo e Kylie Skin è qualcosa che ho sognato subito dopo Kylie Cosmetics. Ci ho lavorato per quella che sembra una vita, quindi non posso credere che sia finalmente arrivato! Costruire la mia linea di trucco da zero mi ha insegnato molto e sono così […]
  • The Ordinary – The Balance Set: la skin care di qualità adatta a tutte le tasche
    The Ordinary è un marchio di DECIEM (società ombrello di brand focalizzati su trattamenti avanzati di bellezza) in continua evoluzione di trattamenti per la skin care. The Ordinary offre trattamenti clinici elettivi di cura per la pelle a prezzi onesti. The Ordinary è “Formulazioni cliniche con onestà”. Tutti i prodotti DECIEM,  compresi quelli del brand The Ordinary, […]

Categorie

di tendenza