Connect with us
Pubblicità

Trento

Soccorso Alpino: nel 2020 oltre 1.200 interventi, il 54% per salvare gli escursionisti

Pubblicato

-

Nel 2020 più di 1.200 interventi in ambiente montano o impervio per prestare soccorso a 1.283 persone. Durante il lockdown attività di consegna a domicilio di presidi sanitari e pacchi viveri, in collaborazione con gli altri enti della Protezione Civile.

Contestualmente all’uscita dei dati relativi agli interventi di soccorso nell’anno 2020 del Corpo Nazionale Soccorso Alpino e Speleologico, il Soccorso Alpino e Speleologico Trentino mette in luce in maniera sintetica alcuni degli elementi più rilevanti che riguardano la propria attività operativa sul territorio provinciale.

Nonostante la pandemia, il lockdown e le restrizioni agli spostamenti che ne sono derivati – afferma il Presidente del Soccorso Alpino e Speleologico Trentino Walter Cainelli – gli interventi di soccorso in montagna che hanno impegnato la nostra organizzazione nel 2020 non sono calati rispetto agli anni precedenti; al contrario, abbiamo registrato 73 interventi in più del 2019 con un picco di attività nei mesi estivi di luglio, agosto e settembre. Questo dato è legato molto probabilmente al numero consistente di persone che ha frequentato le nostre montagne in questo anno particolare, soprattutto durante il periodo estivo.

Pubblicità
Pubblicità

Sono diminuiti gli interventi alpinistici (da 94 a 68), anche perché la stagione per praticare queste attività è stata significativamente ridotta. Infine, abbiamo avuto una percentuale molto bassa di soccorsi in aiuto a persone straniere, anche questa una diretta conseguenza della pandemia che ha ridotto al minimo la presenza degli stranieri sulle nostre montagne. Nel corso del 2020 la nostra organizzazione non si è mai fermata, nemmeno nel periodo del primo lockdown, quando i nostri soccorritori hanno distribuito a domicilio presidi sanitari e pacchi viveri insieme agli altri enti di Protezione Civile, mentre gli istruttori delle diverse Scuole Nazionali e Regionali/Provinciali hanno elaborato nuovi protocolli di intervento, a tutela della salute del soccorritore e della persona soccorsa, e di conseguenza nuovi percorsi formativi specifici per i soci”. 

Il numero degli interventi – Nel 2020 il Soccorso Alpino e Speleologico Trentino ha effettuato 1.221 interventi su terreno montano o impervio, portando soccorso a 1.283 persone. A questi si aggiungono 166 operazioni di Protezione civile, di cui 157 uscite degli operatori durante la prima fase del lockdown – da marzo a maggio 2020 – per consegnare a domicilio presidi sanitari individuali e pacchi viveri, in collaborazione con le altre realtà della Protezione Civile, 4 interventi per calamità naturali e 5 interventi di supporto veterinario.

Nonostante il periodo di lockdown, il numero di interventi in ambiente montano nel 2020 è aumentato di 73 unità rispetto al 2019, anno in cui gli interventi sono stati 1.148.

Pubblicità
Pubblicità

Le attività svolte al momento della richiesta di soccorso – Nella graduatoria delle attività svolte dalle persone per le quali è stato necessario l’intervento del Soccorso Alpino e Speleologico Trentino la più rilevante è l’escursionismo con il 54% (690 persone soccorse), seguita dalla mountain bike per l’11% (138 persone soccorse), l‘alpinismo per il 5% (68 persone soccorse), le ferrate per il 4% (53 persone soccorse), ricerca funghi per il 4% (46 persone soccorse) e scialpinismo per il 3% (36 persone soccorse). Si segnalano, inoltre, 9 interventi in valanga (5 persone soccorse), 2 interventi del gruppo tecnico forre e 2 interventi del gruppo speleologico. Le operazioni di ricerca di persone disperse sono state 78 mentre il numero delle false chiamate 23.

