Connect with us
Pubblicità

Italia ed estero

Omicidio Casalecchio, dalle pennette condite con il nitrito di sodio alla fuga: le tre folli ore di Alessandro

Pubblicato

-

Nel numero uscito oggi il Resto del Carlino ricostruisce minuziosamente la vicenda che ha portato all’omicidio di Loreno Grimaldi di 56 anni avvelenato da un piatto di pennette al salmone condite con il nitrito di sodio.

Alessandro Leon Asoli, 19 anni, ha servito la cena alla madre, M.M. bolognese di 56 anni, e al marito di lei, Loreno Grimandi, coetaneo di Crespellano, entrambi dipendenti di un vicino supermarket.

Pennette al salmone con una manciata di nitrito di sodio. Sostanza che, in dosi ingenti, può essere letale. Il patrigno ha mangiato tutto e subito ha iniziato a sentirsi male. Neppure due ore dopo era morto, dopo essere stato ritrovato accasciato a testa in giù sul divano dell’appartamento in via della Costituzione 19, a Ceretolo di Casalecchio. Inutili i soccorsi e i lunghi tentativi di rianimarlo dei sanitari.

Pubblicità
Pubblicità

La madre invece, insospettita dal sapore della pasta, ha abbandonato il piatto dopo un paio di forchettate e si è salvata: è ricoverata in Rianimazione al Maggiore, grave ma stabile, non in pericolo di vita; resta in prognosi riservata.

Ora suo figlio, Alessandro Leon Asoli, 19 anni, si trova alla Dozza. Giovedì sera, alle 23.30, è stato fermato dai carabinieri della Compagnia di Borgo Panigale agli ordini del capitano Riccardo Angeletti (la pm è Rossella Poggioli), dopo avere tentato di rifugiarsi a casa della nonna. Dovrà rispondere di omicidio e di tentato omicidio.

Interrogato, ha in parte ammesso le proprie responsabilità; oscuro però il movente. Il giovane, disoccupato (ma avrebbe dovuto iniziare un nuovo lavoro come operaio a giorni), da anni era seguito da psicologi a causa di alcuni disturbi; da circa un mese era passato in cura da uno psichiatra.

Pubblicità
Pubblicità

Non era seguito dai servizi sociali e aveva frequentato un liceo privato in città. Ragazzo schivo, non risulta si fosse mai mostrato violento e anzi pareva andare d’accordo con i genitori naturali (il padre, divorziato dalla madre dal 2013, abita in un comune vicino) e il patrigno.

Il nitrito di sodio l’aveva acquistato online qualche giorno prima. È una sostanza che viene utilizzata talvolta nei cibi conservati a base di carne, pesce o formaggio per contrastare il batterio del botulino, e per questo si può acquistare su numerosi siti internet: non è riconosciuta come un veleno, anche se, in dosi massicce, può diventare tossica. E portare alla morte.

Una morte terribile, che rende incapaci di respirare e provoca una nausea incontrollabile. Se la dose ’di sicurezza’ deve restare sotto ai 22 milligrammi, Alessandro Leon Asoli, secondo le ipotesi dell’accusa e le prime ricostruzioni della Scientifica, nella pasta che ha servito a madre e marito ne avrebbe messa una manciata di diversi grammi. E gli effetti letali non hanno tardato a manifestarsi.

I carabinieri della Sezione investigazioni scientifiche del Comando provinciale durante la perquisizione dell’appartamento hanno poi trovato altre sostanze tossiche, in grandi quantità; sono in corso analisi. Per ora al 19enne non è contestata la premeditazione dell’omicidio, ma non si esclude alcuna pista, neppure che possa avere somministrato altre sostanze alla coppia anche in precedenza.

Il nitrito di sodio ha un sapore salato: perciò la madre del 19 enne, accorgendosi che qualcosa non andava nella pasta, dopo un paio di forchettate ha rinunciato. Il marito non è stato altrettanto fortunato: è deceduto alle 22.30, poco dopo avere finito il piatto fatale.

«Aiutateci, chiamate i carabinieri: mio figlio ci ha avvelenato, ha ucciso mio marito». Così ha gridato M. M., appena ha capito quello che stava accadendo in casa sua. E i vicini sono accorsi e hanno chiamato il 112. La donna ha aperto la porta evidentemente sofferente e, ancora gridando, si è accasciata sul pianerottolo, dove è stata poi soccorsa dai sanitari del 118 e ricoverata in Rianimazione, dove si trova tuttora. A quanto si apprende, appena il figlio ha capito che il patrigno stava morendo, avrebbe portato con una scusa la madre in un’altra stanza, pare per impedirle di soccorrerlo.

Appena la madre ha cominciato a urlare e i vicini sono accorsi alla loro porta d’ingresso, si è forse sentito in trappola. Così, scalzo e con le scarpe in mano (come hanno raccontato alcuni testimoni), è uscito dal piano superiore dell’appartamento a due piani di via della Costituzione 19 ed è fuggito.

Ha corso a piedi nudi per circa un’ora, fino a raggiungere la casa della nonna materna, a Borgo Panigale, a più di sei chilometri di distanza. Ha percorso campi e stradine secondarie; ha cercato di disfarsi del telefonino, buttandolo in un fossato in ’modalità aereo’ per non renderlo localizzabile. A casa della nonna i carabinieri l’hanno rintracciato, alle 23.30.

