Connect with us
Pubblicità

Val di Non – Sole – Paganella

Disabilità e sprechi pubblici: in val di Non una storia di «ordinaria follia»

Pubblicato

-

Questa che raccontiamo è una storia di ‘ordinaria follia’  imposta da leggi ormai obsolete e sbagliate, che nessuno si preoccupa di cambiare e che crea sprechi di denaro che alla fine ricadono sull’intera comunità.

La vicenda è successa in un paese della val di Non, ma da quanto è dato da sapersi non è il primo caso in Trentino, anzi, pare che la cosa sia diffusa anche se nessuno l’ha mai denunciata.

Paola, (nome di fantasia) rimane figlia unica dopo la scomparsa dell’unico fratello e alla morte del padre rimane co-proprietaria insieme alla madre di un appartamento sito in un palazzina dove vivevano i suoi genitori.

Pubblicità
Pubblicità

Ma facciamo un passo indietro. Poco dopo la scomparsa del fratello il padre si ammala e viene colpito da ictus cerebrale e nel 1997 rimase paralizzato.

A causa di questo, nel condominio viene installato un servo scala con pedana per disabili per poter permettergli di accedere al suo appartamento sito al 2° piano. Questo apparecchio venne installato su concessione di contributo provinciale di ben lire 21.471.320, su un totale del costo di lire 36.275.201, grazie alle leggi vigenti all’epoca.

Dopo la scomparsa del padre, avvenuta nel 2007, l’apparecchiatura rimase e viene usata regolarmente dalla madre della persona in questione fino che, ormai novantenne, nel dicembre 2019  viene ricoverata stabilmente presso una casa di riposo, in quanto affetta da demenza ed altre patologie degenerative.

Pubblicità
Pubblicità

Nel dicembre 2020, nel corso di un’assemblea condominiale piena di tensione, gli altri 5 inquilini del palazzo (in totale vi sono 6 appartamenti) decidono che l’apparecchiatura deve essere tolta in quanto “brutta da vedere”.

Paola all’epoca fa presente che alla scomparsa dell’usufruttuario dell’apparecchiatura esiste l’obbligo di dare agli altri condomini la possibilità di usare la pedana, con il divieto di chiedere alcun rimborso per le spese sostenute, divenendo proprietà condominiale comune, con il solo onere per i condomini di pagare l’assicurazione sulla stessa (circa € 250 annue da dividere per 6). La proposta però non è stata presa in considerazione dagli altri proprietari degli appartamenti. Forse 50 euro ogni anno pareva troppo. 

Paola provvede ad informarsi presso l’Assessore all’Urbanistica del Comune di residenza , il quale, dopo aver approfondito presso la Provincia Autonoma di Trento, le comunica che se la maggioranza condominiale è concorde bisogna togliere tutto.

Ma Paola non si rassegna e approfondisce chiedendo aiuto ad un Consigliere Provinciale, che si interessa prontamente alla questione.

Dopo breve tempo il Consigliere risponde: “Per rimozione o altro vale il vostro regolamento interno e valutata la non volontà a lasciare la pedana a disposizione di altri si deve seguire questo iter: scrivere ad APSP dove si dichiara di aver montato l’apparecchiatura allegando dati e fatture, dichiarando che gli inquilini ne richiedono la rimozione, e quindi si ritiene che avendo speso anche soldi pubblici si chiede che venga messa a disposizione di altri con rimozione da parte di Unifarm. La questione di eventuale non utilizzo potrebbe essere legata all’anno di installazione per cui dovranno valutare i criteri di sicurezza. Comunque si parla di privato (se fosse stato case Itea il procedimento sarebbe stato diverso, ci sarebbe stato il divieto di rimozione”.

Paola risponde che per la rimozione si sarebbe arrangiata, anche perché aveva già contattato la ditta installatrice, che dopo aver eseguito un sopralluogo conferma che è impossibile riutilizzare la piattaforma. Tutto quindi risulta irrecuperabile, tutto va portato a smaltire nella discarica più vicina.

«Adesso mi pongo un domanda: perché devo disinstallare un’apparecchiatura che può servire per una persona disabile od infortunata? In un’epoca dove ci si batte continuamente per abolire lebarriere architettoniche, questo dovrebbe essere un punto a favore dell’immobile, e non il contrario – afferma Paola amareggiata

«Faccio presente che, come mi fu comunicato all’epoca dell’installazione, una volta venduto l’appartamento, avrei dovuto mettere il servoscala gratuitamente a disposizione degli altri condomini, previo solo il pagamento dell’assicurazione obbligatoria divisa da tutti in parti uguali (circa € 250 all’anno), e senza pretendere alcun rimborso per il costo della suddetta opera.

A parte il costo per il lavoro di smantellamento (circa € 500,00) ritengo che sia soprattutto un fattore etico e morale lasciarlo al suo posto, anche basandomi su cosa scrive l’ASVIS (Agenzia Italiana per lo Sviluppo Sostenibile), l’Agenzia che tutela l’Agenda 2030 e controlla l’esecuzione dei suoi protocolli, che impone a tutti gli enti pubblici, stato, regioni, provincie e comuni di operare sul proprio territorio in modo giusto, equo e sostenibile.

Un altra domanda che Paola si pone è questa: «se il servoscala fosse tolto, ed un domani in quella casa venisse ad abitare un’altra persona disabile, per legge avrebbe diritto ad installare un apparecchio uguale o simile; allora la Provincia cosa farà? Erogherà nuovamente un altro contributo con soldi pubblici per ripristinare una cosa che esisteva già? Lo trovo illogico, incoerente ma soprattutto ingiusto. Oppure se uno degli inquilini fosse colto da qualche brutta malattia e avesse necessità di un servizio del genere?»