Le persone soccorse e le cause degli incidenti – Sul totale delle 1.283 persone soccorse, gran parte delle richieste hanno riguardato persone ferite (740), gli illesi sono stati 494, mentre i decessi 41. Nel 91% dei casi si è trattato di infortunati di nazionalità italiana (1165), seguiti da tedeschi (56).

Tra le principali cause d’incidente, le percentuali più alte sono da attribuire nell’ordine alle cadute/scivolate (46% con 583 persone soccorse), all’incapacità (12% con 159 persone soccorse), ai malori (10% con 129 persone soccorse), alla perdita d’orientamento (8% con 109 persone soccorse).

Come ogni anno il picco di attività è stato raggiunto nei mesi estivi con 285 interventi nel mese di luglio (+ 90 rispetto al 2019), 379 nel mese di agosto (+ 65 rispetto al 2019), 193 nel mese di settembre (+ 50 rispetto al 2019). Da segnalare il numero di interventi di novembre, 47, rispetto ai 25 dell’anno precedente.

L’impegno del Soccorso Alpino e Speleologico Trentino – L’attività operativa del Soccorso Alpino e Speleologico Trentino si svolge in stretta collaborazione con la Centrale Operativa Trentino Emergenza 118.

Nel 2020 il Soccorso Alpino e Speleologico Trentino ha potuto contare sull’esperienza, la competenza e le capacità di 697 soccorritori, operativi 365 giorni all’anno, 24 ore su 24, e organizzati in 33 Stazioni di soccorso territoriali e 1 Stazione speleologica, capillarmente distribuite su tutto il territorio e guidate dai rispettivi Capistazione.

Tra gli operatori ci sono 12 Unità Cinofile da valanga e ricerca di superficie (con 3 cuccioli in formazione), 80 Tecnici di Soccorso Alpino, 20 Tecnici di Elisoccorso, 35 Istruttori, 28 sanitari tra medici e infermieri professionali, 26 Operatori abilitati al soccorso in forra e 26 Tecnici speleologici.

Nel 2020 si è svolto il primo corso di abilitazione per la nuova figura di Tecnico di Centrale Operativa (TCO), da impiegare nella Centrale Unica Emergenza: i soci che hanno ottenuto l’abilitazione lo scorso anno sono 14.

I Tecnici di Elisoccorso del Soccorso Alpino e Speleologico Trentino operano sugli elicotteri in servizio al Nucleo Elicotteri della Provincia Autonoma di Trento coprendo tre turni giornalieri, 2 diurni e 1 notturno. Nel corso del 2020 hanno svolto un totale di 2.202 missioni, di cui 438 sono interventi di soccorso alpino. 416 sono state le missioni alle quali il Tecnico di Elisoccorso ha preso parte durante il turno notturno (dalle 20 alle 08).

I Tecnici di Elisoccorso svolgono turni diurni anche presso la base dell’Aiut Alpin a Pontives: 91 sono state le missioni effettuate nel 2020, di cui 18 sono interventi di soccorso alpino.

Occorre sottolineare che anche nei casi in cui interviene l’elisoccorso, le squadre di terra vengono attivate per fornire eventuale assistenza e supporto all’equipaggio (individuazione del luogo dell’incidente e di possibili ostacoli al volo, supporto nelle operazioni di soccorso o nel recupero di compagni di escursione ecc…).