Agli inquirenti, Alessandro ha dato versioni confuse e discordanti. In evidente stato di choc, ma anche presentando a tratti una inaspettata lucidità. Accanto al suo avvocato Fulvio Toschi, Alessandro ha in parte ammesso e in parte respinto le ipotesi formulate dall’accusa. Il ragazzo, molto alterato, avrebbe dapprima negato di sapere cosa fosse accaduto a madre e patrigno, poi avrebbe ammesso di avere comprato il nitrito di sodio online, ma con l’intento di utilizzarlo per togliersi la vita, come ha riferito di avere già tentato di fare qualche settimana fa, e non per uccidere i familiari; infine ha raccontato alcuni dettagli inquietanti – come quello di avere deliberatamente allontanato la madre dal marito morente – parzialmente confessori.

Nessuna parola, invece, sull’eventuale movente del gesto tanto estremo: non risultano tensioni particolari nell’ambiente familiare e si esclude per il momento il movente economico. Il giovane in ogni caso una volta ripresosi almeno in parte dallo choc sarà risentito dai carabinieri di Borgo Panigale e dalla pm Rossella Poggioli.

Pubblicità
Pubblicità

  • Pubblicità
    Pubblicità

Necrologi

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

  • RIPARTE L’ECONOMIA MA MANCA IL PERSONALE!
    Le soluzione di YWN – la rete nazionale delle imprese Il mondo del lavoro è oggi tormentato da una miriade di problemi ulteriormente aggravati dalla pandemia che ci accompagna ormai da quasi due anni. La... The post RIPARTE L’ECONOMIA MA MANCA IL PERSONALE! appeared first on Benessere Economico.
  • IL TEAM BUILDING AZIENDALE MOTORE DELLA RIPARTENZA
    La motivazione del personale strategia centrale nel business plan della ripresa. Condividere sorrisi, esperienze, riflessioni per consolidare lo spirito di squadra e la voglia di normalità negli ambienti di lavoro diventa oggi la leva principale... The post IL TEAM BUILDING AZIENDALE MOTORE DELLA RIPARTENZA appeared first on Benessere Economico.
  • Caro bollette, tutti gli aiuti approvati per contare gli aumenti
    Dal 1 ottobre, come annunciato, sono scattati gli aumenti in bolletta per gas ed elettricità rispettivamente del 14,4% e del 29,8% per la famiglia tipo. Per contenere l’emergenza, il Governo ha stanziato oltre 3 miliardi... The post Caro bollette, tutti gli aiuti approvati per contare gli aumenti appeared first on Benessere Economico.
  • Al via i ristori per il turismo: pubblicate le procedure sul sito del Ministero
    Il Ministero ha pubblicato le linee guida per accedere ai ristori riservati agli operatori del turismo. L’obiettivo del Ministero è quello di informare i potenziali beneficiari al fine di produrre la documentazione necessaria per fare... The post Al via i ristori per il turismo: pubblicate le procedure sul sito del Ministero appeared first on Benessere […]
  • Fondo impresa donna: tutti i dettagli per accedere ai finanziamenti agevolati ed ai contributi a fondo perduto
    Da pochi giorni è stato firmato il decreto per sbloccare gli aiuti del Fondo impresa donna. Fondo impresa donna, cos’è Il decreto firmato dal Mise, rende completamente operativo il Fondo Impresa Donna che sblocca una... The post Fondo impresa donna: tutti i dettagli per accedere ai finanziamenti agevolati ed ai contributi a fondo perduto appeared […]
  • Le mance dovrebbero essere tassate, la sentenza della Cassazione
    Una recente sentenza della Cassazione cambia in una parte dei redditi dei lavoratori dipendenti, inserendo la possibilità di tassare le mance. Perchè le mance si possono tassare Infatti, secondo la sentenza 26512, il pagamento delle... The post Le mance dovrebbero essere tassate, la sentenza della Cassazione appeared first on Benessere Economico.
  • Appartamenti moderni fatti in tubi di cemento, Hong Kong trova la soluzione per la crisi immobiliare
    L’improvviso aumento della popolazione, ha portato Hong Kong ad attraversare una crisi immobiliare dettata proprio dalla crescita della domanda di alloggi. Di conseguenza, con i prezzi immobiliari alle stelle e i sempre più scarsi spazi disponibili, l’architetto James Law ha trovato una soluzione davvero innovativa per risolvere il problema della carenza di appartamenti. L’architetto ha […]
  • Verso una caricabatterie universale per tutti i dispositivi mobili, la proposta dell’UE
    Da una proposta presentata dalla Commissione Europea, spunta la possibilità di un carica batterie universale e utilizzabile per qualsiasi dispositivo mobile. Con l’obiettivo di ridurre i rifiuti, la proposta punta quindi ad armonizzare i cavi di ricarica su una serie di dispositivi elettronici venduti nell’Unione Europea. In particolare, è stato proposto di puntare sull’utilizzo del […]
  • In Cile, il meraviglioso hotel interamente ecologico costruito con container ricilati
    Negli ultimi anni, il mondo dei viaggi tende sempre di più verso la sostenibilità e il rispetto per l’ambiente tanto che la ricerca di spostamenti meno inquinanti, i cottage o le casette in legno immerse nella natura, sono diventate una vera e propria tendenza. La ricerca di alloggi in strutture sempre più originali è in […]
  • Arriva la sedia per sedersi a gambe incrociate ed evitare fastidiosi mal di schiena
    Nonostante la frenesia che caratterizza ogni città, lo stile di vita sedentario di molte persone è piuttosto comune, visto che la maggior parte delle ore si passa fermi e seduti davanti alla scrivania. Questo con il tempo può portare danni più o meno seri al fisico. Infatti, il rischio di incorrere in spiacevoli mal di […]

Categorie

di tendenza