È ovvio – e Paola lo dice chiaramente – che spera non debba mai succedere perché la salute va oltre tutto. 

“Ma non è giunto il momento di invertire la rotta e cambiare certe leggi obsolete che sono inadeguate difronte ad un progredito processo sostenibile, rivolto all’abbattimento degli sprechi ed al riuso. Mi sembra inutile aggiungere altro.” – termina Paola

Pubblicità
Pubblicità

  • Pubblicità
    Pubblicità

Necrologi

  • Pubblicità
    Pubblicità

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Arriva il Reddito di Libertà a sostegno delle donne vittime di violenza, come funziona
    Da qualche giorno è stato varato dal Governo un bonus , il reddito di libertà destinato alle donne vittima di violenza. Reddito di Libertà, cos’è Si tratta di un una misura molto attesa visto che... The post Arriva il Reddito di Libertà a sostegno delle donne vittime di violenza, come funziona appeared first on Benessere […]
  • Polizze assicurative per i turisti stranieri: previsto un fondo dal Ministero del Turismo
    Con l’arrivo della stagione estiva l’attenzione è puntata verso il turismo. Per questo, al fine di stimolare gli spostamenti, il Decreto Sostegni Bis prevede finanziamenti alle Regioni destinati al rimborso delle spese mediche ai turisti.... The post Polizze assicurative per i turisti stranieri: previsto un fondo dal Ministero del Turismo appeared first on Benessere Economico.
  • Il lavoro cambia e corre verso l’Hybrid Workplace, i vantaggi della “nuova normalità” e come introdurla
    Con la pandemia è emersa l’esigenza di trovare una nuova organizzazione del lavoro che cercasse di riadattare l’esperienza, trasferendo fuori dalla sede operativa la maggior parte delle attività lavorative. Questo processo ha iniziato a delineare... The post Il lavoro cambia e corre verso l’Hybrid Workplace, i vantaggi della “nuova normalità” e come introdurla appeared first […]
  • Aumentare le vendite online, consigli per migliorare le prestazioni del proprio e-commerce
    Il particolare periodo storico ha spinto molte attività a cercare soluzioni alternative per la vendita dei propri prodotti, una di queste è sicuramente l’apertura delle vetrina digitale con le vendita online. Qualsiasi imprenditore desideri aumentare... The post Aumentare le vendite online, consigli per migliorare le prestazioni del proprio e-commerce appeared first on Benessere Economico.
  • Bonus affitto 2021: modifiche e novità per i beneficiari nel Decreto Sostegni bis
    Nei contributi a fondo perduto previsti dal Bonus affitto 2021 sono previsti nuovi beneficiari grazie all’ampliamento della platea dettata dal Decreto Sostegni Bis. Bonus affitto 2021, come funziona Definito dal Decreto Rilancio, il bonus affitto... The post Bonus affitto 2021: modifiche e novità per i beneficiari nel Decreto Sostegni bis appeared first on Benessere Economico.
  • Europa verso la limitazione di circolazione dei contanti: tetto a 10 mila euro
    La Commissione Europea sta lavorando ad un pacchetto di norme che limiterebbe la circolazione di contanti nei Paesi membri. Il pacchetto che potrebbe entrare in vigore nel 2024, propone di fissare in tutta Europa un... The post Europa verso la limitazione di circolazione dei contanti: tetto a 10 mila euro appeared first on Benessere Economico.
  • In Italia arriva la prima Beach SPA marina: un’offerta turistica naturale e consapevole
    Gli elementi naturali caratteristici della spiaggia del Salento legati all’acqua salina del mare e all’aria estiva, diventano dei veri percorsi benessere all’interno di una spa che nasce direttamente sulla costa, in spiaggia, all’aria aperta. Un’idea unica per chi ama il mare e l’aria aperta, ma non vuole perdere tutte le conseguenze rigenerati e vitalizzanti tipiche […]
  • Piccoli angoli di paradiso immersi nella natura incontaminata, una perfetta alternativa al mare
    La bellezza incontaminata della natura fatta di scrigni selvaggi e posti da favola, accende la passione per l’Italia e per le sue straordinarie mete che spesso, nascondono scenari incredibili. Non solo acqua di mare, ma anche fiumi, cascate e canyon diventano un luogo ed un’alternativa perfetta per fare il bagno e rilassarsi. Infatti, per chi vuole […]
  • Nuotare nel Reno: un’esperienza unica nel suo genere
    Dalle montagne spettacolari, agli immensi boschi fino alle gole selvagge, la Svizzera circondata dalla sua natura incontaminata diventa inevitabilmente sinonimo di sostenibilità. Questa attenzione si riflette sui consumi, sulla lungimiranza nel riciclaggio della popolazione, ma anche sul turismo. Infatti, il turismo svizzero spinge i suoi visitatori ad entrare quanto più possibile a contatto con l’ambiente […]
  • Kylie Skin, la linea beauty di Kylie Jenner
    “La cura della pelle e il trucco vanno di pari passo e Kylie Skin è qualcosa che ho sognato subito dopo Kylie Cosmetics. Ci ho lavorato per quella che sembra una vita, quindi non posso credere che sia finalmente arrivato! Costruire la mia linea di trucco da zero mi ha insegnato molto e sono così […]

Categorie

di tendenza