Pubblicità
Pubblicità

  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

  • Nuove P.Iva: le regole per i contributi a fondo perduto
    Con l’arrivo delle nuove agevolazioni a fondo perduto per le partite Iva, scattano anche le regole per l’accesso al contributo. Le agevolazioni Le nuove attività ed imprese economiche hanno diritto ad un contributo a fondo... The post Nuove P.Iva: le regole per i contributi a fondo perduto appeared first on Benessere Economico.
  • Nasce l’Osservatorio Fiscale Europeo, passo verso una tassazione più equa
    Come noto, nell’Unione Europea alcuni Paesi attuano politiche fiscali aggressive a scapito di altri. Di conseguenza, questa mossa consente loro di attirare molti investitori con una tassazione favorevole. In questo sistema si inserisce l’Osservatorio fiscale... The post Nasce l’Osservatorio Fiscale Europeo, passo verso una tassazione più equa appeared first on Benessere Economico.
  • Accordo storico al G7: tassazione minima al 15% per le multinazionali, quali conseguenze
    Dopo anni di pressione dell’Unione Europea, Whasington cede e apre la possibilità di una tassa digitale globale per le multinazionali del web. Di cosa si tratta e come funziona L’accordo parla di un’imposta minima del... The post Accordo storico al G7: tassazione minima al 15% per le multinazionali, quali conseguenze appeared first on Benessere Economico.
  • Nuovo Portale di Reclutamento per la P.A.: l’unico spazio dove domanda e offerta si incontrano
    Con il nuovo Decreto varato dal Governo, esce anche il nuovo Portale del Reclutamento per la Pubblica Amministrazione, un luogo rivoluzionario dove si incontrerà domanda e offerta di lavoro pubblico. Di cosa si tratta All’interno... The post Nuovo Portale di Reclutamento per la P.A.: l’unico spazio dove domanda e offerta si incontrano appeared first on […]
  • Cresce la fiducia dei consumatori e delle imprese: Italia verso un trend positivo
    L’Italia rincorre la strada per la ripresa e cresce la fiducia dei consumatori che si riavvicina ai livelli pre-pandemia. I dati vengono confermati dall’Istituto nazionale di statistica, Istat che racconta di un’Italia più fiduciosa e... The post Cresce la fiducia dei consumatori e delle imprese: Italia verso un trend positivo appeared first on Benessere Economico.
  • Addio ai “furbetti” del Cashback, in arrivo avvisi per i pagamenti sospetti
    In previsione della chiusura del primo semestre del Cashback fissata per il 30 giugno 2021, gli utenti che hanno dato vita a movimento sospetti riceveranno un avviso. Cashback, il rimborso In quella data gli utilizzatori... The post Addio ai “furbetti” del Cashback, in arrivo avvisi per i pagamenti sospetti appeared first on Benessere Economico.
  • Valentino dice addio alle pellicce e corre alla ricerca di nuovi materiali
    Mentre a Parigi sfila l’alta moda,  la maison di Valentino si esibisce virtualmente a Roma a Galleria Colonna. Il contrasto tra sontuosità del luogo ed il minimalismo della collezione è netto e per la prima volta uomo e donna sfilano insieme, una moda che non ha bisogno di definizione. Una sfilata che racconta la celebrazione […]
  • Il futuro del mercato immobiliare passa dalla casa in legno: un’abitazione con molti vantaggi
    Il futuro del mercato immobiliare potrebbe spostarsi dal mattone ad un materiale tanto semplice quanto resistente e sostenibile, come il legno. In particolare, il legno è il materiale per eccellenza alleato della sostenibilità ambientale perché aiuta a raggiungere al meglio l’autosufficienza energetica, permettendo di ridurre gli sprechi. Infatti, grazie alla sua elevata capacità di isolare […]
  • Hotel Chalet Mirabell: lo spirito di Merano!
    Nell’esclusivo Hotel a 5 stelle Chalet Mirabell ad Avelengo vicino Merano è possibile trascorrere le giornate più belle dell’anno tra lusso e naturalezza alpina, ampi spazi aperti e natura incontaminata. “Qualche anno fa la nostra passione ci ha portati a trasformare il nostro residence alpino da 16 camere nell’hotel 5 stelle Mirabell in Alto Adige. Abbiamo […]
  • Tempo di vacanze: conoscete già l’Hotel Alpen Tesitin a Tesido?
    A Monguelfo si trova un eccezionale luogo di benessere e relax, dove ci si dedica ai piaceri della bella vita. Gli spazi inondati di luce e la piacevole sensazione di essere a proprio agio sono frutto dell’arte dell’accoglienza che si respira dal primo momento durante le vacanze in Val Pusteria all’Hotel Alpen Tesitin. La posizione […]

Categorie

di tendenza